Arnold Ehret Italia

Questa è la sezione dove ci si presenta. Prima di farlo, leggi attentamente la guida che vedrai quando aprirai il primo argomento.

Moderatore: luciano

Regole del forum: 1. Prima di tutto, leggi il Regolamento. In questo modo saprai come ci si comporta in questo Forum, al fine di avere un'esperienza piacevole per tutti gli utenti.

2. INCLUDI il tuo nome o nome utente NEL TITOLO del tuo primo post in questa sezione.
Appena arrivi su questo sito, fai sapere qualcosa di te, perché ti sei iscritto, se hai letto e studiato i libri di Ehret e quali. Leggi altro sui libri qui.

Qui può postare ogni iscritto, solo post pertinenti alla propria presentazione, nelle altre sezioni occorre aver prima letto e soprattutto studiato il libro Il Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco.

RIPETO: Ricordati di mettere il tuo nome o nick nel titolo del tuo primo post di presentazione. Continuo a vedere "Ciao a tutti!" "Nuovo arrivato!" e nella ricerca diventa poi difficile trovare chi l'ha scritto. Esempi di corretta presentazione: "Ciao a tutti da Mario", "Nuova arrivata - Maria85".
Avatar utente
By Olimpia
#75931
Ciao a tutti e grazie a Luciano e a tutti coloro che mi stanno aiutando con i loro post.

Dopo aver letto il libro di Arnold Ehret,"capitato" tra le mie mani in casa di una conoscente, l'ho fatto mio, benchè in prestito, dato che la persona l'aveva acquistato per sbaglio!

Da pochi giorni ho acquistato tre libri di Ehret perchè, attraverso i suoi scritti e i post di questo forum, ho scoperto di essere già in transizione poichè da due anni circa ho eliminato caffè, latte, zucchero, sale, affettati, dolciumi vari e ,limitato pesce, carne e latticini.

Dal 20 dicembre, sono decisamente in transizione , ho scelto di vivere il mio Natale, sobrio e raccolto, da tutti i punti di vista.
E' straordinario quanto il cibo giusto apra la mente e connetta con la pace.

La transizione prosegue con grande determinazione a causa delle sofferenze vissute negli ultimi nove anni: anno 2004 asportazione della tiroide per gozzo multinodulare,per cui sono costretta ad assumere Eutirox tutti i giorni; anno 2005,cancro all'utero e ovaie con isterectomia totale e ,due anni fa, mia madre è trapassata con cancro al fegato dopo aver molto sofferto.

Anche i libri di Zeland , gli ultimi due, vertono sul cibo e sull'uso improprio che se ne fa e tutto quanto ho letto e sperimentato (anche con il diguno con succo d'albero) mi sembrava già di saperlo, come una celata verità, sommersa da abitudini e false informazioni.

La transizione va, con episodi di eliminazioni varie ; la fase più difficile è quella dell'affettività legata alle abitudini culinarie, ai ricordi, ma il proposito di rigenerare il mio organismo trattandolo come si merita perchè io sia in salute e quindi serena, è inattaccabile.

E' vero, al mio corpo mancano dei "pezzi" ma tutto il resto sta funzionando molto meglio!
Avatar utente
By Fiorenzo
#75963
Ciao Olimpia, benvenuta nel forum e piacere di conoscerti! :D
Ultimamente si iscrivono persone nei paraggi (anche se Gioia del Colle non è proprio dietro l'angolo!).
Spero di rileggerti presto, la tua storia non è delle più facili visti i trascorsi molto dolorosi.
Ciao
Avatar utente
By Olimpia
#75981
Grazie Fiorenzo, mi sembra di conoscerti, dato che ho già letto i tuoi post, alcuni molto utili, sempre improntati al senso dell'umorismo.

Essendo napoletana, gradisco molto sdrammatizzare e mi è servito farlo durante la malattia, gli interventi, la radioterapia, altrimenti non sarei qui.

Le risorse attivate per me non sono servite a mia madre, che non ce l'ha fatta; a volte conosco risposte che potrebbero aiutare gli altri ma alcuni non sono pronti ad ascoltare e ciò è particolarmente doloroso con le persone care.

Mi sono scocciata di veder morire "male" le persone; la morte dovrebbe essere lo svenimento senza ripresa oppure lo smaterializzarsi di un corpo già leggero, pulito che se ne va in un luogo ancora più leggero e più pulito.

Stare da "cancerosa" e poi da angelo custode di mia madre, nei reparti oncologici ti pone davanti a un bivio: o muori oppure decidi di vivere. In quest'ultimo caso, tutte le informazioni, le conoscenze , i libri e i forum si affollano intorno a te per dare una mano.

Ho promesso a me stessa di guadagnarmi una buona vita e, di conseguenza, una buona morte.
In un lontano futuro, visualizzo una centenaria in ottimo stato che,in compagnia, davanti alla torta di compleanno, rigorosamente di frutta fresca, spegne le candeline e poi si spegne pure lei.

Un caro saluto
Avatar utente
By Fiorenzo
#75982
Olimpia ha scritto:...a volte conosco risposte che potrebbero aiutare gli altri ma alcuni non sono pronti ad ascoltare e ciò è particolarmente doloroso con le persone care...

Non puoi immaginare quanto io ti capisca.
Sì è vero, tendo anche io a sdrammatizzare sempre, possibilmente con qualche battuta, ma è una sorta di autodifesa a quanto di spiacevole abbiamo attorno.
Anche mia madre è malata, un Alzheimer ultra galoppante che l'ha azzerata nel giro di soli 2 anni e comunque i miei consigli sono sempre troppo scomodi e aldilà delle possibilità altrui.
E mi rendo conto che vedendo me nell'errore, non applicheranno mai i sani principi della DSM ed io mi sono rassegnato a vedere questa candela spegnersi piano piano, anche perché ormai, questa malattia, a questo stato, non la guarisci più nemmeno coi miracoli.

Bella la tua previsione di ultimo compleanno! :D
Mi vedo spesso anche io così e penso lo speriamo tutti (eccezion fatta per qualche asteroide che mira dritto dritto al nostro capo! :D )

Congratulazioni per la perdita di peso e per la t[…]

Panoramica Matteo

Bene, ho tolto il 26(devitalizzato) e il 28 una se[…]

Diario di Narayani

Poi basta perché ogni volta che entravo in piscin[…]

Gli ultimi del contadino

Mai provato a essiccarli al sole? Non ho mai pr[…]

Libri di Arnold Ehret