Arnold Ehret Italia

Questo è lo spazio dedicato agli sportivi che praticano la dieta di Ehret, ma anche a chi vuole segnalare le sue osservazioni durante una camminata o sciando, ecc.

Moderatore: luciano

Avatar utente
By Alessio
#4743
Buonasera a tutti ho ripreso da poco a andare in bicicletta, in primis per motivi ambientalistici e salutistici ( è l'unico mezzo che ci permette di spostarci senza inquinare l'aria, così importante per Ehret ) ma anche per praticità e risparmio economico . Ho una mountain bike, che fra l'altro vorrei cambiare perchè è la stessa di quando avevo 14 anni (e adesso ne ho 26), con un sellino abbastanza rigido lungo e stretto, ora vengo al punto, mi sono sempre chiesto se il sellino della bicicletta faccia male o no e se alcuni sellini facciano più male di altri. Ho fatto delle ricerche su internet ;
Riporto un pezzo tratto da questo sito

http://www.sportsalute.com/salute/patologie_sella.shtm

"Le patologie causate dalla sella da bicicletta.

L'uso sistematico della bicicletta può indurre una serie di patologie nei ciclisti. Come testimoniano le innumerevoli pubblicazioni scientifiche sull'argomento, tali problematiche vengono esasperate da due fattori, l'età dell'atleta da una parte e il tempo trascorso in sella al mezzo.

Il ciclista è a contatto con la bicicletta in 3 punti: pedali, manubrio e sella. L'energia muscolare che il ciclista trasferisce al mezzo viene scaricata attraverso i suddetti punti di appoggio e trasformata in movimento.
La sella della bicicletta rappresenta un punto estremamente importante per la trasmissione della potenza quando il ciclista pedala seduto. La conformazioni delle attuali selle, fanno si che il peso del corpo del ciclista, ricada sulla delicata zona del perineo ed in modo marginale sui glutei. Tale situazione, soprattutto se associata ad una intensa pratica può innescare una serie di patologie, che possono andare dalla infiammazione della prostata, in ciclisti maschi con età superiore a 40 anni, alla diminuzione della sensibilità genitale, fino all'impotenza; nelle donne viceversa l'uso intensivo della pratica ciclistica associata ad una sella non rispettosa della anatomia dell'atleta può innescare vaginiti e cistiti.

Il trauma continuo da sella sulle strutture ossee del bacino può determinare una compressione del nervo pudendo che decorre in un canale denominato canale di Alcok. La sua compressione può essere la causa dei disturbi transitori della sensibilità che i ciclisti possono avvertire durante e dopo l'attività motoria.

I ciclisti, presentano generalmente disturbi della sensibilità legati al traumatismo da sella, alcuni ricercatori americani sostengono che i micro traumi causati dalla pratica del ciclismo, possano indurre uno schiacciamento dell'arteria dorsale che è deputata ad irrorare l'organo genitale maschile.
Tali traumi, a lungo andare, possono causare lo schiacciamento del vaso suddetto, con la relativa perdita della capacità di erezione del pene.
Al fine di dare una dimensione misurabile al problema presso l'Università di Colonia è stato condotto uno studio volto a misurare la riduzione della irrorazione del pene del ciclista. La ricerca ha permesso per la prima volta di quantificare la diminuzione della circolazione sanguigna durante la pratica ciclistica. Tale ricerca rappresenta sicuramente un passo in avanti nella conoscenza delle problematiche causate dalla sella.

L'analisi della fluttuazione della pressione sanguinea a livello del glande nell'atleta seduto sulla sella mostra come essa riduca del 50% il normale flusso, che ritorna normale addirittura aumenta quando il ciclista pedala in piedi. Pertanto risulta di grande importanza in particolare per gli appassionati che percorrono molte ore in sul mezzo di disporre di una adeguata sella, che grazie alla sua conformazione minimizzi i traumi al perineo."
Inoltre sempre su questo sito si parla di problemi urinari e alla prostata causati dalla sella della bicicletta.

Su quest'altro sito

http://www.guidorubino.com/bici/strada/ ... la/imp.htm

Si parla di appoggio sulla sella delle ossa ischiatiche, arterie e nervi e viene proposto l'esempio di selle con apertura centrale e con la punta della sella rivolta verso il basso per scaricare la pressione che altrimenti si eserciterebbe in maniera eccessiva sul nervo pudendo e sull'arteria che scorre nella parte di appoggio.

Per finire ho trovato un sito che propone una sella ergonomica:

http://www.benessere.com/shopping/categ ... nomica.htm

che si basa su questo principio "E' stato eliminanto l'appoggio centrale e la punta escludendo ogni possibilita' di contatto fra gli organi piu' delicati del nostro corpo e la sella."

Altri siti sui quali viene affrontato il problema della sella della bicicletta sono :

http://www.benessere.com/sessuologia/ar ... clismo.htm

http://www.dica33.it/argomenti/sport_sa ... clismo.asp

Infine su questo sito di parla di ergonomia dell'andare in bicicletta e quindi posizione del sellino, manubrio etc.

http://www.fiab-onlus.it/andare/ergonomi.htm

Insomma alla fine di questa carrellata, cosa ne pensate voi di questo argomento ? Sono preoccupazioni inutili o leggittime ? Scusate la lunghezza del post...
By SofiaLoren
#4745
Ciao Alessio
secondo me se vai in bici a livello amatoriale anche 2-3 ore al giorno non devi preoccuparti,questo è un problema che si dovrebbe porre chi fa agonismo e sulla bici praticamente ci vive.Io ed il mio compagno andiamo in mountan bike(strade sterrate)da 6-7 anni ed a volte in vacanza stiamo in bici anche 5-6 ore al giorno anche per 1 settimana di fila e non abbiamo mai avuto problemi a parte il sedere arrossato che risolvi con la pasta fissan per i bambini :D Ciao Sofia
Avatar utente
By bosi74
#30495
io consiglio questa sella:http://www.sellesmp.com/it/default.htm
Avatar utente
By strassaro
#31596
Ciao, sono d'accordo con SofiaLoren, se non fai troppa bici non devi troppo preoccuparti a leggere di danni da bicicletta.
Io in bici ci sto sopra un bel po', una grande passione a livello agonistico.
Il mio consiglio, dai credito alle tue sensazioni, senti come "stai" in bici.
Sicuramente ti consiglio una sella di quelle "col" buco, ma non te ne ne consiglio di particolari, ognuno trova la sua.
Dai importanza a tutto il contorno, posizione in bici, abbigliamento, modo di pedalare, atteggiamento... certo la sella occupa una grossa fetta del problema, personalmente ritengo che il vecchio sellino sia da archiviare, è importante comunque alleggerire la pressione sulle parti intime.

Esperienza mia: dolore al testicolo,diagnosi dopo esame: varicocele per fortuna non da operare.
Come ho risolto: sella "bucata" , ma sopratutto ho abolito i pantaloni "stretti" dal mio guardaroba.
Avatar utente
By luciano
#31628
strassaro ha scritto:Come ho risolto: sella "bucata" , ma sopratutto ho abolito i pantaloni "stretti" dal mio guardaroba.
Gazie per i suggerimenti, quando facevo molte ore in bicicletta, non attualmente, perdevo sensibilità e mi pareva di essere asessuato per un po' quando scendevo dalla bicicletta.
La panoramica di Ienk

Il canino in necrosi è il 43, ho evidentemente sba[…]

Ho letto con interesse la tua esperienza per la pu[…]

Di solito il magnesio viene assorbito meglio, quan[…]

Clisteri o idrocolonterapia

Non ho mai avuto esperienza di idrocolonterapia, m[…]

Libri di Arnold Ehret