Arnold Ehret Italia

Questo forum è sugli attrezzi da cucina.

Moderatore: luciano

#70331
sprizz ha scritto:Per la produzione dell'acqua io uso uno ionizzatore, non ho letto cose positive sul fatto del bere l'acqua distillata, visto che non ha nessun minerale e sostanza all'interno.
ciao


Che ionizzatore hai?Come ti trovi?
Per la mineralizzazione si può usare la shungite.

Margherita come ti trovi con il nuovo distillatore?
#70339
La domanda che avevo posto ieri si è risolta facilmente parlando con Io sono edizioni ed era di elementare soluzione, ma io vado in tilt piuttosto facilmente su tutto ciò che è tecnico. L'acqua del distillatore è buonissima, veramente leggera e ieri ne ho bevuti 4 litri! Ci mette 5 ore buone a fare i 4 litri, d' altronde se sono goccioline che vengono dal vapore così è. Ciao Valina
#83473
Buonasera a tutti. Ho appena letto questa interessante discussione di qualche tempo fa. Visto che sto prendendo in seria considerazione l'acquisto di un distillatore, qual è lo stato dell'arte ad oggi? Io sinceramente ho provato a fare acqua con pentole sul gas di casa ma il processo è comunque lentissimo e ci vuole tanto tempo. Sinceramente la soluzione che più mi convince tra quelle che conosco è questa:

https://www.makewaterpure.co.uk/

Che ne dite?
#83503
davide32 ha scritto:sono interessato anchio ma vorrei capire meglio ..spiegatemi come funziona e se ce' tanta manutenzione da fare ...


La manutenzione nn credo sia molta, in quel sito che ho postato danno in omaggio filtri per tre anni (dicono) tra l'altro (sono 12 filtri, quindi immagino che un filtro duri 3 mesi). Bisogna poi pulire il serbatoio dai residui ovviamente. L'unica cosa che mi turba è comunque quello di essere "soggetto" al consumo elettrico. Secondo i calcoli di Luciano che si possono leggere sopra, la classica bottiglia da 1,5 litri (distillata) costerebbe 0,42 €. Voglio dire... un prezzo un poco "impegnativo", premesso che l'anno scorso in Canada, all'incirca per lo stesso prezzo, prendevo una tanichetta di distillata di ben 5 litri. E' chiaro che 42 cent è comunque concorrenziale per il nostro mercato e stiamo parlando di acqua distillata. Io ad ora penso di rimandare fino a quando non ho un fotovoltaico e vado avanti con acqua di sorgente (o quasi), anche se la conservo ahimè anche fino a 3 settimane.
Altrimenti bisogna adottare il sistema di questo signore:

http://www.forumdiagraria.org/polli-f58 ... t8184.html

Che ne dite?:)
#83525
il filtro a carbone si dovrebbe sostituire ogni mese... però io l'acqua distillata la uso solo per gli enteroclismi quindi non è un costo elettrico elevato per me.
La cosa che farei nella mia futura casa sarebbe un filtro sulla mandata principale per purificare l'acqua dell' acquedotto sia per uso interno (da bere) che per uso esterno (lavarsi, lavare frutta e verdura, bagnare l'orto, ecc...) però forse il cloro passa comunque nei sistemi ad osmosi inversa...
#83571
enrico82 ha scritto:...però forse il cloro passa comunque nei sistemi ad osmosi inversa...


Eh si... proprio l'altro giorno sono stato in alta montagna e ho bevuto acqua VIVA sgorgante da sorgente....c'è poco da dire o fare: tutto il resto.... è posto in basso!
#83589
enrico82 ha scritto:La cosa che farei nella mia futura casa sarebbe un filtro sulla mandata principale per purificare l'acqua dell' acquedotto sia per uso interno (da bere) che per uso esterno (lavarsi, lavare frutta e verdura, bagnare l'orto, ecc...) però forse il cloro passa comunque nei sistemi ad osmosi inversa...


Gli apparechhi ad osmosi inversa producono in uscita quella che normalmente viene definita H2O; acqua con niente o pochissime altre sostanze disciolte. :)

Il cloro danneggia le membrane osmotiche, quindi prima di passare attraverso le membrane l'acqua passa sempre almeno attraverso un filtro a carboni attivi. Il carbone attivo, oltre ad abbattere il cloro :wink: , è in grado di eliminare anche eventuali altri inquinanti presenti nell'acqua di ingresso.
In aggiunta al carbone attivo di solito c'è anche una microfilltro, generalmente almeno 10 o 5 micron. Questo per evitare che le membrane si intasino in breve tempo. Quello che rimane dopo il prefiltro viene comunque bloccato dalle membrane osmotiche.

Per avere una idea di cosa si può eliminare dall'acqua in base al tipo di filtrazione utilizzata vi rimando allo spettro di filtrazione visibile in questa pagina

@luciano: se vuoi puoi estrarre l'immagine e metterla sul tuo sito per evitare il link esterno

Gli apparecchi ad osmosi inversa domestici hanno generalmente delle portate molto basse, intorno ad 1 litro/minuto. Per fare un paragone, la normale portata d'acqua di un rubinetto del lavandino è di circa 6 litri/minuto. 8O
Non è quindi pensabile inserire questi apparecchi sull'ingresso acqua. Sono dedicati solo all'erogazione di acqua al punto d'uso. :)
Diario di Narayani

:)

Perchè no? Il Menu del giorno

Rilancio questo topic un po' vecchiotto. Oggi a p[…]

Ciao Andrea e complimenti per la tua guarigione. H[…]

Ciao a tutti da Valerio

Ciao e Grazie per il Benvenuto nel forum. Acquiste[…]

Libri di Arnold Ehret