Arnold Ehret Italia

Questa è la sezione dove ci si presenta. Prima di farlo, leggi attentamente la guida che vedrai quando aprirai il primo argomento.

Moderatore: luciano

Regole del forum: 1. Prima di tutto, leggi il Regolamento. In questo modo saprai come ci si comporta in questo Forum, al fine di avere un'esperienza piacevole per tutti gli utenti.

2. INCLUDI il tuo nome o nome utente NEL TITOLO del tuo primo post in questa sezione.
Appena arrivi su questo sito, fai sapere qualcosa di te, perché ti sei iscritto, se hai letto e studiato i libri di Ehret e quali. Leggi altro sui libri qui.

Qui può postare ogni iscritto, solo post pertinenti alla propria presentazione, nelle altre sezioni occorre aver prima letto e soprattutto studiato il libro Il Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco.

RIPETO: Ricordati di mettere il tuo nome o nick nel titolo del tuo primo post di presentazione. Continuo a vedere "Ciao a tutti!" "Nuovo arrivato!" e nella ricerca diventa poi difficile trovare chi l'ha scritto. Esempi di corretta presentazione: "Ciao a tutti da Mario", "Nuova arrivata - Maria85".
Avatar utente
By danieleg
#64135
Ciao a tutt*.

Breve presentazione: mi chiamo Daniele, ho 37 anni, seguo uno stile di vita vegano (o per meglio dire antispecista) da circa 7 anni. Inizialmente e' stato solo per motivi etici (animalisti e ambientalisti), ma a breve sono subentrati anche altri motivi, tra i quali quello salutista.
Devo ammettere che ho avuto notevoli miglioramenti, passando a scegliere alimenti piu' sani possibili, frutta e verdura biologiche, ed eliminando varie tossine e alimenti "sbagliati", come caffé, zucchero saccarosio (sostituito da malto e succo d'acero o d'agave, ma diminuendo notevolmente le quantità).

Con gli anni mi sono fatto l'idea che la dieta "ideale" dell'essere umano debba essere quella che rispetta tutto e tutti, e quindi ho iniziato a chiedermi quale potesse essere, perché ad esempio l'impatto delle coltivazioni di cereali è molto alta (anche se infinitamente minore rispetto a quello dei prodotti di origine animale), mentre ad esempio la frutta (se biologica) è decisamente più basso (e soprattutto a ben pensarci, rispetta anche le piante).

In mezzo a queste elucubrazioni, ormai 4 o 5 anni fa, "conobbi" la dieta di Ehret.

Così comprai il libro e a pelle sentii che fosse la strada corretta, e provai a seguire la dieta, facendo una transizione che, essendo già vegano da un po', pensavo dovesse risultare più semplice. Invece non andò così, anche per le difficoltà insite nel mangiare in giro e di condividere la tavola con la mia compagna.
Insomma il mio primo tentativo naufragò, conscio che forse non era per me il momento giusto, ma che in ogni caso reputavo quel modo di mangiare quello che volevo raggiungere, prima o poi.

Qualche mese fa la mia compagna, anche lei abbastanza interessata, mi ha chiesto di leggere il libro, così io ne ho approfittato per rileggerlo: mi è sembrato ancora più "importante" di quando lo lessi anni fa.
Ho poi comprato anche altri libri, ora sto leggendo quello sul digiuno razionale.

Insomma ci sto riprovando: mi ero ripromesso prima di partire 2 settimane di "ferie" in provenza di iniziare, ma tra una cosa e l'altra ho rimandato, pensando proprio di iniziare in ferie (d'altronde quale momento migliore? in campeggio e in provenza in estate con un sacco di frutta matura disponibile...), ma anche in questo caso ho fatto le cose a metà, mangiando frutta e insalate a pranzo ma "cascando" nel muco la cena...

Sono ora tornato da una settimana, senza modifiche sostanziali: casco ancora nella golosità (gelati, creme artigianali nocciole/malto, focacce, ecc.), rese più difficili dal fatto che la mia compagna è la miglior cuoca vegan che esista, e quindi ogni sua creazione è sfiziosissima e dire di no non è facile!

Ora scrivo questo post un po' come punto di partenza, magari mi serve come aiuto per partire :)

Spero di aggiornavi presto con buone notizie!

A presto
Daniele
Avatar utente
By valina
#64140
Benvenuto!! Il mio consiglio è fare un passo alla volta! Eliminare tutto il muco in una volta è durissima. Io son partita dalla non colazione. Forse è stato il passo più duro. Poi son passata al pranzo di frutta. Poi ho aggiunto antipasto di frutta a cena seguita da verdure cotte e crude e il muco alla fine. Tieni presente che il corpo si deve abituare a poco a poco. Non avere fretta e datti degli obiettivi fattibili.
In bocca al lupo :wink: Vedrai il tuo corpo rigenerarsi, buona rinascita!!!
Avatar utente
By daleo
#64163
Ciao omonimo. Uno pensa, sono vegetariano o vegano, dovrei essere avvantaggiato in transizione, non è così, siamo stracolmi di amido colloso che crea fra l'altro notevole dipendenza ai farinacei. Parti con calma, importante è la direzione giusta non la velocità (questa massima è copiata da un amico del forum che non si fa più sentire.)
Avatar utente
By danieleg
#64207
Grazie a tutt* :-)

Ho iniziato lunedi' e per ora sto bene, sto tenendo un diario delle cose che mangio, ho evitato del tutto i cereali e, se ho capito bene, ho mangiato solo dei piselli lessi che potrebbero creare muco.

Per il resto ho fatto 1 giorno di digiuno (dalla cena di domenica a quella di lunedi), una cena con macedonia di frutta, e un pranzo con verdure lesse e altre saltate.

Vediamo oggi a pranzo cosa riesco a fare (sono da un cliente e mangero' fuori).

Daniele
Avatar utente
By danieleg
#64384
Ciao di nuovo a tutt* :)

Sono "sparito" qualche giorno per un problemino che ho avuto....

Per ora sto facendo la transizione (da vegano che gia' ero da 7 anni a dieta nocolazione-quasinocereali) da lunedi' scorso (quindi circa 10 giorni).

Ho sgarrato credo 2 volte con un cous-cous integrale, per il resto ho eliminato del tutto il pane, i biscotti a colazione, le paste.

Sembra vada tutto bene, ma sabato e' successa questa cosa: a pranzo sento dolore lieve a un dente incapsulato masticando; verso sera il dolore aumenta e al mattino della domenica non so piu' dove sbattere la testa dal male!

Dopo un po' riesco (non so come!) a smuovere la capsula, cosi' il dolore si attutisce un po', anche se non molto, ma perlomeno posso chiudere la bocca, perche' il dente non tocca piu'.

Alla sera di domenica ho la febbre a 38,5 e tribolo parecchio a dormire.

In tutto questo frangente ho mangiato solo frutta sabato a pranzo, un'insalata di verdure crude a cena, domenica c'erano degli amici, quindi verdure grigliate e dei pate' morbidi di cannellini e azuki e poco altro (no pane no cereali).

Lunedi' mattina fa ancora parecchio male, cosi' vado dal dentista, che mi fa una lastra e trova un granuloma sotto la radice del dente (devitalizzato); mi propone di prendere per una settimana un atibiotico e antidolorifici e poi quando si sgonfiera' (perche' nel mentre e' un po' gonfiata la guancia) potra' provare a curarlo....

Per ora ho fatto cosi': sto prendendo un analgesico omeopatico/fitoterapico, l'antibiotico non ci penso nemmeno a prenderlo, e l'ho "sostituito" con: aglio crudo, un composto naturale a base di semi di pompelmo, ribes nigrum mg (per l'infiammazione) e una pipetta al giorno di argento colloidale.

Ad oggi il dolore e' quasi scomparso, il gonfiore non ancora.

Consigli?

Credo di sapere che la cosa migliore sarebbe togliere il dente devitalizzato, ma purtroppo e' un molare inferiore (lato sx), e gia' ho tolto il corrispondente a dx (sostituito da un impianto), e pure il molare superiore lato dx (ad oggi ho ancora il buco), quindi mi piacerebbe tenerlo, perche' gia' cosi' non e' facilissimo masticare...

Grazie a tutt*.
Daniele
Avatar utente
By Foca
#64385
Hai letto, nella sezione specifica, cosa vuol dire tenersi i denti devitalizzati e le malattie che può provocare?

Non sottovalutare questa cosa, si tratta di cancrene.
Avatar utente
By danieleg
#64387
Si', l'ho letto, ma nel mio caso vorrebbe dire restare senza almeno 10 denti....
Avatar utente
By Foca
#64410
danieleg ha scritto:Si', l'ho letto, ma nel mio caso vorrebbe dire restare senza almeno 10 denti....



Durante le numerose visite allo studio del dottor Zahlmann, in più di una occasione, ci ha raccontato la vicenda di un nuovo paziente.

Alcuni anni fa si presentò da lui un giovane uomo (sui 40 anni) spiegò al dottore che gli si era rotta una otturazione e gli chiedeva di ri-sistemargli il dente.

Il dottore lo visitò e gli disse che avrebbe dovuto avere in mano una panoramica.

Dopo poco tempo il nuovo paziente tornò con la panoramica, il dottor Zahlmann, dopo averla visionata attentamente, comunicò all'uomo che avrebbe dovuto togliere tutti i denti devitalizzati che aveva in bocca (erano la maggioranza) l'uomo si rifiutò, categoricamente, allora il dottore gli disse che lui non avrebbe fatto nessun lavoro nella sua bocca, quindi niente ripristino dell'otturazione rotta, il paziente se ne andò.


Tornò, dopo mesi si ripresentò dal dottor Zahlmann, piangendo :( gli avevano dato 6 mesi di vita.

Il dottor Zahlmann gli comunicò che a quel punto lui non avrebbe più potuto fare nulla, però contattò subito dei colleghi tedeschi (in Germania) (credo in qualche clinica) spiegò loro la situazione e loro si raccomandarono che il paziente fosse da loro il prima possibile: il mattino dopo.

L'uomo si precipitò in Germania, gli estrassero tutti i denti, riuscì a vivere ancora un anno, il tempo di aggiustare le cose per lasciare la famiglia nelle condizioni migliori, purtroppo anche i medici tedeschi non potettero fare di più: era troppo tardi.

Non sappiamo, e non lo sapremo mai, se nel caso che avesse tolto tutti i denti che gli suggeriva Zahlmann al primo incontro, avrebbe potuto salvarsi la vita, la cosa certa è che lui è morto.

Adesso io non voglio certo fare del terrorismo, però è veramente necessario dare la giusta importanza alla questione, anche io adesso sono sdentata, però sono viva, e sono grata alla mia vita che si è illuminata ed ho potuto vedere bene la strada da percorrere.


Proprio ieri parlavo con una giovane donna, ha avuto il cancro al seno, un seno asportato e chemioterapia.

Le ho chiesto se per caso aveva qualche dente devitalizzato, mi ha risposto:"Tanti"

Ho cercato di spiegarle la faccenda ma lei per adesso non ha voluto capire la gravità, spero di riuscire ad arrivare al suo cuore, in tempo, anche perchè ha un bimbo piccolo e lei è giovane.

è difficile, davvero difficile fare il collegamento delle malattie con i denti devitalizzati, ma dobbiamo fare uno sforzo e cercare di valutare bene la nostra situazione.

Danieleg.....io ti suggerisco almeno di far visionare la tua panoramica da un medico esperto, dopo deciderai cosa fare.
Avatar utente
By luciano
#64415
danieleg ha scritto:Si', l'ho letto, ma nel mio caso vorrebbe dire restare senza almeno 10 denti....
Purtroppo anche il cibo migliore del mondo, il più perfetto, non risolverebbe i problemi di salute se non viene ottenuto questo requisito:
  • Gli amalgami dentali al mercurio andrebbero rimossi prima di iniziare la pratica del sistema di guarigione della dieta senza muco. Gli amalgami rilasciano perennemente mercurio e intossicano il corpo e l’azione di una dieta di per sé anche disintossicante viene vanificata dal continuo rilascio di tossine. Nel caso che si abbiano denti devitalizzati da più di dieci anni, tali denti devitalizzati andrebbero anch’essi rimossi perché le tossine prodotte dai loro tessuti necrotizzati sono almeno 5 volte più tossiche di quelle provenienti dalla fermentazione e putrefazione dei cibi inadatti all’alimentazione umana. E’ anche consigliabile rimuovere ogni sorta di metallo presente nella propria bocca, in quanto gli effetti elettrici e di elettrolisi che producono sono fonte di disturbi che spesso non vengono attribuiti ad essi e rimangono senza causa apparente. E’ poi necessario sostituire i denti devitalizzati rimossi con impianti con materiali ceramici, evitando di mettere metalli in bocca. Oggi esistono anche perni e denti completamente ceramici senza supporti metallici.


Da: http://www.arnoldehret.it/prerequisiti- ... senza-muco

Puoi solo tamponare, ma non per molto.
Avatar utente
By danieleg
#64422
Grazie dei consigli, ci pensero' bene....

Congratulazioni per la perdita di peso e per la t[…]

Panoramica Matteo

Bene, ho tolto il 26(devitalizzato) e il 28 una se[…]

Diario di Narayani

Poi basta perché ogni volta che entravo in piscin[…]

Gli ultimi del contadino

Mai provato a essiccarli al sole? Non ho mai pr[…]

Libri di Arnold Ehret