Arnold Ehret Italia

Qui si possono discutere e richiedere riferimenti del libro riguardo alla risoluzione di condizioni non ottimali di salute

Moderatore: luciano

Avatar utente
By Nico_al
#61717
Ciao a tutti, sono da poco iscritto.

Vi ho un po letto cercando commenti sui clisteri di caffè e ho deciso quindi di iscrivermi.

A mio cugino è stato riconosciuto, a seguito di un intervento per presunti polipi o papillomi in vescia, un carcinoma vescicale.
La sua idea è quella di farsi operare e io probabilmente non potrò fare nulla per impedirlo. So che sarà dura curarlo successivamente con i rimedi naturali data l'invasività della medicina allopatica, ma non ho altre alternative.

Per ora ho impostato l'alimentazione su uno schema vegano tendenzialmente crudista, con 5 pasti di frutta al giorno. Inoltre ho inserito i centrifugati e contavo anche di procedere con i clisteri non appena troverò una sacca decente in farmacia.
Da notare che il pazienta è tetraplegico da 15 anni e pure in sovrappeso, quindi per fare il clistere non potrò metterlo a quattro zampe ma già in posizione sdraiata sul fianco destro. Mah speriamo di riuscire a fare qualcosa di utile.

Ci conto tanto perchè da qui all'operazione passeranno circa 15 gg.
Con il chirurgo ci siamo accordati sul come procedere: prima di tagliare l'addome e procedere con una cistectomia radicale, lui entrerà in cistoscopia e valuterà se sia possibile rimuovere ancora utilizzando quel sistema.
La mia speranza sarebbe di trovare una situazione neoplastica migliorata e regredita,ma il tempo per agire è troppo poco.
L'autolisi necessità di più tempo, pazienza e sforzi.. mah..
Avatar utente
By ricky66
#61720
ciao!
prima di tutto... questo tuo cugino, che si vede hai tanto a cuore, ti ha chiesto LUI espressamente il tuo aiuto?

io, prima di ogni altra cosa, specialmente operazioni chirurgiche, valuterei la presenza di denti devitalizzati in zona incisivi (otto) e se presenti, estrazione IMMEDIATA e accurato curettage osseo circostante.
una scansione termografica alla vescica prima e dopo sarebbe molto interessante. :wink:
Avatar utente
By Nico_al
#61722
Salve ricky, grazie del passaggio.

Certo che mi sta a cuore il cugino, negli anni la vita gli ha riservato troppe ingiurie ed ora si trova, suo malgrado, alla mercé di chi lo aiuta tra i suoi familiari. E' diventato succube ed irretito e si fa troppo condizionare. Inoltre non ha più i mezzi ne la voglia per perseguire strade alternative, cosa che io invece faccio da tempo.

NON me lo ha chiesto lui ma io ho insistito poichè è da anni che gli dico che, data la sua condizione deve alimentarsi diversamente.
Secondo voi non provoca scompensi farsi per 15 anni un clistere tutte le mattine di quelli carlo erba microclismi con dentro cristo e la madonna?
Secondo voi fa bene una pastiglia per la pressione da 15 anni?
Ora che si alimenta vegano, (una settimana) ha già la pressione bassissima rispetto a prima. Il fato? La bassa pressione di questi giorni? ...

Ti ringrazio per l'aspetto dei denti, non pensavo ci fossero collegamenti, tu conosci collegamenti diretti con le formazioni tumorali? DI recente ha fatto dei lavori ai denti, ossia raschiata la parte anteriore e applicato delle placche per farli apparire più bianchi (si erano un po scuriti).

La termografia cosa indicherebbe per la vescica? grazie mille
Avatar utente
By monte79
#61726
Ciao Nico-al,
ogni persona incarnata ha un compito da svolgere per la sua crescita, anche se a noi a volte ci sembra impossibile.
Non farti carico del problema di tuo cugino, tu puoi solo limitarti a fargli vedere che esiste una alternativa, ma poi deve essere lui Consapevolmente a decidere.
Considera che se lui non è convinto di guarire e se non crede nella cura, puoi dargli qualsiasi cosa che sarà inutile.
Mi verrebbe più da consigliarti di lavorare su ti de, cercare di capire quali sensazioni ti prova la vicenda di tuo cugino, ricordati che lui è uno specchio che ti serve per riuscire a guardarti dentro.
Avatar utente
By ricky66
#61732
Nico_al ha scritto:Salve ricky, grazie del passaggio.

NON me lo ha chiesto lui ma io ho insistito


nico, questa è la chiave di tutto.

ogni tuo sforzo e attrito è destinato a fallire e ritorcersi contro di te.

se il tuo cugino dicesse " basta, sono stufo di essere succube di chi mi circonda, sento che ciò di cui mi parli ha un senso, aiutami a provare ad uscirne fuori o perlomeno fare una differenza nella mia vita! "

...a quel punto, e SOLO in quel caso, ogni tuo sforzo sarebbe sì baciato dall' energia divina. (... o chi, prana, energia nucleare debole, energia quantica, forza vitale...uguale.) diventeresti un CANALE che aiuta un atto creativo

tu in quanto "multipersonalità nico" non hai idea di quale sia il piano evolitivo dell anima che sta usando il corpo infermo di tuo cugino.
può solo essere lui a chiedere e ricevere la forza necessaria per manifestare tale piano.

è ovvio dalle tue parole, pregne di ira e frustrazione, che sei ai primi passi di un processo, e stai usando, inconsapevolmente, il "cugino" come cavia e strumento, di sperimentazione.
và bene così, è giusto che tu la viva sulla tua pelle.
io stesso feci questo passaggio 20 anni fa con mia madre, tumore al seno... io, neolaureato di belle speranze... anni di insistenze, proviamo questo e quello, clark, gerson, ehret, digiuni, clisteri... terapie naturali di ogni genere.... lei sorrideva e diceva sì a tutto... poi arrivava il primo camice bianco di turno a propinarle qualunque chemio o operazione, e lei cadeva in adorazione...ah dottore! e io giù a incazzarmi come una bestia...:roll:
risparmio i macabri particolari di come è ovviamente finita.
volevo semplicemente provare a me stesso e al mondo quanto ero bravo, cercando al tempo stesso la lode e il riconoscimento dei genitori, ovvero la nostra immagine originaria del divino incarnato .
ho impiegato anni a capire , vivendolo nella carne e nella pratica, cosa si cela dietro determinate scelte e comportamenti.... quali e quante scelte, dinamiche e programmazioni mentali bloccano e ostacolano la libera manifestazione della nostro spirito.
anche per il discorso denti, tu potrai ora leggere ed iniziare a capire, ma se non lo sai comunicare al cugino e in lui non scatta quel "qualcosa", ogni tuo sforzo sarà inutile e controproducente.
se tuo cugino avesse veramente volontà di cambiare, chiederebbe di leggere tutto il materiale a riguardo, e quanto ce n'è in rete... e poi si CATAPULTEREBBE giù dalla sedia a rotelle rotolandosi e strisciando verso il primo studio dentistico.
il fatto che sia tetraplegico non cambia nulla.
guarda la vita di stephen hawking, tetraplegico, fisico, matematico, cosmologo... se uno spirito decide di creare, lo farà, anche e a dispetto di un veicolo difettoso....si potrebbe azzardare a dire che ci proverà più gusto :wink:
in assenza di questo entusiasmo e fede in un risultato che non vedi ancora, ma SAI che c'è, perchè la mente te lo ha decodificato, ogni sforzo da parte tua o di chiunque è solo una perturbazione ad un equilibrio perfetto nella sua sofferenza.
se non lo avessi ancora capito, la sofferenza è lo strumento primario dello spirito per spingere la macchina biologica e la sua anima animale all azione, alla presa di coscienza.
ha fatto una settimana vegana e sta meglio? benissimo...ma se non è lui a richiedere, AD ALTA VOCE, di continuare, non sarai tu a poterglielo imporre. :wink:
Avatar utente
By Nico_al
#61745
monte79 ha scritto:Ciao Nico-al,
ogni persona incarnata ha un compito da svolgere per la sua crescita, anche se a noi a volte ci sembra impossibile.
Non farti carico del problema di tuo cugino, tu puoi solo limitarti a fargli vedere che esiste una alternativa, ma poi deve essere lui Consapevolmente a decidere.
Considera che se lui non è convinto di guarire e se non crede nella cura, puoi dargli qualsiasi cosa che sarà inutile.
Mi verrebbe più da consigliarti di lavorare su ti de, cercare di capire quali sensazioni ti prova la vicenda di tuo cugino, ricordati che lui è uno specchio che ti serve per riuscire a guardarti dentro.


Grazie per il passaggio monte.. dunque non mi allineo molto all'idea (che forse ho frainteso) dei compiti da svolgere per la crescita, probabilmente dovrei capire meglio cosa intendi ;) In ogni caso io condivido tantissimo e lo penso da una vita che se il paziente non è convinto di guarire e non crede in quello che fa, allora è un casino. Tant'è che quando eravamo dal chirurgo e lui gli ha esternato la seguente cosa: "faccia quello che vuole, mi fido ciecamente di lei, sono nelle sue braccia" mi è caduta la lingua e non solo.
Il problema qui però non risiede nel soggetto e nelle sue credenze, ma dal tam tam che gli ruota attorno.
Amici poco acculturati, familiari peggio che andar di notte e lui, dalla gran persona che era, ora personcina che si fa giostrare a destre e manca. A me la situazione da certamente fastidio, ma in questo caso l'unica cosa che a me interessa è che lui possa stare meglio e non credo che la via chirurgica sia la via. Dato che è in sovrappeso da una vita e che l'aneurisma che l'ha portato alla tetraplegia è sorto a causa anche del sovrappeso e dell'alta pressione.
Lui sembra convinto di ciò che fa ma già lamenta i vecchi cibi. Capite bene che non è facile dire: ok va beh non ti interessa, molla questo stile di vita e affidati al chirurgo e mangia come prima.

Voi lo fareste con un vostro caro?


ricky66 ha scritto:nico, questa è la chiave di tutto.

ogni tuo sforzo e attrito è destinato a fallire e ritorcersi contro di te.

se il tuo cugino dicesse " basta, sono stufo di essere succube di chi mi circonda, sento che ciò di cui mi parli ha un senso, aiutami a provare ad uscirne fuori o perlomeno fare una differenza nella mia vita! "

...a quel punto, e SOLO in quel caso, ogni tuo sforzo sarebbe sì baciato dall' energia divina. (... o chi, prana, energia nucleare debole, energia quantica, forza vitale...uguale.) diventeresti un CANALE che aiuta un atto creativo

tu in quanto "multipersonalità nico" non hai idea di quale sia il piano evolitivo dell anima che sta usando il corpo infermo di tuo cugino.
può solo essere lui a chiedere e ricevere la forza necessaria per manifestare tale piano.

è ovvio dalle tue parole, pregne di ira e frustrazione, che sei ai primi passi di un processo, e stai usando, inconsapevolmente, il "cugino" come cavia e strumento, di sperimentazione.
và bene così, è giusto che tu la viva sulla tua pelle.
io stesso feci questo passaggio 20 anni fa con mia madre, tumore al seno... io, neolaureato di belle speranze... anni di insistenze, proviamo questo e quello, clark, gerson, ehret, digiuni, clisteri... terapie naturali di ogni genere.... lei sorrideva e diceva sì a tutto... poi arrivava il primo camice bianco di turno a propinarle qualunque chemio o operazione, e lei cadeva in adorazione...ah dottore! e io giù a incazzarmi come una bestia...Rolling Eyes
risparmio i macabri particolari di come è ovviamente finita.
volevo semplicemente provare a me stesso e al mondo quanto ero bravo, cercando al tempo stesso la lode e il riconoscimento dei genitori, ovvero la nostra immagine originaria del divino incarnato .
ho impiegato anni a capire , vivendolo nella carne e nella pratica, cosa si cela dietro determinate scelte e comportamenti.... quali e quante scelte, dinamiche e programmazioni mentali bloccano e ostacolano la libera manifestazione della nostro spirito.
anche per il discorso denti, tu potrai ora leggere ed iniziare a capire, ma se non lo sai comunicare al cugino e in lui non scatta quel "qualcosa", ogni tuo sforzo sarà inutile e controproducente.
se tuo cugino avesse veramente volontà di cambiare, chiederebbe di leggere tutto il materiale a riguardo, e quanto ce n'è in rete... e poi si CATAPULTEREBBE giù dalla sedia a rotelle rotolandosi e strisciando verso il primo studio dentistico.
il fatto che sia tetraplegico non cambia nulla.
guarda la vita di stephen hawking, tetraplegico, fisico, matematico, cosmologo... se uno spirito decide di creare, lo farà, anche e a dispetto di un veicolo difettoso....si potrebbe azzardare a dire che ci proverà più gusto Wink
in assenza di questo entusiasmo e fede in un risultato che non vedi ancora, ma SAI che c'è, perchè la mente te lo ha decodificato, ogni sforzo da parte tua o di chiunque è solo una perturbazione ad un equilibrio perfetto nella sua sofferenza.
se non lo avessi ancora capito, la sofferenza è lo strumento primario dello spirito per spingere la macchina biologica e la sua anima animale all azione, alla presa di coscienza.
ha fatto una settimana vegana e sta meglio? benissimo...ma se non è lui a richiedere, AD ALTA VOCE, di continuare, non sarai tu a poterglielo imporre. Wink


Condivido anche il tuo pensiero, ma non la farei così difficile sul piano personale che mi spinge ad agire. Io non voglio ne devo dimostrare nulla a nessuno di quanto sia bravo o meno. Semplicemente sono l'unico tra i miei parenti ad avere determinate idee ed un determinato stile di vita e io mi sono sentito di proporre questa via perchè trovo illogico procedere come procede il chirurgo. Mio cugino nei 2 anni precedenti ha avuto : 2 erisipele e 2 cistiti di cui l'ultima con tratti di ematuria fino al sopraggiungere di ematuria massiva.
Secondo tutti questi sono segni da non collegare.. uno si trova un ristagno linfatico nelle gambe e lo stile di vita non lo cambiamo? un ristagno linfatico di quel tipo non porta ad acidificazioni terribili e non spinge le cellule a degenerare?

Una vita che fa clisteri e ha l'intestino surriscaldato non porta questa febbre ad invadere anche la vescica? Non posso dirlo con certezza ma ho proposto questa dieta e mi ha seguito. Però ci sono tante cose che non vanno bene e che mi mandano in bestia. Sua madre, persona anziana che si occupa di alimentarlo ogni volta mi fa impazzire perchè ripete sempre la solita cosa: "MA QUANTE ROBE NUOVEE, io non ce la faccio, troppa roba, c'è un cassetto solo per la tua roba ora (si riferisce al figlio)". "Io non ho solo te a cui fare da mangiare, divento matta" cose di questo tipo.
Come si fa a lavorare serenamente? se la teoria del dott. Hamer fosse corroborata da più dati, vi direi che il tumore si è ingenerato a causa di stress poichè da quando è maturo credo che mio cugino litighi con sua madre per l'alimentazione. E' sempre stato sovrappeso e ha sempre voluto mangiare a quintali, quando poi si è ritrovato in carrozzina e impossibilitato a mangiare fuori di casa ciò che piu gli pareva, tutto è degenerato. Figurarsi che sua madre riesce persino a lamentarsi dei quantitativi esagerati di insalata che mangia!!

Oggi mi ha detto pure che sarebbe il caso di dargli un po di carne e formaggio per dargli energia. carne e formaggio per dare energia.. mi sarei buttato giù dalla finestra
Avatar utente
By Nico_al
#61748
Windin ha scritto:Ciao Nico! visto che il tempo stringe ti posto io al volo il link per saperne di più sull' importanza dei denti nei confronti della salute globale.


http://www.arnoldehret.it/denti-devital ... generative


grazie win, avevo perso la tua risposta :P questa interfaccia di forum non è molto chiara ahaha
Avatar utente
By monte79
#61782
Ciao Nico_al,
è tanto semplice quanto difficile, ma l'unica cosa che devi fare è Amarlo incondizionatamente e sostenerlo nelle sue scelte.
Non tutti sono pronti a fare determinati passi, quindi per capire devono sperimentare e solo in questo modo che potranno evolvere.
Tu Amalo e lascia fluire tutto.
Amalo non per quello che fa, ma per quello che è.
Avatar utente
By luciano
#61784
Nico_al ha scritto:Condivido anche il tuo pensiero, ma non la farei così difficile sul piano personale che mi spinge ad agire. Io non voglio ne devo dimostrare nulla a nessuno di quanto sia bravo o meno. Semplicemente sono l'unico tra i miei parenti ad avere determinate idee ed un determinato stile di vita e io mi sono sentito di proporre questa via perchè trovo illogico procedere come procede il chirurgo.
Non ha nessuna importanza quali siano le tue intenzioni, né le tue motivazioni, né quanto intense.
Se la persona non vuole fare le cose per sua intenzione e con comprensione, se ha intrapreso il camino della distruzione, intenzionalmente, o inconsapevolmente ( come è più frequente il caso), qualunque sforzo altrui sarà vano.

L'unica cosa che funziona è portare la persona alla comprensione del perché una determinata cura avrà esito positivo, e dopo che questo obiettivo sarà stato raggiunto, dovrà prendere la sua autodeterminata decisione di applicare tale cura su se stesso con l'intenzione di voler continuare a vivere. :wink:
Avatar utente
By luciano
#61785
Nico_al ha scritto:.... questa interfaccia di forum non è molto chiara ahaha
Sei il primo dopo più di 60.000 post che lo dice. Probabilmente devi impratichirti un po' prima di superare le tue difficoltà! :D
Avatar utente
By Nico_al
#61800
luciano non era una critica ;)
de gustibus non est disputandum...

In ogni caso comprendo quello che dici e lo capisco bene.
Ma che strumenti ha una persona che ama, per provare a far sentire ad un suo caro ciò che sono le idee che ritiene giuste?
Spronarlo, insistere entro i limiti e sperare in una sua celere rinsavita. Nient'altro...

Io non lo obbligo per nulla, infatti quando mi ha esternato il fatto che non era d'accordo a spendere molti soldi per una centrifuga, gli ho spiegato quali sono le differenze, gli ho fatto capire che spendere 20 mila euro per una operazione e non 395 per una centrifuga non è illogico e per finire ho detto che se non crede in ciò che stiamo facendo, può abbandonare in qualsiasi momento.
E da li ha iniziato a dirmi che non è vero che non crede ma che ritiene che questo o quello non sia giusto blablbala (in questo frangente si parlava solo della centrifuga)
Avatar utente
By luciano
#61802
Nico_al ha scritto:luciano non era una critica ;)
de gustibus non est disputandum...
Nemmeno la mia, era una constatazione. :D
Nico_al ha scritto:Ma che strumenti ha una persona che ama, per provare a far sentire ad un suo caro ciò che sono le idee che ritiene giuste?
Deve dargli informazione, e aiutare a comprendere i dati di quelle informazioni.
Gli hai fatto studiare il libro di Gerson? Se si Ha compreso che quella terapia può aiutarlo?
Gli hai dato informazione sufficiente per comprendere che la medicina ufficiale tutto fa tranne che guarire le persone? Se sì, è d'accordo?

Questi sono gli strumenti. :wink:
Avatar utente
By Nico_al
#61814
E' quello che sto cercando di fare, a piccoli passi.
La centrifuga era uno di questi.. tanto per porre un esempio mi ha detto quest'oggi: prima di comprare una centrifuga "tosta" volevo vedere prima con una mediocre e se effettivamente col tempo i miglioramenti c'erano, e passare poi a qualcosa di più serio.

Di per se l'approccio può andare bene, ma gli ho fatto capire che ci vuole tempo e pazienza per valutare queste cose, non due giorni.

Inoltre gli ho fatto notare che un primo cenno lo ha già avuto. La pressione da quando mangia così, circa una settimana, gli è crollata ed ora, continuando a prendere la pastiglia, è troppo bassa. 66 ~ 95.
Quando fino a un po di tempo fa, dopo il primo intervento era a 130 ~ 205 e misure del genere...
A me questo già sembra un buon inizio..
Avatar utente
By Nico_al
#61818
Ho un piccolo aggiornamento..

Ho ordinato la hurom 400 ;)

Inoltre (e questa è una domanda), il cugino lamenta stanchezza e spossatezza.
Potete immaginare già quanto la stupidità abbia preso il sopravvento e si inneggi già alla mancanza di carne e formaggi, come se fossero le proteine a dare energia e non i carboidrati..

Secondo voi, dato che a me non è capitato quando cambiai anni fa stile alimentare, può essere una fase di mutamento interno e riadattamento a dare questi sintomi ?

Infatti ho detto che si rischia, non che tutti lo […]

AVOGADO TOSSICO?

Quello sempre, anche se bisogna poi vedere se sia […]

Grazie OPT! :D I tuoi post sono illuminanti. Dimo[…]

La panoramica di Ienk

Mi dici prima che il canino con la formazione è il[…]

Libri di Arnold Ehret