Arnold Ehret Italia

Quando non sai dove mettere il tuo messaggio mettilo qui. Se devi fare delle battute, falle qui. Non sono permesse battute sulla dieta o sugli utenti.

Moderatore: luciano

Avatar utente
By whydah
#68053
Ciao a tutti, qualcuno obietterà su questo mio topic, però ce l'avevo in punta di lingua e volevo coinvolgere il forum.
In Veneto, tra Verona e Vicenza, nel nucleo riferito alle mie amicizie, quindi con livelli di comparazione molto stretti, si sono verificati aumenti di tumore al seno tra le donne in maniera secondo me preoccupante.
Considerando che tutte queste seguono il cd trattamento preventivo della mammografia, a me è sorto un enorme dubbio: e se la causa fosse proprio questa? essere sottoposti a radiazioni non ha gli stessi gravi effetti collaterali delle medicine? l'ultimo caso in queste settimane, aveva fatto, con esito negativo, la mammografia proprio l'anno scorso...
Mi piacerebbe sapere cosa ne pensate...

Namastè
Avatar utente
By luciano
#68055
Molte mammografie sono inaffidabili. Ci sono casi di abuso che sono sotto indagine.
Le radiazioni causano il tumore, come pure i farmaci.
Un cambio di alimentazione e succhi alcalinizzanti di solito risolvono il problema.
A volte dei noduli vengono passati per tumori. E' successo che una neomamma avesse un nodulo, poi durante l'allattamento è scomparso.
Avatar utente
By mauropud
#68068
Le mammografie e tutti gli screening in generale sono solo un modo con cui l'industria farmaceutica cala la rete per pescare nuovi clienti.

Le mammografie in particolare causano molti "falsi positivi" con donne che vengono poi uccise da "chemioterapia" e simili merdate.
Avatar utente
By krishnacry
#68098
io,ho buttato per anni l'invito a fare i controlli (protezione serena) direttamente nel cestone della carta!!!oramai non mi mandano più nulla!!
cry
Amenorrea e corsa

"Non sei autorizzato a leggere questo forum&q[…]

Panoramica di Jacopo

Tutto può aiutare certo! Molte volte si va per ten[…]

Panoramica Ce92

esatto bisognerebbe testare la zona e insistere co[…]

Grazie della risposta, in effetti so che il primo […]

Libri di Arnold Ehret