Arnold Ehret Italia

Questa è la sezione dove ci si presenta. Prima di farlo, leggi attentamente la guida che vedrai quando aprirai il primo argomento.

Moderatore: luciano

Regole del forum: 1. Prima di tutto, leggi il Regolamento. In questo modo saprai come ci si comporta in questo Forum, al fine di avere un'esperienza piacevole per tutti gli utenti.

2. INCLUDI il tuo nome o nome utente NEL TITOLO del tuo primo post in questa sezione.
Appena arrivi su questo sito, fai sapere qualcosa di te, perché ti sei iscritto, se hai letto e studiato i libri di Ehret e quali. Leggi altro sui libri qui.

Qui può postare ogni iscritto, solo post pertinenti alla propria presentazione, nelle altre sezioni occorre aver prima letto e soprattutto studiato il libro Il Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco.

RIPETO: Ricordati di mettere il tuo nome o nick nel titolo del tuo primo post di presentazione. Continuo a vedere "Ciao a tutti!" "Nuovo arrivato!" e nella ricerca diventa poi difficile trovare chi l'ha scritto. Esempi di corretta presentazione: "Ciao a tutti da Mario", "Nuova arrivata - Maria85".
#72465
luciano ha scritto:Ho tradotto l'inizio dell'articolo:
Le Cause delle Malattie Non Sono Genetiche

[align=justify]Ithaca, NY, dicembre 6, 2010 / PRNewswire-USNewswire / - Dal sequenziamento del genoma umano, i ricercatori genetici hanno cercato intensamente ma hanno portato alla luce poche prove che suggeriscono che i geni ereditati causino malattie comuni. Per tali malattie, che includono malattie cardiache, ictus, cancro, diabete e disturbi come l'autismo, ADHD e demenza, così come malattie mentali come schizofrenia e depressione, una causalità genetica significativa può ora essere esclusa con un elevato grado di sicurezza.

Il caso di un ruolo sostanziale dei geni nella suscettibilità alle principali malattie umane è ormai scientificamente confutato, come sostiene una nuova analisi approfondita pubblicata dall'organizzazione scientifica di interesse pubblico, il Progetto Resource Bioscience.

L'analisi deriva dal fallimento ripetuto di un nuovo e completo metodo di scansione del genoma (chiamato studi di genome-wide-associazione -- GWA) per trovare importanti geni delle malattie umane. Essa rileva che più di 700 studi con il metodo GWA da parte di ricercatori provenienti da tutto il mondo, che copre più di 80 differenti malattie e ad un costo di molti miliardi di dollari, hanno prodotto essenzialmente lo stesso risultato. Dei circa 1.000 geni identificati che conferiscono suscettibilità alla malattia ce ne solo una piccola manciata fra l'altro di importanza limitata. I rimanenti sono così deboli nei loro effetti da essere di importanza trascurabile per la salute umana.(L'enfasi è mia)[/align]

L'articolo integrale originale (In lingua inglese):

The Causes of Common Diseases are Not Genetic Concludes a New Analysis


bisognerebbe fare una ricerca su pub med..non conosco la fonte di questo articolo, ma nn mi sembra zia uno dei "big five" che sono le riviste piu` affidabili (lancet etc) che hanno metodi di selezione del materiale che pubblicano molto rigorosi. detto questo, e` vero che in una stessa famiglia di solito ci sono le stesse condizioni ambientali, banalmente se i genitori mangiano male educheranno i figli a mangiare male e quindi avranno sei problemi cardiaci magari o di peso. questo e` quello che in statistica si chiama bias, e` un errore che viene calcolato. e` anche vero che da genitori neri non.nascera` un figlio bianco e viceversa, indipendentemente dall'ambiente, e che persone down possono avere fifli dowm. come si eredita il carattere "colore della pelle" si puo` ereditare il difetto. ci sono diverso studi sulle malattie genetiche e fino ad ora si sono mostrati esatti. poi, si potrebbe anche fare altri studi per capire se in realta` il bias non siano proprio i geni :-):-) ma non ne so abbastanza, non ho mai cercato. Per ora si da abbastanza per scontato ce sia cosi`. alla fine non e` cosi` illogica come teoria, ma si potrebbe fare una ricerca im rete e vedere cosa esce!
#72467
Per la malattia in topic, non c'è genetica che tenga ma è ambientale cibo aria tossici eccc... ormai si sa',
anche sui vaccini direi qualcosa. Campbell dice chiaramente che i geni non si attivano in situazione di dieta a base di cibi naturali di origine vegetale, in the China Study
#72470
Diravel ha scritto:bisognerebbe fare una ricerca su pub med..
Direi proprio di no! :D
A meno che non si voglia chiedere alla volpe di fare la guardia al pollaio! :D

Lì trovi le ricerche pagate dalle multinazionali per ottenere risultati su commissione:

[align=justify]LA REVISIONE PARITARIA (PEER REVIEW)

Pubblica o perisci è il classico dilemma di ogni ricercatore. Questo significa che chi si aspetta di ricevere fondi per il prossimo progetto di ricerca sarà meglio che ottenga la pubblicazione di quella attuale sui migliori giornali scientifici. E tutti sappiamo che i migliori giornali scientifici come JAMA, New England Journal, British Medical Journal , etc. ricevono la revisione paritaria. Revisione paritaria significa che ogni articolo che viene pubblicato, in mezzo a tutti quei coloratissimi inserti pubblicitari di farmaci e intere pagine di propaganda delle case farmaceutiche è stato rivisto e accettato da qualche tipo molto intelligente con un sacco di credenziali. Il presupposto è che, se l’articolo ha superato la revisione paritaria, i dati e le conclusioni della ricerca sono stati interamente verificati e sono attendibili.

Ma ci sono alcuni piccoli problemi in questa circostanza. Prima di tutto i soldi. Anche se i prestigiosi e venerabili giornali medici pretendono di essere così obiettivi, scientifici e incorruttibili, in realtà si trovano di fronte ad un fattore importante che accomuna tutte quelle riviste dalle pagine patinate di cui devono tener conto: non contrastare i tuoi inserzionisti. Tutte queste intere pagine di pubblicità di prodotti farmaceutici nei migliori giornali costano miliardi. Per quanto tempo ancora una casa farmaceutica pagherà per lo spazio pubblicitario dell’intera pagina centrale in una rivista che pubblica una ricerca scientifica autentica che attacca inequivocabilmente la dichiarata sicurezza del farmaco pubblicizzato nella pagina centrale? Pensaci. Gli editori non sono stupidi.

Un altro problema è il famoso conflitto di interesse. Tutti i giornali che trattano gli argomenti della medicina devono avere un requisito formale: qualsiasi legame finanziario fra l’autore e un’azienda produttrice deve essere reso noto nell’articolo. Uno studio fatto nel 1997 su 142 giornali medici non ha trovato nemmeno un riferimento di tali legami. ( Wall St. Journal , 2 Feb 99)

Uno studio del 1998 fatto sul New England Journal of Medicine ha rilevato che il 96% degli articoli recensiti da autorità in materia avevano legami finanziari con il farmaco che stavano studiando. (Stelfox,1998) Brutta sorpresa, vero? Diventa tutto chiaro ora? Direi di sì. Questo studio dovrebbe essere reso noto ogni volta che qualcuno inizia a diventare troppo enfatico riguardo alla obiettività delle recensioni paritarie, come loro fanno spesso.

Poi c’è il vero e proprio acquisto dello spazio. Una società farmaceutica può semplicemente pagare $ 100.000 a un giornale per far stampare un un articolo ad essa favorevole. (Stauber, p 204)

Le frodi nelle recensioni paritarie non sono una novità. Nel 1987, il New England Journal pubblicò un articolo che si atteneva alla ricerca di R. Slutsky MD che copriva un periodo di sette anni. In tale periodo il Dr. Slutsky pubblico 137 articoli su diversi giornali che fanno le recensioni paritarie. Il New England Journal scoprì che in almeno 60 di questi 137, c’erano evidenze di considerevoli frodi scientifiche e travisamenti incluso:

riportare risultati di esperimenti mai fatti
riportare esami mai eseguiti
riportare analisi di statistiche mai fatte

Engler

Dean Black, PhD, chiama Effetto Babele ciò che avviene quando dati scientifici fraudolenti molto comuni e non individuati nei giornali di revisione paritaria vengono citati da altri ricercatori, che poi vengono citati di nuovo da altri ancora e così via.

Vuoi vedere qualcosa che riassume questa intera discussione? Esamina la pubblicità che spesso appare sul Journal of the American Medical Association, senza scordarti che questa è la stessa pubblicazione che per almeno 50 anni ha pubblicato riquadri pubblicitari delle sigarette che proclamavano i benefici effetti del tabacco. (Robbins)

Molto scientifico, vero?[/align]

Articolo: http://www.medicinenon.it/il-linguaggio-dellattacco

Di solito il magnesio viene assorbito meglio, quan[…]

Clisteri o idrocolonterapia

Non ho mai avuto esperienza di idrocolonterapia, m[…]

Diario di Narayani

:)

Perchè no? Il Menu del giorno

Rilancio questo topic un po' vecchiotto. Oggi a p[…]

Libri di Arnold Ehret