Arnold Ehret Italia

Specifico sulla transizione, per chiedere suggerimenti, chiarire punti del libro a riguardo, descrivere sintomi comparsi all'inizio o durante e tutto quanto può essere utile per fare la transizione senza sforzi considerevoli

Moderatore: luciano

#69854
Buongiorno a tutti!
Avrei una domanda sulla prime fasi della dieta di transizione.
Come accennato nella presentazione, ho iniziato 1 mese fa in maniera empirica (non conoscevo ancora Arnold Ehret) ad eliminare totalmente caffè, dolci e lievitati dalla mia dieta con lo scopo di risolvere i problemi di candida e cistite ed in generale con l'obiettivo di disintossicarmi da inutili farmaci.
Arrivavo da un'alimentazione senza carne bovina, suina ecc da praticamente 25 anni, senza alcool (mai presente nella mia vita se non in una breve fase, verso i 25 anni), mai in tutta la mia vita bibite colorate e gasate. Però...tanta pasta, tanto caffè con biscotti o briosche, tanto pane, abbastanza formaggi, 1 volta alla settimana pesce;tutti giorni però non è mai mancata un' insalata e neanche la frutta anche se ... sigh ...dopo cena. Nell' ultimo anno poi come ciliegina velenosa sulla torta malsana, diverse cure di antibiotici e una cura ormonale pesante ed anche un' anestesia totale.
Questo è il punto di arrivo ma anche il punto di partenza...
Ora la mia domanda è questa (segue piccola premessa):
Da 3 settimane faccio la non colazione con acqua e limone, verso le 10/11 un frutto, all'1 una insalata mista, il pomeriggio se ho fame (spesso mi dimentico) un frutto o una macedonia di frutti acidi, la sera un' insalata con poche verdure cotte e...qui sta la questione:
avendo eliminato totalmente non solo i lievitati ma tutti i farinacei e carboidrati, ogni tanto ho aggiunto all'insalata un uovo sodo (solo il tuorlo, l'albume non mi è mai piaciuto), formaggio (robiola o formaggio tipo crescenza e ieri sera il formaggio in fiocchi con albicocche secche come suggerito nella Dieta senza muco) oppure 1 latte fermentato (tipo yogurt) ed una sola volta 1 sgombro sott'olio. Altre sere invece mangio solo vegetale.
Secondo voi sarebbe meglio in questa prima fase di transizione eliminare anche questi prodotti animali che aggiungo al mio pasto serale? E nel caso, posso sostituirli con quali cereali? Quali cereali sono i meno peggio?
Devo dire che finora non ho avuto desideri particolari di cereali, però vorrei capire cosa sia meno peggio fra cereali e prodotti di origine animale (pensando anche a candida & c) e parlando di cereali quali siano eventualmente da privilegiare.
Grazie!
By _Simo_
#69856
Puoi mettere nell'insalata un pacchetto di mandorle sgusciate/noci/noci brasiliane/pistacchi non tostati al posto di formaggi e uova.
Per quanto riguarda i cereali, ti consiglio riso integrale selvatico (venere o rosso), grano saraceno, miglio, quinoa, amaranto, mais in pannocchia. Questi ultimi sono cereali senza glutine e hanno subito una minima se non nulla selezione artificiale negli anni, poichè alcuni sono selvatici (come il riso) e gli altri, essendo poco consumati dagli esseri umani, l'industria non si è interessata di selezionarli artificialmente.
Avatar utente
By Luce1
#69862
proverò nei prossimi giorni.
Sono molto incuriosita da alcuni cereali che mi hai consigliato.

Uso molto le mandorle (da sole) e anchei pinoli (con verdure amare leggermente scottate, gnam che buone), ora le proverò anche con l'altra frutta secca nell' insalata serale.

Ovviamente immagino siano da alternare e non da mischiare .

Congratulazioni per la perdita di peso e per la t[…]

Panoramica Matteo

Bene, ho tolto il 26(devitalizzato) e il 28 una se[…]

Diario di Narayani

Poi basta perché ogni volta che entravo in piscin[…]

Gli ultimi del contadino

Mai provato a essiccarli al sole? Non ho mai pr[…]

Libri di Arnold Ehret