Arnold Ehret Italia

Qui si possono discutere e richiedere riferimenti del libro riguardo alla risoluzione di condizioni non ottimali di salute

Moderatore: luciano

Avatar utente
By Phabia
#70119
Ciao a tutti,

vi sarà sicuramente capitato che facendo una certa attività, magari non proprio interessante,vi sia venuto un abbiocco.

Di solito in questi casi si prende un caffè e si torna "energizzati".

Da cosa dovrebbe dipendere?

C'è qualche altra bevanda con effetti caffeino-simili senza che danneggi tiroide e co.?

Ps. in alcuni casi mi alzo e faccio dell'altro, magari un lavoro che mi fa muovere, ma se fossi obbligata a stare ferma?

Il classico esempio è l'impiegato che deve stare 4 ore di fila seduto davanti un PC e già dopo 2 ore dall'inizio del turno dice: "ho bisogno di un caffè!"

Grazie
Avatar utente
By luciano
#70126
L'abbiocco è causato dalle sostanze intossicanti nel corpo che sono in circolo per essere eliminate, questo durante il processo di disintossicazione messo in atto dalla dieta di transizione.
Per gli umani che non fanno nulla, il corpo toglie le energie che gli servono per permettere che la digestione possa avvenire.
Per molti è normale infatti l'abbiocco dopopranzo.

Se mangi secondo il sistema di Ehret e non prendi nessuna bevanda eccitante, che stimolerebbe comunque artificialmente l'organismo, dopo un po' non ti verrà più l'abbiocco. :wink:

Questo potrebbe interessarti:
http://www.arnoldehret.it/il-caffe
Avatar utente
By valina
#70148
A me capita quando sono ad esempio vicino ad apparecchiature elettriche, soprattutto le stufette che buttano aria calda. Effetto degli ioni positivi penso. Soluzione:respira profondamente aria esterna (possibilmente non inquinata...fai come puoi). ;)
Avatar utente
By sethunya
#70210
Conosco bene quella sensazione di abbiocco e quasi sempre dopo mangiato.

Fino a settimana scorsa quasi mi addormentavo sulla scrivania dopo pranzo. Ora è una settimana che ho eliminato tutto tra farinacei e prodotti animali e devo dire che mi sento meno stanca ma ancora mi manca la voglia di fare.

Il percorso è lungo...
Avatar utente
By Fiorenzo
#70211
Gli unici giorni in cui avverto la sensazione di abbiocco sono quelli in cui sgarro a pranzo e mangio pasta! E quasi sempre nel weekend, addirittura quando dormo più a lungo.
Per il resto della settimana invece, sveglia al mattino presto (che spesso anticipo) e sto tutto il giorno benissimo.
Prima dell'avvento di Ehret nella mia vita, l'abbiocco pomeridiano era una costante!
Avatar utente
By Phabia
#70213
Ma l'abbiocco, oltre che a cause ovviamente di intossicazione alimentare, potrebbe dipendere dal fatto che uno faccia un lavoro che non gli va di fare?

Per esempio, io odio fare il lavoro che ho fatto fino ad ora (ragioniera), vorrei farne un'altro piu dinamico, ma non posso farlo perchè nel contesto economico in cui vivo non c'è altro di meglio. Le alternative sono fare lavori usuranti o in mezzo alle sostanze tossiche.

Solo il fatto di prendere in mano fatture e posta mi vengono le farfalle nello stomaco e dopo due/tre ore che faccio queste cose non ne posso piu, sono stanca e perdo la concentrazione. Inoltre, un'altra cosa molto strana che ho notato è che quando faccio questi lavori perdo vista, che poi ritorna quando faccio altro.

Se invece faccio un lavoro dinamico, tipo lavare i piatti, l'abbiocco non mi viene. Può essere che ci incastri qualcosa con l'aspetto psicologico?
Avatar utente
By mauropud
#70221
Phabia ha scritto:Se invece faccio un lavoro dinamico, tipo lavare i piatti, l'abbiocco non mi viene. Può essere che ci incastri qualcosa con l'aspetto psicologico?


Probabile. La mente condiziona pesantemente il corpo. Se uno fa qualcosa che gli piace va avanti senza sosta e senza addormentarsi, nel caso contrario si deconcentra, fa tutto a rilento ecc.

Non ci sono molte alternative. O trovi un lavoro che ti interessa di piu' o dovrai cercare di farti piacere il lavoro che fai. :D
Avatar utente
By luciano
#70240
Concordo con Mauro.

Se non ti piace è come andare avanti con il freno a mano tirato!

Conosco la sensazione di avere a che fare con carte e fatture, e le farfalle nella pancia.

Mi è toccato di fare due settimane otto ore al giorno a mettere in ordine un archivio, tutte le cartelle in ordine alfabetico, tutti i nomi delle persone in ordine alfabetico, tutti i documenti di ogni cartella in ordine di data.
Erano a migliaia... avevo la strana sensazione di essere altrove e sentivo il corpo che dormiva a occhi aperti!
Ogni notte sognavo di dare fuoco all'archivio! :D
Avatar utente
By Diravel
#73025
luciano ha scritto:Concordo con Mauro.

Se non ti piace è come andare avanti con il freno a mano tirato!

Conosco la sensazione di avere a che fare con carte e fatture, e le farfalle nella pancia.

Mi è toccato di fare due settimane otto ore al giorno a mettere in ordine un archivio, tutte le cartelle in ordine alfabetico, tutti i nomi delle persone in ordine alfabetico, tutti i documenti di ogni cartella in ordine di data.
Erano a migliaia... avevo la strana sensazione di essere altrove e sentivo il corpo che dormiva a occhi aperti!
Ogni notte sognavo di dare fuoco all'archivio! :D


nooo ma è un lavoro bellissimo!!Io mi diverso un sacco a fare queste cose!! :-)

cmq io ho delle intere giornate così, ci sono giorni in cui mi alzo presto, vado a correre, mi metto a studiare e dopo un'ora ho un desiderio assurdo di dormire..e devo dormire per forza..alla fine passo quasi tutto il giorno in abbiocco, ma dormo proprio come se fosse notte. Poi il giorno dopo torna tutto a posto.
Avatar utente
By luciano
#73027
Diravel ha scritto:...mi metto a studiare e dopo un'ora ho un desiderio assurdo di dormire..e devo dormire per forza..alla fine passo quasi tutto il giorno in abbiocco, ma dormo proprio come se fosse notte. Poi il giorno dopo torna tutto a posto.
Mettiti a fianco il dizionario, mentre studi. Di solito è una parola che non si conosce con esattezza, l'attenzione si blocca lì, spesso senza esserne consapevoli, si va avanti come con una palla al piede e ci si addormenta. Trova la parola, leggi tutti i significati nel dizionario e vedrai che riparti in quinta.

Provato personalmente più e più volte.

Fermo restando che uno non si metta a studiare mentre digerisce un pranzo non leggero.

Ciao Andrea e complimenti per la tua guarigione. H[…]

Ciao a tutti da Valerio

Ciao e Grazie per il Benvenuto nel forum. Acquiste[…]

Infatti ho detto che si rischia, non che tutti lo […]

AVOGADO TOSSICO?

Quello sempre, anche se bisogna poi vedere se sia […]

Libri di Arnold Ehret