Arnold Ehret Italia

Vuoi iniziare un diario dove raccogliere i tuoi successi, gli ostacoli incontrati durante il tuo percorso? Questa sezione è quella giusta!

Moderatore: luciano

Avatar utente
By Cymba
#59456
complimenti yoghy, quanti successi! :D

durante i digiuni so che è conveniente fare uso del clistere, prima durante e se necessario anche dopo... ne sei al corrente, hai valutato il suo utilizzo per neutralizzare quei sintomi che sono dati dall'accumulo eccessivo di muco disciolto? :wink:
Avatar utente
By yoghy
#59463
Ciao Cymba
grazie dei suggerimenti.
Ero al corrente del lassativo/clistere prima e dopo.
Del clistere durante mi era sfuggito.
Durante il mio digiuno ho fatto solo lassativi prima e dopo perché purtroppo i clisteri non li sento ancora come una pratica che mi appartiene. Dovrei inoltre dotarmi di un minimo di attrezzatura... :-(
Avatar utente
By ciupinix
#59466
yoghy ha scritto:Ciao ciupinix!

Guardando i commenti al video di YouTube che hai segnalato ho trovato questo commento che mi sembra molto ragionevole e condivisibile.
Lo riporto tale e quale:
Ecco un classico esempio di come si turupina la gente, E' chiaro che se io sterilizzo l'acqua che uso per innaffiare i semi questi tardano a germogliare.
Anche se bollisco l'acqua col gas o la legna succede la stessa cosa. Prova a far marcire l'acqua e vedrai che germinerà ancora di piu.
Questo pseudo-esperimento dimostra semplicemente che bollendo l'acqua, con qualsiasi sistema, essa viene sterilizzata e quindi evita il proliferare di qualsiasi cosa in essa contenuta.


Da questo esperimento si potrebbe solo inferire che non bisogna bere acqua bollita o riscaldata al microonde (come unica fonte di acqua)... che tutto sommato è un fatto "noto"!


Non ti resta che provare... se vuoi continuare ad usare il microonde...

quindi anche le piante muoiono perchè l'acqua è stata bollita e non è imputabile al fatto che sia stata passata prima al microonde ? facendo bollire l'acqua, certamente moriranno batteri, ma i sali minerali rimangono.. le cose fatte scaldare al microonde non sono sterilizzate come è scritto nella citazione che hai allegato, infatti un dibattito aperto è che molti cibi sono bollenti esternamente, ma addirittura freddi all'interno e stanno imputando a questo tipo di scongelamento i casi di salmonella in aumento.. Se fai bollire l'acqua la sterilizzerai molto di più che con il microonde.. Ti sembra che un cibo che può essere riscaldato o cotto in così poco tempo ed in un modo così innaturale, non possa essere molto più distruttivo di una cottura fatta al vapore, al forno, oppure lessato ?

Figurati che le micoonde sembra siano anche responsabili (ma questo è stato uno studio scientifico) della scarsa mobilità degli spermatozoi.. Fai tu...!!!!

e cosa mi dici delle foto scattate ai cristalli dell'acqua da Masaru Emoto ? l'acqua fatta ghiacciare e poi fotografata evidenzia cristalli geometrici, ma dopo averla fatta passare al microonde e poi rifotografata i cristalli erano disarmonici... 8O
Avatar utente
By Cymba
#59507
yoghy ha scritto:Ero al corrente del lassativo/clistere prima e dopo.
Del clistere durante mi era sfuggito.

non ho sottomano il libro, ma mi sembra proprio (se qualcuno può controllare...) che il Prof dica che se si sta facendo un digiuno lungo, allora il clistere può essere utile anche durante, per eliminare troppe tossine disciolte... certo se fai solo tre o quattro giorni di digiuno, magari non ti serve

so che tante persone non ne fanno uso in generale, ho letto anche sul blog di Vaccaro che lui non li consiglia, perchè secondo lui non rientrano nelle pratiche naturali e quindi sono un po' una cosa forzata... certo che se ne può fare anche a meno, certo che sono una cosa inventata dall'uomo e quindi non naturale, ma ehret ne parla proprio di una pratica di guarigione, che può aiutare il sistema in sè a funzionare meglio, per evitare gli effetti collaterali che possono darci fastidio durante la transizione, ed evitare di intossicarci da soli, con i nostri rifiuti... questo è necessario perchè siamo tutti molto malati, ma quando saremo ad un livello elevato di disintossicazione, potremo farne tranquillamente a meno 8)
comunque tra le cose non-naturali, penso che il clistere sia una delle poche, tra quelle che ha inventato l'uomo, che non lo danneggiano... :wink:
Avatar utente
By luciano
#59540
Cymba ha scritto:so che tante persone non ne fanno uso in generale, ho letto anche sul blog di Vaccaro che lui non li consiglia, perchè secondo lui non rientrano nelle pratiche naturali e quindi sono un po' una cosa forzata....
O si segue Ehret o si seguono altri.

Qualsiasi cibo preparato dall'uomo non è naturale, quindi a rigor di logica, facendo un parallelo con la non naturalità del clistere, non si dovrebbero mangiare, mangiare maccheroni e spaghetti o pizze non rientra nelle pratiche naturali, ma vaccaro li consiglia pure.

Forse non ci si rende conto che per essere naturali dovremmo andare in giro nudi, vivere all'aperto e mangiare i frutti colti dall'albero.

Quindi in questa era utilizziamo quello che serve, per ottenere i risultati che vogliamo.

Una signora molti anni fa, in un paese di montagna dove da bambino passavo le vacanze, mi raccontò che suo figlio morì a seguito di un'occlusione intestinale. Avevano pensato di fare dei clisteri, ma non glieli fecero perché un prete amico di famiglia che era presente, troppo presente, disse che era peccaminoso. Chissà se il clistere innaturale e peccaminoso lo avrebbe salvato?

Giustamente come dici tu, i clisteri non danneggiano, anzi credo che abbiano salvato delle vite, per quanto a qualcuno potrebbe sembrare esagerata come affermazione. :wink:
Avatar utente
By EnricoPro
#59608
Infatti non si può tornare a vivere in modo naturali da un giorno all'altro.

Ma ci vuole il suo tempo togliendo poco alla volta le cose innaturali.

Per l'uomo di oggi è impensabile tornare a vivere naturalmente con tutti questi condizionamenti e abitudini che ci portiamo dietro da molti anni.

Ciò che conta per adesso è iniziare a fare i primi passi.

Quindi se qualcuno vuole fare i clisteri che lo faccia pure di certo io non ho nulla al contrario.

Anzi prossimamente voglio sperimentare un lavaggio del colon con l'Enteroclisma credo che si scrive in questo modo.
Avatar utente
By yoghy
#60117
Dopo aver letto l'articolo di Luciano ho deciso di eliminare immediatamente e del tutto il caffé.
Sono passato da 3-4 caffè al giorno a ZERO.
Ormai sono quattro giorni senza questa droga/veleno. :-)
Però che fatica!

Il caffè era anche una scusa per fare una pausa sul lavoro...
Avatar utente
By EnricoPro
#60141
Ora potresti fare una pausa sul lavoro leggendo una pagina di un libro oppure perchè no qualche esercizio fisico.

Infatti io cerco di cogliere i momenti morti per qualche esercizio fisico per esempio mentre sto aspettando l'autobus oppure la metropolitana ecc...

Chi non ha tempo non perdi tempo!
Avatar utente
By yoghy
#60161
In effetti devo trovare un "scusa" diversa dal caffé per fare pausa.
Enrico, grazie del consiglio...

Un consiglio però lo voglio dare anch'io.
Ho notato che, durante una crisi d'asma, tenendo in bocca della saliva riduco i colpi di tosse quindi la durata della crisi.
Ovviamente poi sputo tutto :-)
Avatar utente
By yoghy
#60228
Grazie Luciano per il tuo articolo sul caffè!

Come dicevi tu, liberarsi da questa droga è stato difficile solo per i primi giorni! Ora non avverto nessuna esigenza "fisica" che mi spinge a consumare caffeina.
:-)
Avatar utente
By yoghy
#60259
Hai proprio ragione!

Ho fatto molti progressi e compiuto molte scelte radicali ma mi rendo conto che faccio molta fatica a staccarmi completamente dai cereali. Nel mio caso non è la pasta, ma taralli, crostini, grissoni e prodotti similari (tutto rigorosamente bio, senza grassi idrogenati, additivi, porcherie varie e possibilmente anche senza lievito).
Infatti - purtroppo - a cena non riesco a non magiarne alcuni.

Ho provato anche a sostituirli con il pane di segale ma lo trovo "immangiabile".
Ma piace a qualcuno?!

Devo lavorare solo sulla mia determinazione / forza di volontà o è una "voglia" che passa da sola anche se viene - diciamo nei limiti - un po' assecondata?
Quali sono secondo voi questi limiti? Qual'è la vostra esperienza?
Avatar utente
By Cymba
#60382
scherzi? il pane di segale è buonissimo... se poi è tostato, mi piace ancora di più, si scioglie in bocca... io lo compro al negozio bio, se non lo trovo allora prendo il pane integrale normale, ma preferisco di gran lunga il segale... è buonissimo sia fresco che secco che tostato :oops:

la mia esperienza con il pane è questa: io sono sempre stata una "paninara", nel senso che difficilmente, da onnivora, riuscivo a mangiare quelache pietanza senza il pane (giusto la pasta, toh :wink: ), già dopo qualche mese di transizione invece non ne sento molto più il bisogno, lo mangio perchè non voglio perdere troppo peso, ma niente di più.
faccio più fatica ad eliminare la pizza, infatti quella me la concedo ogni tanto (vegetariana senza mozzarella, se riesco di pasta integrale o al farro), mi piace moltissimo e quindi per ora non ci rinuncio... e forse non lo farò mai, chissà :wink:
Avatar utente
By yoghy
#60900
Ieri sera prima di andare a letto ha avuto una crisi d'asma.
Era un mesetto che non ne avevo... e mi sembra già un ottimo risultato considerato che quest'autunno (ogni mattina se non di notte) mi svegliavo sempre con difficoltà respiratorie!

Oggi poi in ufficio hanno aperto le finestre e purtroppo sono iniziati i primi sintomi di allergia. :-(
Sinceramente speravo... o meglio volevo illudermi di essere quasi già guarito.

Ho quindi deciso d'iniziare un nuovo digiuno.
Era già qualche settimana che ci pensavo... soprattutto per prepararmi meglio ad affrontare la primavera e l'estate senza farmaci (che sono le mie stagioni critiche).
Vediamo questa volta cosa riuscirò a fare. Anche perchè non sono in vacanza...

Ma ne sono certo... GUARIRO'

Grazie OPT! :D I tuoi post sono illuminanti. Dimo[…]

La panoramica di Ienk

Mi dici prima che il canino con la formazione è il[…]

Ho usato l'imperfetto perchè ora ho introdotto qu[…]

Gli ultimi del contadino

Sinceramente no, anche perchè vivendo in un condom[…]

Libri di Arnold Ehret