Arnold Ehret Italia

Qui si possono discutere e richiedere riferimenti del libro riguardo alla risoluzione di condizioni non ottimali di salute

Moderatore: luciano

Avatar utente
By sethunya
#70842
Ciao, non so se tutti conoscete la mia storia di parto, comunque la trovate qui all'ultimo post:
http://www.arnoldehret.it/old/modules.p ... 5250#55250

L’atonia uterina è la mancanza di tono muscolare dell’utero. Questa problema, che può comportare difficoltà nel proseguimento del travaglio nonché copioso sanguinamento post-parto, si verifica quando vi è una mancata contrazione delle pareti uterine e dei capillari sanguigni che non costringendosi, perdono copiosamente sangue.

Vorrei capire come mai mi è capitato tutto questo, mi aiutate?
Tutto è stato dovuto solo alla mia intossicazione?
Vorrei inoltre capire se posso "rischiare", col prossimo figlio, un parto naturale.
Ovviamente la mia ginecologa ha detto di no perchè sono considerata come parto a rischio e quando sarà vorrà programmare il parto cesareo.

Credete che con la dieta senza muco possa evitare che ciò possa accadere di nuovo?
Avatar utente
By valina
#70867
Ciao Seth!
Ho letto la tua storia.
Ti posso solo raccontare quello che è successo a me che spero ti possa essere di aiuto (un consiglio vero e proprio non te lo so dare).
1. Dopo alcuni mesi di transizione (direi almeno 6) il mio sangue ha cambiato densità, è più simile a un gel : quando mi taglio intanto non sento più dolore e poi il sangue non esce praticamente più. Mi è capitato recentemente di tagliarmi con la punta di un coltello in ceramica per affettare un ananas (essere ehretisti è un mestiere rischioso!). Il sangue non è praticamente uscito e schiacciando per "unire" i lembi la pelle si è subito "incollata" con una guarigione rapida e senza lasciare traccia. E' un qualcosa di veramente importante per la vita perchè immagino in caso di tagli più importanti aiuterebbe per la cicatrizzazione (penso ad un taglio cesareo).
2. Anche il mio parto ha avuto i suoi problemi (al tempo ero onnivora) e mi ha insegnato alcune cose. Ho avuto contrazioni arrivate pian piano (errore:sono andata in ospedale troppo presto). Poi mi hanno rotto le acque e con ossitocina una volta che la dilatazione è iniziato mi hanno dato la "botta" per "fare in fretta". Risultato: io ero già stanca dei due giorni passati in ospedale in più l'ossitocina mi ha stroncata....fatto sta che il ginecologo a un bel momento ha deciso di saltarmi sulla pancia per aiutare me e la piccina. Per il resto tutto bene ma....fatto sta che ora ho una diastasi addominale importante(in pratica i muscoli dell'addome sono separati grazie a questa gentile manovra sulla mia pancia e negli anni a venire penso ci saranno possibili conseguenze poco piacevoli...vedremo).
La conclusione che ne ho tratto è che se il mio parto avesse avuto un iter naturale, senza le forzature dell'ossitocina sarebbe stato meglio.
Penso che l'ossitocina induca il corpo a fare cose non naturali, come avere delle contrazioni fortissime...che hanno conseguenze non controllabili.
3. Nel mio caso se arrivasse una nuova gravidanza (chissà...) mi affiderei il meno possibile alla medicina classica e il più possibile a quella naturale, possibilmente con la Lotus birth di cui ho scoperto su questo forum.

Spero di esserti stata utile in bocca al lupo!!!
Avatar utente
By sethunya
#70870
Vale, la tua esperianza non poteva che essere gradita.
Mi hai fatto tornare alla menta questa cosa del sangue che cambia, non me la ricordavo ed è una cosa importantissima.

Be' io è solo da un mese che sto mangiando frutta e verdura con qualche sgarro, mi ci vorrà ancora un po' per cambiare qualcosa dentro di me. Ma ho tempo, abbiamo intenzione di provare l'anno prossimo verso gennaio/marzo.

Rivvorrei le stesse cose anche per il secondo figlio.
Avevo scelto il parto in acqua e la strutta che avevo scelto per partorire acconsentiva a lasciare che il cordone si staccasse da solo e non mettere nessun tipo di pomata agli occhi di mia figlia, nessuna vitamina k.
Ma tutto quello che poteva andarmi storto è andato storto e io non ho più saputo o potuto controllare gli eventi.

A volte mi sento così in colpa per come sono andate le cose, per come mi sono ridotta a mangiare in gravidanza permettendomi di ingrassare 25kg. L'atonia uterina è semplicemente colpa mia...altro che statistiche. :(
Avatar utente
By valina
#70917
Se hai mangiato così tanto sono stati il tuo corpo e la tua mente a esigerlo.La mia sensazione è che i batteri e i germi che abbiamo dentro agiscano dall'intestino sul cervello. Fai tutto quello che è in tuo potere per sentirti pulita dentro : pulizia del fegato, dei reni, idrocolon, cura antiparassiti...datti un ordine di priorità e porta avanti pian piano la tua guerra al muco.Vedrai che piano piano tutto va in ordine e ti sentirai molto meglio. ;) Almeno è quello che sta succedendo a me e mi raccomando niente fretta ascolta il tuo corpo che più si depura più ti lancia segnali comprensibili ;)
Avatar utente
By stellina3
#70929
Intanto...auguroni!!! :-) Seth, sei di nuovo incinta, giusto?
Non colpevolizzarti troppo! La gravidanza è già di suo una delicatissima condizione che nella nostra cara civiltà è massacrata proprio per questo carattere ancora intimo e nascosto e così "naturale". Poi ovvio, mettici che siamo anche intossicate e dunque è facile incorrere in problematiche che necessitano del medico, ma sono sicura che già un buon lavoro di grande insegnamento alle donne sulle loro potenzialità fisiche nonchè un percorso di autoconsapevolezza invece del terrorismo imperante che ci circonda, predisporrebbe la partoriente ad un parto già più sano e naturale (che poi significa anche un imprinting più sano al nuovo essere umano, ma vabbè...).
Detto ciò, io non conoscevo Ehret durante le mie due gravidanze ma ero già una combattente su tanti fronti della salute e ce l'ho messa tutta per prepararmi al meglio e per circondarmi delle giuste persone che potessero proteggere ed assistere rispettosamente il mio parto. E per quanto la mia volontà e determinazione mi abbiano aiutato ad arrivare alla nascita dei miei bimbi con solo il mio corpo, le interferenze dell'ambiente ospedaliero (protocolli, medici terrorizzati da un parto naturale! e tanto altro)hanno segnato in vario modo entrambi i parti. Ora non sto qui a dire i dettagli, il secondo avrei dovuto farlo a casa infatti, fino alla 39a settimana ormai era tutto pronto...ma la mia ginecologa, come percepivo sin dall'inizio, aveva di fondo paura e alla fine ha trovato il modo per impedirmi di farlo in un momento in cui non potevo neanche fare altrimenti.
Insomma, tutto questo per dire che in qualche modo non va come ci impegnamo e sognamo che vada, dobbiamo accontentarci della situazione meno peggio e pensare per lo più ad assicurarci una sicura vicinanza del nostro o nostra piccolino/a nei prissimi istanti e giorni, questa è la cosa principale che dobbiamo augurarci per la loro salute e possiamo ottenere.
Vedrai che andrà meglio stavolta anche per la passata esperienza e magari per la maggior consapevolezza acquisita e il minor nervosismo che potresti mantenere lontano e che ti buttano addosso medici e conoscenti.
In bocca al lupo e forza forza forza!
Avatar utente
By sethunya
#70938
Grazie Stellina, non sono ancora incinta....contiamo di provarci l'anno prossimo.

Comunque da venerdì non ho più rimesso il nuvaring (anello anticoncezionale).
Così mi pulisco anche da quello...

Piano piano so che posso farcela.
Mio marito ha molta paura e non è molto d'accordo sulla mia scelta del parto naturale.

Grazie a tutte site preziose!!!
:D

Congratulazioni per la perdita di peso e per la t[…]

Panoramica Matteo

Bene, ho tolto il 26(devitalizzato) e il 28 una se[…]

Diario di Narayani

Poi basta perché ogni volta che entravo in piscin[…]

Gli ultimi del contadino

Mai provato a essiccarli al sole? Non ho mai pr[…]

Libri di Arnold Ehret