Arnold Ehret Italia

Specifico sulla transizione, per chiedere suggerimenti, chiarire punti del libro a riguardo, descrivere sintomi comparsi all'inizio o durante e tutto quanto può essere utile per fare la transizione senza sforzi considerevoli

Moderatore: luciano

By CallofJuar
#74699
Ciao ragazzi, come "promesso" vi aggiorno sull'inzio della mia dieta di transizione. La inizio oggi dopo un giorno di digiuno, perchè mi è vento un virus gastro-intestinale che mi ha dato tra l'altro 39,5 di febbre e delirio. Il nuovo male si è aggiunto al vecchio, ho toccato vette inedite di sofferenza, ora so "cosa c'è dopo la morte" (quest'ultima è una piccola citazione che coglierà solo chi ha visto Martyrs, bel film che, però, lascia decisamente il segno :wink: ). In ogni caso il digiuno è tornato molto utile, in sole 24 ore mi sono rimesso in sesto (mia moglie ha impiegato 3 giorni) e sto meglio di prima. Ehret tra l'altro consiglia di fare un digiuno breve prima di intraprendere una dieta di transizione, per cui è cascato a fagiuolo...

Venendo alla mia dieta, fino a ieri ho sempre mangiato:

Colazione: Frutta
Spuntino delle 10: Frutta
Pranzo: Verdura (non sempre) + Cereali + Dolce(i)
Spuntino delle 18: Frutta
Cena: Verdura + Cereali + Legumi (o Formaggio o Uova) + Frutta secca (o Dolce)

Leggendo Ehret, ho deciso che il primo cambiamento che voglio fare è togliere colazione e spuntini, limitandomi a due pasti al giorno (seguendo così il principio della non-colazione). Il paradosso è che però che in quei casi mangiavo frutta, così vado a perdere il più importante alimento sciogli-muco e la cosa non mi pare abbia molto senso. So che Ehret dice che la frutta si sposa bene solo con carote, lattuga ecc. (non è detto che al momento io mangi sempre queste verdure, per una serie di motivi che adesso sarebbe troppo lungo spiegare) e che fermenta con i cereali, però, se capisco bene quanto ho letto, credo che il discorso sia riferito alla loro mescolanza, o assunzione contemporanea (non a caso le due ricette che propone a pag.104 parlano di "combinazioni"). Quando parla dei menù per la transizione, a pag.100 dice, dopo aver mangiato una mela stufata, di attendere 10-15 minuti prima dell'inslata mista e del pane tostato. Poche righe sotto esprime lo stesso concetto riferendosi anche alla frutta fresca.

Quindi in sostanza, potrei secondo voi continuare a mangiare frutta mettendola prima dei pasti ed aspettando una quindicina di minuti prima di mangiare la verdura? Quando scrivo "frutta" intendo sempre monofrutto, per evitare il più possibile mescole...

Perdonate le sottolineature, le inserisco solo per aiutare il colpo d'occhio casomai non si avesse voglia e tempo di leggere tutto il post: non ho il dono della sitesi, è una deformazione profesionale tra l'altro, che nasce dal presupposto che non si riesca a comprendere bene un pensiero se questo non viene motivato. :)
Avatar utente
By luciano
#74701
CallofJuar ha scritto:Il paradosso è che però che in quei casi mangiavo frutta, così vado a perdere il più importante alimento sciogli-muco e la cosa non mi pare abbia molto senso.
Ha senso. Sei in transizione con la non colazione permetti al corpo di dare più tempo per liberarsi delle tossine. La disintossicazione deve essere graduale, non serve far mettere in circolo troppe tossine che poi danno superlavoro al corpo per smaltirle, è come sovraccaricare un asino, quello manco si muove se lo carichi troppo.

Nel tempo potrai fare uno dei pasti di sola frutta, magari alla sera.
By CallofJuar
#74708
Perdonami Luciano, mi sono espresso male...volevo dire che, essendo quelle le uniche occasioni in cui mangiavo frutta, adesso, per il periodo che durerà questa fase di transizione, se non inserisco la frutta quei 10-15 minuti prima dell'inzio del pasto con verdura ecc, resto senza frutta per l'intero arco della giornata. Mi rendo conto che nella mia condizione la non-colazione è preferibile alla colazione con frutta. :)

Per non rischiare di fraintendere la tua risposta, quanto ho scritto riguardo ai 10-15 minuti da far passare tra la frutta e l'inzio del pasto di verdura è corretto o non va bene ed è meglio fare a meno della frutta (per il momento)?

Oggi ho fatto come ho scritto nel post, perchè non avevo ancora letto la risposta e devo dire che in effetti la mattinata è passata molto meglio di quando mangiavo frutta a colazione, maggiore lucidità mentale anche se parecchio nervosismo a fine mattinata: in ogni caso controllabile, o comunque più controllabile delle altre volte. :) Inoltre sono arrivato al pranzo con la fame, cosa che non mi succedeva da anni!
Avatar utente
By luciano
#74709
CallofJuar ha scritto: essendo quelle le uniche occasioni in cui mangiavo frutta, adesso, per il periodo che durerà questa fase di transizione, se non inserisco la frutta quei 10-15 minuti prima dell'inzio del pasto con verdura ecc, resto senza frutta per l'intero arco della giornata.
Sì certo anche mezz'ora prima.
Oppure se vuoi fare la non colazione, uno dei due pasti fallo di frutta e verdura.
Avatar utente
By AntoIndy
#74717
Benissimo!!! Anche io ho iniziato con la non colazione (te l'ho detto che siamo legati :wink: )
La mattina prendo solo una bella tazza di acqua tiepida e limone, che è meglio dell'idraulico liquido :lol:
Importante, non dimenticare la pulizia intestinale, da sopra o da sotto - come preferisci - le tossine accumulate sono troppe, dobbiamo aiutare il nostro corpo ad eliminarle.
Andiamo dritti verso la nostra nuova vita!!! :D
Buon proseguimento!!!
Gli ultimi del contadino

Sinceramente no, anche perchè vivendo in un condom[…]

Diario di Narayani

Credo fosse eccessivamente gelata.

Molto bella la tua esperienza grazie!

La panoramica di Ienk

Dopo la panoramica ho rimosso tre delle 5 amalgame[…]

Libri di Arnold Ehret