Arnold Ehret Italia

Vuoi iniziare un diario dove raccogliere i tuoi successi, gli ostacoli incontrati durante il tuo percorso? Questa sezione è quella giusta!

Moderatore: luciano

#80789
Eccomi ad aggiornare il mio diario un po' abbandonato.
L'estate ormai è andata e anche i suoi frutti ci hanno salutato, ma ci hanno lasciato la gioia di un amore ancora più grande per loro.
Le stagioni che si susseguono sono ora più legate proprio ai frutti della terra e un modo con cui le faccio distinguere dai miei cuccioli è proprio questo: l'estate ci ha salutato con i cocomeri, le pesche, ecc...ma ora è autunno e finalmente tornano i melograni, i cachi, l'uva, le zucche...
E infatti la nostra mattina comincia con succo di melograni raccolti il giorno prima dagli alberelli del giardino e sgranati. Frutta fresca se serve a metà mattina e pranzo di frutta: tanta uva, o tanti bei cachi oppure mele o quello che si trova disponibile. I bimbi: gnocchetti di banane, o budino di cachi, oppure crema di avocado-mele e datteri. Qualche tipo di noce se serve o l'immancabile latte di mandorla o riso specie per il piccolo di due anni che ne chiede in continuazione!
E si continua così fino alla cena verdurosa di crudo e cotto.
L'estate ci ha aiutato a trovare questo equilibrio tutti insieme, i primi freddini però hanno innervosito un po' il piccolino e dunque devo rivisitare un po' la situazione per lui cercando di inserire più sostanza.
A parte i dilemmi che affliggono le madri quando vedono che qualcosa non va, mi sento molto in forma e felice dei traguardi. Perchè arrivare a stare più in pace col cibo mi ha aiutato a stare più in pace col mondo! Questa è la grande forza dell'ehretismo. Per quanto le interrelazioni sono più difficili a volte, la paura dentro di me è diminuita. Scardinando il terrorismo sotto cui ci tengono in ogni angolo della nostra vita, sono più libera di muovermi e agire secondo ciò che credo e penso. Porto avanti idee in cui credo anche nel mio lavoro che sebbene attualmente minimo nella pratica e nell'introito economico, senza paura o ansia dell'ottenimento di qualcosa o di soldi, semino lentamente, con passione e serenità, cosa impossibile per me prima. E questo mi è possibile grazie ad una maggior pulizia del corpo che per forza di cose diviene pulizia anche dello spirito!
Ho fatto un idrocolon a fine agosto e ho sentito andar via dei piccoli blocchi all'addome incredibili. Nel frattempo ero anche in digiuno che sono riuscita a mantenere per 7 giorni a succhi, e anche quest'esperienza mi ha riempito di forza, anche nell'allontanarmi dalla tentazione di mucosità! Visto che tiro sempre la corda, negli ultimi due giorni di digiuno ho fatto anche la pulizia del fegato: sono un po' folle credo, perchè è stata veramente dura, ma me ne accorgo sempre dopo :roll:
Ho raccolto i frutti di queste pulizie dopo un mesetto quando la corsa verso il crudo è accellerata, le dosi si sono dimensionate (anche se ancora abbondanti!!), i miscugli anche e soprattutto: la regolarità al bagno!!!!!!!! Ostinatamente l'ho attesa e sapevo che prima o poi sarebbe arrivata anche per me, cosa che ormai sembrava impossibile, specie perchè molto legata alla mia tendenza a trattenere tutto, a controllare, a mettere avanti la pianificazione mentale, le preoccupazioni. E invece ora, anche nei momenti di preoccupazioni, pensieri, ecc...il mio corpo se deve liberarsi, mi richiama per farlo! 8)
Ed ecco tutto per questo autunno :-)
#80815
Caspita Stella!

Che belle parole. Complimenti per il tuo cammino.

P.S.
I cachi sono il frutto che più mi fa amare l'autunno.
#82162
Ciao pazienti lettori! :D
Dopo aver "viaggiato" a lungo questo periodo nel percorso di guarigione, dovevo assolutamente aggiornare il mio diario qui, luogo a cui sono tanto affezionata.
Questi mesi che mi separano dall'ultima volta che ho aggiornato sono stati ricchi di tanti tanti momenti difficili, conflitti, con me stessa, con chi mi stava intorno..e sarà la primavera ma sembra che finalmente sia tornato un momento di serenità e di ordine interiore.
Due anni fa pensavo, proiettandomi al futuro, che dopo due anni le cose ormai sarebbero state lisce come l'olio...MA NEANCHE PER SOGNO :lol: Sono troppo idealista. Ma una cosa è sicura..si cresce, si cresce sempre di più. Si prende coscienza ogni giorno di più delle cose e soprattutto si impara a piccoli passi ad essere sè stessi in una società in cui la normalità è quasi opposta alla propria.
Insomma, prima di tutto devo sottolineare una cosa.
Con la mia candidosi che mi portavo avanti dall'aprile 2014, a gennaio di quest'anno mi sono messa di punta per affrontarla come si deve, dopo l'articolo di Luciano. E c'è un post dove riporto tutto il diario di questo percorso.
Fatto sta che ne sono uscita, e questo grazie sempre alla base del Sistema di Guarigione di Ehret!!!!
Poi inoltre ho approfondito i temi dell'igienismo e ho fatto altre scoperte, o meglio queste nozioni mi sono arrivate in un momento favorevole affinchè io sia riuscita a mettere in pratica alcuni aspetti della Dieta senza Muco che ancora mi erano difficili:
- mangio tanta frutta fresca fino a sera, mentre frutta secca ed essicata quasi nulla (cosa in cui prima invece eccedevo)
- ho diminuito il condimento con oli, spezie forti, anche diminuendo aglio e cipolla
- ho aumentato la quantità di cibi crudi, a volte facendo il pasto serale solo con crudo e al massimo qualche verdura a vapore

....insomma, sono quasi su una dieta priva di muco!!! :-)

Il grande cambiamento è concedermi tutta la frutta fresca che voglio (ora che il mio intestino è stato risanato un po'!) senza restrizioni su questo e infatti arrivo alla sera con molto meno appetito o voglie strane! Yeahhh!!
Per il mio modo di vivere e il mio corpo evidentemente era importante aumentare la dose di cibo (buono ovviamente), visto che mi limitavo molto durante il giorno ma poi la sera non mi riempivo mai!
Infine mi concedo quegli sgarri (che sia un caffè o un piatto vegano mucoso, in questo rientrano comunque) se proprio mi vanno e senza troppi ripensamenti, cerco sempre più un equilibrio mio che mi permetta di vivere con gioia le cose.
Sono sincera, dalla rivoluzione ehretista in poi, mi sono trasformata con le persone, spesso chiusa per paura e sapendo di non essere capita, ma mi ripeto sempre che se si è sereni con le proprie scelte, si può camminare leggeri e sorridenti..chi vuole allontanarsi si allontana da sè, chi restarti vicino ancora di più.

Il mio compagno cerca un po' la sua di dimensione, diversa dalla mia, meno convinta della mia :D Ma ciò che ci fa avere molte tensioni è il gestire i bimbi. Lui tenderebbe a chiudere di più un occhio, io no. E' un continuo aggiustamento di cose. E anche concedersi delle cose che si vogliono ai pasti (specie il papà appunto) diventa più difficile perchè loro mangerebbero qualsiasi cosa si vedono davanti! :-)

Insomma, il lavoro maggiore ora è un sano equilibrio famialiare! :D

Intanto, come ho scritto nelle storie di successo, l'inverno è trascorso alla grande, con un sistema immunitario in gambissima. Il più malaticcio è stato ovviamente...il papà! 8)

Ciao a tutti carissimi!
#82175
stellina3 ha scritto:Il più malaticcio è stato ovviamente...il papà! 8)


Questo non gli da la forza di cambiare?
di seguirti al 100%
#82177
Bè, sicuramente meglio che in passato sta, perchè comunque per lo più mangiamo tutti uguale. Ma a determinate cose proprio non riesce a rinunciare, tipo alcool serale per capirci o in occasioni (almeno una volta a settimana) mangerecce sociali in cui non dà freni a nulla. Ma se si sente in equilibrio così, io non posso farci nulla. Le cose ormai le sa. Già mi affanno molto (troppo!) per i bimbi e spesso mi viene detto che è troppo perchè loro sono altri individui, figuriamoci se mi metto a farlo anche con gli adulti :D
E poi ci sono io...che necessito di energia per me per affrontare le mie di debolezze e di equilibri :twisted:
#82178
stellina3 ha scritto:Già mi affanno molto (troppo!) per i bimbi e spesso mi viene detto che è troppo perchè loro sono altri individui, figuriamoci se mi metto a farlo anche con gli adulti :D
E poi ci sono io...che necessito di energia per me per affrontare le mie di debolezze e di equilibri :twisted:


Io a differenza tua non riuscita ad "impormi" per mia figlia, forse perchè in primis non ci ho creduto io.
Sui latticini però sono sempre stata molto categorica e irremovibile e su questo vengo rispettata anche se a volte mi fanno sentire la cattiva che non fa mangiare un po' di formaggio a sua figlia, giocano sulla mia debolezza e a volte cedo davanti a gli occhi supplicanti di Emma.

Comprendo la tua necessità di energia :D
#83843
Ciao a tutti!!!
Dopo tanto tempo, avevo nostalgia del mio diario su questo forum che ha rappresentato per me un "trampolino di lancio" verso il vero benessere.
Questa è la mia terza estate e quante cose ogni volta sono cambiate, sono evolute! E' un cammino lento, a volte duro, a volte troppo veloce, ma nella stagione dell'anno successivo, noti quei passetti in avanti, quei problemi finalmente superati.
Quest'inverno ho riportato molto dettagliatamente la mia battaglia con la candida o quello che era, fatto sta che per quasi un anno ho patito dietro a sintomi di vaginiti e compagnia bella. E quando ero vicina a star meglio, si riaffacciava qualcosa. Sembrava un incubo da cui non sarei mai potuta uscire...e invece poi la grande liberazione! Da maggio se non sbaglio, non lo ricordo più, l'incubo è finito, qualcosa si è sbloccato dentro di me, ho respirato libertà! Mi sono ristabilita ormonalmente, ho trovato un buon equilibrio anche abbastanza stabile con il cibo, senza strane scorpacciate.
Anzi non esistono più le abbuffate post cena, i bisogni durante il giorno di cibo "comune", fossero anche patate al forno.
Ho conosciuto molte belle persone legate all'igienismo e al crudismo, ho approfondito questi rami che mi hanno arricchito anch'essi e mi hanno aiutato ad ampliare conoscenze su combinazioni e ricettine semplici ma gustose. Poi torno a leggere Ehret e ritrovo quei punti saldi e unici. Come dico sempre resta il Maestro, mio almeno, più grande e completo, ma è vero anche che se non avessi approfondito altri campi, per come sono io non sarei potuta approdare, senza accorgermene, ad una vera dieta senza muco.
Ho trascorso un'estate fantastica, mi sono riattivata come si deve con l'attività fisica (2-3 volte a settimana corsetta di 50 min) e poi in giro col camper con la mia famigliola: tour della Sardegna in 20 giorni e poi 6 giorni in Alto Adige. Durante tutto questo, ho mantenuto sia l'attività fisica che un'alimentazione senza muco. Frutta fino a sera, una cosa che è diventata fantasticamente naturale per tutti. Grandi cocomerate, salsette veloci per i bimbi quando serviva (e senza corrente spesso!!) e poi cenetta per me spesso cruda, poi sempre qualcosa di cotto, cremine di verdure da aggiungere alle insalate, un cereale senza glutine.
A volte continua qualche screzio d'assestamento tra me e il mio compagno...vederlo comprare lo speck mi fa storcere sempre il naso, come lasciarsi andare a tramezzini e robaccia simile alle feste, o a riempire le sue verdure di sale olio in maniera spropositata... :evil: Che ci devo fare!? So che ognuno ha la sua strada, razionalmente so tante cose, ma poi dentro mi trascina qualcosa che non mi fa stare serena, senza contare il fatto che i bimbi vedono e vogliono imitare, ovviamente. Ecco, fisicamente mi sento veramente avanti, se non fosse per la pelle e i capelli che non vedo proprio alla grande, però ho queste difficoltà "relazionali" che fanno ancora un po' troppo attrito dentro di me...
Un grande saluto a tutti,
Stella
Ps. però dovrei anche sottolineare che da qualche settimana è finito anche, finalmente, l'alcool fisso pre e post cena (e anche durante) se non fosse per occasioni in compagnia! Grande traguardo questo per il mio uomo, devo ricordarmelo! E dovuta al fatto che appena tornati dalla Sardegna è stato messo K.O. da febbrone e cistite!!!! La malattia viene a salvarci 8)

Ciao Andrea e complimenti per la tua guarigione. H[…]

Ciao a tutti da Valerio

Ciao e Grazie per il Benvenuto nel forum. Acquiste[…]

Infatti ho detto che si rischia, non che tutti lo […]

AVOGADO TOSSICO?

Quello sempre, anche se bisogna poi vedere se sia […]

Libri di Arnold Ehret