Arnold Ehret Italia

Qui si possono discutere e richiedere riferimenti del libro riguardo alla risoluzione di condizioni non ottimali di salute

Moderatore: luciano

By mrdrago
#65763
Ecco la soluzione dell'enigma. L'alimentazione non contava nulla, e neppure l'India in un certo senso.... trattasi infatti di un disturbo psico-somatico.
Non ho fatto altro che innescare un ciclo ansioso... i sintomi mi creavano ansia e l'ansia scatenava nuovamente i sintomi.

Purtroppo la cosa era nascosta perchè non si trattava tanto di ansia "conscia", ma vecchi traumi del passato, o chissà cos'altro che sono tornati fuori.
Tutto è partito dall'India che ha contribuito a smuovere queste cose, quando evidentemente non ero pronto.

Oramai è più che chiaro, e già mi sento meglio sapendo l'origine del mio disturbo, molto più sollevato.

E' cambiato tutto quando sono stato a farmi fare un trattamento da una signora con cui mi ha messo in contatto un mio amico, lei è una master reiki, non ho mai provato una cosa così potente.

Quando si è concentrata sulla zona del petto mi si sono scatenati sintomi violentissimi, affanno, tremori, palpitazioni, mi si sono paralizzate addirittura le mani....!

Incredibile, questa è la dimostrazione lampante di cosa può fare la mente sul corpo... ma il bello è che è valido anche l'opposto, dove si può arrivare pensando positivamente, cioè innescando un ciclo di "felicità"?

La tizia mi ha detto anche che secondo lei la mia alimentazione è completamente sfasata... questo senza sapere nulla di quale regime alimentare seguissi... che vorrà dire?

Lei dice che ha percepito chiaramente che il mio corpo non è "ben nutrito", perchè gli chiede tanta energia.

Può essere che stia sbagliando qualcosa? Può essere che sia anche questo un risultato di uno stress psico-fisico?
Andrò a fondo anche in questo, sperando di ritrovare nuovamente una qualche sorta di equilibrio...

Comunque sono già abbastanza soddisfatto, L'ipotesi più improbabile dopo mesi di sofferenza!
Avatar utente
By flib
#65970
mrdrago ha scritto:La tizia mi ha detto anche che secondo lei la mia alimentazione è completamente sfasata... questo senza sapere nulla di quale regime alimentare seguissi... che vorrà dire?

Prova a scrivere per qualche giorno cosa mangi e poi si potrà fare qualche supposizione.

mrdrago ha scritto:Lei dice che ha percepito chiaramente che il mio corpo non è "ben nutrito", perchè gli chiede tanta energia.

Può essere che stia sbagliando qualcosa? Può essere che sia anche questo un risultato di uno stress psico-fisico?
Andrò a fondo anche in questo, sperando di ritrovare nuovamente una qualche sorta di equilibrio...


Sicuramente dovresti abbassare la tensione. Dai tuoi precedenti interventi traspariva ansia e preoccupazione che sono in disaccordo con un processo di guarigione.

Ancora adesso le tue domande fanno trasparire una certa preoccupazione. :wink:

Rilassati, sei sul "Tavolo Operatorio della Natura" :D
By mrdrago
#66005
si... quella è l'unica cosa in cui ho fiducia.. che il corpo si risistema sempre. ma a volte perdo la fiducia anche in quello.

certi giorni mi sento stra bene, penso positivo, riesco anche ad allenarmi.

il punto è che anche se questi miei disturbi hanno un origine ansiosa è strano perchè si manifestano quando l'ansia non si manifesta... io me ne sto tranquillo e dal nulla il cuore inizia a pompare. Non sembra esserci una vera causa che li provoca.
Ma forse veramente il mio sistema nervoso è sfasato.
Io ci provo a fare di tutto per riequilibrarmi. yoga, ecc... tanto penalizzante è il fatto che non riesco più a correre.. quello ancora faccio fatica ad accettarlo.
Ma ancora non va....
Avatar utente
By CarloB
#66108
Sto vivendo la tua stessa situazione da quasi un anno. Ho dovuto abbandonare la palestra e mi sto dedicando alla lettura di numerosi libri per avere più conoscenze possibili sulla questione. L'idea che mi sto facendo è che il 95% delle cause vengono fatte risalire a problemi mentali inconsci che ostacolano il processo di guarigione generando stress di cui non siamo consapevoli. Ovviamente anche l'alimentazione è importante, ma da sola non basta!
Avatar utente
By luciano
#66111
CarloB ha scritto: Ovviamente anche l'alimentazione è importante, ma da sola non basta!
E' vero. Di fatto le malattie nascono prima dal malcontento dell'essere spirituale nella mente per poi manifestarsi nel corpo. L'alimentazione è parte dell'intera cosa.
By mrdrago
#66113
Io la palestra l'ho ripresa... come cardio solo un po' di bici... ancora a correre non me la sento. Comunque continua con lo sport... ti può fare solo bene. Io all'inzio avevo paura perchè i battiti salivano troppo, ma adesso sono un po' di settimane.. sto cominciando a farci l'abitudine e recupero anche molto meglio. solo ancora certi giorni preferirei stare a casa... ma mi metto sotto lo stesso, cerco di non rinunciare più a nulla di quello che facevo prima per quanto possibile.
Avatar utente
By luciano
#66114
mrdrago ha scritto:...cerco di non rinunciare più a nulla di quello che facevo prima per quanto possibile.
Questo è un atteggiamento corretto, ti mette in comando della nave e la porti tu dove vuoi! :D
Avatar utente
By CarloB
#66135
Non ho il coraggio di riprendere a fare attività fisica perchè se la tachicardia è passata riscontro ogni tanto (quando micorico dopo mangiato se mangio un po di più del normale e se mangio certi alimenti) le palpitazioni. Poi se faccio uno sforzo alcune volte sento mancanza d'aria e alcune volte sento delle sensazioni spiacevoli al petto e alla gola. Ho poi riscontrato come te un'aumento della pressione del sangue che mi ha preoccupato non poco. Ora è da un bel pò che non la misuro perchè voglio vedere come va facendo dello yoga e curando l'alimentazione per quel che posso, invece di prendere farmaci che con molta facilità gia mi avevano dato!.Tutti gli esami medici fatti circa 6 mesi fa hanno dato esito negativo e il cardiologo bollò tutto come ansia. Il problema è che qui (i medici) nessuno capisce una mazza e se gli esami macroscopici non danno nessun esito allora è ansia o peggio si possono inventare malattie che non hai e ti sottopongono a esami invasivi e farmaci che ti possono creare problemi che prima non avevi! Il bello è che tutto ciò iniziò questo inverno in concomitanza con l'influenza.
Avatar utente
By acerra99
#66136
io avevo palpitazioni da giovane e battito accelerato di cui pero'
mi accorsi per la prima volta ad un colloquio
con una azienda a nord di Londra in cui, alla seconda visita, mi facevano anche la visita medica.

E' vero, il medico mi disse, ma che cosa succede, questo non e' normale;
io allora mi concentrai sulla serenita' che m'ispirava una ragazza all'epoca e scese di qualche punto, ma non ancora entro i limiti.

Nel mio caso la causa erano
due denti del giudizio inferiori gravemente impattati. Beh la causa..... LA CAUSA e' la somma di tutto, ma quello che faceva la differenza tra me cosi' e un mio coetaneo senza era pure quello.

lorenzo


I denti del giudizio come causa di malattia cardiaca. Ci sono grosse novità nel settore della cardiologia! I denti del giudizio sono visti come una causa prevalente di malattia gengivale cronica e la sepsi orale è oggi considerata capace di avere effetti avversi sul cuore. La scelta di lasciare un dente del giudizio malposizionato con pericoronite può avere implicazioni negative molto grosse per un paziente cardiaco. Ovviamente la rimozione del materiale infetto che spesso si presenta in corrispondenza di questi denti richiede tutte le precauzioni del caso in un paziente in condizioni di salute instabili.

Muerman (2003), Janket (2004) e Gordon (2004) hanno riportato dati abbastanza clamorosi in cui un gruppo di persone con tutte e tre le seguenti caratteristiche dentali:
1. assenza di pericoroniti dei denti del giudizio,
2. assenza di resti di radici nell’osso mandibolare,
3. assenza di gengivite,
mostravano di avere una probabilità di malattia cardiaca e di attacchi di cuore vicina allo zero, ben diversa dalla situazione media della popolazione! Nemmeno gli indici per eccellenza di malattia cardiovascolare, il colesterolo o la proteina C reattiva, non sono mai riusciti a prevedere cosi bene i gruppi d’individui immuni da attacchi cardiaci.

Nel libro "Krankheitsherde Zähne" ("Denti che sono causa focale di malattie"), Rosemarie Mieg racconta di un simpatico insegnante 48enne in buona forma fisica cui era stata diagnosticata una patologia cardiaca funzionale. La guarigione arrivò con l’estrazione dei quattro denti del giudizio. Sparì anche una gastrite, si stabilizzò immediatamente la circolazione. I disturbi alla prostata ci misero qualche settimana in più per regredire, ma alla fine scomparvero del tutto. Un lieve ulteriore beneficio lo ebbe dalle iniezioni di procaina sui siti dove c’erano stati gli interventi. Centinaia di visite presso medici in precedenza non avevano potuto risolvere neppure parzialmente i suoi problemi di salute.

Le osservazioni della Mieg che andiamo ora a riportare risalgono ad una ventina di anni fa, quando era ancora estremamente inusuale che la medicina accademica si occupasse dell’argomento denti del giudizio inclusi. Da nove mesi il funzionario comunale Huber H., 48enne di Chiemsee, soffriva di alterazioni del ritmo cardiaco, miocardite, momenti di bisogno di ossigeno e mancanza di forze. Sei settimane di ricovero in ospedale e tutte le terapie del caso non avevano portato ad alcun risultato. Successivamente peggiorò ulteriormente e fu confinato in una sedia a rotelle per una settimana. Ci fu un secondo ricovero di quattro settimane, questa volta al centro di cardiologia bavarese, e anche qui tutti i possibili controlli e farmaci non portarono a niente. In pratica gli fu detto: "Non si può fare niente!" Si doveva abituare al suo cuore "debole", al dover rimanere a casa e non essere più in grado di impegnarsi nel minimo sforzo fisico. Un leggero rigonfiamento dal lato destro del collo era finanche dolorante alla pressione. L’ortopanoramica di controllo portò ad un primo risultato: il dente del giudizio in basso a destra era quasi del tutto orizzontale. Il paziente chiese al dentista di estrarlo, ma lui disse che non riusciva a vedere nessun problema e che non riteneva giusto toglierlo. Alla clinica cardiologica il paziente pose la stessa questione agli specialisti: "Ma non è che per caso questo dente c’entrasse qualcosa con i suoi malanni?" I medici derisero la sua ipotesi di diagnosi e lo tranquillizzarono che non era assolutamente quello. Lui però andò di nuovo dal suo dentista a chiedere di togliere quel dente del giudizio impattato, ma ancora una volta il dentista disse che la tesi con la quale si era fissato era assolutamente strampalata. Un giorno dovette raccontare le sue vicende cardiologiche al vicino di casa che si era offerto di aiutarlo in giardino. Fu proprio costui a parlargli delle ricerche della dottoressa Mieg. Era il 1987. Il dente del giudizio destro fu allontanato e tutta la zona 48-49 ebbe bisogno di un curettaggio per l’estesa infiammazione che si era creata sull’osso mandibolare, area 48-49. La ferita guarì molto lentamente. Fu necessario andare a fare un secondo curettaggio due mesi dopo, perché si era instaurata di nuovo infiammazione, che anch’essa ha effetti focali. A quel punto gli sforzi della bonifica dentale furono premiati con la svolta! Il 48enne migliorò decisamente, le alterazioni del ritmo cardiaco scomparvero da sole, insieme con i momenti di bisogno d’ossigeno. Dopo otto mesi di malattia poté ritornare al lavoro e nel periodo di osservazione di quindici anni non ebbe alcuna ricaduta. I medici non poterono più riscontrare le alterazioni patologiche che avevano misurato allora. Il paziente ora poteva andare anche a sciare e ballare e assolutamente non aveva più alcun impedimento.

Robert B., di 39 anni, era uno psicoterapeuta e insegnante che non aveva tempo per ammalarsi. Ma quando andava in vacanza nei paesi caldi, aveva sempre disturbi al cuore e alla circolazione. Aveva ancora tutti i denti del giudizio, e al posto dei denti mancanti 36 e 46 vi erano delle osteomieliti grandi come piselli, ben visibili sulla radiografia. I denti del giudizio superiori 18 e 28 avevano delle infezioni alla punta delle radici e i denti del giudizio inferiori avevano delle radici molto corte e rotonde, quindi incomplete. Nella radiografia si vedevano bene i follicoli alle punte delle radici dei denti, dalle quali erano cresciuti i denti. Già solo questo è un focolaio che crea un disturbo nell’organismo. Quando i denti dal numero che finisce con 8 vengono rimossi spesso pende dalla punta della radice una sorta di follicolo, come una pallina bianca. Un granuloma invece, che è una secrezione a forma di sfera di un dente morto, si presenta di aspetto rosso ed è una specie di sangue coagulato. I quattro denti del giudizio e le infezioni ossee nei denti 36 e 46 furono rimossi nella clinica odontoiatrica. Il paziente poté partire per il suo giro del mondo senza mai più accusare disturbi al cuore o alla circolazione.

Anche Paul B., montatore tecnico 36enne che per motivi di lavoro doveva andare spesso nei paesi tropicali, soffriva disturbi al cuore e alla circolazione in corrispondenza dell’esposizione ai climi caldi e umidi. Consigliato dalla Mieg si fece estrarre tutti e quattro i denti del giudizio e nel successivo viaggio ai tropici i disturbi al cuore e alla circolazione erano meno forti, poi dall’anno successivo in poi non comparvero più.

Brevemente, vediamo altri cinque casi riportati dalla D.ssa Mieg. L’avvocato Andrew Q. soffriva già a 31 anni di età di una grave condizione cardiaca e di problemi circolatori. La causa, si scoprirà, erano i quattro denti del giudizio. In particolare l’ottavo superiore sinistro risultava causare i problemi maggiori. Il dente non si era sviluppato correttamente (l’apice aveva la forma arrotondata). Erano visibili dall’ortopanoramica delle cisti a livello apicale. Il paziente acconsentì all’estrazione dei quattro denti del giudizio. La scomparsa dei sintomi fu immediata.
Ruth K., 34 anni, residente poco a nord di Monaco di Baviera, soffriva non solo di problemi circolatori ma anche di coliche biliari. La salute del cavo orale era buona, ma aveva tutti gli ottavi inclusi. Non appena furono rimossi, i problemi di salute della 34enne scomparvero del tutto.
Una 25enne arrivò dalla Svizzera per far valutare i suoi problemi cardiaci e di circolazione. I consulti con diversi specialisti non lo avevano aiutato ad ottenere il benché minimo miglioramento. Ebbene la causa, si scoprì ancora una volta, erano i denti del giudizio. La loro estrazione apportò il sollievo dei sintomi.
Lo studente 26enne Klaus D. aveva già un appuntamento alla clinica cardiopatica per un sospetto d’infarto miocardico acuto. Nel giro di tre giorni doveva ricoverarsi perché soffriva di dolori al cuore, le spalle erano sensibili al tatto e la mascella inferiore sinistra era gonfia.
Intorno al dente in basso a sinistra, "responsabile" per il cuore e la circolazione, vi era un’infiammazione che causava i dolori al lato sinistro del corpo. Con l’assenso del paziente la Mieg estrasse subito il dente. Dopo tre giorni Klaus non aveva più bisogno di andare in clinica - l'internista confermò che era fuori pericolo ora. In seguito si procedette alla rimozione anche degli altri denti del giudizio.

Anche Karl H, 47 anni, direttore di un supermercato, era uno di quei pazienti di una clinica cardiopatica per i quali la causa dei disturbi cuore e alla circolazione fu trovata in alcuni denti del giudizio. Nonostante avesse appena avuto un lungo ricovero alla clinica ospedaliera, la sua salute non smetteva di peggiorare. Secondo la Mieg questo peggioramento dopo il ricovero si spiega perché all'ospedale la circolazione viene messa in moto attraverso il calore e le iniezioni, le sostanze di disturbo scorrono più di prima dai denti morti attraverso il corpo.
Il dente del giudizio sinistro inferiore era infiammato. Il dente in alto a destra era rimasto incluso. Il canino superiore 11 non solo era morto, ma mostrava anche un granuloma grande quanto la capocchia di uno spillo. Il dente del giudizio 48, in basso a destra, non era da meno, quasi tutto ritenuto sotto la gengiva. Tutti questi focolai di disturbo furono rimossi e Karl al controllo successivo era libero dai malesseri. I medici della clinica non finivano di stupirsi per l’esito positivo.

A ben guardare ci sono state numerose osservazioni cliniche di questo tipo nel periodo d’oro dell’infezione focale, ai tempi di Miller (1901), Rosenow (1923) e Price (1923). Nel 1921 per esempio il Dr. James Warwich riportava la guarigione di una patologia cardiovascolare di un 60enne dopo l’estrazione di denti del giudizio apparentemente normali.

Poi c’è stato il periodo d’oro della odontoiatria neuro-focale di Voll e Pischinger, anche qui correlata da numerose osservazioni sul fatto che i denti del giudizio partecipano alle malattie cardiache (Adler 1983). Io mi sono avvicinato a questo argomento per la prima volta in vita mia attraverso gli scritti del Dr. prof. Max Daunderer (1997), che ha riportato innumerevoli guarigioni di patologie cardiache in seguito alla rimozione di denti del giudizio con cisti. Una fonte integrale consultabile su internet è questa qui:
http://www.toxcenter.de/artikel/Gifte-im-Zahn-Erkennen-Beseitigen-Neue-Schule-Daunderer-online.pdf ( in tedesco )

[/url]
By mrdrago
#66168
Carlo, io ti sto prescrivendo un attività fisica come medicina, non come una cosa che devi fare per forza, vuol dire che noterai dei miglioramenti se ricomincerai ad allenarti gradualmente... tipo anche andare a camminare all'inizio.

Mi sono informato tanto e c'è gente che fisiologicamente presenta i miei stessi battiti da uno stato di "salute". In ogni caso, ai pazienti che presentano i sintomi di ansia e attacchi di panico viene prescritto lo sport, anche se hanno le palpitazioni. D'altronde se il tuo cuore è apposto, cioè se "batte bene", non c'è motivo per cui tu non possa spingerlo, al contrario, avviene un'a specie di "autoregolazione", e dopo la prima fase di stallo i battiti iniziano a rientrare. Io mi alleno sopra i 200 battiti per minuto, le scimmie a riposo hanno 190 bpm.... c'è anche chi ha le tachicardie parossistiche e va anche a 300-400, ma lo facevo anche prima di stare male.
Io poi che facevo gare di mma prima del match il cuore sembrava scoppiare, iniezioni di adrenalina pura...(guardati i camera car dei piloti di f1 alla partenza:-))
Adesso la tachicardia a riposo mi viene ancora, ma più che altro alla sera...e chissà per quanto mi durerà ancora... ma chi se ne importa ?

Poi io non sono iperteso, la mia pressione è sempre ottimale. Ma se non sbaglio l'attività fisica contribuisce a regolarla, se fatta costantemente.

Oggi è il primo giorno che sono riuscito a correre per 30 minuti senza fastidi, in pianura... gran successone! Ora non mollo neanche morto.
Non mi sembra vero... chissà se più avanti riuscirò a ricominciare con gli ultra-trail e forse anche con le mma.
By mrdrago
#66177
niente denti devitalizzati, niente metallo, in pratica non è stato fatto alcun lavoro a parte un paio di carie a 13 anni mi sembra.

Però ho una lieve masticazione incrociata, e mi sta spuntando un dente del giudizio.. o forse 2... e uno mi è già spuntato mi sembra...
By mokarta
#66181
Anche i miei disturbi di aritmia cardiaca sono iniziate 15 anni fa simultaneamente all'eruzione di un ottavo.. Gli episodi negli anni si sono fatti sempre piu frequenti e fastidiosi, tanto da condizionarmi non poco la vita, episodi, i quali, risultavano resistenti alle terapie convenzionali (anche se mi sono sempre rifiutato di accettarle)... Questo dente l'ho fatto estrarre da un paio di anni da un normale dentista (lasciandovi l'osso infetto) e naturalmente anche i miei disturbi sono rimasti (il Prof. Daunderer a riguardo è molto chiaro "Più tardi un focus lasciato in una mandibola senza denti può avere lo stesso effetto come se il dente fosse ancora lì").. A maggio quella zona osteitica/necrotica me la sono fatta courettare dal Dr Kreger a Monaco, forse è ancora presto per poter parlare di assoluta guarigione, ma volevo farvi notare che sono 3 mesi quest'oggi che NON ho piu avuto nemmeno un solo episodio di aritmia (ne soffrivo da 2/4 al mese che duravano quasi tutta la giornata)...

Questo è ciò che dice la Dr.ssa M.Noguera , riguardo agli insegnamenti del Dr Adler, in questa relazione sugli Ottavi, : http://dentitossici.altervista.org/devi ... 011_04.pdf

__________________
Accadono cose che sono come domande, passa un giorno, un mese, un anno e poi la vita ti risponde..
Ultima modifica di mokarta il 1 novembre 2012, 16:56, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
By CarloB
#66183
luciano ha scritto:A denti come state?
Scusate se la domanda aveva già ricevuto risposta...

Non ho denti devitalizzati, otturazioni in amalgama invece si come daltronde tante persone della mia età ma i denti non mi danno nessun fastidio. Devo dire che non credo molto all'ipotesi denti (almeno per il mio caso) tranne nel caso in cui ci siano evidenti segni indicatori che qualcosa in quella zona sia compromessa, se poi aggiungiamo il fatto che molti propongono di tirare tutti i denti, uno per uno, fino a verificare la risposta dell'organismo be allora la questione mi fa venire molti dubbi tali di starmene alla larga da certe teorie! D'altra parte conosco di gente che pur sottoponendosi a simili tarttamenti non ha risolto nulla ed è rimasta per giunta senza denti.
By mrdrago
#66184
Per non parlare delle spese mastodontiche da affrontare... io attualmente sono senza lavoro, e senza un soldo, una situazione disperata anche per farsi la spesa, figuriamoci se ho soldi da dare ai dentisti.

A parte questo trovo che le argomentazioni siano validissime, e se fosse per me anzi....
No, di sicuro, appena ne avrò la possibilità, sistemerò denti e anche quello che riguarda la postura, come prima cosa, ma al momento è fuori portata.

Congratulazioni per la perdita di peso e per la t[…]

Panoramica Matteo

Bene, ho tolto il 26(devitalizzato) e il 28 una se[…]

Diario di Narayani

Poi basta perché ogni volta che entravo in piscin[…]

Gli ultimi del contadino

Mai provato a essiccarli al sole? Non ho mai pr[…]

Libri di Arnold Ehret