Arnold Ehret Italia

Specifico sulla transizione, per chiedere suggerimenti, chiarire punti del libro a riguardo, descrivere sintomi comparsi all'inizio o durante e tutto quanto può essere utile per fare la transizione senza sforzi considerevoli

Moderatore: luciano

#70897
Ho quasi raggiunto il terzo mese di transizione e sento dei miglioramenti molto inaspettati, sia in agilità fisica, sia in agilità mentale.

Il segreto è stato (per me, intendo) tenere adeguatamente rallentata la transizione attraverso l'utilizzo di cibi mucosi diversi dai cereali (patate/legumi/frutta secca).

L'interruzione dell'assunzione di cereali è stato particolarmente benevolo. Ho tenuto rallentata l'eliminazione delle tossine, quindi senza crisi di astinenza, se non lievi (una leggera voglia di dolci), eliminando glutine e stimolanti dei cereali.

Limonate, acqua durante il giorno e pulizia del colon quotidiana hanno aiutato molto, ovviamente.

Ecco i cambiamenti che ho fatto:
Creackers/Popcorn e co -------> frutta secca
Pasta/Riso e co -------> Patate/fagioli
Pane/grissini--------> Patate
Dolci con cereali--------> frutta secca
Gelati-------> Ghiaccioli di frutta

Per il momento non mangio frutta per non staccare troppe tossine in una volta.

Con questi semplici cambiamenti ho risolto il desiderio della voglia di cereali, che in realtà è la voglia di solido dei cereali.

La pasta, il riso, la pizza ci piacciono principalmente perchè hanno una certa consistenza, il mordere una cosa gommosa, che sazia. Se utilizzassimo lo stesso condimento che usiamo per la pasta per insaporire le zucchine cotte per esempio, non sarebbe la stessa cosa. La pasta in realtà non ha nessun sapore e dobbiamo metterci sale e sugo perchè sappia di qualcosa. Percio, quello che a noi piace della pasta in realtà è la sua consistenza e non il suo sapore.

Per fortuna questo bisogno di gommoso, è ampiamente appagabile con le patate al forno (croccanti fuori, tenere dentro), le quali, nonostante contengano amido (sicuramente meno di lesse), opportunamente condite con spezie, soddisfano questo bisogno in transizione, senza assumere glutine.

Spero che la mia esperienza possa esservi di aiuto. Buona continuazione
Ultima modifica di Phabia il 24 giugno 2013, 10:28, modificato 1 volta in totale.
#70926
Ciao Phabia,
sei una ragazza molto determinata! Traspare subito da cio' che scrivi-ho letto vari tuoi post.
L'aver abbandonato del tutto gli amidacei ti ha fatto sgonfiare l'addome? Io ne mangio ancora un pò, ma quando spesso capita che non li mangio mi sento leggerissima...è una sensazione troppo bella. essere sazia e non sentirsi un pallone!!
#70936
Beh, per me togliere i farinacei è stata, per così dire, una necessità.

Avevo troppi disturbi strani (stanchezza, vampate di calore, capelli sottili senza volume, occhi "spenti", svogliatezze varie....) e ho fatto un esperimento.

Poichè sapevo che latticini (che non mangio da tempo) e cereali sono i primi alimenti a dare problemi di intolleranze, ho provato a vivere senza di essi.

Ovviamente anche patate e legumi gonfiano la pancia se se ne mangia troppi. Allora, ho suddiviso i pasti in "primo" e "secondo"
Nel primo, verdura cruda (2 tipi di solito)
Nel secondo, patate (l'equivalente di 2/3 patate medio-grandi) e un legumi (di solito fagioli o piselli, altri legumi non mi piacciono). le patate cotte al forno, non sono affatto pesanti come quelle lesse, perciò mi capita spesso che dopo finito di mangiare posso già iniziare a fare un'attività.

Se ho voglia di dolci, per esempio un gelato, mi sono preparata a casa dei ghiaccioli utilizzando solo frutta resa una polpa con l'aggiunta di acqua.

Se ho voglia di spuntini fuori pasto (cerco di non farli altrimenti non posso bere l'acqua) la frutta secca mi ha dato molto sollievo (e per giunta non lascia briciole in giro e non devo neanche pulire!!!!!!). E' l'ideale se uno ha l'abitudine di mangiare popcorn o altro mentre guarda un film.

Il vero dramma per me è gestire le crisi di astinenza dal cioccolato/dolci al caffe (sono ancora nel bel mezzo dei lavori) perchè sono un alimenti diabolici. Il cioccolato, in particolare, è un alimento dolce e forte nello stesso tempo ed è difficile trovare un surrogato (al contrario della pasta).
Ho letto nel forum che esistono le carrube, che hanno un sapore che richiama il cioccolato, ma qui al nord sono un alimento estinto, per ovvi motivi commerciali e di malattia (sospetto).
Percio, al momento l'unica cosa che posso fare è dare un bel taglio netto a questo tipo di alimenti e aspettare che le loro tossine escano dal corpo. Bere acqua fuori dai pasti mi aiuta molto a far uscire prima le tossine che si staccano via via per la transizione. Cosa ancora piu importante non mangio frutta FRESCA in questa fase per tenere adagio il distacco delle tossine, altrimenti l'eliminazione sarebbe troppo violenta e sarei molto infastidita.
#70940
Come ti capisco specie per il caffè!!! Io proprio in questi giorni ho capito ancora di più che sto correndo troppo e la mia vita attuale non mi permette una corretta disintossicazione: poco riposo per via dei ritmi dei bambini (2 anni uno e 7 mesi l'altro), correre dietro a loro, impazzirmi per lottare per la loro alimentazione...tutto questo non mi rende la transizione facile, dunque mi devo ricordare quotidianamente di non pretendere troppo da me stessa! In effetti sarà anche per la tanta frutta fresca che mangio, però ci sono momenti veramente duri, specie in questi ultimi giorni, quasi di crisi d'astinenza che mi portano a fare sgarri che, per quanto circoscritti ad un campo vegano, mi gonfiano! Poi lotto con la stitichezza e l'esaurimento è vicino :-)
Però il tuo "piano" è molto adatto alle nostre esigenze di famiglia, quindi grazie :-)
Per la carrube, io l'ho acquistata da poco su un sito trovato poi qui sul forum cibocrudo.com, dove hanno tantissime cose utili volendo! In realtà hanno anche il cacao crudo che immagino sia comunque qualcosa di troppo, ma meglio sicuramente del cioccolato commerciale e pieno di altre cose.
La carrube comunque devo dire che è fantastica. Volendo con un po' d'acqua mischi e poi ci passi tipo un fico secco e secondo me risolvi il desiderio di cioccolata :-) O magari in un frullato con banana congelata o..via alla fantasia :-)
#70965
Mi interessa molto sapere come fai il gelato :) purtroppo spesso sono vittima di esso...
si può fare anche senza l'estrattore?
#70967
Eventualmente, a volte sostituisco i legumi con verdura cotta, ma sempre con patate al forno, almeno all'inizio, come sono ora (ho previsto di effettuare una transizione di circa 2 anni).

Grazie Stellina3, per la segnalazione. Certo che questa farina di carrube è particolarmente cara....
#70968
MariaFiore ha scritto:Mi interessa molto sapere come fai il gelato :) purtroppo spesso sono vittima di esso...
si può fare anche senza l'estrattore?


Io non faccio il gelato, faccio i ghiaccioli. Per il gelato credo serva un addensante (amido o latte), non so farli, quindi non saperei come aiutarti.

Non uso l'estrattore (non ce l'ho).
Prendo un tipo di frutto a piacimento, tolgo la buccia e le parti in mezzo, lo taglio a pezzettini sottili e lo faccio diventare una polpa, utilizzando una forchetta o altro, aggiungo acqua per diluire la polpa e un po' di miele. Vado a occhio, aggiungo acqua fintanto che mi sembra che la polpa sia abbastanza diluita, e miele non molto perchè a me non piace troppo dolce.
Metto il composto dentro gli stampini e poi nel freezer per una giornata intera.

Naturalmente si possono mescolare piu frutti assieme, ma non ho mai provato.
Certo, questi "gelati" non sono come quelli dell'Algida, ma di sicuro sono assolutamente sani.

PS: i ghiaccioli subito li metto nel freezer senza bastoncino perchè il composto è troppo liquido. Aspetto che si solidifichi un po e poi ce lo incastro.
Ultima modifica di Phabia il 24 giugno 2013, 21:30, modificato 1 volta in totale.
#70969
Che bel modo di fare i tuoi ghiaccioli...mi dovrei attrezzare di contenitori per metterli in forma. Così quando mi viene voglia di gelato oprto per questi ghiaccioli senza tutte quelle schifezze chimiche :)
#71040
ciao MariaFiore, anch'io sono golosa di gelato e lo faccio cosí : frullo banane mature congelate, mandorle spellate, e se vuoi congelate, dolcificante tipo succo d'agave o stevia e aggiungo farina di carrube, poca acqua.
Poi scoprirai da te le dosi migliori per i tuoi gusti.
Si puó fare anche con altra frutta
io lo trovo buonissimo :D

Ho letto con interesse la tua esperienza per la pu[…]

Di solito il magnesio viene assorbito meglio, quan[…]

Clisteri o idrocolonterapia

Non ho mai avuto esperienza di idrocolonterapia, m[…]

Diario di Narayani

:)

Libri di Arnold Ehret