Arnold Ehret Italia

Per quanto la dieta di per sè, disintossicando il corpo ed eliminando il muco, alla fine risolve alla radice, lungo la strada può essere utile l'utilizzo di decotti o tisane indirizzati all'espulsione di specifiche tossine e veleni, come i metalli pesanti, tanto per fare un'esempio.

Moderatore: luciano

Avatar utente
By Janus
#78800
Ciao, dato che ho riscontrato problemi con i denti, e sto passando il mio calvario con essi, ho pensato di condividere con voi un fantastico rimedio, ovvero il Natto, che ho scoperto grazie a riky69 qua sul forum.
sostanzialmente, per chi non lo sapesse, sono fagioli o semi di soia fermentati.

CHE COS'è IL NATTO:

In Giappone è ben conosciuto per essere un fluidificante del sangue utile per la prevenzione delle trombosi. Quest'azione si manifesta grazie alla presenza di due sostanze: la pirazina e l'enzima nattochinasi, naturalmente presenti nel prodotto. Specialmente la nattochinasi dimostra una significativa azione in tal senso, tanto che è possibile trovare in Oriente integratori alimentari a base di questo enzima purificato.

Un recente studio condotto a Taiwan nel 2009 pare aver indicato che l'enzima nattochinasi non solo riduce l'aggregazione piastrinica (agendo quindi da fluidificante del sangue) ma sarebbe anche in grado di dissolvere le fibrille amiloidi, accumuli di proteina amiloide che può portare a patologie importanti come le amiloidosi e altre simili come l'Alzheimer.

Molto importante è la presenza di vitamina K2, in quantità pari a circa 870 mg per 100 grammo di prodotto. Questa molecola contribuisce a formare il sito di legame del calcio in determinate proteine, favorendo la fissazione di questo nelle ossa. Come si può ben intuire la regolare assunzione di questa vitamina può essere un utile rimedio contro l'osteoporosi.

La vitamina K2 come abbiamo visto aiuta a fissare il calcio nelle ossa, ma non solo. Un regolare apporto favorisce anche la salute del sistema cardiovascolare, migliorando di conseguenza il microcircolo cerebrale con aumento dell'efficienza delle facoltà cognitive (memoria, attenzione, concentrazione) e la funzionalità del cuore.

E QUI ECCO COME ASSUMERLO PER TRARNE OGNI BENEFICIO:

Il consiglio è quindi di iniziare a consumare questo eccezionale alimento, ma... se non riuscissimo a procurarcelo, oppure il suo gusto è davvero troppo per noi? E' utile sapere che un'altra fonte di vitamina K2 sono i formaggi, in particolare sembra che la ricotta ne sia molto ricca. Tuttavia se consumiamo il natto è utile sapere che appena 15 grammi al giorno sono sufficienti a fornire tutta la vitamina K2 di cui abbiamo bisogno. Un buon motivo per introdurlo nella nostra colazione o nello spuntino di mezza mattina.

spero possa tornare utile come lo è stato per me.

janus :)
Avatar utente
By luciano
#78802
Ciao Janus, apprezzo il tuo impegno nel voler contribuire, ma preferisco che non si faccia copia incolla da materiali di altri, è preferibile mettere il link ai siti dove l'argomento è già ampiamente spiegato.

Nel caso comunque che si incollino importanti porzioni di testo va indicata la fonte da dove sono state copiate, per esempio, non so se le hai prese da qui:

Fonte:
http://erbeesalute.blogspot.it/2012/03/ ... ontro.html

Fammi sapere la fonte del materiale da te usato, magari c'è una catena di copia e incolla, ma non voglio che il mio sito e forum sia un anello di tale catena.

Inoltre alcuni link a altri siti li rimuovo, in particolare quando il materiale non è in accordo con quanto stiamo facendo oppure dirottano traffico al fine di guadagnarsi provvigioni sfruttando la popolarità di questo sito e il lavoro che facciamo per renderlo tale.

Ps: non abbiamo alcun utente riky69 iscritto a questo forum. :D
Avatar utente
By Janus
#78803
Marò non ne faccio una giusta oh! :D
Cmq si la fonte è quella!!!
Pardon.. vabbé come non detto allora..
Volevo appunto rendermi utile.. :)
Avatar utente
By ricky66
#79060
luciano ha scritto:Ps: non abbiamo alcun utente riky69 iscritto a questo forum. :D


grazie,mi hai riportato indietro di 3 anni... :lol:
il natto può essere facilmente fatto in casa, come sto sperimentando con successo.
al posto della soia, che non me gusta per vari motivi, uso i ceci, gli azuki e i piselli.
dopo aver sperimentato con la cottura tradizionale in pressione per 1 ora :x ed essermi subito reso conto che il procedimento non sarebbe durato a lungo vista la mia scarsa pazienza, :wink:
ora per maggiore praticità, rapidità e assenza di gas acceso, utilizzo le lattine (bio), ovvero:
mescolo un cucchiaino (pre-sterilizzato ) di natto già pronto con la lattina dei suddetti legumi, aperta e sgocciolata, copro con pellicola + alluminio bucherellati e lascio 24 ore al buio e a 40 gradi circa... ovvero sul davanzale al sole. :)
poi ancora un giorno o più in frigo...si conserva quasi indefinitamente e continua a fermentare lentamente.
il prodotto finale non è "viscido" come l'originaledi soia, ma contiene comunque i tre fattori che interessano, ovvero la K2, il ceppo batterico "subtilis" e l'enzima sciogliplacche nattokinase, nonostante il substrato di partenza non sia proprio "fresco e genuino".
il bello della fermentazione aerobica è che ridona la "vita" ad alimenti denaturati, come latte e prodotti in scatola.
Avatar utente
By Gen82
#81002
Ciao Richy66 per favore potresti spiegare con precisione tutti i passaggi per ottenere il natto? Magari suggerendo anche le modalità di consumo dello stesso..vorrei provare ad inserirlo nella mia dieta ma vorrei autoprodurlo..
Grazie 😁
Avatar utente
By Sark
#81700
Gen82 ha scritto:Ciao Richy66 per favore potresti spiegare con precisione tutti i passaggi per ottenere il natto? Magari suggerendo anche le modalità di consumo dello stesso..vorrei provare ad inserirlo nella mia dieta ma vorrei autoprodurlo..
Grazie 😁


Ciao, ti posso rispondere io dato che da un paio di mesi mi sto facendo il natto in casa.

- Prendo all'incirca 300 grammi di ceci secchi, li metto in ammollo e il giorno dopo e li faccio cuocere bene a pressione assieme ad un pezzetto di alga kombu (importante non chiudere subito la pentola a pressione ma aspettare che cominciano a bollire, così da togliere la schiumetta ovvero l'acido fitico che riduce l'assorbimento del calcio).
- Metto i ceci appena cotti in un contenitore di vetro buttando via l'acqua di cottura e l'alga.
- In un piccolo recipiente metto 20 ml di acqua, ci verso 5 mini-cucchiaini di polvere presa dallo starter (precisamente questo) e mescolo bene. In teoria ne basterebbe uno, ma ho notato che più se ne mette e più il risultato viene viscido..
- Verso la soluzione così ottenuta nella ciotola con i ceci e mescolo bene, poi copro con un panno di cotone pulito e metto il tutto dentro la yogurtiera, l'accendo e la chiudo.
- Passate 24 ore li tolgo, mescolo bene il tutto e poi travaso i ceci nei 7 vasetti di vetro della yogurtiera, aspetto che si raffreddano e li metto in frigo. Così ogni giorno prendo un vasetto e li metto dentro l'insalata..
Avatar utente
By Gen82
#81701
Ciao Sark..e grazie delle preziose informazioni. A questo punto ti faccio qualche altra domanda:
1. Posso utilizzare anche altri tipi di legumi?;
2. E' necessario disporre di yogurtiera? Come si potrebbe ovviare in assenza di questa?
3. Stai notando benefici dall'assunzione del Natto o effetti collaterali?;
In ultimo toglimi una curiosità ma che sapore ha? Io ne ho una confezione di già pronto preso da Natura si che devo decidere ad utilizzare..ma ho paura della sorpresa :wink:
Avatar utente
By Sark
#81702
Io ho provato solo con i ceci ma dovrebbe andar bene qualsiasi legume, le istruzioni dello starter parlano anche di miglio e orzo. Anche un forno impostato a 40 gradi dovrebbe andar bene, l'importante è lasciare aperta una fessura in modo da far traspirare il tutto (lo stesso con la yogurtiera). Nessun beneficio o effetto collaterale, per il sapore ricorda vagamente i ceci ma non saprei descriverlo, comunque a me piace molto :D

Congratulazioni per la perdita di peso e per la t[…]

Panoramica Matteo

Bene, ho tolto il 26(devitalizzato) e il 28 una se[…]

Diario di Narayani

Poi basta perché ogni volta che entravo in piscin[…]

Gli ultimi del contadino

Mai provato a essiccarli al sole? Non ho mai pr[…]

Libri di Arnold Ehret