Arnold Ehret Italia

Qui puoi scrivere le storie di successo solo inerenti alla cura dei denti e della bonifica dentale come viene intesa dagli utenti di questo forum.

Moderatori: luciano, O.P.T

#60986
Due anni fa mi è stato otturato un dente, senza devitalizzazione. L'otturazione ha resistito un annetto, poi a luglio ho avuto una leggera infiammazione. Il medico mi ha prospettato di devitalizzare, alla fine ho deciso di ritentare l'otturazione e rimandare il problema. L'otturazione era al limite ma ho insistito per questa soluzione. Ho avuto dolori già pochi giorni dopo l'otturazione, ma pian piano sono spariti. E' apparsa una fistola sulla gengiva che ha drenato l'infezione. Non ho avuto dolori, ho provveduto a mantenere il dente ben pulito e ad oggi non posso dire che mi faccia male. Da circa 10 giorni la fistola si è richiusa, alla base del dente è gonfietto. A dicembre il dentista mi ha sollecitato una devitalizzazione o estrazione o comunque di vedere come agire, ma non la si poteva lasciare cosi. Io ho preso ancora tempo e adesso siamo a marzo...
Sono stata da un altro dentista e vorrebbe devitalizzare. Io piuttosto lo toglierei.
Sono confusa, infelice e non so cosa fare.
Vorrei toglierlo questo dente e poi quando guarisce, metterne uno come si deve...
Non ho mai avuto amalgami, mai avuto denti devitalizzati.
Cerco consigli e conforto
Questa è la lastra fatta a gennaio

http://img407.imageshack.us/img407/7161/74099528.jpg
Avatar utente
By acerra99
#60992
i denti devitalizzati all'inizio non sono marci, lo diventano diciamo dopo 15-20 anni.

qui le ipotesi sono:

- 1 - fare il dente devitalizzato (e poi toglierlo ai primi problemi seri o comunque una volta che sono passati molti anni dall'esecuzione della cura canalare)

La mia divulgazione non arriva fino a dire alle persone di non fare un dente devitalizzato. La divulgazione sarebbe quella di dire: prendete tutte le persone con sclerosi multipla, sinusiti, cancri e fate togliere loro i denti devitalizzati
Gli altri devono semplicemente limitarsi, come stanno facendo molti su questo forum, a controllare le proprie condizioni, a controllare se ci sono fenomeni evidenti apicali a carico del dente devitalizzato guardando la lastra, controllare le correlazioni dei denti con i meridiani di agopuntura e controllare quando arriverà il momento di togliere un dente devitalizzato.

( sul discorso di fare il dente devitalizzato .. la nostra ipotesi numero - 1 - bisogna sempre cercare di fare un dente devitalizzato con tempestività, perché altrimenti il marciume si diffonde troppo e la cura canalare potrebbe re-infettarsi a breve ed essere un "insuccesso" )


Aspettare troppo da' vari svantaggi . Considerando che il dente devitalizzato non è più in grado di fare pulizie del suo interno , della sua dentina (l'unico vantaggio della DEVITALIZZAZIONE è di aver estirpato il fattore di marciume principale di un dente morto, che è la polpa del canale verticale o canale principale ), SE UNO VUOLE FARE UN DENTE DEVITALIZZATO deve essere tempestivo per impedire che le tossine batteriche occupino in pianta stabile ogni angolo del dente, in quanto sono cresciute troppo, alimentate per mesi dal marciume del canale principale.

(questi denti devitalizzati fatti con ritardo potranno anche essere un successo, cioè non costringere il dentista all'estrazione o al trattamento, ma saranno internamente sempre una schifezza, proprio perché si è permesso che per un lungo periodo i batteri si alimentassero del canale principale. La situazione più comune è che i batteri del marciume si alimentino solo della polpa dei canali secondari dopo l'asportazione della polpa del canale verticale, questo ha implicazioni medio-basse per persone in perfetta salute - ma non per persone con cancro. Inoltre il marciume interno ben presto passa attraverso la dentina e i piccoli canalicoli secondari al periodonto, che costituisce per loro un Bed & Breakfast migliore che non la dentina, molto più appetitoso. Periodonto infetto ( ma controllato / tenuto sotto controllo ancora da un paio di capillari sanguigni che lo raggiungono dall'osso ) e osso adiacente al dente infetto (anch'esso tenuto sotto controllo dall'efficacia del sistema immunitario, è il nucleo di tutto il discorso che abbbiamo fato negli ultimi tre/quattro mesi: cioe' le persone sane se lo possono permettere. Ma implica costi !! costi invisibili ....

Quando uno deve guarire da qualcosa scopre che questi costi invisibili... erano diventati importanti e sacrifica il dente devitalizzato per avere un sistema di regolazione più vivace ed efficace, magari per combattere il cancro.

...SPERANDO CHE IL PERIODONTO VENGA RIMOSSO INSIEME AL DENTE DEVITALIZZATO !!!


( inoltre fare subito la cura canalare invece che dopo 5-6 mesi EVITA che il marciume migri in maniera massiccia nel periodonto (legamento intorno al dente) e nell'osso. )

Immagine

< - - > cliccare qui per il video

Questo video mostra la distribuzioni di batteri tra l'esterno e l'interno del dente devitalizzato e fa la differenza col dente vivo, che invece ha la capacità di opporsi alle infestazioni batteriche.

~ ~ ~ ~ ~
. ~ ~ ~ ~ ~

le altre opzioni sono:

- 2 - togliere il dente e lasciare niente, perché non è un dente frontale,
- 3 - togliere il dente e mettere un impianto di titanio (che io sconsiglio),
- 4 - togliere il dente ed usare un impianto di ceramica di zirconia,
- 5 - fare un ponte (ma questo necessita che si vada a decapitare delle teste dei due denti affianco (il ponte diventa fattibile se già i due denti affianco avevano asubito danni, ma andare a tagliare un dente sano - per farci un ponte- io non lo consiglio a nessuno.

- 6 - l'estrazione di questo dente non richiede evidentemente in questo caso l'uso della dentiera, che in altri casi è un'altra opzione.
Ultima modifica di acerra99 il 13 aprile 2012, 16:19, modificato 4 volte in totale.
Avatar utente
By Aleth
#61000
secondo te, e accetterò il tuo consiglio, tenendo conto che io non ho denti devitalizzati ne cariati ne otturati tranne questo e il mio stato di salute è buono: tenendo conto che questo dente è otturato da boh, due anni credo, che c'e' comunque una fistolina asintomatica ma visibile...

1) lo faccio devitalizzare e mettere un perno dente in zirconia
2) lo faccio estrarre e poi faccio mettere perno/dente in zirconia (stai certo che il periodonto me lo faccio levare!)
3) lo levo e non metto nulla (ma ho il timore che gli altri denti intorno si spostino o indeboliscano...
4) Ma esistono dei denti "leva e metti" puramente estetici/funzionali" atti a tenere aperto lo spazio tra i denti accanto? una cosa ad incastro senza ferretti, che incastro dentro al bisogno senza mangiarci sopra, solo per riempire lo spazio...

intendo dire: se questa bocca fosse la tua, tu cosa faresti? :-)

Grazie. Sei gentilissimo
Avatar utente
By ricky66
#61001
da cosa si vede dalla foto, sofferenza apicale abbastanza estesa, io lo farei togliere senza pensarci un attimo, iniziando a risparmiare per in perno in zirconia.
e già che ci sono inizierei a chiedermi che ci faccio con quel 3zo molare incluso e spaiato... 8O ...magari fattelo testare kinesiologicamente da un esperto...
#61005
Comunque Aleth, veramente, se tu sai di essere in piena forma non ci sono motivi di non fare la devitalizzazione.
Dipende tutto dal tuo stato d'animo.
Io ho buoni motivi per essere assorto in questo mondo, li descriverò nei prossimi post in OSSERVAZIONI PERSONALI

Queste informazioni, come tante altre, valgono solo quando si incastrano in un contesto particolare.
Mi metto in gioco per dare informazioni sapendo che le decisioni spettano ad ogni persona "paziente" che ha le informazioni e le valuta nel suo caso particolare. Quindi mi metto in gioco per rispondere alle domande sulle conoscenze acquisite da vari ricercatori, tedeschi, francesi, americani, australiani, svizzeri ... tradotti qui

Obiettivo finale:
che i malati all'ultima spiaggia possano arrivare a conoscere la questione dell'inopportunità dei denti devitalizzati nelle persone che non vogliono prendere farmaci.

Questa l'informazione e questo il contesto.

Chi fa divulgazione si aspetterebbe in un mondo ideale che le informazioni vengano utilizzate a seconda dei contesti. Quindi in un contesto vale una cosa e in un'altro contesto vale forse un'altra.

Al momento attuale le persone sane, entusiaste e felici, con molta RAM e vitalità intatta nella loro vita, capacità operativa intatta, possono farselo UN DENTE DEVITALIZZATO, l'ho detto a molti che mi hanno scritto.

Quando dico ciò alle persone che mi conoscono da mesi, loro però mi dicono: "Ho capito, però io ora pensandoci bene non riuscirei a farmelo fare un dente devitalizzato."
Momento di riflessione per me: Bene allora è vero, ho fatto danni, hanno ragione i miei critici ...!!

Il dente devitalizzato semplicemente uno non lascia che marcisca troppo. Sa che con gli anni marcisce e aspetta la fine del suo ciclo.

Raramente ho visto qualcuno che faceva togliere denti devitalizzati più giovani di 10 anni, nemmeno qui in Germania, e spesso questi potevano rimanere per venti anni.

Grazie a te, Aleth, ho la possibilità qui di ricordare che bisogna far devitalizzare il dente subito, appena morto.

Come stanno facendo molti su questo forum, uno controlla le proprie condizioni, controlla se ci sono fenomeni evidenti apicali a carico del dente devitalizzato guardando la lastra, controlla le correlazioni dei denti con i meridiani di agopuntura e controlla quando arriverà il momento di togliere un dente devitalizzato.

Chi mi contatta in privato sa che posso andare ad occupare una posizione estrema se mi sembra che la persona è parecchio motivata (ovvero se per esempio ha emicrania cronica, per dirne una).
Chi mi scrive sul forum sa che in Italia si fanno piu' di 4 milioni di denti devitalizzati all'anno, nessuno nota niente di strano sulla propria salute, se proprio deve succedere qualcosa di grave, ciò spesso accade a distanza di molti anni quando questo ha il tempo di marcire.

Ora ti faccio un esempio. Tu Aleth mi dici che dormi per terra. Splendida cosa (anche io dormo sul pavimento), ma non voglio nemmeno stare li a fare crociate perché la gente dorma per terra. Queste sono cose straordinariamente personali per le quali arriverà il momento in cui uno ne sente la necessità.

Sarei fuori-di-testa se avessi la speranza mia interiore che possa convincere le persone a fare questa cosa, insistendo che il Buddha lo consigliava per motivi psico-fisici ai suoi monaci.

Magari questo fatto di dormire per terra lo direi ad uno che, come me, si è sdentato abbastanza e non ha nemmeno voluto mettere impianti !!

...come tutti i tedeschi dell'associazione di Monaco (ne parlava Sabrina Giannini nel servizio sull'amalgama del 1999), ci ho provato e ho visto che faceva al caso mio!

Sette ore del mio scheletro sotto la pressione del pavimento riequilibria tutto e mi da un vantaggio competitivo rispetto a chi non lo fa! :)
lorenzo
Ultima modifica di acerra99 il 23 giugno 2014, 16:40, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
By Aleth
#66935
Alla fine il molare è stato tolto.
Da quando ci siamo sentiti il molare è rimasto tranquillo, nessuna cura tranne una buona pulizia dopo ogni pasto. La fistola poi si è riaperta facendo il suo sporco lavoro drenante fino a stamattina quando il dente è stato rimosso. Tuttavia da metà settembre il mio stato di salute non è stato piu' dei migliori. Continuo naso che cola, non muco ma acqua, starnuti alle variazioni freddo caldo, problemi intestinali, poca forza, poca concentrazione, sbalzi d'umore e, negli ultimi 10 giorni si è affacciata un po di asmina e di muco nei polmoni. Ok... da settembre a oggi. Io credo che ormai questa cosa era da fare.
L'estrazione è durata parecchio tempo, l'anestesia non riusciva ad attecchire, il molare era strasaldamente fissato all'osso, ho visto il dentista penare non poco, ma mi ha anche detto che voleva estrarre il dente integro. Alla fine ce l'ha fatta, era integro, stranamente di ottimo colore, per nulla annerito e una delle due punte aveva con se il granuloma, che ho visto. Dopo il molare ha continuato a togliere pezzi di tessuto, per circa 6 volte, mi ha detto... per pulirmelo bene. Mi è stato dato una garza per tamponare, mi hanno fatto un antibiotico, un cortisone un antidolorifico e tenuta in osservazione mezz'ora. Mi è stato prescritto l'augmentin (perchè era un antibiotico che ricordavo di aver preso in passato senza reazioni allergiche), il brufen (mi ha raccomandato di non fare l'eroe... ) l'enterogermina ... e mi hanno detto : mangiaci, tienilo libero e quando finisci di mangiare ti sciacqui bene la bocca che non ci siano residui e vai tranquilla.
Domani vado dal mio medico curante, che mi ha conosciuta appena l'altro ieri per la ricetta... è un omeopata che prescrive agli anziani cure massicce di frutta fresca (ahahahahah) e altri orrori simili.... :wink:
e vediamo come procedere.

Ti ringrazio Lorenzo... sei una persona veramente naturale, in tutto quello che comuniche con e anche al di la delle parole :D
Avatar utente
By lunasio
#66943
Ora devi vedere per quello dl giudizio.

ps ma antibiotico, cortisone e antidolore erano obbligatori?
Avatar utente
By ricky66
#66948
complimenti per la decisione.
ora ti restano i due ottavi, veri e propri macigni sul sistema di regolazione basale ....dopodichè ogni interferenza dentale sarà stata rimossa e potrai esprimere un livello di vitalità che ben pochi possono permettersi... 8)
Avatar utente
By Aleth
#66965
si lunasio, erano proprio necessari. Sono molti anni che non prendo farmaci di nessun genere, stavolta non se ne è potuto fare a meno, sono dovuti andare con l'endovena.

Ricky... lo so e lo immaggino... ma la sola idea mi TERRORIZZA.
Io passo l'inferno quando mi toccano i denti.

Per adesso lasciamo passare l'inferno di questo che ho tolto. Mi sento come un pulcino bagnato sotto un ponte accovacciato sul fango... mentre piove :(
Avatar utente
By Aleth
#67484
dopo che il molare è stato tolto, con la lingua sentivo come un pezzettino di dente attaccato, un aschegga, o qualcosa di simile, la gengiva di dietro era un po ingrossata rispetto al lato davanti. Dopo una decina di giorni non lo sentivo piu' tuttavia mi faceva male, sentivo sotto come qualcosa di tagliente. Il dentista mi ha spiegato che era forse dell'osso che si è danneggiato nell'estrazione, e che: o si sarebbe risaldato, o sarebbe stato espulso. Circa una settimana fa l'osso ha tagliato la gengiva, piccolissimo taglietto: stasera , passo nella gengiva e sento qualcosa... la scheggia è stata espulsa, il gonfiore non c'e' piu' la gengiva è serena e io sono molto contenta.

Il nostro corpo è veramente meraviglioso.
Avatar utente
By ricky66
#67485
ti consiglierei comunque , visto lo stress passato nei tessuti ossei e gengivali, di fare una neuralterapia a breve..... :wink:
Avatar utente
By Aleth
#67486
mmmhhh non so se dalle nostre parti ne fanno... :cry:


e, sia chiaro :lol: : mi è passato immediatamente il raffreddore/tosse/raffreddore/starnuti.... col dente è andato via proprio tutto :D
#67862
Ciao aleth, posso chiederti dove sei andata per farti estrarre/pulire il dente?

Volevo chiederti delle cose per scambiarci un pò le nostre esperienze, se ti va, mi aggiungi per favore?
Avatar utente
By Aleth
#67865
ti ho aggiunto a hotmail
#73129
tra un po è passato un anno dall'estrazione: problemi zero, al posto del dente non c'e' un dente. Nessun dente si è spostato da dove si trovava ne inclinato. Nessun problema nel masticare, nessun problema estetico, gengiva in ottimo stato. Io sono contenta :-)
Volevo solo aggiornarvi

Ho usato l'imperfetto perchè ora ho introdotto qu[…]

Gli ultimi del contadino

Sinceramente no, anche perchè vivendo in un condom[…]

Diario di Narayani

Credo fosse eccessivamente gelata.

La panoramica di Ienk

Dopo la panoramica ho rimosso tre delle 5 amalgame[…]

Libri di Arnold Ehret