Arnold Ehret Italia

Discussioni su Arnold Ehret e l'Ehretismo. Possono partecipare tutti gli utenti iscritti che hanno letto il libro sulla "Dieta Senza Muco".
Non c'è posto per commenti su ideologie politiche, disinformazione, ecc, che possono trovare posto su altri siti pertinenti. Questo è il forum della dieta di Ehret.

Moderatori: luciano, Moderators

Avatar utente
By Majka_R
#617
Ciao a chiunque passi di qui e legga questo messaggio..Una decina di giorni fa circa ho avuto il piacere di ricevere il libro del professor Arnold Ehret e, che ci crediate o no, l'ho letto tutto d'un fiato, sia per la curiosità, sia perchè dopo averne sentite di tutti i colori, su tutte le diete possibili immaginabili (da chi mangia 7 volte al giorno per tenere in "allenamento" lo stomaco, a chi pensa che mangiare qualsiasi cosa si voglia per poi vomitarlo sia l'idea migliore per mantenere la linea), ho voluto fare il passo, non fermarmi, andare avanti e sapere anche di cosa trattava il metodo della Dieta Senza Muco. Quello che posso dire, anche se è solo da pochi giorni che ho cominciato a mettermi nell'ordine di idee di dare una svolta definitiva alla mia alimentazione (se così si può chiamare), è che il libretto di Ehret ha risposto a diverse domande che mi ponevo da diverso tempo; domande del tipo "Ma siamo proprio sicuri che dobbiamo nutrirci così tanto?" oppure "Ma è normale che noi esseri umani continuiamo a bere latte VACCINO? E se davvero dobbiamo berlo per crescere o per le ossa, perchè deve subire così tanti trattamenti? Se fosse davvero un alimento necessario, non dovremmo trovarlo facilmente in NATURA?" e via discorrendo a ruota libera..Per fortuna ho smesso di bere il latte tanto tempo fa, ancor prima di conoscere la dieta senza muco, per ovvie questioni di fastidi intestinali e non solo...e la cosa buffa è che SONO ANCORA VIVA!! AHAHAH!!! e oltretutto le mie ossa stanno benissimo..L'unica cosa che ancora mi chiedo e a cui forse mi ci vorrà più tempo per rispondere é "la dieta senza muco a cui io credo già ciecamente perchè mi ha convinta, potrà risolvere anche i miei problemi di socializzazione???"..Altrimenti perchè dare questo titolo a questo mio Topic? (oltretutto mi scuso con la precedente editrice di Cibo e Psiche per il prestito, ma suonava così bene)..Questo è quello che vorrei sapere da voi, da chiunque è interessato a rispondermi..Vi confesso che non mi dispiacerebbe se fosse così, se fossi "costipata" anche nel cervello..avrei bisogno di tanta autostima e fiducia in me, due cose non indifferenti che ho perso tanto tempo fa e faccio fatica a recuperare anche "grazie" al mio aspetto e alla mia EX alimentazione..
Chiunque abbia voglia di lasciare una testimonianza, per favore non si faccia scrupoli..
Grazie a tutti
Un bacio

PS: Se doveste incontrarvi in Agosto, fatemi sapere quando e dove..
By Kissakie
#621
Ciao Maika

Non ho ben capito con problemi di socializzazione cosa intendi. Non socializzi per via del tuo aspetto o per il tuo carattere? o entrambi?

La dieta di Ehret indubbiamente aiuta molto su tutti i piani, il mio consiglio è comunque di prendertela con calma e un passo alla volta.
Una disintossicazione troppo rapida può farti stare molto male (parlo per esperienza)

Mi è sebrato di percepire una certa urgenza nelle tue parole, per questo mi permetto di dirti questo.

Ti saluto con affetto
Claudia
Avatar utente
By Michela
#622
Ciao Maika,
penso di portarmi appresso una maschera di socializzazione da anni e anni, adesso però non mi va più. Io non so dirti se la dieta senza muco funziona perchè anch'io la seguo da poco tempo (circa una settimana) ma sto sperimentando una certa chiarezza d'idee e d'intenti. Probabile che il mio stesso desiderio di semplificare la mia visione della vita mi faccia vedere che in questa dieta c'è un potere purificante; perchè non potrebbe essere così? gli alimenti vitali, puliti, senza violenza, presi con amore porteranno solo benefici in me e svilupperanno virtù invece che ignoranza, e le conseguenze saranno dei rapporti umani più veri o per lo meno più sereni.
Oggi ho pranzato con mia mamma al ristorante e con estrema semplicità ho preso insalata mista e doppia razione di broccoletti di bruxelles, lei ha commentato "devono essere proprio buoni".
Per quanto riguarda la quantità del mangiare, credo anch'io che l'essere umano non abbia bisogno di così tanto come ci fanno credere, purtroppo io sono una mangiona e devo perdere anche questa brutta abitudine, però adesso mi sento meno in colpa se mangio tanta frutta e tanta verdura.
Ti mando un saluto,
Michela.
Avatar utente
By gibuz
#624
Ciao Majka (complimenti per il nome)

Benvenuta su quello che vedrai non essere il solito forum. 8)
Se deciderai di abbracciare questa filosofia vedrai molte evoluzioni nel tuo corpo e la bellezza di tutto questo e' che avverranno naturalmente.
Qui troverai delle splendide persone che nn hanno paura di raccontarsi e di condividere la bellezza straordinaria di una salute superiore.
Non ho ancora incontrato nessuno di persona ma so gia' che qui trovero' veri amici. :D

Quindi,ancora benvenuta!!! :D
Ciaooo
Gibuz
Avatar utente
By luciano
#628
Ciao Maika,
benvenuta sul forum di Arnold Ehret.
Quasi tutti leggono il libro tutto di un fiato, poi lo riprendono in mano e cercano i punti che riguardano le situazioni che si presentano man mano.

Ci sono tutte le risposte, quando mi fanno le domande non devo fare altro che citare i passi del libro pertinenti e suggerire i capitoli o lezioni.
Si chiamano lezioni perché Ehret faceva un corso a Los Angeles e tutte le sue lezioni messe insieme costituiscono anche il libro.

Quando ho trovato il libro, dopo un po’ che lo leggevo mi sentivo come uno di quei cercatori di tesori dei pirati quando trovano un baule pieno di monete d’oro, ma la mia gioia era meno venale, sentivo che aveva a che fare in qualche modo con la nostra essenza spirituale.

Uno potrebbe chiedere: ”Ma cosa centra il mangiare con lo spirito?”
Me lo chiedevo anch’io, pensavo che fosse irrilevante, ma ho dovuto ricredermi.

E’ una questione di veicoli. Noi comunichiamo con il corpo, e riceviamo comunicazioni tramite il corpo. Si tratta di trasmissioni di messaggi, di conversione di flussi di energia. Se il corpo è pulito, i messaggi arrivano chiari e diretti. Se ci sono dei blocchi o barriere, la comunicazione passa attraverso o gira intorno ad un sacco di ostacoli e il messaggio sia in entrata che in uscita arriva alterato, e di debole intensità.
E come l’acqua che esce da un rubinetto intasato dal calcare, includendo le tubature.

Quando il corpo è ostruito i materiali di rifiuto accumulati diventano letti patogeni in cui i germi prosperano causando i vari sintomi che la medicina chiama malattie.

C’è un altro fattore importante che è sconosciuto. In questo universo ogni cosa vibra e i germi pure. Le loro vibrazioni sono l’espressione della loro vita, non hanno nulla a che fare con le nostre vibrazioni ma si aggiungono alle nostre.

Per comprendere il concetto, immagina una radio che oltre a captare il segnale di una stazione radio, capta anche quello di altre stazioni radio, oltre ai segnali elettrici di vari elettrodomestici, il risultato sarà un suono sgradevole e disturbato, in pratica una confusione di rumori.

Non vado sul tecnico solo per mantenere semplice il concetto.

Allo stesso modo, il processo del pensiero ha delle specifiche e precise frequenze che si manifestano chiaramente nella mente. Se però a queste vibrazioni del puro pensiero si associano vibrazioni provenienti da materia estranea e microrganismi che proliferano nel nostro corpo e dalle cellule alterate, il pensiero non sarà più nitido, ma confuso e dubbi di ogni genere appariranno nella nostra mente disturbata. Eliminate le materie estranee, riparate le cellule ed espulsi gli indesiderati ospiti, la mente ritorna chiara e calma e con questo anche le idee, la stima di sé e gli obiettivi personali.

A quel punto si percepisce il proprio potere spirituale. Si è certi delle proprie intenzioni e le obiezione altrui non possono scalfire le proprie certezze.

I problemi sociali scompaiono, ti sentirai a tuo agio anche alla “Sagra delle cotiche con i fagioli”, anche se fossi l’unica Ehretista fra mille persone che ti dicono che non sai cosa perdi rinunciando a un piatto di cotiche.

Inoltre il corpo diventa più leggero, non solo fisicamente ma anche come sensazione, il viso si distende, gli occhi diventano più limpidi e più “trasparenti”, le ciglia non sono più aggrottate. Devo continuare?
Non è necessario. Se comprenderai i principi che Ehret insegna, e questo succederà mettendoli in pratica in modo sicuro seguendo le diete di transizione e mantenendo pulito il colon, scoprirai un sacco di cose belle.

E la vita non sarà mai più la stessa.

Pillola blu — la tua vita andrà avanti come prima… pillola rossa— scoprirai la verità e ti farà male, lo so.
Luciano :D
Avatar utente
By Majka_R
#637
Caspita..non avete idea di che piacere mi abbia fatto stamattina aprire il forum e vedere le vostre risposte..Basandomi sulla mia esperienza, di solito le persone sono abbastanza diffidenti verso i cosiddetti "NUOVI" di un gruppo o di una classe o di una compagnia..ci vuole del tempo prima di riuscire un attimo a farsi accettare o, almeno, per quello che mi riguarda è sempre stato così..
Un paio di volte sono stata da una psicologa, che mi ha detto che è un mio problema, nel senso che sono io a partire già prevenuta, pensando che gli altri saranno diffidenti nei miei confronti..
Posso dire che probabilmente è proprio così..Come disse qualcuno, siamo tutti collegati, nonostante i tempi attuali siano più per l'individualità che per il gruppo..Di conseguenza, ho sempre pensato che questo "avere tutti una sorta di legame invisibile" possa far sì che gli altri sentano le "vibrazioni" negative di una persona che parte prevenuta, come quelle positive di una persona che parte in quarta..
Questo in un certo senso è il mio concetto di "socializzare", senza togliere ovviamente lo straordinario timore del giudizio che le altre persone con cui cerco di socializzare possano avere nei miei confronti..timore che purtoppo mi segue come un'ombra, e le poche volte che ho cercato di far finta di niente, come se questa paura non esistesse, è stato come essere "violentata" dalla mente, come se il solo ribellarmi a lei, fosse un peccato mortale..Se mi consentite di citare una battuta spassosissima del film "Beverly Hills Cop 2" : "(...) se non smuove la merda che le soffoca il cervello (...)". A volte ho avuto il sospetto che i miei pensieri, quelli che mi venivano, e che tutt'ora mi affiorano dal nulla, pensieri di rabbia o rancore o invidia, non fossero realmente miei, e lo stesso vale per certi miei atteggiamenti di cosiddetto "vittimismo" o "intolleranza" che a volte lasciano a bocca aperta persino me..Penso che una volta non ero così, ma una persona veramente solare e mi chiedo quale sia stato il fuoco che ha fatto bruciare la miccia ed esplodere tutta questa cosa..
Non dico di essere straconvinta che il mio sia solo un problema di cibo, ma devo dire che il mio ottimismo, se non totalmente, è quasi praticamente scomparso e, peggio ancora, a volte sento proprio di comportarmi come una bambina e che questo non mi appartiene..
Dopo tutto questo sproloquio, vorrei dire soltanto che ho una voglia profonda di cambiare radicalmente sia la mia alimentazione che la visione della mia vita..sento che qualcosa dentro è stanco, molto stanco, di tutta questa negatività, sia a livello fisico che spirituale..e vorrei soprattutto ringraziare voi tutti per la rapidità delle risposte e l'appoggio che ho ricevuto..
Mi sento già meglio solo all'idea di potermi "purificare" da tutta la sporcizia che ho accumulato negli anni e di poter respirare un po' e togliermi di dosso l'ansia che mi accompagna..
Grazie a tutti di nuovo..
A presto
MAJKA
Avatar utente
By gibuz
#639
Se ricordo bene all'inizio del libro Ehret dice che il 99% dei mali sono originati dal cibo.
La prima volta che lessi quella frase pensavo in un'esagerazione,ora sono convinto sia davvero cosi'.
Quello che la sporcizia,il muco puo' causare nel nostro corpo va al di la' di ogni immaginazione.
Tra gli articoli pubblicati da Luciano su questo sito (e su medicinenon) ce ne e' uno sugli effetti della carne.In quell'articolo si sottolinea come un consumatore di carne possa manifestare una maggiore aggressivita'.
In passato io sono stato un grande carnivoro,mangiavo carne quasi a tutti i pasti.
Durante la prima fase di depurazione ho manifestato momenti di ira e nervosismo misto ad aggressivita' che mai avevo mostrato.
In principio ero preoccupato poi ho capito che qualcosa era tornato in circolo nel mio corpo e una volta raggiunto il cervello aveva causato quelle reazioni.
Questo per dire come un corpo pieno di muco e simili possa manifestare comportamenti tra i piu' disparati.
Mi ha fatto piacere leggere il tuo messaggio in cui hai manifestato il tuo stato d'essere del momento,se andrai avanti e un giorno lo rileggerai ti sembrera' di non essere piu' la stessa persona.
Ciaooo!
Avatar utente
By Majka_R
#680
Ciao a tutti che sono di passaggio,
un ringraziamento particolare a quelli che hanno risposto così prontamente ai messaggi che ho lasciato i giorni scorsi.
Stavo pensando che la storia del diario non è poi così male, anzi, potrebbe essere un appoggio per far sì che non ci si senta soli o comunque che in qualche modo si riesca a superare il problema "tradizioni alimentari" del posto in cui si è cresciuti o il fatto che quando si va a casa di amici a mangiare, ci è stato insegnato a non deludere l'ospite..e mi avete capita!
Queste, a parer mio, sono le questioni più difficili da superare, almeno dal mio punto di vista..Io sono di Modena e a volte risulta un po' difficile dover spiegare a mia nonna che non mangerò più i tortellini o le sue lasagne..fortunatamente è una persona molto aperta a tutto e credo che non farebbe tante storie, anzi..E' chiaro che se una persona ha una forte volontà ed è veramente decisa a liberarsi di tutte le "stronzate" che ci sono state inculcate sul cibo e l'alimentazione, oltre che ovviamente di tutti i rifiuti che abbiamo in circolo, non ci sarebbe nulla su cui discutere.
Però credo che parlarne con persone che stanno bene o male vivendo la stessa esperienza, sia comunque una cosa straordinaria.
Per me, almeno, è una gran consolazione.
Questo fine settimana sono stata molto male, a parte i "problemini tecnici" di ogni mese. Ho passato sabato e domenica a casa, ed essendo da sola, ho mangiato frutta e verdura e sabato sera ho digiunato. Domenica l'ho passata a piangere, nel senso che mentre facevo le mie cose, all'improvviso scoppiavo in un pianto feroce. Ma non due lacrime e basta, un pianto disperato e sentivo che tutto il corpo si contorceva a causa di questo malessere. Dopo 5 minuti ero tornata quella di sempre. E questo sarà successo più o meno 3 o 4 volte nel corso della giornata, oltre, e non meno importante, alla sensazione di avere qualcosa in circolo che mi stesse dando molto fastidio. Non so se avete provato l'ebrezza di finire in sala operatoria..Io si, due volte, e la sensazione che ho appena descritto è molto simile a quello che succede dopo il risveglio da un'operazione, ossia sapere e soprattutto sentire di avere ancora l'anestesia che gira e rigira nel sangue. E' una sensazione micidiale, dolori ovunque e un senso di malessere fisico e psicologico indescrivibile. Questo è quello che sentivo domenica, pur avendo delle cose da fare e quindi essendo distratta mentalmente, ma nonostante tutto, sentivo di avere nel profondo qualcosa che andava in giro dappertutto trasportato dal sangue e che al suo passagio lasciava un dolore.
Ho provato a parlarne a mia madre, con cui ho discusso della dieta senza muco dopo aver letto il libro, ma lei ha dato la colpa al ciclo, giustamente, perchè non ha ancora letto il libro.
Questa è stata un'esperienza abbastanza illuminante, anche se spererei di non doverla rivivere. Il fatto è che purtroppo so che ci saranno dei momenti veramente difficili, e so quello che dico, visto che so e mi ricordo quello che ho sempre mangiato.
Comunque non m'interessa quello che dovrò o non dovrò passare, la cosa veramente importante e quella a cui penso sempre nei momenti duri è che, primo, ci sono delle persone a cui posso confidare le mie esperienze e con cui posso condividere il processo di ripulisti, secondo, e molto importante, forse riuscirò a evitare di finire i miei giorni in ospedale per problemi alle coronarie o per un tumore al condotto digestivo. Non dico che queste cose non possa capitare anche a chi segue una dieta come questa, ma questa non è una buona ragione per continuare a farsi del male.
Per oggi direi di aver detto tutto...per oggi...
Grazie a tutti quelli che avranno pazienza di leggere questo post e magari lasciare un messaggio..
A presto
Majka
By Kissakie
#682
Brava Majka
ottomo atteggiamento mentale lo prenderò da esempio quando a settembre comincerò la transizione.
Se continui con questa linea di pensiero sarai vincente.
Congratulazioni e continua cosi.

Un bacio
Claudia
By AKIGIO
#683
Tutti i più grandi "filosofi" del passato, i grandi pensatori, il Mahatma, erano tutte persone che avevano il giusto rapporto col cibo. Ovvero, non ne dipendevano.

Io ho fatto due settimane di ferie in Basilicata, tra la fine di Giugno e l'inizio di Luglio, in un posto dove lo chef sfornava mezzogiorno e sera ogni ben di Dio.
E io ho tirato dritto per la mia strada, ma non con la mentalità del monaco che non guarda le donne "esseri immondi che allontanano dalla santità" ma col sorriso di chi ha trovato qualcosa di meglio.
Dopo 2 giorni che ero lì (è un villaggio di proprietà della società per la quale lavoro, quindi ero tra colleghi che già conoscevo anche solo telefonicamente) ero la favola del ristorante, il secondo giorno peggio del primo, il terzo iniziava ad avvicinarsi la gente a dire "ma come fa con tutto quello che c'è?!?!". Da lì in poi una processione di gente a chiedere come, quando, perchè, percome, quantunque e ciononostante.

Vedi Majka, l'obbiettivo non dev'essere nutrire l'ego ad un punto tale da restare immobili di fronte alla tempesta perchè abbiamo raggiunto "FENOMENALI POTERI COSMICI inunminuscolospaziovitale" (cit. Aladdin), vestirsi da sadhu e camminare scalzo per la strada. Il punto è prendere in mano la propria vita, con attenzione, e viverla, ma non per come ci impone la gabbia delle consuetudini, delle convenzioni sociali, della famiglia, la religione, lo stato e chi più ne ha più ne metta.
E' il concetto di Krishnamurti (si, lo tirerò fuori spesso questo nome) di libertà. Non prendere un partito nuovo per dire che sei libera da quello vecchio, liberati dai partiti, apri gli occhi innocenti, vivi con attenzione.

E in questo senso voglio darti un consiglio che non ti ha dato ancora nessuno: NON CREDERE A UNA SOLA PAROLA DI QUELLO CHE DICE EHRET e nemmeno a quello che chiunque possa dire in questo forum, me compreso!

Prova. Semplicemente. Chi può dire che le isole del Sud-est asiatico sono un paradiso? Solo chi ci va, chi ci arriva. E il viaggio è tuo, e anche quando lo fai in compagnia, la tua esperienza è unica. Gli altri ti possono raccontare esperienze con risultati simili, ma alla fine nessuno può camminare per te.

Quando vivi così diventi incontestabile, e la gente (parlo per esperienza, ma non fidarti, prova :) ) cerca la tua compagnia e ti chiede di condividere la tua esperienza, Ehret o no, perchè hai scritto in faccia che guardi la vita dritta negli occhi, e vivi quello che vivi con attenzione e consapevolezza, fosse solo fare ikebana con 2 fiori e 5 cm di canna di bambù.

Per farti un esempio, ho un vicino di casa di quasi 80 anni, che un giorno facendo un ragionamento che non ricordo da dove sia partito, mi ha detto "io per esempio, non ho mai comprato la macchina in vita mia perchè non ne ho mai avuto bisogno..." E improvvisamente mi è venuta voglia di sedermi di fianco a lui a capire un pò di più di una persona del genere.

Capisci?

Tu non hai un problema sociale... è il sociale che ha un problema con te. Aiuta la gente che hai intorno a capire Majka.

E come dicono agli attori di teatro alle prime armi "se il pubblico ti intimidisce, immagina che siano tutti in mutande" :lol:

E se in tutto questo ragionamento ti nutri bene, non ti avveleni e mangi il minimo indispensabile (e qui di indicazioni ne puoi trovare quante ne vuoi) è pure meglio :wink:

Un abbraccio
Gio
Avatar utente
By Majka_R
#689
Incredibile...sono tornata un po' prima da casa dove vado di solito a mangiare per la cosiddetta "pausa pranzo", giusto per leggere alcuni post di questo forum, che parlano di esperienze personali a contatto con la dieta senza muco, e di cui ho dovuto interrompere la lettura causa le mie ghiandole lacrimali.
Mi sono commossa nel leggere i diversi risultati ottenuti da ragazzi che con una nuova alimentazione hanno ritrovato anche un nuovo spirito di allenamento e di come la loro massa muscolare sia cambiata e di come non sentano più dolore dopo l'allenamento.
Mi sono commossa perchè conosco gente che va in palestra e a cui viene fatto il lavaggio del cervello riguardo alla carne e alle proteine che questa secondo loro favorisce la costituzione della massa muscolare. Un mio collega in particolare che è venuto con me in trasferta a fare dei rilievi di un ospedale, che in due giorni non si è mangiato altro che carne, dicendo che gliel'aveva detto il suo personal trainer.
Oltretutto a me ha detto (prima che leggessi il libro) che per dimagrire avrei dovuto mangiare carne...SEMPRE!
Dopo che ho letto il libro, mi è venuto male per lui..anche se è il suo corpo e non il mio che inquina. Giuro che mi è venuto male...
Leggendo quei post, mi tornano alla mente tutti quei programmi che fanno alla televisione, in cui c'è l'esperto dietologo che afferma che per una corretta alimentazione bisogna mangiare uova, carne, bere latte, formaggi, ecc...si, certo, anche le verdure e la frutta a volontà, ma come CONTORNO o DOPO I PASTI!!! Per non parlare di tutte le pubblicità in circolazione di farmaci contro questo o quel disturbo..
Quanto tempo io sono stata confusa..giuro che da un anno a questa parte, tutte le volte che mi trovavo a sedere a tavola con amici o con familiari o al ristorante, la domanda che ormai mi perseguitava era "E adesso cosa mangio???"..la disperazione più totale..
Per questo mi commuovo (di gioia) a leggere i post di questi ragazzi..Forse c'è un piccolo spiraglio di luce..
Un bacio a tutti e grazie...mi fa sempre un immenso piacere leggere le vostre risposte, mi danno una spinta incredibile..
A presto
By AKIGIO
#690
Majka_R ha scritto:Un mio collega in particolare che è venuto con me in trasferta a fare dei rilievi di un ospedale, che in due giorni non si è mangiato altro che carne, dicendo che gliel'aveva detto il suo personal trainer.
Oltretutto a me ha detto (prima che leggessi il libro) che per dimagrire avrei dovuto mangiare carne...SEMPRE!


Majka AAAlt! Questa affermazione è assolutamente vera.
Vedi, prima di approdare a Ehret, ho passato gli ultimi... 10 anni? a provare di tutto: metabolica, Zona, e anche la Atkins (restrizione totale dei carboidrati a meno di 20 g/giorno, niente frutta, poca verdura e carne a chili)

Si perde peso
Si dimagrisce
Funziona
Al momento!
Poi le conseguenze a lungo termine possiamo immaginarcele. Il problema è che Atkins è un cardiologo, per cui il suo parere è persino autorevole per il mondo scientifico e per la persona comune.

Majka_R ha scritto:Dopo che ho letto il libro, mi è venuto male per lui..anche se è il suo corpo e non il mio che inquina. Giuro che mi è venuto male...
Leggendo quei post, mi tornano alla mente tutti quei programmi che fanno alla televisione, in cui c'è l'esperto dietologo che afferma che per una corretta alimentazione bisogna mangiare uova, carne, bere latte, formaggi, ecc...si, certo, anche le verdure e la frutta a volontà, ma come CONTORNO o DOPO I PASTI!!! Per non parlare di tutte le pubblicità in circolazione di farmaci contro questo o quel disturbo..


Fai sempre conto che se una casa produttrice di pasta impiega n mila operai, e decide di vendere merda e fartela mangiare pagando i media per ammazzarti di pubblicità, lo fa, e non la ferma nessuno, perchè se no minaccia di piantare a casa n mila operai e mettere sul lastrico n mila famiglie.
Ma la tragedia non si ferma li, perchè è così per le farmaceutiche che producono farmaci per curare sintomi di "mali" che dovrebbero essere affrontati in altra maniera e alla radice.

Ma chi affronta questi colossi? Per fare un esempio basti prendere Hamer che ha fatto galera per aver dichiarato che la chemio uccide e non cura, e aver definito una scienza esatta riguardo al cancro e alla sua cura....

Viviamo in un mondo difficile....

Majka_R ha scritto:Quanto tempo io sono stata confusa..giuro che da un anno a questa parte, tutte le volte che mi trovavo a sedere a tavola con amici o con familiari o al ristorante, la domanda che ormai mi perseguitava era "E adesso cosa mangio???"..la disperazione più totale..
Per questo mi commuovo (di gioia) a leggere i post di questi ragazzi..Forse c'è un piccolo spiraglio di luce..
Un bacio a tutti e grazie...mi fa sempre un immenso piacere leggere le vostre risposte, mi danno una spinta incredibile..
A presto


Ben felice di collaborare ai tuoi sorrisi. :D

Un abbraccione
Gio
Ciao a tutti da Valerio

Ciao Valerio, benvenuto. :D Il primo passo è ac[…]

Infatti ho detto che si rischia, non che tutti lo […]

AVOGADO TOSSICO?

Quello sempre, anche se bisogna poi vedere se sia […]

Grazie OPT! :D I tuoi post sono illuminanti. Dimo[…]

Libri di Arnold Ehret