Arnold Ehret Italia

Qui si possono discutere e richiedere riferimenti del libro riguardo alla risoluzione di condizioni non ottimali di salute

Moderatore: luciano

Avatar utente
By mokia
#5284
Ho iniziato la dieta di transizione il primo giugno 2007, eliminando totalmente dalla mia alimentazione la carne ed i latticini.
Ho osservato il regime indicato da Ehret mangiando sempre, dopo le verdure, 1 o 2 fette di pane integrale tostato.
Arrivata al termine della 6° settimana di dieta (le terze due settimane), non ho affrontato le ultime 2 perchè ancora non riesco a mangiare solo frutta durante un pasto, mi ci va sempre moltissimo anche la verdura.
Comunque ...
Gli "sgarri" in questo mese e mezzo sono stati davvero pochissimi e le cose stanno procedendo molto bene dal punto di vista dell'energia e della forma fisica: ho perso circa 7 kg e spero di perderne ancora almeno 5, mi sento lucida e piena di forza nonostante il caldo che, fra l'altro, mi sembra di soffrire molto meno, il mio umore è buono e non avverto l'intensa mancanza di alcun alimento "nocivo".

Insomma avrei potuto postare in "storie di successo" e sarei davvero felice se non fosse che, da circa 1 mese, quindi dopo poco che avevo iniziato la transizione, mi ritrovo a dover "fare i conti" con notevoli difficoltà evacuative, causate da un perdurante e costante indurimento delle feci ...
M'imbarazza molto parlare di questo argomento ... ma so che qui fra di noi è possibile farlo senza vergognarsi troppo :oops:

Il problema si è presentato con la comparsa di ragadi ed emorroidi di cui ho sofferto in passato e da cui pensavo ( :cry: ) di essere guarita.
Luciano mi ha consigliato di bere succhi centrifugati per ammorbidire le feci ... ho seguito il suo consiglio da più di 2 settimane, aiutandomi anche con un rimedio omeopatico che mi aveva fatto bene in passato, ma, nonostante ragadi ed emorroidi siano notevolmente migliorate e non mi facciano più piangere dal dolore, l'evacuazione è sempre difficoltosa a causa della dura consistenza delle feci ...

ma perchè?!!!

qualcun altro soffre o ha sofferto del mio stesso problema?

che devo fare?

non ho nessuna intenzione di tornare al vecchio regime alimentare, ma l'idea che questo problema possa non trovare soluzione mi atterrisce ...

Avevo pensato anche alla possibilità di effettuare clisteri ma ... a parte il non averlo mai fatto ... credo non sia consigliabile in presenza di emorroidi e di ferite come le ragadi. :(

Arca hai qualcuno dei tuoi illuminanti consigli da offrirmi?

Vi ringrazio fin da ora per avermi ascoltata e per quello che vorrete condividere con me. :lol:
Mokia
Avatar utente
By arca
#5287
Arca hai qualcuno dei tuoi illuminanti consigli da offrirmi?

Non hai voglia di mangiare solo frutta poiché un maggior apporto di frutta significherebbe una maggiore disintossicazione.
Il problema è questo: le emorroidi e compagnia bella in quella zona, sono l'espressione che c'è una intossicazione molto elevata a livello del fegato e della vena porta; risultato = emorroidi nel tentativo di disperdere veleni. E poiché per disperdere/diluire i veleni c'è bisogno di acqua, ecco che hai le feci dure: l'organismo ha bisogno di quell'acqua per diluire i veleni e la sottrae per mezzo dell'intestino alle feci stesse: a mali estremi, estremi rimedi; comunque l'organismo lavoro sotto il principio etico del MAGGIOR BENE. Probabilmente hai anche stanchezza alle gambe, anche se non è detto.
Ebbene, bevi più liquidi, tra cui molta acqua (non quella gasata) e riduci un po' la dieta di transizione rendendola meno aggressiva.
I succhi di frutta devi farli tu, non prendere quelli confezionati.
Vai tranquilla con la verdura e gli ortaggi che possiedono fibre (anche il pane integrale tostato) e vedrai che in 10 giorni ti passa tutto. Stanne certa ed aggiornaci con un successo: lo pretendiamo... :D
Avatar utente
By mokia
#5297
grazie Arca,
avevo molto bisogno di capire il "motivo" del mio disagio e sapevo che mi avresti aiutata con la tua chiarezza e generosità.

c'è soltanto una cosa che non ho capito bene ... quando mi inviti a rendere "meno aggressiva" la dieta di transizione intendi dire di aumentare, per esempio, il consumo dei cereali? non credo tu voglia intendere di reintrodurre parzialmente alimenti che creano muco come i latticini vero?

scusami, ma nell'esplorazione di questo nuovo, entusiasmante territorio, vedo te e Luciano come dei "fari di orientamento" indispensabili.

i succhi sono "fatti in casa" ormai da 3 settimane, da quando, su vostro consiglio, io e mio marito abbiamo acquistato la fantastica centrifuga della Philips ... ogni volta che ne sorseggio uno non posso che ringraziare Dio per la ricchezza e la bontà dei frutti della terra.

Insomma grazie davvero caro Arca, ho piena fiducia nella tua previsione di successo e non mancherò di confermarla appena possibile.
Mokia
Avatar utente
By arca
#5306
Renderla meno aggressiva significa fare un passo indietro.
Ciò significa mangiare cotto invece che crudo, oppure ridurre la frutta, oppure introdurre porzioni di cereali nuovamente.
Non significherebbe reintrodurre formaggi amidi e proteine poiché sarebbe NON fare la dieta di transizione.
Non potrebbe significare re-introdurre formaggi poiché a quel punto NON saresti più sulla dieta senza muco, anche se formaggi leggeri (tipo lo YUCCA o ficchi di latte ed in inglese chiamato cottage-cheese e consigliato da Ehret per la transizione), potrebbe andar bene.
Comunque, ritengo che in ordine di pericolosità i formaggi sono al primo posto, poi le proteine animali, quelle vegetali e quindi i carboidrati.
Fermo restante che alla fine dei conti tutti i prodotti acidificanti creano ostruzioni, ti do questa classifica degli effetti del momento, cioè a breve termine:
- I formaggi creano acidi ed ostruzioni direttamente (colesterolo in circolo) per questo è consigliabile che siano quanto più leggeri possibili (colesterol free)!
- Le proteine creano acidi (acido urico in primis in circolo, specie per le carni rosse) per questo il pesce è più leggero!
- i carboidrati creano ostruzioni (specie a livello intestinale: poltiglie amidose) per questo è consigliabile tostarli!

Quindi la riammissione nella dieta di transizione del passo precedente significa RISPETTO AL PUNTO DOVE SEI ADESSO e questa tabella ti spiega quale passo indietro è preferibile fare.

Un altro passo indietro può essere dato dal "mangiare di più" (quantità maggiori) anche di cibi nutrienti, ma di tutti è il passo indietro che sconsiglio perché a stomaco dilatato significa maggior appetito e questa è una cosa più difficile da confrontare se poi vogliamo nuovamente accelerare la transizione; ma la mia è una scelta personale.
.. quando mi inviti a rendere "meno aggressiva" la dieta di transizione intendi dire di aumentare, per esempio, il consumo dei cereali?

Quindi avevi compreso bene e ritengo di essere stato sufficientemente chiaro, ma se hai bisogno, scrivi.
Ciao
Avatar utente
By mokia
#5308
che dire Arca ... grazie ancora! :D
sei stato chiarissimo ed esauriente come sempre (è ormai più di 2 mesi che navigo sul sito e leggo i tuoi interventi).
Spero di riuscire ad applicare con successo le tue indicazioni e a sentirmi meglio molto presto.
Non mancherò di testimoniare i miei progressi che, sono sicura, continueranno a verificarsi.
A presto.
Monica
Avatar utente
By eugeniomario
#5327
ciao,
ho letto il tuo problema sull'indurimento delle feci e per questo, dato che ci sono passato anch'io, ti posso solo dire, in due fasi, come l'ho risolto:

1) con l'idrocolonterapia che mi ha dato un contributo enorme sia per l'evacuazione sia per eliminare tutto l'incrostamento di cui si legge bene nel libro di ehret.
l'unica difficolta' e' trovare chi la pratica e purtroppo sono pochi. se puoi recarti dalle mie parti in toscana ti posso
dare l'indirizzo dove io vado, pensa c'e' gente viene anche da roma e napoli.

2) con il movimento: passeggiate nei boschi con l'aria pura, senza forzare troppo, cammianre per una, due ore, in serenita'. io lo faccio perche' mi piace andare a cercare funghi, ma anche d'inverno, si possono fare delle escursioni, conoscere gente, respirare aria buona e dulcis in fundo sciogliere l'indurimento.

questa e' la mia esperienza ed a me ha funzionato.

un caro saluto

eugenio
Avatar utente
By eugeniomario
#5328
scusa, ma mi sono accorto solo ora che sei di viareggio, ebbene e' proprio a viareggio che faccio l'idrocolonterapia.

eugenio
Avatar utente
By mokia
#5355
grazie Eugeniomario per i tuoi consigli! :D
proprio ieri ho ordinato il libro "intestino libero" di cui si dice un gran bene qui sul nostro sito, e sono molto interessata all'idrocolonterapia di cui mi parli. Ora non rimane che sapere l'indirizzo a cui ti sei rivolto con esito così positivo, visto che oltretutto è, come dici, proprio qui a Viareggio dove vivo.
Aspetto quindi le tue indicazioni, sia che tu preferisca darmele privatamente, sia che tu scelga di offrirle a tutti i forumisti che sono interessati.

Qualche giorno fa ti avevo scritto un messaggio in risposta al tuo topic "e in Versilia?" ... vorrei essere capace di riportare qui il link su cui cliccare per andarci direttamente ma non sono in grado :? ... così t'invito semplicemente ad andare a leggerlo.
Proprio ieri ho fatto una bellissima gita a Pruno e, vedendo le indicazioni per un ostello della gioventù, ti ho pensato ...

Grazie ancora per il tuo interessamento e per i tuoi consigli.
un caro saluto
Mokia
Avatar utente
By eugeniomario
#5366
Parto dal fondo:
l'ostello è proprio quello a Pruno.
Ci sono altri interessati a gestirlo, sto tentando di inserirmi, ma, in questo mondo se non hai conoscenze, non hai speranze. Io comunque ci provo e se deve accadere accadrà.

Il messaggio di cui tu mi parli, probabilmente mi è saltato, andrò a cercarlo e ti risponderò.

Per l'idrocolonterapia, devo dire che mi ha letteramente migliorato la vita.
La bravissima Raffaella che la pratica. ti mette a tuo agio, è dolce e simpatica. Un po alto il costo a seduta, questo si, ma ne vale la pena.
Ti do il numero di telefono 348 3158837, chiamala pure facendo il mio nome. Poi, più avanti mi dirai come è andata.
Avatar utente
By mokia
#5407
ancora grazie Eugeniomario :D
chiamerò presto Raffaella per informarmi e, se deciderò di seguire il tuo consiglio, ti farò certamente sapere come mi sono trovata.
Nel frattempo ti rinnovo i miei auguri perchè il tuo progetto dell'ostello possa concretizzarsi ... anch'io credo che se è "tuo" verrà a te.
Tienici informati mi raccomando!
un caro saluto
Mokia
By susi
#5594
Un po' in ritardo ho letto i tuoi post.
Io ho avuto giovamento dal magnesio supremo che Luciano consiglia e ho acquistato su www.macrolibrarsi.it
Se ne prendi un po' più di un cucchiaino che è la dose per integrare il magnesio (l'ho testato anche su mia madre che va in bagno anche dopo 10 giorni) regolarizza tutto.
Ciao
Susi
Avatar utente
By mokia
#5627
grazie Susi! :D
sai che ci stavo pensando da un pò al magnesio... :roll:
a questo punto non ho più dubbi: sicuramente prenderò il libro e lo proverò.
Questo forum è davvero una fonte di preziosi consigli e condivisioni.
Grazie a te e a tutti.
Mokia

Ho usato l'imperfetto perchè ora ho introdotto qu[…]

Gli ultimi del contadino

Sinceramente no, anche perchè vivendo in un condom[…]

Diario di Narayani

Credo fosse eccessivamente gelata.

La panoramica di Ienk

Dopo la panoramica ho rimosso tre delle 5 amalgame[…]

Libri di Arnold Ehret