Arnold Ehret Italia

Per quanto la dieta di per sè, disintossicando il corpo ed eliminando il muco, alla fine risolve alla radice, lungo la strada può essere utile l'utilizzo di decotti o tisane indirizzati all'espulsione di specifiche tossine e veleni, come i metalli pesanti, tanto per fare un'esempio.

Moderatore: luciano

#72049
Qualcuno di voi gentilmente, mi spiega la differenza che c'è tra magnesio supremo e cloruro di magnesio?
Io devo assumere magnesio poichè ho la fibromialgia da sbilanciamento mandibolare, cattiva postura e problemi neurologici, inoltre soffro parecchio di affaticamento cronico.

Grazie mille.
#72050
Sono due differenti composti di magnesio, entrambi forniscono magnesio.
Per mascherare il gusto della soluzione di cloruro di magnesio puoi provare ad aggiungervi dell'aceto di mele.

Anche il Magnesio Supremo comunque ha la stessa efficacia, in quanto veicola ioni magnesio che sono in ultima istanza il cosiddetto "principio attivo".
Avatar utente
By acerra99
#72792
stavo rileggendo in questi giorni il mio libro sul magnesio, quello realizzato nel 2004, e che trovo?
Un'intera famiglia da analizzare per la presenza di focalità di denti del giudizio!

    Se i miei lettori fossero un partito, insieme con coloro che per lettera o per telefono mi raccontano di come rimuovono l’amalgama dentale, la nostra bandiera avrebbe due simboli in primo piano: l’uso del cloruro di magnesio e l’abolizione da tavola di latte e latticini. Ho ricevuto questa lettera da Antonietta, 42 anni, che aveva incontrato Lanfranco, un affiliato di tale partito:

    In famiglia siamo 4, io, Mauro e due figli, uno di 16 e l’altro di 6 anni. Il più grande, Riccardo, soffriva di mal di testa prolungati e insistenti. Nell’arco degli ultimi due anni gli ho fatto fare tutta una serie di analisi, compresi elettroencefalogramma, visita neurologica e lastre. Per fortuna niente, ma i mal di testa continuavano. Diagnosi: «Mal di testa congenito», di quelli che «se lo deve tene’». A maggio 2004 ho incontrato Lanfranco appena trasferitosi da Napoli città qui da noi all’Argentario. Dietro suo consiglio abbiamo fatto la prova: cloruro di magnesio e niente latte e latticini. Risultato? Mal di testa sparito d’incanto.

    L’altro mio figlio, Daniele, appena prendeva il raffreddore degenerava in asma bronchiale e broncospasmo; di conseguenza antibiotici e cortisone, etc. Ho scoperto leggendo ora il manoscritto sul magnesio che il broncospasmo era dovuto a carenza di magnesio e infatti con la somministrazione di magnesio è un altro bambino. Nell’inverno 2003 e nei mesi prima del magnesio mi si ammalava con una frequenza di due volte al mese in media: ero disperata! La quantità di prodotti contenenti latte nella sua alimentazione si è ridotta e per il momento mi ritengo soddisfatta, anche perché almeno riesco a dargli il cloruro di magnesio regolarmente.

    Io e mio marito con il cloruro di magnesio abbiamo riscontrato un’aumentata resistenza a raffreddori e mal di gola (pur essendo fumatori), digestione più facile, aumentata resistenza alla fatica, ci siamo “sgonfiati” senza diete, e sembra che il magnesio protegga il ginocchio di Mauro sensibile per il lavoro di meccanico ed ereditarietà (mio suocero ha le protesi a tutt’e due le ginocchia).
    Insomma l’incontro e amicizia con Lanfranco mi hanno aperto la porta ad un mondo tutto nuovo: il magnesio, i problemi che dà il latte, la riduzione delle farine dall’alimentazione.

    Ma vediamo il discorso delle farine. L’anno scorso Riccardo
    [quello guarito dai mal di testa, senza aver rimosso i denti del giudizio direi io], in primavera aveva avuto tonsillite con placche di pus in gola che l’avevano costretto a prendere 15 giorni antibiotici e cortisone. Ad ottobre [2004], di nuovo, placche e mal di gola, stavolta però eravamo preparati: magnesio due volte al giorno, niente latticini e, mi dice Lanfranco, niente glutine. «Riccardo non è allergico al frumento», gli spiego io, «ho capito» mi dice Lanfranco, «ma quando uno vuole superare certe situazioni l’intestino è più preparato se si fa a meno anche del glutine». Aveva funzionato per Alessandra, la moglie di Lanfranco, per problemi ancora più grossi e ha funzionato anche per mio figlio, a Riccardo è sparito tutto facilmente e senza medicine!


.
Ultima modifica di acerra99 il 15 aprile 2014, 12:55, modificato 1 volta in totale.
#73373
Io assumo a tratti sia il magnesio supremo che il cloruro magnesio (comprato in farmacia) senza nessun problema di sapore.
Assumo il magnesio supremo, come da libretta, con acqua tiepida e al momento della trasparenza.
Il cloruro magnesio in acqua fredda e basta. Ne preparo una bottiglia da 3/4 e la bevo a tazzine nei giorni successivi.
La domanda riguarda il cloruro magnesio. Per essere assimilabile è necessaria la base acida ? Con semplice acqua fredda non si assimila ? Credevo di si perché finché non supero i 4 gr/giorno l'intestino regge e la sensazione è positiva.
Grazie anticipate per il chiarimento.
#73374
riassunto delle puntate precendenti: il magnesio citrato ha un po' d'insolubilità in acqua, ma con l'acqua tiepida, bollente o con aceto di mele abbiamo dei metodi per indurre il magnesio citrato ad essere al 100% solubile in acqua alla dose usata.
Solubile o non solubile in acqua, non scherziamo, l'assorbilità o assimilazione che dir si voglia non cambia. Nello stomaco il "magnesio supremo" subito si idrolizza a MgCl2 in ogni caso.

Poi c'era la ricetta per "mascherare" il gusto amaro del magnesio cloruro.
Proprio per questo, la ricetta che io do' sempre è di sciogliere i quattro grammi di magnesio cloruro in 400-500 ml di acqua e tenerla con se' durante la giornata. Chi di voi non beve un mezzo litro di acqua, soprattutto se fa sport!?
Soluzioni cosi' diluite sono buonissime! Poi altri invece insistono che vogliono avere il massimo di gusto amaro, ma solo in una mezza tazzina. Ognuno è re nei suoi fatti.
Poi e' una questione anche di costi. Ho notato che il prezzo del magnesio cloruro nelle farmacie e' aumentato spropositatamente, quindi consiglio o Ecosalute (1/2 Kg, 9 euro) oppure Arganiascorbile (1 Kg, 17 euro). 1 kg basta per un anno (3-4 grammi al giorno).

Non vorrei qui aprire la discussione su quanti ioni magnesio in percentuale entrano in circolo nel sangue.
Il mio libro è online al 70%.

Recentemente lo stavo riscrivendo, ho trovato notizie nuove:
[font=Lucida Console]Nel 1808 il vicerè britannico a Belfast era in fin di vita. I medici avevano trattato il suo caso di colera con le terapie tradizionali, ovvero mercurio, oppio, cloroformio e salassi, ma non avevano avuto risultati. Sir James Murray era un farmacista irlandese che lavorando per due anni al Belfast's Dispensary and Fever Hospital aveva verificato le discrete capacità terapeutiche di alcune soluzioni di magnesio carbonato nelle forme lievi di colera e anche in vari tipi di febbri. Grazie alla discreta fama che si era costruito, Murray fu portato al capezzale del vicerè, Lord William Anglesey. Usando il magnesio insieme ad un'altra preparazione che si chiamava Fluid Camphor, Murray fu in grado di guarire il nobile inglese, che lo nominò medico di corte e lo portò con sé in giro nei suoi viaggi in Europa.
La soluzione acquosa di magnesio carbonato era usata da Murray con successo per neutralizzare condizioni febbrili, angine, gotta, mal di testa e nevrastenia. Tutte condizioni che avevano a che fare con una cattiva alimentazione. A Murray fu fatta l'onorificenza di cavaliere del re, fu assegnata dall'Università di Dublino la laurea "ad Honorem", fu eletto consigliere del Ministero della Sanità, fu assegnto il brevetto per la produzione di una soluzione di magnesio carbonato che lo rese ricco. Sir Murray era fautore di una teoria olistica secondo cui la malattia si manifesta insieme ad un cambiamento della distribuzione di calore e di elettricità nel corpo umano. Egli cercò di dimostrare che il giusto rimedio è in grado di ristabilire il potenziale elettrico cutaneo. Chi ha delle conoscenze di base di omeopatia e di elettroagopuntura di Voll sa che questi studi furono poi ripresi un secolo dopo e pienamente confermati. Sir Murray era particolarmente interessato a guarire il colera e altre forme infettive, per cui il rimedio di prima scelta era sempre il magnesio.[/font]

Inoltre scrivo nel libro:
[font=Lucida Console]Un feedback molto interessante me lo da' il mio amico Mauro, che da un paio di decenni s'interessa al metodo di salute naturale insegnato da Herbert Shelton e Mosseri. Nell'ambito di questi studi Mauro ha appreso che tutti i supplementi di minerali inorganici sono inutili e anzi in molti casi anche dannosi! Questo suo scetticismo in linea di principio riguarda anche l'uso del magnesio. Ma allora perché se prende i sali di magnesio citrato o il magnesio cloruro, che sono inorganici, questi correggono immediatamente i suoi sintomi? In particolare Mauro fa l'esperimento di prendere il magnesio cloruro e i crampi muscolari o il nervosismo scompaiono! "Lorenzo forse tu riesci a trovare una spiegazione?"
Lo sai bene, caro Mauro, che il nostro organismo è come una piccola pianta che ha le radici nell'intestino! Il discorso qui è che il magnesio neutralizza la flora batterica cattiva. Già nel 1944 il Dr. Pierre Delbet riportò le osservazioni dei suoi pazienti ricoverati in ospedale secondo cui le feci diventavano di un odore molto più sopportabile iniziando ad usare il magnesio. Questo miglioramento ottenuto con l'uso del magnesio suggerisce che qualcosa di vantaggioso sia accaduto nell'ambiente intestinale. Avete visto quanto è bella e pulita la spiegazione che diedi a Mauro!? Lui mi guardò con gratitudine, perché ne fu convinto al volo.
Il magnesio neutralizza i prodotti tossici della fermentazione intestinale. Rincarai la dose citando ulteriori osservazioni di Rodale (1984), che iniziò a prendere il magnesio proprio con l'obiettivo di capire che effetti portava sull'odore delle feci. Dopo una settimana in cui usava 400 milligrammi di ione magnesio al giorno, ci fu un discreto miglioramento. Le feci, a dire il vero, erano state straordinariamente maleodoranti qualche anno prima, quando consumava latte, formaggi e zucchero raffinato in quantità industriali. Poi modificò buona parte di queste sue abitudini alimentari e le feci diventarono un po' piu' tollerabili. Ma un ulteriore sostanziale passo in avanti ci fu con l'esperimento del cloruro di magnesio.

Avrete notato che questa era l'unica spiegazione che era in grado di accettare rispetto alla sua posizione. Il fatto di mettersi a disposizione per servire il prossimo, prevede anche di essere pronti a farsi piccoli piccoli quando serve. Capii al volo che non esisteva lì in quel momento la possibilità di rispondere con un discorso preciso preciso che avrebbe avuto il risultato controproducente di aggredire il suo dogma. Ma mi riproposi di spiegargli magari per iscritto il resto della storia, e cioe' qui.
Caro Mauro, se non conosci l'antagonismo del calcio e del magnesio non riuscirai a fare nessuna valutazione precisa. Quando facciamo uno sforzo muscolare, i livelli di calcio all'interno della cellula aumentano da 10 a 50 volte. Ma è solo per un attimo. Infatti immediatamente dopo succede che il magnesio riesce a riprendere il controllo della cellula, scacciando il calcio e alternando alla contrazione il rilassamento. Se ciò nel tuo organismo non è possibile allora avrai crampi.
Ad ogni dato momento di riposo fisiologico, per ogni 990 ioni di magnesio che stazionano all'interno della cellula se ne troveranno solo 10 all'esterno. Cioè quando il magnesio arriva nell'organismo, viene assorbito subito all'interno delle cellule nella misura del 99%.
Questo è un dato straordinario. Vediamo infatti cosa si osserva con il calcio. Per ogni ione calcio che staziona all'interno della cellula, ve ne saranno 12.000 di ioni di calcio che rimarranno nello spazio extracellulare.
Che sta succedendo? Perché il calcio dentro la cellula deve rimanere sempre ad un livello inferiore allo 0.0001%?
Quando prendiamo una slogatura, nei tessuti affetti ci saranno livelli cellulari di calcio 50 volte superiori ai valori fisiologici normali (quindi si arriva ad un contenuto di calcio dello 0.0050%).
Quando si hanno dolori, per esempio dolori neuropatici post-chemio (Crosby 2000), il calcio raggiunge livelli cellulari 50 volte superiori ai valori normali. Supplementando il magnesio il calcio viene scacciato dalla cellula e i dolori scompaiono.
Quando abbiamo mal di testa, succede che il calcio raggiunge livelli cellulari 50 volte superiori ai valori normali e che i tessuti non trovano il magnesio necessario per ristabilire la normalità (Mauskop 1996).
Quando abbiamo angine, il calcio raggiunge livelli cellulari 50 volte superiori ai valori normali e i tessuti non trovano il magnesio necessario per ristabilire la normalità (Seelig 1974).
Ci sono circa 12.000 studi clinici su questo argomento: si supplementa il magnesio e i sintomi sopra citati scompaiono.
Questo discorso ci aiuta a capire il ruolo del magnesio. Fuori dalla cellula rimangono solo 10 ioni di magnesio, mentre gli altri 990 sono presi come da una calamita portentosa e costretti a migrare all'interno della cellula. Il magnesio infatti garantisce alla cellula i meccanismi base della vitalità e della normalità fisiologica.
[/font]
Ultima modifica di acerra99 il 15 aprile 2014, 13:03, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
By Stefan
#73425
Grazie mille e a tutti per gli aggiornamenti, le novità (per me) e le varianti che proverò.
Riguardo agli ioni magnesio ho usato proprio la tabella del capitolo 10 per calcolare la quantità di sale in base al mio peso. Un grazie ulteriore a Lorenzo per sua preziosa opera e la conoscenza che generosamente condivide.
#73427
ll problema dei crampi io ce l'ho quando vado in piscina (faccio nuoto libero) se la temperatura dell'acqua risulta essere troppo fredda, e capita spesso che l'abbassino se la temperatura esterna si alza.

Non sapevo che le dosi del cloruro di magnesio fossero così basse da assumere, forse io non lo tolleravo come gusto perchè lo assumevo nelle stesse dosi nel magnesio supremo, ovvero un cucchiano da caffè in un bicchiere d'acqua! 8O
#73436
la dose giusta di magnesio è quella che ti fa ottenere un intestino un pò più attivo del solito. (ovvero 1-2 evacuazioni morbide ed abbondanti)
quella sarà la "TUA" dose giusta. :wink:
trovo che il magnesio cloruro sia alquanto più efficace delle altre formulazioni, in quanto, oltre all' effetto osmotico/antinfiammatorio cellulare, agisce (bonus a costo zero :) ), come un pulitore/formattatore del colon ineguagliabile, senza gli effetti irritanti e/o allergizzanti a lungo termine dei vari prodotti a base di erbe in commercio.
non sarà una panacea, ma secondo la mia esperienza è la cosa che più si avvicina.
Avatar utente
By ricky66
#74744
segnalo un altro articolo ben fatto sul cloruro di magnesio

http://crepanelmuro.blogspot.it/2013/12 ... nesio.html

inoltre mi segnala lorenzo che..
La d.ssa sarah Myhill e tanti altri hanno fatto notare che i mal di testa o i disturbi mestruali
di certi pazienti scompaiono solo con le endovene. Infatti l'assorbimento di magnesio preso per bocca si trova davanti il muro della mucosa intestinale. Per molti questo e' gia' un ostacolo grosso.

Myhill dice che solo dopo il magnesio endovena l'organismo si ripristina valori accettabili di magnesio nella cellula e di li inizia ad assorbire piu' magnesio in circolo.
#77508
ripropongo qui una testimonianza che ho trovato ieri sulla [font=Microsoft Sans Serif]ricrescita della dentina grazie al magnesio[/font].

fonte: un dente salvato dalla devitalizzazione con un ciclo di magnesio! (facebook)
    [font=Comic Sans MS]Voglio raccontarvi l'ultima esperienza che lega il Magnesio ai denti per quello che mi riguarda.
    Avevo letto il libro di Lorenzo Acerra (Magnesio) e non vi nascondo la mia perlessità quando ho letto che faceva anche crescere la dentina.

    Ho sempre avuto denti perfetti (da fuori) che di punto in bianco si bucavano e emergeva all'interno una necrosi batterica (ero un "bravo" bevitore di latte...). Così facendo, ad uno ad uno, mi sono giocanto parecchi denti.

    Per l'ennesima volta il mio dentista mi scoprì un molare del tutto marcio a tal punto da avere la polpa compromessa.
    Non era possibile fare l'incappucciamento (tecnica naturale che permette la ricrescita della dentina) visto che questa è fattibile solo se non è compromessa la polpa.
    Al solo tentativo di pulire la carie provavo enormi dolori.
    Lui ripulì con molta pazienza il cratete e, non essendoci altre possibilità, mi mise dell'argento colloidale a 100ppm laser, richiuse il tutto e mi fissò l'appuntamento per la devitalizzazione (che non avrei fatto). 
    Ad ogni modo dovevo iniziare un ciclo  terapeutico ci Cloruro di Magnesio per il problema cardiaco (vogliono impiantarmi un defibrillatore in attesa di trapianto ... per cause micobatteriche o di micoplasma ...). I dolori li portai con me per circa 1/2 settimane  e poi sparirono.
    Alla visita per la devitalizzazione spiegai dei dolori, che erano passati, e lui pensò immediatamente che la necrosì avesse fatto progressi.
    Come prima cosa prese un pezzo d'ovatta (o non so cosa) lo congelò con uno spray e lo poggiò sul dente per vedere se accusavo il freddo. 
    Feci un salto per la sensazione non piacevole.

    Il dente non era in necrosi.
    Tolse il "tappo" provvisorio e , udite udite, iniziò a ripulire il dente accorgendosi che "miracolosamente" sulla polpa era ricresciuta la dentina :-D (Santo Lorenzo Acerra)[/font]
Per così poco!? Il mio merito è stato di aver avuto il coraggio di riportare la mia esperienza, anche se ero un po' in dubbio se attribuirla tutta solo al magnesio. Le variabili sono tante. Io prendevo anche molto sole e facevo esercizio fisico sempre!

    [font=Comic Sans MS]Non era più necessaria la devitalizzazione e potè procedere con l'incappucciamento. Lo stesso "miracolo magnesio" lo abbiamo avuto mesi prima con mia figlia.
    Una carie superficiale che si era "riparata" da "sola".

    Questo è quanto.
    Spero che questa mia esperienza possa essere utile al maggior numero di persone possibile.

    Vogliamoci bene ed aiutiamoci reciprocamente.
    Giancarlo Luzzi[/font].


Riportando la mia esperienza ero esposto alle critiche, normalissime, che non fosse replicabile.
Grazie anche a Riccardo che ne ha parlato qui:
Ignoto ha scritto:Andando su google libri a pagina 55 capitolo secondo si può leggere una testimonianza dell'autore del libro riguardo una scomparsa delle carie con l'uso del magnesio.

Riccardo: - Le carie sono una conseguenza di molti fattori-stressori che interagiscono tra loro, alimentazione, carenze, igiene intestinale, utilizzo di farmaci, intolleranze, dinamiche emozionali irrisolte .... dunque chiedere "tu hai risolto" con questo o con quello non ha semplicemente senso.
intervieni tutto dove riesci e vedrai i risultati corriapondenti al tuo "impegno"
.

Nel mio libro sul magnesio avevo scritto:
[font=Georgia][align=center]Uno dei possibili regali che proviene dal magnesio (che da solo giustifica un entusiasmo tale da farci un libro) è che nel momento in cui entra con continuità nella vita di un bimbo, costui non sarà mai soggetto a carie (come lo è invece un coetaneo
appartenente alla popolazione con progressiva carenza di magnesio);[/font][/align]
#79538
avrei una domanda (spero non vi faccio rizzare i capelli in testa :( ) quello a compresse di magnesio cloruro va bene uguale? mia figlia non riesce proprio con il gusto e il farmacista me lo ha dato a compresse.....
ho anche sentito parlare del magnesio marino che ne pensate? è a bustine...

Congratulazioni per la perdita di peso e per la t[…]

Panoramica Matteo

Bene, ho tolto il 26(devitalizzato) e il 28 una se[…]

Diario di Narayani

Poi basta perché ogni volta che entravo in piscin[…]

Gli ultimi del contadino

Mai provato a essiccarli al sole? Non ho mai pr[…]

Libri di Arnold Ehret