Arnold Ehret Italia

Qui si possono proporre ricette della Dieta Senza Muco e di Transizione

Moderatore: luciano

Avatar utente
By swami863
#75171
Non ero più abituata a tanti pasti condivisi di seguito e ne esco sollevata dal fatto che....sono finiti!
In queste ultime ore stavo iniziando a perdere un pò di mordente, ma non perchè desiderassi i cibi dei miei vicini di tavolo, ma perchè ero stanca di sentirmi "diversa".
Questo percorso è meraviglioso anche nel metterci di fronte a noi stessi, alle nostre fragilità: io evidentemente sento ancora forte il bisogno di essere accettata, di appartenenza, di non essere giudicata.
Lo so essere mie debolezze e con voi ci sto lavorando su.

Di fatto ho sempre seguito la mia strada in queste Feste, però riconosco che l' ho fatto a volte non per la voglia di restare in salute, ma perchè avendo un corpo abbastanza pulito, avrebbe risentito troppo dei cibi mucosi e ho avuto paura di stare male.
Avessi avuto la certezza di non avere mal di testa o stanchezza nelle ore dopo....onestamente avrei ceduto!
Così sarei stata "come loro"!.... Ale dai, esci da questo conflitto, la strada da seguire la sai!

Dimenticavdo>: oggi i miei vicini di tavolo di ieri sera hanno starnutito tantissimo! :wink:
Avatar utente
By Liss
#75186
swami863 ha scritto:perchè ero stanca di sentirmi "diversa"... io evidentemente sento ancora forte il bisogno di essere accettata, di appartenenza, di non essere giudicata....Avessi avuto la certezza di non avere mal di testa o stanchezza nelle ore dopo....onestamente avrei ceduto! Così sarei stata "come loro"!


Cara swami,

grazie per avere condiviso questa tua fragilità (=opportunità di crescita).

Anche per me è cosi, sono fortemente in tensione quando ci sono pasti condivisi, e prima o poi ne risente sempre la mia alimentazione:
1) comincio a trasgredire (qualitativamente e quantitativamente) già prima, così ho la scusa per mangiare come tutti;
2) oppure cedo al momento in cui sono a tavola con tutti, esagerando anche quantitativamente;
3) oppure sono brava brava durante il pasto, ma quando tutto è finito mi rimane una sensazione triste-amara che mi porta a mangiare tanto e male (attualmente questa è la situazione che prevale).

Vorrei partecipare a un pasto condiviso serenamente, nutrendomi della gioia della compagnia delle persone care e non sentirmi sempre inadeguata/diversa/giudicata; senza contare poi il comprensibilissimo disorientamento di chi per tot volte mi vede mangiare solo verdure e poi invece di colpo come tutti.... :?

Complimenti, sei stata bravissima a non cedere, in quei momenti a me discorsi del tipo "dopo sai che stai male" sono spesso inefficaci (e, lo ammetto, mi dico: "poi tanto digiuno..." :oops: )

Un abbraccio!
Avatar utente
By sandrod
#75188
Io però penso che se:

Vorrei partecipare a un pasto condiviso serenamente, nutrendomi della gioia della compagnia delle persone care

si può anche fare e mangiare le cose meno dannose possibili e serenamente ritornare alla propria alimentazione senza farsi nessun senso di colpa! Sarà l'organismo (che ha già iniziato un suo percorso) a superare il 'danno' senza conseguenze.
Però dev'essere sporadico (tutti i giorni non vale ;) ) e vissuto con la massima serenità e gioia di condividere un momento con altre persone. Poi basta non eccedere (con la scusa di 'tanto ormai ho sgarrato ...').
Ma il modo di viverlo è fondamentale!
Siamo persone e non macchine o peggio ancora 'estremisti'!
E proprio perchè il nostro organismo ridiventa 'intelligente' che si può superare senza danni e senza che 'quando tutto è finito mi rimane una sensazione triste-amara'

con serenità
Sandro

ps: chissà perchè mi sento più tranquillo e sereno dopo la bonifica della bocca? :)
Avatar utente
By Liss
#75195
Hai ragione Sandro,

purtroppo in determinate situazioni emergono emozioni che ancora fatico a gestire.... ma ci sto lavorando.

Sono poi comunque ancora in quella fase della dieta di transizione in cui il mangiare occasionalmente un cibo (in particolare farinacei e zucchero) di cui per un periodo senza fatica sono riuscita a fare a meno mi provoca il fortissimo "bisogno" di mangiarlo nuovamente.

In ogni caso è vero, do troppa importanza a determinati eventi/situazioni, sto cercando di imparare a lasciare andare, consapevole che tutto andrà bene, così come deve andare (vedi Reality Transurfing) :D
Avatar utente
By romi
#75209
A Capodanno ho mangiato mucoso sia a pranzo (condiviso con i suoceri) che la sera. Il mio corpo per augurarmi il benvenuto nel 2014 ha pensato bene di procurarmi vomito tutta la notte, febbre il giorno 2 e diarrea. 8O
Il mio corpo probabilmente è poco incline ai compromessi. Questo ha rafforzato tanto i miei propositi per l' anno nuovo. Anche perché vomitare è cosa rara per me ed è stato davvero sconvolgente. Brutta cosa che non auguro a nessuno....
Avatar utente
By luciano
#75210
romi ha scritto:Anche perché vomitare è cosa rara per me ed è stato davvero sconvolgente. Brutta cosa che non auguro a nessuno....
Dovresti ringraziare il tuo corpo che ha vomitato. Il vomito è un meccanismo di difesa per espellere cibo tossico. :wink:
Avatar utente
By swami863
#75214
Per questo ho scritto che mi sono astenuta dal pasticciare, negli anni è molto probabile che il corpo non tolleri più certi cibi e non ne vale proprio la pena di stare male....per far contenti i miei cognati :P
Avatar utente
By sandrod
#75218
romi ha scritto:Il mio corpo probabilmente è poco incline ai compromessi.

E' vero e credo che quasi tutti gli utenti del forum l'avranno verificato (diminuzione della soglia di sopportazione), però altrettanto probabilmente potrebbe essere che siano i due pasti consecutivi che non ha gradito.
Stava ancora lavorando sul primo pasto e gliene hai propinato un secondo! :)
Risultato: non aveva sufficiente energia per combattere anche con il secondo pasto ed ha sbracato ;) in tutte le direzioni per liberarsi.
Avatar utente
By romi
#75224
I pasti mucosi consecutivi erano 3, considerando anche quello del 31 sera... Comunque ho la sensazione che la soglia di sopportazione sia del corpo che mentale stia calando. Anche se provo ira piú difficilmente che un anno fa e mi scaldo difficilmente comincio a trovare assurde molte cose che prima erano normali. Ad esempio mangiar carne: non ho ancora smesso ma manca poco... L'altra sera stavo per piangere di fronte all'astice che ci veniva presentato vivo al tavolo poco prima che venisse cotto e smembrato. Vedo animali morti nel piatto e non pietanze. È un' oscenità da trogloditi. Per cui una mente pulita vede meglio... Per fortuna :wink:
Avatar utente
By sibillina
#76055
Ho scaricato oggi le foto, questa è l'insalata natalizia con la carambola:
Immagine
Avatar utente
By sibillina
#76056
I dolcetti natalizi:
cachi essiccati, fichi, datteri e palline di frutta con il cocco:

Immagine


per l'anno prossimo...ma si possono mangiare sempre!!!
La panoramica di Ienk

mi dici prima che il canino con la formazione è il[…]

Ciao Angelo, I tuoi problemi sono iniziati in età […]

Ho usato l'imperfetto perchè ora ho introdotto qu[…]

Gli ultimi del contadino

Sinceramente no, anche perchè vivendo in un condom[…]

Libri di Arnold Ehret