Arnold Ehret Italia

Questo forum è sugli attrezzi da cucina.

Moderatore: luciano

By Nick75
#78360
Ultimissima cosa(prometto)
questa qui http://www.macrolibrarsi.it/prodotti/__Estrattore-versapers-emotion-pearl.php?idsearch=8853578
ha come unica differena l'assenza del manico?
noto che ha guadagnato le 5 stelle piene nei commenti ma mi par di capire che sia sostanzialmente identica a quella che avevi linkato tu.
costa qualche euro in piú ed ha un colore un pó diverso ma x il resto non noto altre differenze...

edit:
si,in effetti leggendo tutti i commenti sembrerebbe propio la stessa a parte manico e colore,
tra l'altro l' ho trovata anche sul giardino dei libri (sono giã iscritto lí)
grazie ancora per la dritta...ne parlano tutti molto bene
ciaaaooooooo :wink:
Avatar utente
By luciano
#78600
alexsurfer ha scritto:Una domanda, ma l'Hurom ha componenti in plastica? Al contrario l'Angel ha tutto in acciaio?

Sì, ma quando mi fanno quella domanda, usando il termine generico "plastica", capisco subito che non sanno di cosa stanno parlando.

Ci sono centinaia di materiali che possono essere classificati come "plastica" dal più tossico al meno tossico, così poco tossico a livelli tipo 0,000ecc. al punto da non considerarlo tossico, dato che non lo mangi, e non rilascia particelle tossiche agli alimenti che vanno a contatto con tali materiali, come quella chiamata BPA free (Cerca in google)

Ora per rispondere alla tua domanda successiva, che faresti se non ti rispondessi prima io, il dilemma se è meglio la angel che è tutta in acciaio, o la hurom che ha parti in plastica, dipende da quanto uno crede che sia una questione da prendere in considerazione.

Uno potrebbe dire: "Eh la plastica, gli acidi della frutta potrebbero disciogliere particelle che finirebbero nel succo... e gna gna gna gna..."

Oppure potrebbe dire: "Eh l'acciaio, la frutta acida potrebbe disciogliere particelle di metallo e immetterle nei succhi e gna gna gna gna..."

Quindi se davvero credi che succeda quanto affermano certi personaggi dall'immaginazione fuori controllo che trovi in giro per il web, eh ...hai un dilemma che solo tu puoi sciogliere, se farti avvelenare dalle presunte particelle di plastica o dalle presunte particelle di metallo! :D

Personalmente, ho letto parecchie discussioni sull'argomento, ho ormai fatto centinaia di succhi sia con l'Angel 7500 che con la Hurom 600 e prima ancora con la Hurom 400 e devo dire che mi sento benissimo dopo aver bevuto ogni succo.

Di conseguenza, dopo aver osservato, sperimentato e valutato, ho archiviato la questione "acciaio o plastica" nell'archivio Pippe Mentali (altrui) e non ho più avuto la necessità di riprendere tale argomento. :D
Ultima modifica di luciano il 4 giugno 2014, 14:05, modificato 1 volta in totale.
#78613
L'ideale sarebbe avere ingranaggi in pietra! :D
#78621
è ora di dire basta agli avvelenatori...!! chiediamo a gran voce alla hurom di produrre un estrattore tutto in ZIRCONIA E TITANIO!!! :lol: :lol:

si scherza eh... ne caso a qualcuno sfuggisse... :wink:
#78622
ricky66 ha scritto:è ora di dire basta agli avvelenatori...!! chiediamo a gran voce alla hurom di produrre un estrattore tutto in ZIRCONIA E TITANIO!!! :lol: :lol:

si scherza eh... ne caso a qualcuno sfuggisse... :wink:


Si scherziamo, è un modo di insegnare anche questo.

In sostanza qualunque rilascio di particelle sarebbe insignificante, dovresti bere 100.000 succhi per raggiungere il livello di tossicità di un respiro profondo fatto ai cancelli dell'ILVA di Taranto o a Porto Marghera! :D

Questo in teoria, perché in pratica se hai un corpo con tutti gli organi a posto, quelle particelle le butterai fuori quotidianamente, assieme a moltissime altre tossine di impatto più rilevante.
#78623
La mia polemica nn nasce sul fatto che possa ingerie qualcosa derivante dalla plastica, ma solo per aver euna impressione sulla durata dei due sistemi, dove il primo e'acciaio e il seocndo e'una simil plastica.
Avatar utente
By luciano
#78624
Non saprei dirtelo, io ho tutti e due gli apparecchi, e nessuno dei due si è ancora rotto, La Angel da 5 anni, al pari della Hurom 400, forse 4 anni, che ho venduto alla mia ex e mi dice che è una delle cose che e veramente, ma veramente contenta di aver comprato (e ti assicuro che non perdona nulla a nessuno... meno ancora a me! :lol: )

La Hurom 600 ce l'ho da qualche mese e va alla grande.

Mai un pezzo rotto, le guarnizioni di ricambio di tutti gli apparecchi le ho nel cassetto ancora imbustate.

Però a parte questo la durata delle cose ammesso che siano di qualità, dipende anche da chi le usa.
Sono molto "fortunato" con le cose, altri invece no, va considerato anche l'elemento umano nel valutare la durata e l'assenza di guasti.

Una volta stavo facendo un centinaio di fotocopie in un ufficio dove ho lavorato, e l'impiegata dietro di me era agitata, con un foglio in mano, non osava dirmi che doveva fare una sola fotocopia, poi alla fine non ha resistito, me lo ha chiesto ...per favore, è urgente... e track, la macchina si è rotta con il suo foglio dentro.

Una Xerox "paramilitare" che avrebbe resistito alle cannonate! :D
#78625
Siete spassosissimi!!
Il sistema migliore per evitare ogni contatto con sostanze anomale sarebbe masticare direttamente la frutta....ma occorre aver prima terminato la bonifica dentale!! :lol:
#78628
Eh, ma la frutta potrebbero cadere particelle con le piogge acide, e venire assorbite dalla polpa, anche se bio...

Inoltre la plastica del valplast, non è che rilasci particelle?....

Come vediamo, possiamo arrivare al parossismo con le speculazioni.

Il consiglio è di essere pratici, senza cadere nell'evidente, ovvio non andiamo a comprare la frutta e la verdura nella terra dei fuochi, ma non finiamo con il discutere sul sesso degli angeli. :wink:

Grazie valina per l'appunto, ma i succhi ormai sono un dono degli dei conquistato! :D

Congratulazioni per la perdita di peso e per la t[…]

Panoramica Matteo

Bene, ho tolto il 26(devitalizzato) e il 28 una se[…]

Diario di Narayani

Poi basta perché ogni volta che entravo in piscin[…]

Gli ultimi del contadino

Mai provato a essiccarli al sole? Non ho mai pr[…]

Libri di Arnold Ehret