Arnold Ehret Italia

Un forum necessario in linea con il sistema di guarigione della dieta senza muco.

Moderatori: luciano, O.P.T

Regole del forum: Questo Forum serve per apprendere dati sulla bonifica dentale al fine di sapere poi cosa si vuole che il dentista faccia nella nostra bocca.
Non siamo un call center o un'agenzia che procura clienti ai dentisti.
La prima cosa da fare è leggere questo post, le regole del forum. E' obbligatorio leggerlo per non contravvenire le regole del forum, qualora venissero violate i tuoi post e infine il tuo account potrebbero venire cancellati. Il primo post che devi leggere è questo: Regolamento
Avatar utente
By luciano
#76223
Ci sono sistemi che utilizzano un bite, uno spessore da mettere fra i denti per mesi o anni al fine di ottenere un bilanciamento della struttura ossea, risolvere malocclusione ecc.

Chi promuove e sostiene tali sistemi li considera come assolutamente necessari, è un po' la tendenza di chi si è fatto portavoce di un sistema piuttosto che di un altro, e questo è un errore perché impedisce di allargare le vedute e allungare l'orizzonte creando così uno spazio più grande dove possono trovare posto molti altri punti di vista che possono insieme contribuire al raggiungimento di un unico scopo, la salute completa del corpo, della mente e dello spirito.

Perciò fra le altre cose occorre considerare anche altre possibilità prima di lanciarsi nell'avventura del bilanciamento con bite,
In alcuni casi è possibile che la malocclusione possa essere risolta con un paio di sedute di manipolazione o massaggio o altro, il che renderebbe in quei casi inutile ricorrere al bilanciamento con bite.
#76241
Ho provato su me stessa i benefici del bite (scuola APPIM) rendendomi conto che contattare bene con i denti sia importante a livello di bilanciamento schelettrico e muscolare. Ho ritrovato rilassamento delle spalle, alleviamento alla cervicale ed in generale maggiore simmetria e equilibrio (evidente negli esercizi in palestra).
Ho smarrito il bite e i disagi si sono ripresentati.
Nel frattempo, per valutare la bonifica dentale, mi sono recata da Riccardo (Ricky66) e ho "scoperto" la kiropratica.
Con 2 sole sedute (senza peraltro parlare con lui di malocclusione nello specifico) mi sono ritrovata con la bocca bilanciata e i denti che contattano correttamente!
Non ci potevo credere. Era così facile? È possibile tornare in equilibrio "spostando" lo scheletro con manovre specifiche! Sono passate tre settimane dal secondo trattamento e la situazione è immutata.
Verifico con le manovre APPIM la situazione e mi ritengo soddisfatta del risultato. Mi sento benissimo e le spalle non sono più contratte, cervicale dimenticata.
Al di là dei benefici energetici legati alla pratica kiropratica spero che questo successo "casuale" aiuti anche i lettori del forum a trovare la via della salute perfetta!
Buon bilanciamento!
#76250
valina ha scritto:Nel frattempo, per valutare la bonifica dentale, mi sono recata da Riccardo (Ricky66) e ho "scoperto" la kiropratica.
Già, Riccardo è proprio un mago!! :)
#76271
giusto per fare un minimo di chiarezza...
vi faccio presente che una scuola "seria" di kinesiologia, tipo la iksen di maurizio piva, prevede circa 3 anni di scuola, a frequenza finesettimanale in italia.
la chiropratica è un piano di studi universitario di 4-5 anni full time, con le università più accreditate negli USA (dove ho studiato io) oppure un college in UK uno in australia, e francia .
in italia, terra dei cachi (transgenici) , c'è stato negli ultimi anni un fiorire di corsi, corsetti, con diplomini e attestati vari, che permettono a quasi chiunque già nel ramo della salute (fisioterapisti, ortopedici, massofisio...) con qualche weekend spalmato su vari mesi, di diventare "chiropratico".

non commento sulle reali capacità e visione terapeutica di tali "diplomati"
#76273
Un mia amica, è chiropratica, guarda cosa ha fatto per poter studiare chiropratica:

Per tre anni frequenta le Facoltà di Medicina a Torino e Cagliari, ottiene gli esami utili all’iscrizione alla Facoltà di Chiropratica, “Canadian Memorial Chiropractic College”/CMCC, a Toronto in Canada.

Nel maggio 1986, dopo quattro anni di studio a Toronto, si laurea in Chiropratica, con il titolo di ”Doctor of Chiropractic”, DC.

Cioè tre anni di università per fare poi gli esami di ammissione! Poi quattro anni di studio a Toronto a massima frequentazione, con pratica ecc.

Perciò quando leggo che si possono frequentare i corsi che vuoi anche senza background, non sto più lì neanche a rispondere, ma ci hai pensato tu. :D
#76289
si, un iter simile al mio, pur avendo una laurea in scienze dell' educazione fisica, mi sono dovuto sorbire (e pagare) un anno (4 trimestri) di corsi extra solo per ottemperare ai prerequisiti all'ammissione alla Life university of Chiropractic,con sede ad Atlanta ...una sfilza tra biologie, chimiche varie, fisica, matematica, e pure letteratura americana, li mortacci loro... :roll: :lol: :lol:
#76298
Ma esiste un testo, anche in inglese, che spieghi in linea generale cosa fa la chiropratica? Tipo..."Chiropratic infarination" (infarinatura di chiropratica) perchè a parte aver capito che fa miracoli vorrei capire il perchè e da che canali passa la guarigione.
Grazie!
Ps Se possibile un testo senza nozioni di letteratura americana thanks!!
#76303
http://chiropratica.it/

nota personale:
mi sono levato dall'associazione anni fà, non mi riconosco più in nulla e nessuno, se non nel mio personalissimo cammino di conoscenza e crescita integrata.

in 5 anni di università non ho mai sentito nominare neanche per sbaglio la parola " focalità dentale", tanto per intenderci...
il primo riferimento alle micidiali cavitazioni l'ho trovato verso fine corso universitario, leggendo il libro della dott.ssa (da poco defunta) H.clark "the cure for all cancers", ma lo rimossi per un senso di inadeguatezza.
non ne sapevo nulla e speravo (sbagliandomi) di poterne fare a meno, ne subdoravo già la grande mole di ricerca e pratica sottostante, e inconsciamente non avevo ancora voglia di infilarmici.
avevo ancora la testa "piena" di tutto quello che ci avevo infilato dentro in quegli anni di scuola.

in seguito, la mia coscienza ci ha messo altri 13 anni per riportarmici faccia a faccia .

dunque ritengo che a oggi, a parte la nicchia dell' odontoiatria neurofocale, non esista alcuna scienza o terapia che cerchi attivamente le CAUSE delle malattie e la loro rimozione.
e quello che ti viene spacciato per " causa", è invece solo il sintomo.
o il sintomo del sintomo...
tutti ormai si dedicano , con modalità più (es. medicina ortodossa ) o meno (es. massaggio, agopuntura ) invasive, alla rimozione del "sintomo doloroso".
.... è giusto che venga indirizzato ed attenuato quanto possibile , ma non deve diventare lo SCOPO della ricerca e della terapia.

questo era un foglietto illustrativo che ho impiegato per un pò....

La chiropratica è una scienza ed un arte che considera corpo, mente ed energia spirituale
come un team indivisibile ed unico in ciascuno di noi, su cui è necessario lavorare
sinergicamente per ottenere cambiamenti il più possibile risolutivi, evolutivi e duraturi.

Il mio ruolo sarà di “scovare” e correggere dove possibile le interferenze:

• MECCANICHE , quali ad esempio articolazioni fuori dal loro equilibrio ottimale e
nervi “pizzicati” che non riescono più a trasportare bene i segnali bioelettrici.

• METABOLICHE , testando organi e sostanze alimentari poco o nulla adatti al
singolo individuo, irritanti e/o allergizzanti .

• ENERGETICHE , valutando potenziali blocchi lungo i “viali” (meridiani) e
“rotatorie” (chackra) energetiche, su cui possono interferireinnumerevoli fattori, tra cui:

infezioni dentali o intestinali , più o meno manifeste.
malocclusioni dentali.
convinzioni mentali limitanti,
conflitti emozionali irrisolti, antichi o recenti.

L' intervento potrà avvenire su un mix di fronti: manuale, manipolatorio, kinesiologico, (test
muscolare) verbale (parlato) analitico (commento di studi radiografici e esami) o bioenergetico-riconnettivo.
Il numero di sedute può variare ampiamente, in base alla complessità della condizione, a partire da un minimo di tre sedute.
#76305
intendiamoci, io sono dell' idea che si possano fare fare i corsi che si vuole, di un giorno o un secolo che siano, ed ottenere qualsivoglia attestazione.
sarà la vita a premiarci o affossarci.
siamo TUTTI diversi , ognuno ad un livello differente ed unico, e ognuno di noi è magneticamente attratto, per risonanza , (il detto omeopatico "Similia similibus curantur" vale anche per gli umani!) sempre dal terapista/carnefice che più è sintonizzato al nostro ATTUALE livello evolutivo.
#76313
Riccardo tu di dove sei?

credo di avere proprio bisogno di alcune delle tue sedute.. Grazie mille
hO PROVATO A VEDERE se potevo contattarti in privato ma non ho visto niente, se vuoi puoi contattari tu !
Grazie ancora
#76329
ricky66 ha scritto: quello che ti viene spacciato per " causa", è invece solo il sintomo, o il sintomo del sintomo...
tutti ormai si dedicano , con modalità più (es. medicina ortodossa ) o meno (es. massaggio, agopuntura ) invasive, alla rimozione del "sintomo doloroso".
.... è giusto che venga indirizzato ed attenuato quanto possibile , ma non deve diventare lo SCOPO della ricerca e della terapia.


Sono perfettamente d'accordo! :D

ricky66 ha scritto:dunque ritengo che a oggi, a parte la nicchia dell' odontoiatria neurofocale, non esista alcuna scienza o terapia che cerchi attivamente le CAUSE delle malattie e la loro rimozione.


A questo proposito aggiungerei anche l'Omeopatia Unicista, praticata secondo i principi originari espressi da Hahnemann, secondo il quale lo scopo principale ed unico del medico è di rendere sani i malati, di guarirli (Organon § 1) e la guarigione ideale consiste nella restaurazione della salute (nella rimozione radicale della malattia nella sua totalità ovvero nella rimozione dell'alterazione patologica della forza vitale) nel modo più rapido, dolce, sicuro ed innocuo (con il minor aggravamento possibile), in modo definitivo, e in modo verificabile (rimozione della totalità dei sintomi, attraverso cui l'alterazione patologica della forza vitale si manifesta)(Organon § 2).

Purtroppo molti omeopati pur essendo unicisti utilizzano l'omeopatia in maniera sintomatica e/o addirittura preventiva, ma questo utilizzo dei rimedi è dannoso e non ha nulla a che vedere con la vera Omeopatia.

:D

Infatti ho detto che si rischia, non che tutti lo […]

AVOGADO TOSSICO?

Quello sempre, anche se bisogna poi vedere se sia […]

Grazie OPT! :D I tuoi post sono illuminanti. Dimo[…]

La panoramica di Ienk

Mi dici prima che il canino con la formazione è il[…]

Libri di Arnold Ehret