Arnold Ehret Italia

Il digiuno è un argomento interessante e importante e uno strumento che va al di là di quanto attualmente si conosce a riguardo e merita un suo spazio dedicato

Moderatore: luciano

#77443
Hey! Don t say u will… u DO!

E cosi lo feci. Dopo aver rimandato tanto aspettando sempre “il momento buono” eccolo che ritorna con tutto quello che si porta appresso: Il Digiuno Terapeutico Igienista a sola acqua. Quello lungo che va in profondità.
L’ultima volta fu circa due anni fa in una casetta al mare nel sud Italia e durò 15 giorni. I benefici furono profondi. Il mio specchio magico fu ripulito del 40% e sento che questa percentuale rappresenti più o meno lo stato di pulizia che raggiunse il mio corpo. Potete trovare la mia storia a questo link --->Digiuno 1
Quel digiuno fu incentrato sul bisogno di guarire il mio colon spastico e ulcerato e connesso uno stato di tossiemia profonda e acidità che portava con sé molesti stati di panico, costante stanchezza e sensi di svenimento, sensibilità alla luce, ragadi alla bocca e all’ano, reflusso gastrico, pelle pallida, voglia d’isolamento e solitudine ed altre cose simpatiche.
L’obiettivo se non fu centrato fu perlomeno “quasi completato” nel senso che dopo quell’esperienza il mio corpo cominciò lentamente a rinascere grazie alle energie liberate e grazie a un’alimentazione “quasi vegana” e “quasi crudista” con non troppi sgarri, con tanta frutta e una sufficiente quantità di movimento e sport.
La mia ulcera il mio colon spastico guarirono completamente, reflusso sparito, aumentate energie e miglioramento se non sparizione degli altri sintomi. Ma rimasero domande in sospeso.
Perché interruppi quel digiuno due anni fa? Perché non lo portai a termine? Perche non aspettai che la mia lingua tornasse rosa come quella di un bimbo e l’appetito si ripresentasse forte e inconfondibile?
A essere sincero incominciarono a succedermi cose di cui non parlai nel mio diario ma che non ho dimenticato.
Insieme a tutte le sostanze che il mio corpo fisico stava buttando fuori, incominciai a entrare in profondi stati di meditazione spontanei in cui rivivevo momenti della mia infanzia anche traumatici.
Il processo stava entrando in una fase più profonda e sottile.
Fin dai primi giorni di digiuno cominciai a sperimentare sogni più vividi e reali. Col passare del tempo i sogni divennero sempre più reali ricordandomi sensazioni che provavo da bambino quando mi svegliavo nel mio lettino e ancora sudato gridavo per far accorrere mia madre. La distinzione tra sogno e realtà non era più così marcata, direi anzi, che i sogni stavano diventando vividi tanto quanto la realtà. Mi capitava di appisolarmi nel pomeriggio e svegliarmi una mezzora più tardi ed aver sperimentato sogni lunghi e profondi di cui ricordavo molti particolari.
Insieme ai sogni aumentavano i momenti in cui in stato di veglia entravo in uno stato meditativo dove percepivo con insolita intensità gli odori che mi circondavano o dove immagini e traumi del passato rivenivano alla luce dalle profondità del mio inconscio o dove vedevo la realtà intorno a me come fosse un vero e proprio sogno. Un’esperienza bellissima, ma anche molto forte.
A questo Ehret e Shelton non mi avevano preparato.
Ero solo, alla prima mia esperienza con un digiuno lungo e sentivo che il mio colon era gia molto migliorato. Decisi di interrompere.

Ora a distanza di due anni, voglio eliminare quei “quasi”. Voglio sperimentare una pulizia completa e sono pronto ad accettare tutto ciò che madre natura vorrà farmi sperimentare.
Aspetterò’ di avere fame e che tutto indichi che il mio sistema immunitario abbia terminato con le faccende di casa.
#77444
El Remate, Guatemala.

1 giorno

A 20 km da Tikal, l’antica capitale Maya si trova el Remate un paesino di poche case ai bordi del lago Peten. A gennaio la stagione delle piogge è quasi alla fine e le temperature sono ancora accettabili prima della gran calura dei mesi primaverili ed estivi.
Un bungalow di legno ad un passo dal lago. Questo è il posto dove oggi ho cominciato il mio digiuno.
Purtroppo qui in Guatemala non mi è stato possibile trovare una borsa per enteroclisma come l’abbiamo noi in Italia (hanno solo le perette) quindi due giorni di sola deliziosa frutta tra cui papaye, manghi, avocados, meloni, cocomeri e banane ed ho cominciato la mia esperienza a stomaco relativamente vuoto e relativamente pulito.
Ho bevuto circa mezzo litro d’acqua, la lingua si è sbiancata un po’ ma il sapore in bocca non è forte. Le urine sono normali e abbondanti. Il corpo si alleggerisce e la pressione sanguigna diminuisce con relativo effetto svenimento quando mi alzo di scatto. Ho passato un paio di ore sotto il sole e nuotato nel lago per il resto ho dormito moltissimo. Un leggero mal di schiena mi si è presentato, come sempre quando digiuno, e non saprei indicarne la causa forse le molte ore a letto.


2 giorni

Ho cominciato un digiuno nel digiuno. Non molti igienisti lo consigliano ma tramite esperienze di amici ho deciso di provare a digiunare a secco, senza neanche l’acqua, non so per quanto, seguirò il mio istinto. Devo dire che la giornata è passata senza grossi problemi, forse un po’ più forte si sente l’effetto svenimento all’alzarsi di scatto però non sento nessuna sete. E dire che ho passato diverse ore al sole e nuotando. Anche lo stimolo della fame è quasi a zero. La vicina oggi si è messa a vendere cocchi appena raccolti e un pensierino l’ho fatto, ma il corpo non reclama alcun cibo. Urine molto poche molto scure e odorose. Piccoli movimenti nella pancia con pochi gas. La lingua si presenta un po’ più bianca ma i bordi che si erano ripuliti nel digiuno di due anni fa sono abbastanza rosa e nettamente più ripuliti rispetto al centro. Questo mi fa ben sperare ed è la conferma de che il digiuno se fatto bene e mantenuto con un’alimentazione igienista da effetti sul lungo tempo.
Nella notte passata ho dormito molto circa undici ore e poi altre due nel pomeriggio. Sembra che dormire in posizione fetale aiuta molto la mia schiena che nella mattinata era irrigidita. La soluzione più importante però sta nel fare mattina e sera Yoga ed esercizi e mantenere il corpo sciolto e attivo. In effetti, il dolore è quasi completamente sparito.


3 giorni

Sono abbastanza stupefatto da quanto mi sta succedendo. Proseguo con il digiuno a secco. Non ho la minima sete e ovviamente non ho per niente appetito eppure… sono pieno di energie, sono le undici e non riesco ad addormentarmi. La mia bocca non è per niente secca. Certo ho passato tempo nuotando nel lago, un po’ di acqua può essere scesa in gola (non me ne sono accorto), altra può essere stata assorbita dalle mucose e dalla pelle ma ho anche fatto tanto yoga, tanto nuoto, qualche esercizio fisico, un paio di chilometri di camminata nella riserva del Biotopo tra tucani e scimmie. Tutto questo sotto il sole del Guatemala.
Durante la camminata all’una del pomeriggio ho sentito molto calore e i miei polpacci hanno accennato crampettini e stanchezza, mi è già capitato durante altri digiuni. Mi è bastato un pisolino di un’oretta per tornare in formissima. Incredibilmente anche l’effetto svenimento quasi non si nota.
La notte passata ho dormito circa nove ore. Le urine sono poche e concentrate. Fisicamente lo stomaco e gli intestini si stanno ritirando all’indentro facendomi apparire più magro e magro lo sono già di mio, ma non importa, fa parte del processo. La lingua sta già cominciando a pulirsi a chiazze. Il dolorino alla schiena si sente ma non è forte.
Ora quello che mi chiedo è: non sarà che questo è uno dei classici giorni di energia a bomba prima di una scarica di tossine stile disintossicazione? Vedremo domani!


4 giorni

Questa mattina ho urinato abbondantemente. Urine di colore normale, piuttosto schiumose e abbastanza odorose. Da dove viene quest’acqua? Perché il mio corpo si libera di una cosi importante risorsa liquida?
E da dove prenderà le riserve? Domande che sono cominciate a girarmi per la testa.
Il tempo ha portato nuvole e pioggia quindi ho passato la giornata per lo più a letto senza troppo movimento. Un po’ di yoga e una camminata serale. Diciamo una giornata in cui mi sono sentito in forma. Alle venti ho ripreso a bere completando tre giorni di digiuno secco. Ho sentito subito l’acqua riempirmi il cervello e il corpo. E in qualche modo mi sono sentito peggio. Più stanco, la bocca mi si è impastata e la lingua è diventata molto bianca. In pratica i segni della disintossicazione. Non sarà che l’acqua come liquido fondamentale trasportatore d’impurità agevola il processo di purificazione? Dopo una ora dal primo sorso d’acqua mi e’ cominciata a venire sete ed ho bevuto un po’ di più. Circa 250 ml.


5 giorni

Sì la lingua è certamente più bianca e pastosa. Il sonno ormai da un po’ di giorni è regolare sulle 8-9 ore. Non sto avendo particolari esperienze nel sogno. Sono sonni profondi e intensi. Mi sento un po’ più fiacco ma posso dire abbastanza bene. Lo yoga mi aiuta molto nel togliermi la stanchezza, la pigrizia e la rigidità attivandomi per la giornata. Un po' fastidioso e’ l’effetto svenimento, se mi alzo di scatto mi vengono giramenti di testa. Il sole e il nuoto sono un toccasana. Ho bevuto circa 700 ml di acqua.
In serata ho partecipato a una cerimonia Maya, dove abbiamo ringraziato i venti spiriti guida, detti naguales, uno per uno. Il terreno e la giungla qui intorno sono cosparsi di piramidi nascoste e oggetti maya che escono dal terreno e dal lago come fossero regali ancestrali. Un’amica ha trovato hai bordi del lago una sorta di ocarina maya a forma di gufo e tapiro che suona ancora, completamente intatta, stupenda.
La notte oggi sarà fresca. Spero che il mio sacco a pelo basti a scaldarmi.
#77445
6 giorni

La notte è stata fredda (circa 13-15 gradi). Per i digiunatori e spesso per i fruttariani è normale sentire più freddo del normale quindi questa mattina mi sono procurato una coperta come si deve.
Ho passato il giorno a scaldarmi al sole, nuotare un po’, fare i miei esercizi di stretching. La lingua sempre piuttosto bianca, le urine schiumose ma non dense. Ho l’impressione che questo digiuno stia progredendo un po’ più lentamente rispetto al precedente. Forse è a causa dei clisteri che non sto facendo.
Un’altra cosa: ho pensato ossessivamente al cibo da quando mi sono svegliato fino a sera. Più che altro penso a come cucinarlo, ricette nuove, piatti orientali, odori e Falafel. Fisicamente non ho nessuna fame, non mi è difficile riconoscere che sono scorie di fissazioni mentali sul cibo che stanno venendo fuori e desideri repressi di ingozzarmi e sentirmi emozionalmente soddisfatto.


7 giorni

Oggi ho preso il bus e sono andato in città a St Elena per costruire una borsa per enema. Recuperata una cannula per la “penetrazione anale” in una farmacia, mi sono diretto in una ferramenta, dove incollando tubi, tagliando tappi con forbici dopo aver ammorbidito la plastica con dei fiammiferi e recuperando pezzi idraulici ne è uscito fuori un super enema da un gallone, circa 3.7 litri, sembrerebbe funzionare ma domani sarà il giorno della verità. Le mie condizioni fisiche sono piuttosto stabili. Ho notato una differenza nelle orecchie che sembrano essersi stappate. Durante il giorno ho camminato abbastanza avvertendo una sensazione di crampi imminenti nei polpacci ma in generale a parte un po’ di fiacchezza mi sento piuttosto attivo. Sto bevendo circa mezzo litro di acqua diario.


8 giorni

E clistere fu’… un disastro. La costruzione perdeva acqua da mille buchi e quello che è entrato dove doveva entrare, non era altro che la decima parte di quello che si spargeva nel pavimento. Amen, invenzione da aggiustare! Il tempo freschino, nuvoloso e pioggerellino mi sta facendo passare le giornate per lo più nel bungalow. Aspetto con impazienza il sole. Le condizioni fisiche sono piuttosto stabili e invariate rispetto i giorni precedenti. La lingua continua a rimanere piuttosto bianca e questo in qualche modo mi preoccupa perché non vedo e non sento sostanziali evoluzioni né particolari crisi di disintossicazione, è come se ci fosse uno stallo.


9 giorni

Il clistere è andato! Circa 2 litri di acqua purificata con l’aggiunta di un limone hanno riempito il mio colon e sono stati espulsi portandosi dietro qualche fece indurita e acqua sporca. Le ultime scariche erano molto scure ma non ho visto grandi quantità di muco. Dopo il clistere mi sono sentito stanco e “scarico”.
Per il resto il fresco e la pioggia mi obbligano a letto nella capanna. La pigrizia mi sta sopraffacendo e da due giorni non so praticando yoga. Situazione fisica stabile. Condizione mentale, un po’ triste e sconsolato. Le molte ore a letto mi stanno facendo pensare troppo e buona parte dei pensieri, in maniera quasi ossessiva, sono rivolti al cibo, soprattutto pane, pizza, formaggi che normalmente non consumo se non di rado.


10 giorni
Forse gli effetti del clistere si sono fatti sentire. Primo perché la mia bocca sa di limone, secondo perché mi noto un po’ più stanco e in disintossicazione. Le urine sono certamente più schiumose e la lingua anche se ancora molto bianca sembra si stia ripulendo un pochino nella parte posteriore, niente di strepitoso, pero sono segnali.
#77446
11 giorni

Il sole a tratti si è fatto vedere e sentire il che mi ha permesso di gioire dei suoi raggi steso su uno dei piccoli moli di legno come fossi una lucertola e di nuotare un poco. Mi sento più energico oggi. Non posso certo permettermi grossi sforzi altrimenti il cuore comincia a pompare all’impazzata e mi si mozza il respiro ma sento un’energia positiva. Sarà certamente anche per il fatto che ho molto tempo per pensare, meditare e riorganizzare la mia vita in uno spazio naturale e tranquillo. Gli animali nella foresta accompagnano le mie giornate e soprattutto le notti con i loro gridi, cinguettii e suoni di ogni tipo. La disintossicazione procede al suo passo, in maniera abbastanza costante e tranquilla. Dormo circa otto ore per notte e non mi sento particolarmente stanco. Sono senza dubbio dimagrito, noto le mie gambe più sottili, ma ho ancora un buono strato di grasso di riserva da spendere. La gente intorno a me non ha espresso nessun commento particolare finora.


12 giorni

Hola. Ho deciso di accelerare un poco il processo attraverso l’uso del limone come consigliato dal maestro Ehret. Quindi oggi ho bevuto un paio di bicchieri con mezzo limone grande spremuto ciascuno. In serata un clistere con limone e sale si è portato via una buona quantità di muco sia schiumoso sia denso e concentrato come catarro e qualche resto di feci. Subito dopo mi sono sentito bene e liberato.
Il sole di oggi mi ha permesso una lunga e piacevole nuotata nel lago per la gioia dei miei muscoli che si sono riattivati. I raggi caldi mi hanno massaggiato e allietato e i suoni della natura della foresta mi hanno fatto compagnia. Una bella giornata.


13 giorni

Per giove gli effetti della cura clistere-limone si sono fatti sentire. Ieri notte ho sognato intensamente, tra gli altri, in un sogno mi vedevo in una scuola, dove a ogni lato c’erano dolci e panini di tutti i tipi ed io m’ingurgitavo senza ritegno senza sentirmi mai pieno ma cercandone ancora e ancora! Altro buon segno è la lingua che risulta realmente più ripulita in generale e nella zona posteriore è tornata completamente rosa senza neanche un poco di muco bianco. La giornata uggiosa mi ha permesso riflessioni profonde su di me, la mia vita e il mio futuro. Il digiuno certamente crea una sorta di chiarezza mentale e una capacita di focalizzare con concentrazione e in maniera più duratura qualsiasi pensiero. Il fatto di non doversi preoccupare dei pasti, della spesa e tutto ciò che è connesso regala molte ore ogni giorno per meditare e lavorare su se stessi. Per continuare la cura Ehret oggi ho bevuto il succo di un limone in un bicchiere d’acqua.


14 giorni

Oggi mi sono spostato in un altro posto. Una piacevole camera di mattoni con tre luminose finestre e un comodo bagno, sempre affacciata sul lago, in una “posada” in restaurazione a circa 500 metri dal vecchio bungalow. Pensavo di fare fatica a trasportare la mia borsa di circa 11 kg e una tanica d’acqua quasi piena di circa 15 kg e invece è stato piuttosto facile. Certo mi ci sono voluti due viaggi e alla fine ero piuttosto affaticato ma devo dire che mi sento benone. Proseguo con il mio limone al giorno in acqua. Bevo circa 600 700 ml al giorno e faccio poca pipi, una o due volte massimo, abbastanza schiumosa ma non particolarmente scura o maleodorante. La lingua sembra si stia decisamente ripulendo, ma a differenza del digiuno passato non è cosi netta la differenza tra la zona estremamente bianca e mucosa del centro e la zona sottile completamente ripulita alla punta e ai lati. Anche se il bianco intenso sta lentamente riducendosi rimane comunque una patina mucosa meno intensa. In serata per inaugurare la stanza e il bagno un bel clistere con un limone non poteva mancare. Le acque, piuttosto scure, hanno portato via parecchi piccoli escrementi neri e nel finale ho avuto due scariche di puro muco scuro e denso.
Ci sono novità, dovuto a un cambio di piano nel mio viaggio, ho deciso di interrompere il mio digiuno al 18mo giorno. Rimangono quattro giorni di detossificazione . Cercherò di agevolare il processo continuando con i limoni e i clisteri.


15 giorni

Oggi il cambiamento. Sole. Bagno nel lago. Condizioni fisiche buone. Pensavo di aspettare fino al 18mo giorno per mangiare ma poi mi sono detto, perché non provare l’esperienza di vivere di soli succhi per un po’? Soprattutto in questo momento posso realmente testarne le qualità comparandolo con il digiuno a sola acqua. E così comparve dal nulla un estrattore e di quelli buoni (grazie Colocha). Questa sera dopo il tramonto ho bevuto il primo puro estasiante estratto di ananas dolce (non quell’acidognola hawaiana), circa 400 ml di nettare. Ho sentito l’energia del succo entrare e scorrere nelle vene. Mi sono rivitalizzato in maniera incredibile. Incredibile.
A livello personale posso dire che nel pomeriggio ho anche ricevuto il dono di uno sblocco emozionale ed energetico importante. Questi giorni di digiuno avevano fatto affiorare un trauma familiare che da tempo tenevo celato nel cuore e di cui mai avevo voluto prendere coscienza, nascondendomi dietro irreali necessità quotidiane e barriere mentali. Fisicamente ciò si traduceva in ansia e respiro corto oltre che un peso al cuore. Grazie a due amici con il sacro fuoco maya e un duro e onesto lavoro interno sono finalmente riuscito a guardarmi dentro con sincerità affrontando le mie paure, creando un cambio. In mio cuore è più libero.
Questa sera un’ondata di positività si è impossessata di me.
#77447
16 giorni

Ho dormito circa 5 ore rispetto le solite 7 – 8. Fisicamente la solita pigrizia da digiuno era sparita. Niente giramenti di testi. Lingua bianca e puzzolente come da manuale di disintossicazione. Il succo non ha interrotto il processo. Questo è importante. Verso le 9 con il sole in faccia ho bevuto circa un litro di estratto di melone verde, dolcissimo. Il melone era talmente acquoso che nell’estrattore è rimasto poco niente. E poi al molo a godermi la giornata di sole e nuoto. Penso di aver nuotato almeno 1 km. e speso almeno due o tre ore sotto un sole forte. Il tutto con un’energia leggera, serena e stabile, l’energia della frutta. Verso le due ho commesso un errore. Ho preparato un estratto di carote e arancia con un po’ di zenzero. Troppo zenzero! Il succo era più che piccante ma l’ho bevuto tutto (circa 500 ml). Al posto che rinfrescante al palato era un fuoco, nello stomaco e nell’assorbimento l’ho sentito pesante in qualche modo ha creato un po’ d’irritazione al mio sensibile apparato in fase di digiuno. Anche la pelle e il cervello a un certo punto hanno cominciato a pizzicare. Insomma troppo forte per lo stato in cui mi trovo. Errore che non ripeterò. In serata un bicchiere di 400 ml di ananas. Per la quantità di succhi (circa 2 litri oggi, forse troppo) che sto bevendo, non sto realmente urinando. In giornata solo una pipì, esageratamente schiumosa e mucosa. Sento che i succhi stanno lavorando a un altro livello. Strani tiraggi e sblocchi delle orecchie stanno avvenendo nel mio cranio. In serata un clistere al limone ha tirato fuori una buona manciata abbondante di “bottoncini e palline” di feci scure insieme a molta acqua nera e schiumosa. Il muco non è apparso come nei precedenti clisteri concentrato in filamenti solidi, ma la quantità di scorie eliminate ritengo sia considerevolmente maggiore. Suppongo che i succhi abbiano svolto un effetto “dissoluzione” dei muchi e “staccamento” nei confronti delle “palline”. Dopo di ciò, ho sentito un’ondata di forza.


17 giorni

Giornata cominciata e finita con estratto di Ananas dolce (500ml+400ml), una delizia. In mezzo la estasi. Sto vivendo un sogno. Il tempo soleggiato e perfetto, il negozietto nuovo della frutta a prezzi ribassati, tanto tanto nuoto, estratto di fragole (400 ml), estratto di carote + rapa rossa + zenzero (600 ml), una pagaiata in canoa in un tramonto da sfondo schermo, e chiacchiere con gente positiva e interessante. Mai sentito cosi vivo da anni. Fisicamente sono magro ma non scheletrico, abbronzato. Sono poco muscoloso ma spingo che è un piacere, non mi sento mai stanco. La pancia che prima del digiuno sporgeva leggermente dalle anche, durante il digiuno solo acqua si era ritirata molto all’interno ora sembra riallinearsi con le anche apparendo più piatta e soda. Pipi poca (2volte) e schiumosa, ma con il movimento, il sole e il calore ci può stare; immagino che il corpo stia anche riassorbendo tante sostanze.
Le sensazioni strane nel corpo e soprattutto nel cranio, come “tiraggi e sbloccaggi” continuano soprattutto nell’interno orecchio (a volte sento ronzii) e alla base del naso.
Insomma se potevo sperare in qualcosa prima del digiuno, era una forma come questa.


18 giorni

Alle 4 Am ero già sveglio dopo 5 ore di sonno. Durante la notte i sogni sono stati straordinariamente vividi. Quando mi sono svegliato, ho ringraziato Dio per tanta vita e sensazioni. Alle 6 ero diretto al parco Bio Topo per vedere l’alba sul lago da dentro la giungla. Circa 10 km di percorso nella giungla con scale e colline. Fisicamente ho retto alla grande non tanto nello sforzo, dove i muscoli faticavano un poco, ma recupero e respirazione erano straordinari. Le sensazioni fisiche sono aumentate. Suoni, profumi, luci, istinto, tutto più sensibile. Energia infinita che attingo dal corpo che risulta come sbloccato. Poi succo di melone 400 ml, lago, nuoto, sole, succo di anans-fragole 600 ml, lago, nuoto, kayak al tramonto, succo di carote-arancia-ginger 500 ml. Sto alla grande. La lingua ha cambiato aspetto, ora i bordi tra il bianco centrale e il rosa laterale e nella punta sono estremamente delimitati. Nella parte rosa laterale mi si sono formate delle afte e strane linee bianche che pizzicano. Mai visto la mia lingua cosi.


19 giorni

La giornata extra-intensa sportiva di ieri mi ha fatto dormire profondamente 11 ore. Nella notte ho sentito un gran peso all’ altezza del plesso penso fosse il fegato. Ritengo di aver espulso della bile nella nottata. I sogni sono stati pesanti ma sempre molto intensi. A colazione succo di ananas 600ml, a pranzo succo di papaya 500 ml. Nel pomeriggio avventura a Iatxa un’incredibile città archeologica maya persa nella giungla ai bordi di un incantevole lago popolato da coccodrilli. Qui ho vissuto momenti molto forti, dove ho percepito energie di un’insolita intensità che mi hanno decisamente turbato.
Continuo a percepire sensazioni amplificate. Mi risulta molto difficile descrivere lo stato in cui mi trovo, ma ci provo comunque. Percepisco extra suoni a volte come ronzii o fischi a volte suoni dall’interno del mio corpo. Il senso dell’olfatto è molto sensibile come se si fosse aperto e mi trasmette sensazioni molto intense quasi emotive. I muscoli del cranio e collo sono più rilassati. Camminata più leggera con una postura molto eretta. I miei occhi sono spalancati. Percepisco la giornata come molto più lunga. A volte sento gradevoli formicolii in varie zone del corpo, come se si stessero riattivando. Vivo molto più intensamente. Direi come un bimbo. Fisicamente sto alla grande ma sento uno spiacevole peso all’altezza del fegato come se ci fosse “qualcosa che blocca” come se il sangue non fluisse liberamente, ciò mi mette di mal umore. Per questo dopo le rovine ho comprato Sale inglese per la pulizia Clark del fegato che effettuerò appena trovo un pompelmo. In serata succo di ananas-arancia-ginger 500ml. Continuo a urinare schiumoso.


20 giorni

Dieci ore di sonno. La lingua si è stabilizzata: in rosa tutta la parte laterale e posteriore; biancastra la parte interna con alcune isolette rosa. Non c’e’ più un colore di mezzo. Sparite le afte e le strane irritazioni che erano comparse. Succo di melone 500 ml. Poi visto il tempo grigio, direzione St Elena alla ricerca di un paio di pompelmi. Missione riuscita. Acqua di cocco 300 ml. In pomeriggio succo di papaya 700 ml (troppo). Nella serata comincio la puliza del fegato eseguendo prima un clistere. Quando vedo ciò che esce non credo ai miei occhi: una quantità di feci enorme e tutte tendenzialmente dure. Ce ne sono di due tipi: marrone scuro che si deposita nel fondo del water con “forma di piccole feci” e ci sono anche tre palle rotonde dai 2 ai 3 cm di diametro di colore quasi nero che galleggiano nell’acqua. La quantità totale può corrispondere a un bicchiere e mezzo da tavola pieni. Da dove viene questa roba? Non penso che gli estratti di frutta possano produrre feci. A seguire, nelle ultime scariche, ho espulso grandi quantità di muco scuro e molto denso, al tutto ha seguito una sensazione di sollievo. Con i Sali di Epson e la bibita olio-pompelmo mi sono coricato. Ho notato che ora urino molto di più. Deve essere per il fatto che il corpo ha completato una reidratazione cominciata con l’utilizzo dei succhi cinque giorni fa. Le urine sono sempre schiumose anche se molto più chiare.
#77448
21 giorni
Tre settimane di digiuno. Sole. Sveglia alle sette e prima scarica, sola acqua. Alle otto bicchiere di sale Epson. Seguono alcune scariche con abbondanti sassolini. Ore 10 secondo bicchiere. Continuano le scariche con i sassolini provenienti dal fegato e cistifellea. I sassolini al tatto sono morbidi, quasi tutti di forma tendenzialmente arrotondata con un diametro dai 2 mm ai 2 cm. Di vari colori, una maggioranza tendente al marrone, alcuni quasi gialli, altri verde chiaro, altri verde scurissimo quasi nero. All’1pm primo succo di uva rossa (250 ml) orgasmico. Mi sento stanchissimo e passo quasi tutto il giorno a poltrire. Alle 4 succo di carote-sedano-raparossa (500ml). Mi sento meglio. Durante tutta la giornata continuano le scariche con le pietrine. In serata succo d’ananas (500ml).

22 giorni

Ho dormito 12 ore. Oggi si potrebbe dire che ho interrotto il digiuno perche ho mangiato un cocomero così com’e’. Proprio non me la sono sentita di farne un succo con l’estrattore. Che fibre si potrebbe mai separare da un frutto tanto acquoso? In realtà il processo di disintossicazione prosegue come sempre. In mattinata ho provato a seccare le pietre espulse ieri mettendole al sole ma dopo un’oretta sono tornato ed ho trovato una massa verde scura quasi nera in fase di scioglimento. Durante tutto il giorno ho continuato a espellere pietrine con una mezza diarrea (acqua molto nera). In totale la massa di pietrine espulse e’ una manciata abbondante, compattate potrebbero formare una pallina da ping pong. Le pietrine sciolte al sole hanno formato un “quasi liquido” colloso, oleoso, maleodorante e appiccicoso realmente difficile da pulire anche con il sapone. Ed era nel mio fegato! Per colazione e pranzo ho divorato il cocomero (3-4 kg), in pomeriggio succo di ananas (500ml) e in serata succo di melone arancione (600ml). Tutti questi liquidi hanno prodotto solo un paio di pipì questo significa che ne avevo bisogno come compensazione alla diarrea. Pur sentendomi piuttosto debole ho speso varie ore al sole e nuotando. Sento il mio corpo sempre più leggero. Osservando la lingua si notano miglioramenti dalla mattina alla sera. La zona rosa e completamente pulita sta aumentando visibilmente ai lati e nel posteriore a scapito della zona biancastra e mucosa che resiste in mezzo. E’ veramente curioso osservare che la linea che divide le due zone s’inspessisce e si arrossa come irritata tutte le volte che mangio Ananas, risulta anche che la zona bianca pizzica al contrario di quella rosa. Questo frutto ritengo sia il più disintossicante in assoluto. Il limone è un altro frutto che quando lo assumo, specialmente in mattinata a stomaco totalmente vuoto, rende la patina della zona bianca estremamente più spessa e abbondante. Come diceva Ehrer, aumenta il processo di disintossicazione.


23 giorni

Ieri notte, un piccolo miracolo. Il peso al fegato che sentivo come un tappo si è stappato. Una volta finito il processo di digestione del melone le pulsazioni all’altezza dell’ombelico sono aumentate d’intensità sbattendo contro questo tappo all’altezza dello sterno basso, quasi facendomi male. Poi cambiando di posizione nel letto c’e’ stato lo stappo. Ho sentito formicolarmi tutto il fegato come una gamba addormentata e le pulsazioni del sangue entrare forte nell’organo passando dallo sterno ed espandendosi ad albero verso l’alto. Per ore sono stato a sentire e osservare questo fenomeno nel letto. Inizialmente mi sono sentito come liberato e più aperto e felice, poi i formicolii sono diventati piccoli crampettini e ho sentito muoversi come bollicine d’aria che quasi mi solleticavano. In seguito ho sentito una sensazione quasi di oppressione quando il sangue ha cominciato a pulsare nella parte alta sotto i polmoni. In mattinata e per tutto il giorno ho avuto questa sensazione stana all’altezza del fegato come se lo dovessi stirare e una strana sensazione di pesantezza ai polmoni. E’ stata una giornata in cui mi sono sentito debole, probabilmente in disintossicazione. In mattinata succo di melone (600ml), primo pomeriggio sedano-carota-raparossa (500ml) seguita da una sorta di piccola defecazione con feci molto mucose. Nel tardo pomeriggio succo di papaya (400ml) squisito, in serata succo di ananas-ginger (400ml). Su la pelle in tutto il corpo sono comparse migliaia di micro vesciche piene di acqua, non saprei dire a cosa è dovuto. Urine sempre schiumose.


24 giorni
Si ricomincia con le fibre. Vado verso la fine del digiuno. In mattinata mangiato melone da 2 kg (troppo). A pranzo frullato di banana e fragole (500 ml). Per merenda succo di rapa carota sedano(500ml). In serata succo d’ananas (500ml). Continua la sensazione di pulsazioni sensibili all’altezza del fegato. Le pulsazioni, che erano partite dal basso si stanno spandendo lentamente verso l’alto. Un clistere ha portato fuori qualche calcolo del fegato che era rimasto dopo la pulizia e una buona quantità di muco molto blando. Mi sento in forma, ma la disintossicazione in atto mi lascia una sensazione di debolezza. Durante la nuotata quotidiana ho una buona resistenza. Ho molta resistenza al sole. Quando gli altri sudano copiosamente io sono completamente asciutto. Il sonno notturno è veramente una goduria per quanto è riposante. Negli ultimi anni mi capitava spesso di digrignare i denti durante la notte o stringere la mascella e contrarre i muscoli del collo. Questo non mi permetteva realmente di riposare profondamente. Ora quando dormo, raggiungo stati di rilassatezza da “infanzia”. Anche i sogni continuano a essere molto più vividi. La notte è anche il momento in cui, una volta smaltiti i liquidi nell’intestino, si concentra l’attività’ di detossificazione dove il sangue pulsa più forte nelle zone in pulizia e dove le sensazioni del corpo diventano più forti e sensibili.


25 giorni
Sveglia presto con succo di carote e arancia (500ml). Poi visita alla maestosa Tikal, l’antica capitale maya, stupenda. Visita durata fino al pomeriggio nel corso del quale ho sorseggiato 600 ml di succo di carote e rapa rossa. Questo succo mi è spesso piuttosto pesante da digerire se comparato a quelli di frutta. Al ritorno il mio primo piatto di verdure. Una modesta quantità d’insalata mista di bietola, cavolo, carote, cipolla, sedano, avocado. Tutto tagliato finemente e condito con il succo di un limone. Devo dire che è stato piacevole mangiare mi ha dato una sensazione di massaggio degli intestini. Al gusto anche è stato piacevole ma onestamente se potessi continuare con i succhi, non farei marcia indietro. Sicuramente leggendo la lingua ha rallentato il processo di detox. giacché la macchia bianca sulla lingua, che è sempre più piccola ogni giorno di più, è totalmente sparita per circa un paio d’ore come capita a tutti normalmente la mattina dopo colazione. Fisicamente continuo a sentire le pulsazioni al fegato, una leggera debolezza/stanchezza ed ho l’impressione di respirare meglio, più profondo. Sulla pelle continuano a formarsi le micro vesciche (1 mm.) gonfie di liquido trasparente. In serata l’immancabile e delizioso succo d’ananas (600ml) che come sempre un paio d’ore dopo lascia spazio alle urine più schiumose e odorose nonché più scure di tutta la giornata. Benedetta dolce ananas petenenca, già so’ che mi mancherai da morire.
#77449
26 giorni
Succo d’ananas buongiorno 500 ml. Poi sole e nuoto. La detox continua anche se ritmi più leggeri. Sento appena un effetto svenimento e la lingua continua a mostrare la sua parte bianca e puzzolente. A mezzogiorno frullato di banana e fragole (600ml) delizioso. In pomeriggio un’insalata da un bel piatto pieno con principalmente bietole condite da avocado, cipolla, rapa rossa, carote e cavolo. Il fatto di mangiare mi stabilizza in una certa maniera, nel senso che la detossificazione s’interrompe, ma sento che mi appesantisce. Il processo di digestione succhia via tante energie. Durante la serata succo d’ananas 600ml.

27 giorni
Oggi ho defecato due volte. In mattinata dopo un succo di melone e arancia e una bella nuotata ho avuto il mio primo stimolo con feci “regolari”. Nel pomeriggio dopo l’isalatona abbondante con verdure a foglia verde, sedano, tre avocadi (troppi), pomodori e cipolla ho avuto una seconda espulsione abbondante e sana. Con questo considero concluso il processo di digiuno qui a el Remate.
Andiamo a vedere i risultati. Per prima cosa direi che sto da Dio. Mentalmente carico e riposato. Fisicamente sto benissimo, bello, sano e abbronzato. Per niente debole. Magro sì, ma ho perso solo qualche kg di grasso mentre i muscoli grazie alle mie nuotate quotidiane si sono mantenuti alla grande. Il viso è un po’ più “secco”, ma gli occhi sono più lucidi e attivi e questo l’hanno notato diverse persone, si vede che sono argento vivo.
Più che altro per me è importante questa sensazione di leggerezza e di energia che mi è entrata dentro. Non ho raggiunto la purificazione totale che mi prefissavo. La lingua mostra ancora una parte bianca di muco nel mezzo e direi che un po’ di bianco rimane nella parte posteriore. Il rapporto rosa-bianco sta a 70-30. Direi comunque un bel risultato. Fondamentale è stato quello “sblocco” all’altezza dello sterno che ho vissuto qualche notte fa a cui ha seguito qualche giorno di detossificazione e di sensazioni pulsanti e miglioranti nel fegato. Mi ha veramente reso cosciente di questa magia che è il riappropriarsi del proprio corpo sentendo nuovamente pulsare il sangue in zone semi atrofizzate che neanche ricordavi di avere. Ho la ferma intenzione di proseguire da crudista per lo più fruttariano per il resto del mio viaggio in modo da non pregiudicare i risultati raggiunti aspettando l’occasione di proseguire con un altro breve digiuno al fine di raggiungere questa benedetta sensazione di libertà totale dal muco così come la descrive il maestro Ehret.
#77450
Mi scuso per eventuali errori di ortografia. Ho riletto il testo ma sicuramente me ne sono sfuggiti parecchi.
Spero la mia esperienza pratica possa essere utile a chi si avvicina all'esperienza del digiuno.
Avatar utente
By pappavera
#77472
Grazie Sandro e in particolare grazie a te Luciano. Ti voglio proprio ringraziare per tutto il lavoro che hai fatto e che continui a portare avanti. Il libro e questo forum mi sono stati veramente utili quando brancolavo nel buio ed ero veramente solo. Spero un giorno di poterti incontrare dal Vivo.
Io normalmente viaggio molto. Ora sono alle canarie e ci rimarro' per qualche tempo. Approfitto per divorare papaye, banane e avocadi del posto oltre che tutto il resto.

Il digiuno a secco lo sconsiglierei anche io ad una persona che vuole fare un percoso Igienista detossificante, ritengo rallenti il processo di pulizia. Potrebbe essere addirittura rischioso in caso di grandi quantita' di tossine (muco), i reni e gli altri organi di filtraggio/espulsione potrebbero trovarsi in sovraccarico di sostanza vischiosa senza la dovuta quantita' di liquido per diluirla.
Se poi uno vuole digiunare per motivi spirituali e per ampliare i limiti della coscienza, per esempio vedi il processo "Vivere di luce" allora e' un altro discorso, pero' qui si esce dai paletti del Ehretismo e si entra in un altro campo.
Ho vari amici che lavorano sulla loro crescita spirituale in processi di alimentarsi del prana, la energia dell'universo che esaltano il digiuno a secco. Ho conosciuto anche una persona che affermava di vivere da parecchi anni senza cibo ne acqua ricaricandosi attraverso gli occhi con la luce del sole riflessa su un lago o attraverso i polmoni respirando l'energia del vento. Personalmente mi ha sorpreso molto il fatto di non avere assolutamente sete dopo tre giorni. Mi ha anche spaventato un po' ad essere sincero. Dove sarei potuto arrivare? La realta' che mi hanno insegnato continua a capovolgersi.
Vero e' che quando uno non utilizza sale ne sostanze tossiche da un po, il corpo non ha piu quei forti attacchi di sete, anzi. Quando mi sono cibato di frutta in quantita' mi e' capitato di passare periodi anche lunghi senza bere un goccio d' acqua ne' sentire alcuna sete.

Nel tuo caso come ando' quella settimana?
#77475
Grazie di aver condiviso con noi la tua bellissima avventura.
Complimenti per esserti ritagliato il giusto spazio per il digiuno: una vacanza in totale relax in mezzo alla natura e con frutta squisita!! Sarà uno dei miei prossimi obiettivi :wink:
#78288
pappavera ha scritto:Ora a distanza di due anni, voglio eliminare quei “quasi”. Voglio sperimentare una pulizia completa e sono pronto ad accettare tutto ciò che madre natura vorrà farmi sperimentare


Bellissima la testimonianza del tuo digiuno che ho letto solo ora.
Certo sei fortunato a trovarti li': mare, sole e assoluto riposo sono già una cura di per sè...
Come procede la disintossicazione?
#82246
Bellissima testimonianza,

con questi scritti sprontate gli altri. Mi fate credere che un domani possa anch'io riuscire a digiunare e raggiungere una disintossicazione così profonda.

Vorrei sapere come procede la disintossicazione ora!

Grazie di cuore.

Congratulazioni per la perdita di peso e per la t[…]

Panoramica Matteo

Bene, ho tolto il 26(devitalizzato) e il 28 una se[…]

Diario di Narayani

Poi basta perché ogni volta che entravo in piscin[…]

Gli ultimi del contadino

Mai provato a essiccarli al sole? Non ho mai pr[…]

Libri di Arnold Ehret