Arnold Ehret Italia

Quando non sai dove mettere il tuo messaggio mettilo qui. Se devi fare delle battute, falle qui. Non sono permesse battute sulla dieta o sugli utenti.

Moderatore: luciano

#71052
Phabia ha scritto:Non ho ben capito..... I vari difetti che potrebbero crearsi al feto dipendono dal seme?


Dipendono anche dal seme.
Trovi tutto da pag. 149 del libro.
#71055
Phabia ha scritto:Non ho ben capito..... I vari difetti che potrebbero crearsi al feto dipendono dal seme?

Quindi anche il mio compagno dovrebbe ripulirsi prima di "inseminarmi".
Però lui NON VUOLE disintossicarsi e fare la dieta....
Sono importanti sia il seme che la terra.

Phabia ha scritto:Perchè la vita è così complicata??????????????
Che palle!!!!!!!!!!
Niente di così complicato, appare così a chi non ha tutti i dati sull'argomento.
Lamentarsi a riguardo è una conseguenza del non accettare le cose per quello che sono.

E' come se a me non piacesse il colore verde e me la prendessi con la Natura per tutti quei prati verdi intorno a me! :D
#71058
Phabia ha scritto:Cosa faccio, mi metto in sciopero??????!!!!!!!

aha aha aha
con quello sciopero, dopo un po' comincerebbe a mangiare l'erba come le pecore pur di farti smettere! :lol:
#71059
Nel libro Ehret dice che bisognerebbe iniziare la DSM almeno 3 mesi prima dal concepimento, se il tuo compagno fosse un cecchino potrebbe fare questa dieta anche solo per 4 mesi... :lol:
#71060
luciano ha scritto:...se un figlio nascesse da due organismi perfettamente puliti e non ci fosse armonia se la passerebbe male.

A parte la battuta fatta nel post sopra, d'accordissimo con te Luciano.
L'armonia in famiglia è la prima medicina per un bambino.
E voglio sempre e poi sempre ricordare che un figlio non "aggiusta" i problemi di una coppia, bensì li amplifica all'ennesima potenza.
Mai fare questo errore... bisogna essere una coppia granitica già da prima.
#71064
luciano ha scritto:Magari prima potresti avere rispetto per lui.
Mi pare che non ci sia armonia, anche se un figlio nascesse da due organismi perfettamente puliti e non ci fosse armonia se la passerebbe male.


Ma tra noi c'è armonia. Almeno, c'era armonia fintanto che lui non ha cominciato a prendere un farmaco per la circolazione (perchè lui non vuole cambiare alimentazione), che lo ha reso piu nervoso del normale. Infatti, di 10 potenziali discussioni se ne accende una, altrimenti non si finisce piu.

Poi c'è da dire che quando ci siamo messi assieme avevamo entrambi le stesse idee sull'alimentazione e sui farmaci. Perchè il punto è questo. Si tratta solo di divergenze su alimentazione e farmaci, per il resto andiamo d'accordo. Ma si può baruffare per delle "scemenze" simili, con tutti i problemi veri che ci sono nella vita?

Abbiamo parlato varie volte di figli, ma ultimamente, gli ho detto che vorrei aspettare per problemi di "lavoro" e simili, senza accennare al reale motivo.
Lui NON SA che ho avuto il cancro. Lui non sa niente di effetti collaterali, di intossicazione, di malformazioni, di conseguenze e se sapesse sarebbe molto scioccato e spaventato. Poichè riesco ad avere rapporti, no ho detto niente...
E ho fatto bene, altrimenti ora mi toccherebbe vivere ancora con i genitori...
Ma non pensare che il problema sia la persona, il problema vero è che una persona "sana" non vuole stare con una malata, in special modo se ha avuto malattie del genere in passato. Questa è la verità purtroppo....
#71067
Phabia ha scritto:Ma tra noi c'è armonia. Almeno, c'era armonia fintanto che ....
Beh, se lo chiami sozzone pubblicamente non so quanto corrisponda al vero.

Quel fintanto che... presume che ti predisponi nei suoi confronti a condizione che sia come tu vorresti che fosse, non per quello che è.

Phabia ha scritto:Lui NON SA che ho avuto il cancro....
Indipendentemente da tutto se ci sono cose che la metà dell'altro non sa per me è un rapporto inconcepibile, non importa come uno giustifichi il non dirgli come stanno le cose.

Poi il fatto che tu lo riporti pubblicamente, non pensi che potrebbe trovare il post e leggerlo?

Anche se uno usa un nickname, io per inferenza e analizzando i dati e l'ausilio dei motori di ricerca sono sempre riuscito a trovare la vera identità di una persona quando volevo saperlo.

Il mio concetto di relazione però è frutto del mio modo di rapportarmi con gli altri e del mio modo di essere, non voglio comunque discutere o invalidare altri concetti di relazione che altri considerano soddisfacenti anche se io non tenterei nemmeno di instaurarne uno con quei presupposti.
#71070
Phabia ha scritto:Lui NON SA che ho avuto il cancro. Lui non sa niente di effetti collaterali, di intossicazione, di malformazioni, di conseguenze e se sapesse sarebbe molto scioccato e spaventato. Poiché riesco ad avere rapporti, no ho detto niente...
E ho fatto bene, altrimenti ora mi toccherebbe vivere ancora con i genitori...
Ma non pensare che il problema sia la persona, il problema vero è che una persona "sana" non vuole stare con una malata, in special modo se ha avuto malattie del genere in passato. Questa è la verità purtroppo....


Nooo, ti prego glielo devi dire.
Come puoi basare un rapporto su una bugia così grande?
Dovresti parlare con lui e spiegargli come stanno le cose.
Tu sei molto determinata e agguerrita e dovresti farlo non solo per lui ma sopratutto per te stessa, perchè il tuo spirito e la tua anima possano stare in pace.
#71072
Cara Phabia, io mi accodo a Luciano e a Marika.
Hanno perfettamente ragione.
Ma sulla sincerità sul rapporto di coppia, almeno tu e Marika sapete già come la penso... :)

Un annedoto... quando mia moglie mi stuzzica su un certo argomento, le rispondo sempre che non potrei mai tradirla perché appena torno a casa non riuscirei a nasconderle niente nemmeno per un secondo!
#71074
luciano ha scritto:
Phabia ha scritto:Ma tra noi c'è armonia. Almeno, c'era armonia fintanto che ....
Beh, se lo chiami sozzone pubblicamente non so quanto corrisponda al vero.

Quel fintanto che... presume che ti predisponi nei suoi confronti a condizione che sia come tu vorresti che fosse, non per quello che è.

Phabia ha scritto:Lui NON SA che ho avuto il cancro....
Indipendentemente da tutto se ci sono cose che la metà dell'altro non sa per me è un rapporto inconcepibile, non importa come uno giustifichi il non dirgli come stanno le cose.

Poi il fatto che tu lo riporti pubblicamente, non pensi che potrebbe trovare il post e leggerlo?

Anche se uno usa un nickname, io per inferenza e analizzando i dati e l'ausilio dei motori di ricerca sono sempre riuscito a trovare la vera identità di una persona quando volevo saperlo.

Il mio concetto di relazione però è frutto del mio modo di rapportarmi con gli altri e del mio modo di essere, non voglio comunque discutere o invalidare altri concetti di relazione che altri considerano soddisfacenti anche se io non tenterei nemmeno di instaurarne uno con quei presupposti.


"Sozzone" è per me un termine simpatico credo di origine romana. Era solo una battuta. In questo caso sozzone era inteso come persona intossicata, senza offesa. Tendo sempre a sdrammatizzare le cose, con termini/frasi particolari... Io sono così, un po' colorita....

A parte il fatto che Phabia è il mio nome, non credo che il mio compagno si colleghi a questo sito, visto che non si interessa di alimentazione o rimedi naturali. Ma mi piacerebbe molto sapere come è possibile risalire all'identità di una persona, senza fare una denuncia alla polizia postale.

Cmq Luciano, se ritieni che certe frasi siano lesive o poco consone, ti invito a cancellarle da questo forum.

Io sono in pace con me stessa. Perchè dovrei andare a dire ad una persona che è felice di stare con me (a parte quando gli rompo le scatole con l'alimentazione) che anni fa ho avuto una malattia del genere? Si metterebbe in testa tante preoccupazioni e mi farebbe sentire una "menomata", come mi hanno fatto altre persone nel passato "tu devi stare a riposo" "non fare questo/quello perchè con tutto quello che hai avuto TU NON PUOI....." ecc... Oppure potrebbe essere che mi lasci per paura, tanto non siamo spostati e non abbiamo mutui...
#71077
Oppure sei tu ad aver paura di esser lasciata.
Non puoi sapere quale potrebbe essere la sua reazione, a mio parere dipende molto dal tono e dal modo con cui lo dici. E comunque conta il presente, nel senso che sarebbe improbabile che ti lasci se oggi giorno ti vede in piena forma e il ''salute''.
Sei giovanissima, a quanti anni fa risale la tua esperienza di malattia?
#71078
Hai deciso per forza di cosa che lui debba reagire male e qui c'è dietro la tua paura di perderlo.
Un giorno salterà fuori e allora forse li avrà ragione a lasciarti.
Non perdere l'occasione di scoprire che magari hai accanto a te una persona oltremodo meravigliosa capace di stupirti.
#71080
...c'è una cosa che non va persa di vista e che riflettendo sugli scritti di Ehret è sempre suggerita o perlomeno trapela a chi vuol riflettere. Il corpo non è un qualcosa di inerte e meccanico solamente, che funziona a forza di cibo corretto. C'è una psiche e uno spirito. Ehret dice che nei paesi poveri dove si "muore di fame" non è la mancanza di cibo ad uccidere nell'immediato quanto le condizioni di vita, i veleni che circolano nell'organismo e LA PAURA DI MORIRE.
Cosa c'entra questo...c'entra perchè mi sembra che tu Phabia parli di pulizia del tuo corpo e del fatto di voler avere bambini in una condizione di perfezione fisica esclusivamente tua senza mettere in conto che tu e il tuo corpo non siete in una dimensione esclusiva. Tutto scorre continuamente, ci si amalgama al mondo circostante già solo respirando, mangiando ti nutri dei frutti della terra per quanto ehretista sia la tua alimentazione, una terra comunque abbastanza infestata non così pura, ti fondi con l'altro facendo l'amore col tuo uomo. Da come parli sembra che tu non prenda in considerazione la dinamica e il fluire della vita che genera la vita, cioè un bambino sano!
E' ovvio che esperienze così brutte e avvelentanti quanto un cancro e la chemioterapia spaventino, ma per farti un esempio ho un'amica che ha avuto la chemio mentre era incinta perchè le si è smosso un tumore al seno!!! E la bimba ha 2 anni, è carinissima e sta bene. Certo, avrà il suo carico tossinico che in qualche modo le si manifesterà forse prima o poi, però quello che mi sento dal cuore di dirti è...lascia scorrere di più la vita, solo così arriverà un figlio al momento giusto e nell'ambiente giusto! Perchè tu potrai essere pulita quanto vuoi, ma se non sarai serena e in armonia con te stessa e il tuo uomo, il piccolo o la piccola crescerà molto più "intossicata" e "malata" e le paure e le ansie che trasmettiamo ai nostri piccoli spesso sono molto più pericolose, deleterie e profonde di una torta al cioccolato!
La panoramica di Ienk

Il canino in necrosi è il 43, ho evidentemente sba[…]

Ho letto con interesse la tua esperienza per la pu[…]

Di solito il magnesio viene assorbito meglio, quan[…]

Clisteri o idrocolonterapia

Non ho mai avuto esperienza di idrocolonterapia, m[…]

Libri di Arnold Ehret