Arnold Ehret Italia

Il digiuno è un argomento interessante e importante e uno strumento che va al di là di quanto attualmente si conosce a riguardo e merita un suo spazio dedicato

Moderatore: luciano

#72173
Phabia ha scritto:E' proprio questo il punto: non sarò mai e poi mai libera da stress e da preoccupazioni, anzi andando avanti, saranno sempre maggiori.
Vedi se puoi cambiare l'idea che le cose saranno sempre più stressanti.

A me piace un casino lavorare come un dannato e non mi stressa per niente. In passato quando pensavo che dovevo evitare il lavoro, anche lavorare poche ore mi stressava di brutto. Ora, avendo cambiato atteggiamento non più. :D
#72188
luciano ha scritto:
Phabia ha scritto:E' proprio questo il punto: non sarò mai e poi mai libera da stress e da preoccupazioni, anzi andando avanti, saranno sempre maggiori.
Vedi se puoi cambiare l'idea che le cose saranno sempre più stressanti.

A me piace un casino lavorare come un dannato e non mi stressa per niente. In passato quando pensavo che dovevo evitare il lavoro, anche lavorare poche ore mi stressava di brutto. Ora, avendo cambiato atteggiamento non più. :D


Anche a me piace molto lavorare, nel senso avere qualcosa da fare, meglio se sono lavori manuali, per esempio i lavori casalinghi.

Ma il con lavoro che serve per guadagnarti da vivere le cose cambiano, perchè non stai facendo un hobby, bensì qualcosa per gli altri, i quali, poichè ti pagano, pretendono giustamente che le loro richieste vengano esaudite, entro tempi stabiliti ed in maniera impeccabile.
Poi aggiungi che devi fare tutto da solo perchè non puoi pagare nessuno e che devi fare quello che è richiesto dal mercato, anche se non ti piace (per esempio, se il mercato richiede badanti, non puoi, che ne so, fare lo stilista di moda perchè a te piacciono le sfilate, per dire....)

Se poi uno ha la fortuna di riuscire a fare un lavoro che coincide con il suo hobby, ben venga, ma non è il mio caso...
#72189
Indipendentemente da tutto penso che uno possa crearsi il suo proprio lavoro come gli piace e pare. Solo la credenza che non sia possibile lo impedisce.
Ma il discorso sarebbe troppo lungo per essere esaurientemente spiegato qui.
Quindi ritornando a quanto sostengo sul digiuno in presenza di fattori di stress è meglio non farlo.

Se poi sussiste il fatto di avere preso molti farmaci è senz'altro meglio continuare con la transizione e rimanderei il digiuno a tempi migliori.
Avatar utente
By dodo
#72249
ciao Phabia,
scusami se mi intrometto, credo sia doveroso puntualizzare, ma perche non segui gli insegnamenti di Ehret, che ti stai inventando...e Lui in prima persona che li sconsiglia i digiuni lunghi, e allora dovè il problema, non capisco, comincia a piccoli passi, non so??? forse non hai letto il suo libro sui digiuni...

sei prevenuta a priori, sai già che sarai nervosa e stressata, dici che la tua vita non sarà mai senza stress....ma dove sta scritto...secondo me devi fare un lavoro su te stessa prima ancora di cominciare, come ti consiglia Luciano...abbandona tutti i preconcetti in primis....datti una calmata mentale, trova il modo di scaricare le tensioni che ti crea il tuo lavoro...cambialo e che sarà mai....tanti auguri
#72261
dodo ha scritto:ciao Phabia,
scusami se mi intrometto, credo sia doveroso puntualizzare, ma perche non segui gli insegnamenti di Ehret, che ti stai inventando...e Lui in prima persona che li sconsiglia i digiuni lunghi, e allora dovè il problema, non capisco, comincia a piccoli passi, non so??? forse non hai letto il suo libro sui digiuni...

sei prevenuta a priori, sai già che sarai nervosa e stressata, dici che la tua vita non sarà mai senza stress....ma dove sta scritto...secondo me devi fare un lavoro su te stessa prima ancora di cominciare, come ti consiglia Luciano...abbandona tutti i preconcetti in primis....datti una calmata mentale, trova il modo di scaricare le tensioni che ti crea il tuo lavoro...cambialo e che sarà mai....tanti auguri


Ciao Dodo,

ho già superato digiuni di 2/3 giorni.
Per digiuno lungo intendo una settimana, massimo due, da fare ogni 2/3 mesi. Non mi sembra che una settimana/10 gg sia inteso come "lungo" per Ehret... E' lungo per me...

Daltronde, quello che mangio non è molto di qualità, il biologico (comprato da terzi) è sempre il meno peggio, (ho avuto modo di verificarlo con del biologico vero prodotto dai miei genitori), come pure l'aria. Perciò i digiuni sono l'unica ancora di salvezza per evitare di ammalarmi di nuovo.

Oltre ovviamente sistemare le ostruzioni ed i danni già presenti, devo prevedere che il cibo avrà residui tossici, la frutta e la verdura non sono beni commercializzabili e trasportabili come un elettrodomestico, perciò ci saranno sicuramente sostanze (chimiche?) per conservarlo ed eventuali pesticidi di "emergenza" (non credo che il contadino biologico faccia mandare in rovina il suo raccolto se è messo in pericolo).

Poi aggiungi che non ho un sistema immunitario pari a quello di una persona "non OGM", perciò quello che per uno non è tossico, per me lo potrebbe essere.

.....

Il mio stress dipende dal fatto principalmente che non posso mai fare e soprattutto essere come voglio. C'è sempre un ostacolo di mezzo.
Non posso essere fisicamente come voglio
Non posso prepararmi e mangiare in pace quello che voglio
Non posso vestirmi come voglio
Non posso fare il lavoro che voglio perchè il mercato non lo permette
Non vorrei più fare un lavoro con i numeri, con il dare, l'avere perchè mi stressa a morte, ma non so che cosa fare in alternativa e cmq sarebbe sempre un lavoro che mi stressa... sono attaccata dal mio moroso, che mi considera una schizzinosa perchè non voglio accettare lavori in mezzo a sostanze tossiche, ed entro pochi mesi devo avere di nuovo un reddito altrimenti dovrò affrontare un altro stress ancora maggiore: tornare dai genitori, che mi faranno fare l'esaurimento con le loro liti e le loro manie!
Ecc, ecc,,,, Non so trovarmi soluzioni

In questo momento avrei bisogno di fare la single per un po' per sistemare tutte le mie problematiche spirituali in primis, ma ovviamente non posso...

Come potrebbe cambiare tutto questo? E' troppo complicato...
#72270
Con tutti quei non posso ci credo che tutto è difficile.
Non hai mai pensato che potere o non potere dipende da te? Non ti sto dicendo che puoi invertire le cose dall'oggi al domani ma se continui a credere che non puoi, quello è e quindi non c'è soluzione.

Ci sono delle citazioni che derivano dai risultati di chi le ha scritte, quindi non sono parole al vento e l'osservazione ha dimostrato che sono applicabili, magari ti possono aiutare a pensare:

"Le persone che progrediscono nella vita sono coloro che si danno da fare per trovare le circostanze che vogliono e, se non le trovano, le creano."
(George Bernard Shaw)

"Abbiamo quaranta milioni di ragioni per fallire, ma non una sola scusa."
(Rudyard Kipling)

"L'unico handicap nella vita è un atteggiamento negativo."
(Scott Hamilton)
Ultima modifica di luciano il 23 agosto 2013, 12:38, modificato 1 volta in totale.
#72273
Cara Phabia,
leggendo cosa hai scritto, dai la sensazione di non aver letto niente di quello che ti abbiamo risposto ai tuoi problemi, sembra che sai già tutto, non c'è più cieco al mondo di chi non vuole vedere, lo stesso per i sordi, come ti ho già scritto il tuo vero problema sei "tu" cosa credi di fare con i digiuni lunghi, te lo ripeto segui i consigli del Maestro, fai i tuoi 2/3 giorni di digiuno, e portali avanti nel tempo "sistematicamente", la costante e solo la costante premia, proprio per la tua condizione critica, se fai digiuni lunghi rischi molto, vuoi provare cosa vuol dire stare male, non capisco, ha ragione Luciano con tutti quei "non credo" ti sei già castrata da sola, la cosa migliore e un passo alla volta, ma "tu".. vuoi tutto e subito, questo non e contemplato nel sistema, ti dice niente la parola "sistema", scusami non voglio sembrare cattivo, ma credo che "tu" abbia bisogno di un po di pace interiore, te lo ripeto trova il modo di scaricare lo stress, ammazzati di sesso, fai yoga, isolati nella foresta, vai in un monastero, insomma secondo me la soluzione per "te" non sta certo nei digiuni lunghi, visto come sei messa lascia stare per il momento , arriveranno tempi migliori, abbi fede e continua il tuo percorso seguendo il tuo Maestro, impara a meditare e ritrova te stessa prima di tutto.....ti faccio tanti auguri di buona e "lenta" guarigione...
Avatar utente
By Phabia
#72357
Grazie a tutti per le risposte.

Alla fine ho deciso che per il momento faccio un solo giorno di digiuno una volta alla settimana, magari posso mangiare una volta al giorno un giorno alla settimana, tanto per iniziare. Indipendentemente da tutto, la disintossicazione deve andare avanti. Il cibo e l'aria non sono minimamente comparabili a quelli a cui aveva accesso Ehret 100 anni fa, senza considerare che ho una miriade di farmaci da smaltire e un DNA da riparare, perciò il digiuno è d'obbligo.

Inoltre, lo stress è una costante che, mi piaccia o no, sarà sempre presente, perciò devo imparare a conviverci. Prima di conoscere Ehret e Gerson, i modi per destressarmi erano: sigarette, masticare chewingum tutto il giorno e mangiare dolci/creackers davanti alla tv alla sera. Oggi queste cose le ho tolte ed il mio stress non è più compensato. (Parentesi: Dodo, mi ha fatto ridere l'espressione "ammazzarmi di sesso" che non è affatto fuori luogo. Per me il sesso è un'altra fonte di forte stress, sono quasi terrorizzata al pensiero di doverlo fare, perchè sono un organismo modificato geneticamente e non ho più una libido, perciò i rapporti sono la maggior parte delle volte molto dolorosi e devo far finta che vada tutto bene e non vedo l'ora che finisca. Di questo problema al mio compagno non gliene posso parlare nella maniera più assoluta e i ginecologi a cui mi sono rivoltami hanno solo preso in giro. Spero vivamente che questo "dramma" si risolva con il cambio di dieta e con i digiuni...)

Non c'è molto da fare chiusi in casa: solo mettere il naso fuori dalla porta costa (viaggi, escursioni ecc...), finchè non mi invento un lavoro che mi permetta di fare una vita decente (non come l'impiegata part-time o la commessa al supermercato part-time (part-time solo sul compenso) o qualche altro lavoro in mezzo alle sostanze tossiche, come vorrebbe il mio compagno, dove mi sfruttano e basta) e fare una passeggiata (quando ho tempo, cioè alla sera) è pericoloso. Esco solo per cause di forza maggiore, quindi per colloqui di lavoro e per fare la spesa.

Inoltre, dulcis in fundo, sono diventata di cattivo umore e pessimista (va a periodi, quando ho scritto il precedente post ero molto nera) e ci sono momenti in cui mi viene in mente quando ero in ospedale e mi vengono istinti suicidi, per via della disintossicazione, perciò è meglio non "superare la dose racomandata" di digiuni.

Oggi, per esempio, sono molto meno di cattivo umore e vedo gli ostacoli e lo stress con un'ottica meno pessimista.

Cmq grazie a tutti per le risposte. Spero che mi sopportiate anche in futuro, anche se cercherò di scrivere post solo quando non sono troppo in panico.
Avatar utente
By dodo
#72358
Ciao Phabia,
chiedo umilmente scusa se sono stato un po duro, oggi si legge meglio quello che provi, mi dispiace molto per la tua situazione, ma una cosa sulla quale non transigo e fare le cose forzate, vada per il lavoro, haimè oggi indispensabile per la sopravvivenza, ma che devi per forza fare l'amore con il tuo compagno NOOOOOO!!! nel modo più assoluto...se hai paura di parlarne non e l'uomo per te...non ti merita....cambialo, il mare e pieno di pesci........se non capisce e un ignorante (senza offesa..per nessuno..), mi permetto di darti un consiglio, io nella mia vita ho cambiato tanti lavori, ora ho un bel lavoro ma di responsabilità e molto difficile, mi crea stress, anzi mi creava... rimpiango i lavori dove non dovevo pensare, dovevo solo eseguire, credimi crea molto meno stress, fai le tue otto ore e vai a casa senza pensieri domani e un altro giorno, chiaro che diventa monotono, ma non ti porti i pensieri del lavoro a casa, ora la mia situazione fisiologica e ad alto livello, riesco a farmi scivolare tutto con semplicità, ho seguito i consigli di Vadim Zeland (anzi leggi i suoi libri se non lo hai ancora fatto) "lascia cadere le importanze", credo tu sia vittima dei pendoli, anzi prigioniera, leggendo i suoi libri capirai cosa voglio dire, ti faccio tanti auguri....un abbraccio
#72376
Phabia ha scritto:Per me il sesso è un'altra fonte di forte stress, sono quasi terrorizzata al pensiero di doverlo fare, perchè sono un organismo modificato geneticamente e non ho più una libido, perciò i rapporti sono la maggior parte delle volte molto dolorosi e devo far finta che vada tutto bene e non vedo l'ora che finisca. Di questo problema al mio compagno non gliene posso parlare nella maniera più assoluta e i ginecologi a cui mi sono rivoltami hanno solo preso in giro. Spero vivamente che questo "dramma" si risolva con il cambio di dieta e con i digiuni...)

Non c'è molto da fare chiusi in casa: solo mettere il naso fuori dalla porta costa (viaggi, escursioni ecc...), finchè non mi invento un lavoro che mi permetta di fare una vita decente (non come l'impiegata part-time o la commessa al supermercato part-time (part-time solo sul compenso) o qualche altro lavoro in mezzo alle sostanze tossiche, come vorrebbe il mio compagno, dove mi sfruttano e basta) e fare una passeggiata (quando ho tempo, cioè alla sera) è pericoloso. Esco solo per cause di forza maggiore, quindi per colloqui di lavoro e per fare la spesa. .

Ragazza mia tu proprio non ti ami! Mi dispiace ripetertelo per la seconda volta, ma se non incominci a cambiare atteggiamento la malattia ricomparirà... e non è un augurio il mio, cerca di capirmi, devi assolutamente incominciare a guardarti dentro! Mi viene proprio spontaneo al momento dirti che potresti incominciare a mandare a quel paese sto mezzo uomo che ti sei scelta e che non vale una cicca!! Scusami eh, ma quando ce vò ce vò! :roll:
#72382
Vega70 ha scritto:Ragazza mia tu proprio non ti ami! Mi dispiace ripetertelo per la seconda volta, ma se non incominci a cambiare atteggiamento la malattia ricomparirà... e non è un augurio il mio, cerca di capirmi, devi assolutamente incominciare a guardarti dentro! Mi viene proprio spontaneo al momento dirti che potresti incominciare a mandare a quel paese sto mezzo uomo che ti sei scelta e che non vale una cicca!! Scusami eh, ma quando ce vò ce vò! :roll:
Di solito questi post li cancello, ma questo lo userò per spiegare perchè, dato che spesso alcuni che scrivono questo genere di commenti non ne capiscono il motivo e sono risentiti quando si vedono cancellare i post.

Nel forum non è permesso fare valutazioni dirette su ciò che sono o fanno le persone, perchè solo la persona stessa ha diritto di valutarsi o di giudicare la correttezza del suo comportamento.

E' possibile fare tuttavia delle valutazioni in forma impersonale o esempi del tipo "se io fossi al tuo posto farei così o cosà". Per esempio il post citato lo si potrebbe scrivere più o meno in questa forma.

Potrebbe essere che ti trovi nella situazione di chi non si ama. Come ti ho già detto, se non si incomincia a cambiare atteggiamento la malattia potrebbe ricomparire... sarebbe necessario incominciare a guardarsi dentro. Personalmente valuterei se la relazione con la persona con cui sono assieme è di beneficio per entrambi.

Ovviamente uno può usare la forma che preferisce, ma il commento non deve contenere valutazioni, invalidazioni, critiche e offese dirette alla persona o ad altre persone citate nella discussione.

Nel modo in cui è stato scritto originariamente il post in questione la persona viene valutata da un'altra che molto probabilmente non la conosce al di là del forum, e non sa veramente se si ami o meno.

Perciò le personali valutazioni fatte su altri possono non corrispondere alla realtà, oltre a risuonare come accuse, e quindi facili ad essere rifiutate e di conseguenza non certamente utili come consigli. A parte il fatto che nessuno ha titolo per esprimere un giudizio non richiesto in faccia alla persona stessa.

Vega70 ha scritto:... sto mezzo uomo che ti sei scelta e che non vale una cicca!! Scusami eh, ma quando ce vò ce vò! :roll:
Cose di questo genere non dovrebbero mai venire scritte, primo perchè sono offensive, secondo perchè la valutazione viene fatta senza conoscere la persona, fra l'altro su considerazioni fatte dal partner che di solito non sono mai completamente obiettive e spassionate in un rapporto di coppia.
Ma soprattutto sono offensive.

Vega70 ha scritto:Scusami eh, ma quando ce vò ce vò! :roll:
Per mantenere una conversazione nei termini stabiliti dal regolamento del forum, proprio non ce vò.

Solo i complimenti e le affermazioni positive è permesso farli direttamente sulla persona! :D

Chi non sapesse come comportarsi in questo forum dovrebbe rileggersi il regolamento, o leggerlo, se non lo avesse mai fatto, come richiesto prima di iniziare a scrivere il primo post. Non avrà così la sorpresa di trovare i suoi post cancellati o il suo account sospeso. :wink:
Ultima modifica di luciano il 28 agosto 2013, 13:55, modificato 1 volta in totale.
#72383
Phabia ha scritto:Grazie a tutti per le risposte.

Alla fine ho deciso che per il momento faccio un solo giorno di digiuno una volta alla settimana, magari posso mangiare una volta al giorno un giorno alla settimana, tanto per iniziare. Indipendentemente da tutto, la disintossicazione deve andare avanti. Il cibo e l'aria non sono minimamente comparabili a quelli a cui aveva accesso Ehret 100 anni fa, senza considerare che ho una miriade di farmaci da smaltire e un DNA da riparare, perciò il digiuno è d'obbligo.

Inoltre, lo stress è una costante che, mi piaccia o no, sarà sempre presente, perciò devo imparare a conviverci. Prima di conoscere Ehret e Gerson, i modi per destressarmi erano: sigarette, masticare chewingum tutto il giorno e mangiare dolci/creackers davanti alla tv alla sera. Oggi queste cose le ho tolte ed il mio stress non è più compensato. (Parentesi: Dodo, mi ha fatto ridere l'espressione "ammazzarmi di sesso" che non è affatto fuori luogo. Per me il sesso è un'altra fonte di forte stress, sono quasi terrorizzata al pensiero di doverlo fare, perchè sono un organismo modificato geneticamente e non ho più una libido, perciò i rapporti sono la maggior parte delle volte molto dolorosi e devo far finta che vada tutto bene e non vedo l'ora che finisca. Di questo problema al mio compagno non gliene posso parlare nella maniera più assoluta e i ginecologi a cui mi sono rivoltami hanno solo preso in giro. Spero vivamente che questo "dramma" si risolva con il cambio di dieta e con i digiuni...)

Non c'è molto da fare chiusi in casa: solo mettere il naso fuori dalla porta costa (viaggi, escursioni ecc...), finchè non mi invento un lavoro che mi permetta di fare una vita decente (non come l'impiegata part-time o la commessa al supermercato part-time (part-time solo sul compenso) o qualche altro lavoro in mezzo alle sostanze tossiche, come vorrebbe il mio compagno, dove mi sfruttano e basta) e fare una passeggiata (quando ho tempo, cioè alla sera) è pericoloso. Esco solo per cause di forza maggiore, quindi per colloqui di lavoro e per fare la spesa.

Inoltre, dulcis in fundo, sono diventata di cattivo umore e pessimista (va a periodi, quando ho scritto il precedente post ero molto nera) e ci sono momenti in cui mi viene in mente quando ero in ospedale e mi vengono istinti suicidi, per via della disintossicazione, perciò è meglio non "superare la dose racomandata" di digiuni.

Oggi, per esempio, sono molto meno di cattivo umore e vedo gli ostacoli e lo stress con un'ottica meno pessimista.

Cmq grazie a tutti per le risposte. Spero che mi sopportiate anche in futuro, anche se cercherò di scrivere post solo quando non sono troppo in panico.
Bene con questa tua conclusione, ognuno ora leggendo i tuoi post conosce in pratica per sommi capi la tua storia.

A questo punto mi metterei in transizione, una lunga transizione, cercando di rilassarmi il più possibile, nella misura in cui mi è possibile, cercherei di cambiare atteggiamento verso il mondo, cercherei di trovare il buono possibile in ogni cosa (nulla è completamente cattivo o buono, c'è sempre un misto degli opposti, anche in minima percentuale, ma c'è, gli assoluti non esistono) e andrei avanti godendomi anche il minimo risultato positivo.
Buon proseguimento! :D
#72394
Mah guarda Luciano, personalmente preferisco arrivare dritta al punto senza dover fare tanti giri di parole… quando in passato gli altri sono stati schietti con me mi hanno spronato ad aprire gli occhi su ciò che non vedevo e col senno di poi li ho ringraziati per questo… in ogni post di questa ragazza colgo continue richieste di aiuto (che probabilmente lancia inconsapevolmente) e fino ad ora i giri di parole non mi sembra le siano serviti a molto… fai tutto ciò che ritieni opportuno fare, io ho semplicemente evidenziato seppur in modo molto brusco la realtà, una persona che non si rende conto che la sua donna non vede l’ora che arrivi la fine dell’atto sessuale non è degno di essere chiamato “uomo” e anzi, mi urta parecchio leggere che una donna arrivi a tal punto… questo invece va bene per il regolamento?? Va bene riportare fatti personali così delicati, che riguardano persone non presenti e che non possono controbattere? Fatti che potrebbero urtare la sensibilità femminile di un’altra persona? Perché sai, in transizione i nervi saltano con poco… :wink:
#72398
Allora,

il motivo per cui parlo in questo forum di cose così delicate come riportato nel precedente post è perchè non ho nessun altro a cui rivolgermi, che possa capire.

Ho avuto esperienze con altri ragazzi con cui stavo assieme in passato, con cui mi sono aperta per avere conforto e soprattutto spiegare il perchè di certi comportamenti e che malattia ho avuto. Il risultato è stato che mi hanno lasciato e io ci sono rimasta malissimo.
Non è colpa loro: è la legge della natura. Come dice Ehret, la selezione dei belli e dei sani. E' normale per una persona sana voler stare con un'altra persona sana. E' molto demoralizzante vivere con una persona malata. E' molto demoralizzante sapere che non si potrà avere una vita di coppia e di futuri genitori normale.

Anch'io a mia volta ho scelto di stare con un uomo sano, pur sapendo le conseguenze, perchè nonostante tutti i problemi fisici che ho, non voglio che la cosa principale che mi accomuni al mio compagno sia la stessa malattia. Ho scelto anche di non dirgli nulla del cancro e degli effetti collaterali. Questa è uno dei compromessi che ho voluto per avere la forza per andare avanti con la vita, che mi era diventata insopportabile e non la volevo più.

Ad ogni modo, non posso negare al mio compagno, che non è castrato, l'atto sessuale perchè, a parte il discorso affettivo, è un bisogno fisiologico irrinunciabile. Io non lo farei mai perchè non ho una libido, ma non posso dirgli sempre no. Questo aspetto non cambia con il cambio dell'uomo. L'unica soluzione sarebbe rimanere da sola o stare assieme ad un castrato e io non voglio ne' l'una ne' l'altra opzione perchè io voglio una vita normale. Il problema non è l'uomo: sono io. E' per questo che sono qui: per risolvere il MIO problema.

Poi per quanto riguarda i battibecchi sul lavoro e sulla dieta, il mio compagno purtroppo, come il 99% delle persone, non crede a ciò che non viene detto dalle autorità e non sa nulla sulle mie condizioni di salute e per questo non capisce perchè non voglio accettare lavori diversi dai cosiddetti "di ufficio". Gli tiro fuori il discorso economico e andiamo avanti per questa discussione. Nemmeno i miei genitori che sanno cosa ho avuto si rendono conto che non posso fisicamente fare lavori che per altri sono normali, mentre per me sono pesanti e ricevo critiche anche da loro.

Poi c'è da dire che il mio compagno prende farmaci anticoagulanti che lo rendono nervoso e per me è difficile continuare a sopportarlo, pur sapendo che SE VUOLE la soluzione al suo problema c'è.

Questo è per fare dei chiarimenti, altrimenti il mio compagno, da come ho scritto, sembrerebbe un magnaccio.

Il lavoro è un aspetto della vita che mi angoscia molto, per le condizioni di salute soprattutto, perchè so che la mia vita dovrà sempre essere organizzata in modo da poter fare i trattamenti che mi fanno star bene e devo guadagnare abbastanza per questa vita e queste spese che altri non hanno e non mettono a budget.
Cmq vedo cosa posso fare...

Congratulazioni per la perdita di peso e per la t[…]

Panoramica Matteo

Bene, ho tolto il 26(devitalizzato) e il 28 una se[…]

Diario di Narayani

Poi basta perché ogni volta che entravo in piscin[…]

Gli ultimi del contadino

Mai provato a essiccarli al sole? Non ho mai pr[…]

Libri di Arnold Ehret