Arnold Ehret Italia

Quando non sai dove mettere il tuo messaggio mettilo qui. Se devi fare delle battute, falle qui. Non sono permesse battute sulla dieta o sugli utenti.

Moderatore: luciano

Avatar utente
By luciano
#5967
Nonostante sia espresso nel regolamento del forum che non voglio dare spazio a critiche di nessun genere né nei confronti di Ehret e del suo Sistema di Guarigione né verso utenti o chiunque, amici e oppositori, a volte comunque quel genere di post compare.

Questo è deleterio per chi li scrive, per chi li legge e per l'Ehretismo e per il forum stesso.

Un nuovo arrivato che legge un post che contiene critiche verso chi ha un qualsiasi genere di problema si può fare l'idea che siamo un gruppo settario: non lo siamo. Chi ha letto il libro può accedere e postare secondo il regolamento anche se non ha alcuna intenzione di diventare a sua volta Ehretista, e nella misura che continuerà a rispettare il regolamento sarà sempre ben accetto.

Quando parlo, per esempio, di una persona onnivora mi riferisco al problema che quel genere di alimentazione comporta, non alla persona in sé, non intendo criticare gli onnivori ma informarli e cosi per ogni genere di problema che possa affliggere una persona, nel modo in cui sono capace, e posso anche fallire in questo, almeno ci provo.

Se un utente del forum sente l'impulso di postare delle critiche ha il dovere di trattenersi. Questo non significa che non accetti il suo modo di essere e che voglia che sia diverso da come ha deciso di essere, semplicemente non deve usare il forum per esprimere quel suo atteggiamento.

Nella mia vita ho criticato tanto e ho sempre saputo e visto che a nessuno piace essere criticato. Ho usato la critica verso persone che avevano opinioni diverse dalle mie, che avevano atteggiamenti diversi dai miei e modi di essere diversi dai miei e ne facevo una guerra personale. Sapevo che a loro non piaceva e lo facevo di proposito, come se fare questo validasse le mie opinioni o "certezze".

Nel frattempo ho lavorato su di me in direzione di una maggiore consapevolezza e sono arrivato alla conclusione che ritenevo erroneamente che accettare opinioni, atteggiamenti, diversi dai miei era come rinnegare il mio punto di vista a riguardo e lottavo per imporlo.

Questo non è il modo di farsi degli amici, e credo che sia più desiderabile che farsi dei nemici, già ce ne possiamo ritrovare abbastanza senza fare nulla.

Su questo pianeta ci sono tante realtà quante sono le persone che ci vivono e sono uniche. E ognuna presa singolarmente è giusta per un individuo e può essere sbagliata per un altro, ma si tratta solo di punti di vista che si sono formati nel corso della vita e ognuno ha una vita diversa e quindi si formano realtà diverse.

Quindi se io so che il bianco genera ricordi positivi mentre qualcun altro sa che invece genera ricordi negativi, entrambi abbiamo ragione.

Il bianco, per esempio, a me ricorda purezza, una sposa felice ecc. mentre in alcune culture orientali quando uno è in lutto si veste di bianco, e il bianco potrebbe ricordargli emozioni negative.

Che facciamo? Ci scanniamo per questo?

Penso che ci si debba rispettare indipendentemente dalle opinioni o modi di essere, e limitarci a chiedere che anche altri facciano lo stesso nei nostri confronti, se poi l'altro rimane della sua idea, se abbiamo una integrità personale forte possiamo accettare che rimanga sulle sue posizioni.

Ognuno è quello che è non importa cosa gli altri dicano o pensino di lui.

Se questo ti suona corretto, non dovresti avere grandi difficoltà a non postare critiche.

Ma anche se quello che ho scritto per te è arabo, e non conosci quella lingua, non importa, dovrai importi di non postare critiche su questo forum, perchè lo scopo per cui l'ho fatto non è criticare, ma sei libero, ovviamente, di farlo in altri forum che lo concedono.

Grazie OPT! :D I tuoi post sono illuminanti. Dimo[…]

La panoramica di Ienk

Mi dici prima che il canino con la formazione è il[…]

Ho usato l'imperfetto perchè ora ho introdotto qu[…]

Gli ultimi del contadino

Sinceramente no, anche perchè vivendo in un condom[…]

Libri di Arnold Ehret