Arnold Ehret Italia

Qui si possono discutere e richiedere riferimenti del libro riguardo alla risoluzione di condizioni non ottimali di salute

Moderatore: luciano

Avatar utente
By Biokaty
#67228
Racconto brevemente la mia storia. E' da un mese che seguo la dieta senza muco del Proff. Ehret in modo stretto e dettagliato come ha scritto lui. Ho seguito le ricette inserendo solo del pane integrale tostato a fine pasto. Mi pulisco l'intestino tutti i giorni e il quantitativo di muco che elimino proprio dall'intestino è sorprendente. Ho evitato di inserire frutta cruda e nelle ultime due settimane mangiavo quasi esclusivamente verdura cruda e cotta (la scopa intestinale). In questo mese devo dire la verità non mi sono sentita molto bene e la mia energia (Vitalità) lascia a desiderare. Penso che in questo periodo di pulizia bisogna portare pazienza, ma quanta? Purtroppo una notte (4 gennaio) ho avuto una forte colica e in ospedale volevano operarmi di appendicite. Consapevole del periodo di pulizia che ho innescato ho deciso di aspettare per vedere se l'appendice si può sfiammare. Comprendo e sono d'accordo con le parole del Proff. quando dice che i nostri organi ce la mettono tutta per eliminare le immondizie accumulate in anni e i dottori tamponano questo processo con i farmaci........ Sono la prima ad essere d'accordo. Ma io sono a rischio di peritonite e non ci penso due volte a prendere gli antibiotici almeno per tentare ed evitare un intervento chirurgico ben più invasivo. Certo l'appendicite infiammata può venire a tutti ma ............ Per il momento ho introdotto pochi cibi diciamo "mucolitici" per rallentare il processo di pulizia. Avete qualche consiglio da darmi? Un pò ci sono stata male un mese di sforzi, per poi ritrovarmi in questa situazione.
Katy
Avatar utente
By lino
#67233
Premesso che non intendo sostituire il medico, credo che la tua disintossicazione è stata troppo celere, e forse troppi veleni in circolo hanno infiammato l'appendice, se non corri pericolo di vita cerca di tenerla l'appendice, serve a produrre un lubrificante quando l'intestino è troppo intasato. Cosa importantissima non prefissare nessun limite temporale, la transizione può durare anche anni. In qualsiasi momento fare un passo indietro non è sinonimo di sconfitta, ma conoscenza del proprio corpo. Ascolta il tuo corpo cerca di capirlo.
Avatar utente
By flib
#67240
In assenza di controindicazioni, credo che il digiuno possa essere la cosa più salutare. A prescindere dall'Ehretismo e dalla dieta senza muco, ho letto di diversi casi di problemi di appendice guariti con digiuno ad acqua e/o succhi freschi di frutta/vegetali.

Se un organo è infiammato, la cosa migliore è farlo riposare ed il riposo per l'intestino può essere solo il digiuno.

I clisteri credo possano aiutare molto nell'eliminazione delle feci ristagnanti nel colon alleviando ulteriormente i fastidi dovuti all'infiammazione.

Purtroppo non ho qui con me i libri di Norman Walker che danno appunto suggerimenti specifici per questi problemi. Se qualcun'altro che legge li avesse sottomano potrebbe riportarti i consigli inseriti nei libri a proposito dell'appendice infiammata.

Libri di Norman Walker
Avatar utente
By luciano
#67242
Sono d'accordo con Lino, troppo in fretta.
Se proprio devi prendere gli antibiotici fallo, ti disintossicherai dopo, nel frattempo la pulizia intestinale aiuta molto. La cosa da evitare è rimuovere l'appendice.
Il dott Norman Walker parla di un ragazzo che aveva dolori lancinanti all'appendice e che aveva fatto un clistere ogni mezzora per quattro ore e quando è arrivata la guardia medica era tutto passato e non era necessario portarlo all'ospedale.
Avatar utente
By poveraccio
#67248
Sono d'accordo che pur di non perdere l'appendice conviene assumere qualche farmaco.

Credo che sia successo questo: il cambio di alimentazione ha introdotto una quantità di fibre a cui l'intestino non era abituato e si è prodotta un'infiammazione, sia generale dell'intestino e ancor più nell'appendice. Infatti all'inizio in tutti, o quasi, si crea una costipazione che risolviamo con il clistere.
Ecco perché il digiuno, come dice flib, è un toccasana però bisogna fare i conti con gli altri sintomi come la perdita di vitalità, che indica che c'è una grossa quantità di tossine nel sangue.

Io toglierei un bel po' di fibre facendo un bel passo indietro con gli alimenti e limitando la quantità in generale, cioè mi terrei molto leggero in modo da fare una specie di semi-digiuno che alleggerisce il lavoro dell'intestino e ferma la disintossicazione (poco cibo e tendenzialmente mucoso), clisteri e se necessario un farmaco.

Fai attenzione perché l'appendice infiammata può diventare una brutta bestia.
Avatar utente
By Biokaty
#67254
Vi ringrazio tutti per i vostri consigli, qui mi sento capita, in ospedale mi hanno guardata come una pazza perchè ho deciso di non farmi operare. Non sono un'eroe per questo ma come mi è stato consigliato da alcuni di voi ci tengo alla mia appendice e sicuramente una funzione ce l'ha se esiste. Avevo pensato al digiuno ma mi spaventa, se la dieta è stata così aggressiva per me, il digiuno non è un pò troppo? Considerate che sto prendendo antibiotici che comunque sono farmaci in circolo. Beh vi ringrazio tanto e aggiungo che oltre all'aspetto puramente fisico di approccio al proprio corpo e alla salute o malattia, io credo esista tutto un'altro mondo correlato strettamente interdipendente che va alimentato e compreso ed ha una matrice spirituale.
Avatar utente
By flib
#67263
Le medicine agiscono sul sintomo, non rimuovono la causa. In alcuni casi di emergenza tamponare il sintomo con un farmaco può avere un senso, ma ai fini curativi credo che interferisca proprio con il processo di guarigione insito nel nostro organismo.

Il sistema immunitario deve preoccuparsi di ostacolare il farmaco velenoso e non può dedicarsi alla cura dell'organo malato. :wink:

Sicuramente hai l'intestino pieno di scorie che hanno fatto infiammare l'apendice. Il clistere può aiutare, tieni presente che normalmente prima di un operazione di appendicectomia viene appunto fatto un clistere per ripulire il colon.
Purtroppo ho subito l'appendicectomia all'età di 7 anni. Non mi sono mai reso conto di quanto fosse importante fino a quando non ho intrapreso il cammino Ehretista.
Solo adesso ho capito quanto funzioni male il mio intestino a causa della rimozione della mia appendice. Dopo 4 anni di transizione e una dieta al 90% di frutta, verdura, succhi vegetali freschi, ho ancora un tempo di transito intestinale di circa 30 ore. 8O

Tienici aggiornati
Avatar utente
By luciano
#67264
Biokaty ha scritto:Beh vi ringrazio tanto e aggiungo che oltre all'aspetto puramente fisico di approccio al proprio corpo e alla salute o malattia, io credo esista tutto un'altro mondo correlato strettamente interdipendente che va alimentato e compreso ed ha una matrice spirituale.
Verissimo, le malattie nascono prima nell'anima e poi si manifestano nel corpo. :wink:

Certi pensieri ed emozioni alterano il funzionamento delle ghiandole endocrine e quindi poi sorgono le "malattie" che non sono altro che i sintomi del malfunzionamento di organi e ghiandole.
Avatar utente
By Biokaty
#67291
Da quando ho iniziato la dieta di transizione più di un mese fa evaquo solo ed esclusivamente con il clistere. Questo perchè sebbene prima fossi regolare ora non riesco più ad andare in bagno. Ora con l'appendice infiammata ho aumentato la dose di clisteri che effettivamente mi danno un benessere nell'eliminare tutte le scorie. Domanda. Ma riuscirò poi ad andare in bagno da sola senza l'uso del clistere? Domanda. Ma tutto quel muco che elimino dall'intestino, ed è veramente un continuo e tanto, sembrano vermi lunghi e viscidi alcuni duri (non pensi vi dia fastidio la descrizione) è materiale vecchio o può essere anche recente?
Avatar utente
By flib
#67297
bene, penso che con i clisteri sei sulla strada giusta.
Innanzi tutto non preoccuparti che non danno assuefazione... non sono una droga :D
Quello che "butti fuori" sicuramente aiuta ad alleviare il peso sull'appendice.

In effetti puoi capire come quello "schifo" abbia danneggiato e infiammato l'appendice.

Penso, mia opinione personale, che se abbini questa pratica a qualche digiuno liquido (acqua e succhi freschi di frutta/verdure) la tua appendice ringrazierà e potrà rimettersi in sesto più velocemente :wink:
Avatar utente
By luciano
#67298
Sono d'accordo con flib :D
Il digiuno con succhi estratti o almeno centrifugati di frutta e verdure + i clisteri ti dovrebbe aiutare a ripulire e a rimineralizzare.
Avatar utente
By Biokaty
#67308
Grazie molte dei consigli.
Avatar utente
By Biokaty
#67368
Bene è con gran sollievo che vi comunico che la mia appendice è ancora con me e che si sta sfiammando. Effettivamente i centrifugati di frutta e verdura sono stati un toccasana, un pò di pane di segala tostato, tre clisteri al giorno e non voglio assolutamente trascurare le altre pratiche di autoguarigione che ho attuato. Ecco come ne sono uscita fuori da questa avventura. Non voglio parlare troppo forte perchè il dolore c'è ancora ma veramente modesto rispetto alla crisi. Mi ha insegnato veramente molto questa esperienza. E ringrazio chi di voi mi ha accolto con i suoi consigli amorevoli in un momento molto difficile. Ora attendo di ristabilirmi completamente e poi voglio proseguire con questo cammino di cura che ci accomuna. Vi chiederò consigli su una dieta di transizione più soft.
Grazie grazie grazie.
Katy
Avatar utente
By poveraccio
#67370
Meno male, mi fa molto piacere :D
Avatar utente
By Biokaty
#67371
Grazie caro per il tuo interessamento. :D

Infatti ho detto che si rischia, non che tutti lo […]

AVOGADO TOSSICO?

Quello sempre, anche se bisogna poi vedere se sia […]

Grazie OPT! :D I tuoi post sono illuminanti. Dimo[…]

La panoramica di Ienk

Mi dici prima che il canino con la formazione è il[…]

Libri di Arnold Ehret