Arnold Ehret Italia

Vuoi iniziare un diario dove raccogliere i tuoi successi, gli ostacoli incontrati durante il tuo percorso? Questa sezione è quella giusta!

Moderatore: luciano

Avatar utente
By romi
#73192
Aggiorno il diario dopo un po' di assenza.
Ad oggi ho perso circa 7 kg e mi sto abituando alla magrezza ( devo comunque aggiornare il guardaroba).
I pranzi infrasettimanali sono sclusivamente di frutta da ormai tre mesi con rare eccezzioni. La cena è onnivorira ma le quantità sono contenute.
La transizione per me è una serie di traguardi. Abituarmi all'idea che il mio corpo ha bisogno di poco per tirare avanti è stata la prima grande conquista verso la libertà. Una cosa è leggerlo, una cosa è viverlo col proprio corpo e sentirsi bene perché piú leggeri. Da qui partono tante considerazioni sui condizionamenti e la cultura imperante ma li riservo per i prossimi post nella sezione OT.. :wink:
Il prossimo traguardo per me è la qualità, togliere gli eccitanti che sono ancora molto presenti: caffè, tabacco, carne, alcool. Dolci e farinacei non mi hanno mai attratto.
Cosa incredibile, ma ho già letto testimonianze simili sulla sezione denti, mi ha abbandonato 'spontaneamente' un' otturazione color piombo, pesantissima dell' arcata superiore. È caduta due mesi fa.... per ora il dente sta bene e ho un buco.... vedrò cosa fare piú avanti.
Continuo a leggere il forum trovando tanti spunti per continuare questo progetto di vita e vi ringrazio di esistere, tutti voi che scrivete e ci provate e riprovate.
Sulla scia delle considerazioni di Erhet sulla cultura antica ho ripreso a leggere Seneca. E devo dire che la lucidità fa sempre piacere.
Buona transizione a tutti.
Con affetto :D
Avatar utente
By romi
#74017
E' passato quasi un anno dall'inizio di questa nuova vita.
Tiro le somme per punti:
- Ho stabilito un rapporto con la frutta. Prima non la mangiavo proprio a parte la classica spremuta di arance invernale e una fetta di melone in estate però a dir la verità, proprio non era inclusa nella mia dieta. Ho scoperto che ha un'energia completamente diversa dal resto. Mi carica, mi svuota il cervello, mi nutre in maniera profonda. Effetto immediato, appena mangiato. Per questo adesso non faccio fatica a pranzare con sola frutta da lunedì a venerdì.
- Sono dimagrita, ho perso 7 kg, e il mio corpo è più dinamico: faccio meno fatica ad accettare impegni fisici
- Ho una prospettiva che prima non avevo, l'idea che il miglioramento continuo esiste e che posso cercare una dimensione più piacevole del vissuto quotidiano e dei rapporti interpersonali. Anche il fatto che c'è dell'altro da sapere e da sperimentare, diverso da ciò che propone la cultura imperante, mi dà una speranza nuova che di questi tempi serve tantissimo perchè tutto intorno parla di crisi e prospettive a breve termine. Eppure c'è dell'altro e sapere questo dà una marcia in più.

Per il resto c'è tanto da fare ancora. Con le bambine non ho ancora iniziato un percorso insieme come tante mamme del forum, ma ad un certo punto toccherà andare avanti insieme, in modo coerente e armonioso.
Buona transizione a tutti! :D
Avatar utente
By romi
#74397
Ho perso altri due chili. Ora peso 50,5... per 1,60 cm di altezza. Dall'inizio della transizione ho perso quasi 10 kg. Cambiando bilancia - ne ho presa una elettronica - ho scoperto che la vecchia segnava due chili in meno quindi sono partita da 60 kg quando ho cominciato.
Ultimamente ho introdotto i pasti crudi di frutta e verdura anche nel weekend, uno al giorno ogni giorno. La sera invece mangio onnivoro ma sempre accompagnato da tanta verdura cruda.
Al di là della difficoltà - piacevole in fondo - di adattare il guardaroba alla nuova linea, ciò che mi disturba un poco sono i commenti negativi che raccolgo quasi quotidianamente da persone che magari è da più di un mese che non vedo. In soldoni, con parole a volte dirette a volte gentili mi dicono che sono TROPPO magra e sono preoccupati e mi chiedono cosa sta succedendo.
All'inizio la buttavo lì dicendo che ero un po' a dieta, tanto noi donne siamo sempre un po' a dieta.... Adesso dico chiaramente che sto diventando fruttariana, con molta calma, senza correre.... Anche perchè 10 kg in un anno non mi sembra un rapido cambiamento e il mio corpo anzi ringrazia spesso (tranne nelle crisi di eliminazione che sono però sporadiche).
Sono minuta ma non mi sembra di essere deperita. Ho anche più energia di prima ovviamente e più vitalità! Per non parlare di una nuova (ritrovata? l'ho mai avuta?) pace interiore che mi permette di prendere la vita con ritmi più umani.
Eppure mi soffermo a soppesare le parole di disapprovazione che mi tengono impegnato il cervello non poco.
Per come sono fatta di carattere il giudizio degli altri ha sempre rappresentato un condizionamento molto pesante nella mia vita.
Questo sistema di Ehret mette in dubbio sia la moderna concezione della fisiologia del corpo che il concetto di salute che comunemente si accetta.
Non mi ero mai accorta di quante persone grasse mi circondano, adesso le noto.
Spero che i dubbi svaniscano e che sia una nuova vitalità a parlare per me.
Sul fatto di dovermi spiegarre però ancora non so bene cosa dire. Se dici che stai diventando fruttariano la preoccupazione si infittisce..... Devo raccontare balle rassicuranti? Tipo che ho problemi di tiroide? Possibile che la condizione di salute vera oggi venga vista come malattia? UFF!

Buona transizione a tutti! :D
Avatar utente
By luciano
#74402
Quando ero adolescente avevo i capelli lunghi, a quei tempi era un problema, ti guardavano male. Per andare o uscire da casa passavo davanti a un bar dove fuori c'era sempre un tipo seduto a fumare e mi osservava con evidente disappunto, finché un giorno non ha resistito e mi ha gridato contro: "Ueh, cappellone!", in senso dispregiativo. Io mi sono fermato, l'ho guardato, mi sono messo a ridere di gusto, era calvo e gli ho detto: "Ma che cos'hai, c'hai invidia?!" e sono andato via ridendo.

Cosa puoi fare?
Primo, devi sapere che quelli che ti esprimono commenti sono invidiosi, persino inconsciamente, lo sanno che stai meglio di prima.
Secondo, il loro giudizio vale meno di zero.
Impara ad uscire tu, non rimanere rifugiata dentro di te.
Non spiegare nulla, né cosa fai, né cosa vuoi fare, fruttariana o altro che sia, non devi giustificare nulla, a meno che non sia qualcuno che ti da 10.000 euro al mese, allora sì, solo in quel caso magari qualche spiegazione potresti dargliela. Diversamente non devi spiegare nulla. Un esempio?
"Ma mi sembri smagrita, deperita, o altra classificazione del cavolo" Tu lo/a guardi e con calma rispondi: "Io sto benissimo. Tu piuttosto, come va, vedo che hai un po' di pancetta (se ce l'ha) ...
Qualunque cosa ti dica rifatti subito con domande su quanto osservi evidentemente non a posto su di lui o lei.
Ti dice: "Hai il volto smagrito..." "Ma no sto benissimo... tu piuttosto, quel doppio mento, tutto a posto con la tiroide?"

Sempre gentilmente sorridendo e con curiosità, tu vuoi sapere tutto di lui o lei, perché ha quella panciotta, i fianchi diritti come i binari del treno, il collo taurino, ecc.

Sono loro sul lato sbagliato, non tu! :D
Avatar utente
By romi
#74403
Hai ragione Luciano. Io sto bene, dovrei chiedere agli altri come stanno, chiedere come stanno quelli che si spaventano di fronte alla salute! :D
Avatar utente
By luciano
#74405
romi ha scritto:Hai ragione Luciano. Io sto bene, dovrei chiedere agli altri come stanno, chiedere come stanno quelli che si spaventano di fronte alla salute! :D
Fallo e ti sentirai benissimo, soprattutto non permettere a nessuno di invalidare come stai. :D
Avatar utente
By romi
#74819
Oggi ho tolto il caffè. Il mal di testa ha fatto capolino alle 11:00 ed è aumentato piano piano fino a mezzora fa quando ha cominciato a scemare....
Certe cose sembrano innocue fino a quando non si prova ad eliminarle. 8O
Avatar utente
By sandrod
#74821
romi ha scritto:Oggi ho tolto il caffè. Il mal di testa ha fatto capolino alle 11:00 ed è aumentato piano piano fino a mezzora fa quando ha cominciato a scemare....

passa completamente, garantito. Mi ricordo che ho passato tre giorni con il mal di testa quando ho tolto il caffè ... ne bevevo 5/6 al giorno!!! :)
Avatar utente
By romi
#74852
Ieri sera il sonno mi ha vinto alle 21:00... Questa sera scrivo dal letto. Tra 10 min sarò nel mondo dei sogni. Prima non sentivo proprio che il mio corpo era stanco.... Eppure erano due caffè, a volte uno solo al giorno e pensavo che non avessero grandi effetti sul mio corpo... Mi sbagliavo alla grande!
Avatar utente
By romi
#78206
Eccomi qui! Aggiorno.
Ho fatto un po' di passi indietro: ho ricominciato a fumare e a prendere il caffè. Ho avuto un mese turbinoso dopo la morte di mia madre e la cosa più semplice è stata non pensare più di tanto a quello che stavo mangiando per cui ho reintrodotto di tutto. Risultato: due mesi di sgarri, 6 kg in più e tanta energia in meno. Da un mese mi sono rimessa in carreggiata e riesco a pranzare solo con frutta o solo con verdura cruda, complice il clima che é migliorato (prima avevo freddo).
Insomma adesso ho riperso un paio di chili e sono meno costipata.Adesso peso 51kg e riuscire a mantenere questa leggerezza per quasi 8 mesi dopo averne persi 9 dall'inizio della transizione per me é già un successo!
Mi sono resa conto di una cosa: riesco a fare una vera transizione nel momento in cui l'alimentazione non è un mero esercizio di disciplina ma diventa il mezzo per un fine più alto. Mi spiego: volevo arrivare 'lucida' al commiato da mia madre. Finché avevo questo obbiettivo tutto é filato liscio e non ero attratta da cereali o eccitanti. Passato il momento e raggiunto lo scopo ho un po' abbandonato il sistema.
Quello che però mi é rimasto é una sorta di nostalgia per aver vissuto ad un livello superiore, non solo fisico ma soprattutto spirituale, con tanto di momenti difficili da descrivere verbalmente perché rischio di passare per pazza o visionaria eppure credo di avere assaporato la vita vera, quella dell'anima.
È per questo che sono di nuovo qui a scrivere, perché spero di proseguire con voi la transizione e di toccare di nuovo quelle vette di comprensione che solo la pulizia nel mio caso può regalare.
Di nuovo: buona transizione a tutti
Avatar utente
By Fiorenzo
#78215
romi ha scritto:Mi sono resa conto di una cosa: riesco a fare una vera transizione nel momento in cui l'alimentazione non è un mero esercizio di disciplina ma diventa il mezzo per un fine più alto.

Ciao Romina, niente di più vero! Concordo pienamente sul porsi degli obiettivi e perseguirli fino al loro raggiungimento.
Purtroppo capita che durante questo cammino succedano cose davvero negative che ti fanno (giustamente) deragliare, è normalissimo.
Mi dispiace per la tua perdita ma vedo che sei consapevole del tuo nuovo cammino.
Fa che il tuo fine più alto sia il ritorno a quel livello superiore spirituale.
Un abbraccio, ciao
Avatar utente
By luciano
#78227
Bentornata Romina.
Sappi che nessuno mai muore, certo la loro manifestazione con la quale hanno vissuto con noi se ne va, ma l'essere c'è sempre e ritorna.
Magari in famiglia, magari no, ma questa è la ruota dell'84, come la chiamano i buddisti.
Passato il dolore dobbiamo riprendere in mano la nostra vita.

Ritornare in transizione è una buona cosa!

E la guarigione fisica deve andare di pari passo con il miglioramento spirituale, ed è corretto che tu ne abbia nostalgia, è come essere lontani da casa. :D

Congratulazioni per la perdita di peso e per la t[…]

Panoramica Matteo

Bene, ho tolto il 26(devitalizzato) e il 28 una se[…]

Diario di Narayani

Poi basta perché ogni volta che entravo in piscin[…]

Gli ultimi del contadino

Mai provato a essiccarli al sole? Non ho mai pr[…]

Libri di Arnold Ehret