Arnold Ehret Italia

Il digiuno è un argomento interessante e importante e uno strumento che va al di là di quanto attualmente si conosce a riguardo e merita un suo spazio dedicato

Moderatore: luciano

Avatar utente
By Markuseye
#79910
GIORNO 16
30 agosto 2014
mattino: nulla.
Pranzo: 1000 ml di succo di more selvatiche.
Pomeriggio: nulla
Cena: nulla.
Sera: nulla.

Descrizione
Questa mattina mi sono alzato poco prima del solito. Dalla sera prima, ho avuto un richiamo a fare. Così sono uscito di casa presto (in famiglia ho lasciato tutti ancora a nanna). Saluto il lago ed il dosso ben visibili dall’uscita di casa.

Il paese dorme ancora ed in tutta la valle si sentono pochissimi rumori. Il cielo è grigio, qualche goccia di pioggia. Sento il mio respiro mentre comincio a salire per la strada che porta nei boschi. Ecco arrivo al primo campo col suo muro diroccato. I rovi sono pieni di more mature, saranno un ottimo succo per oggi.

Ho anche una piccola sfida da superare; infatti uscendo di casa mia moglie da sotto le lenzuola mi dice: “dove vai a quest’ora? Vedrai che non metti insieme più di mezzo chilo di more e tra un’ora sei di ritorno!

Sono le 7:45 è sabato, dato il tempo molti sono ancora a casa, io sono arrampicato come uno stambecco su di un muro rovinoso. Comincio la raccolta. Te lo faccio vedere io il mezzo chiletto di more!

In effetti ci sono molte more mature, ma la maggioranza è ancora acerba. Vabbè bando al pessimismo, conosco bene questi posti e ieri sera il messaggio è stato preciso: a pranzo almeno un litro di succo!

Finito il primo posto mi inerpico in un boschetto ed anche nel secondo stessa scena, ma intanto il celetto si riempie e nello zaino ho un sacchetto di carta per poter arrivare al peso di piccoli frutti necesssario.

Avanti così sino al terzo e quarto posto, dai boschi ridiscendo in paese e risalgo in altri due luoghi che non mi hanno mai deluso…
…anche qui si raccoglie.

Risalgo ad una baita e completo la raccolta, sono soddisfatto, ma serve anche il colpo del maestro. Ho ancora un po di tempo e torno a casa attraverso i boschi dalla capannina. Adesso il celetto è vuoto ho scaricato le more nel sacchetto di carta (per la quarta volta). Passeggiando per i boschi trovo anche un celetto di Cantharellus lutescens (finferla).

Ore 12:05 rientro a casa: sulla bilancia 2,2 kg di more appena raccolte, più la quantità abbondante di funghi per una pasta (che io non mangio da mesi), ma qualche cliente “mucone” (così definiamo in casa chi non segue Ehret) per casa gira sempre!

Oltre quattro ore di cammino e raccolta, in posti scomodi, per salite ripide, col pensiero sempre sul presente, su quello che stavo facendo. Nessuna stanchezza!

Il succo di mora (quasi un litro e 400 ml alla fine), si presenta abbastanza denso, asprignolo e col profumo delicato, macchia che è un piacere. Sazia come un pasto, forse anche meglio.

Se ne scola quasi un bicchiere anche mia figlia più piccola.

Inoltre ogni ora mi fa orinare, deve essere particolarmente diuretico, mi ricorda quasi gli asparagi. Non ha niente a che vedere con le brodaglie che ci sono in commercio. Lo sento per tutto il giorno è fortemente depurativo. Alla sera ho scaricato una diarrea liberatrice.

Altra nota: leggendo la chiusura del libro “Le Basi Conoscitive e i frutti dell’Antroposofia” ho provato un senso di commozione profondo. Questo non riesco proprio a spiegarvelo; l’ho riletto a mia moglie e mi è partita la stessa emozione: parla di libertà, di come una scienza basata sullo spirito, che deve essere raggiunta andando contro corrente rispetto al pensiero scientifico ortodosso (dogma), porti praticamente l’uomo a liberarsi e trovare il contatto, il filo conduttore, di tutto quello che in apparenza è meccanico, casuale e separato.
Un uomo libero non è influenzabile, non è manipolabile, non rientra in nessuna statistica di marketing.

Se arriva a seguire il cammino del Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco (aggiungo io), non lo spaventi più nemmeno con la fame ed un uomo senza paura torna ad essere se stesso e seguire il vero cammino per il quale è tornato su questa terra. Tanti uomini risvegliati dalla società dogmatica, saranno la massa critica (Maharishi parla della √[1%] della popolazione) che cambierà il mondo.

Quindi per vedere un cambiamento del modo basta poco, basta vedere quel cambiamento dentro di noi. Il resto sono solo scuse.

Grazie per l’attenzione, a domani.
Ultima modifica di Markuseye il 19 agosto 2015, 22:15, modificato 2 volte in totale.
Avatar utente
By Markuseye
#79917
GIORNO 17
31 agosto 2014
mattino: nulla.
Pranzo: 200 ml di succo di melone piel de sapo, mela golden delicius e pesca.
Pomeriggio: nulla
Cena: 600 ml di succo di sedano verde e mela golden delicius.
Sera: nulla.

Descrizione
Oggi è stata una giornata operativa. Siamo tornati a casa, per cui tra valige, carico macchine, pulizia per chiusura casa di vacanza,viaggio e scarico vettura, abbiamo cominciato a trafficare alle nove del mattino ed abbiamo finito stasera alle otto.

Il rientro è stato un piacere, ritornare a casa dopo le vacanze (e che vacanze!) mi da una gioia ed una gran voglia di fare.

Comunque nonostante il viaggio (oltre tre ore) ed il regime alimentare (ho bevuto 200 ml di succo per finire il litro che non è riuscito a finire mia moglie), mi sento bene. Rilassato e con una energia in corpo, che mi attiva un’emozione positiva. Costante.

Prima di cena mi ricordo di pesarmi sulla bilancia di casa. Prima di partire ero 63 kg stasera 58,5 kg. Persi 4,5 kg in 17 giorni di digiuno.

Del resto per costruire un corpo sano prima bisogna eliminare anni di onnivorismo sfrenato. Va bene così. I canoni estetici tradizionali non mi interessano più. Sono frutto di modelli che nulla hanno a che vedere con la vera salute. Salute del corpo e benessere dell’anima.

Domani gran rientro. Subito riunione aziendale. Mi sento di continuare per questa strada, al momento. Sarà una settimana impegnativa e sono davvero curioso di vedere se riuscirò a tenere il ritmo continuando il digiuno.

Per scoprirlo dovrò solo viverlo.
Ultima modifica di Markuseye il 19 agosto 2015, 22:18, modificato 2 volte in totale.
Avatar utente
By Markuseye
#79928
[font=Georgia][align=justify]Grazie Luciano,

accetto con grande piacere i tuoi complimenti! :D

Ecco che è successo rientrando al lavoro...[/align]
[/font]
[font=Arial]GIORNO 18[/font]
[font=Georgia][align=justify]1 settembre 2014
mattino: nulla.
Pranzo: nulla.
Pomeriggio: nulla
Cena: 500 ml di succo di sedano verde e mela golden delicius. 600 ml di succo di uva bianca e prugna
Sera: nulla.[/align]
[/font]
[font=Arial]Descrizione[/font]
[font=Georgia][align=justify]Oggi prima giornata lavorativa, con relativa riunione durata tutto il giorno, all’interno di una sala chiusa, senza finestre con aria climatizzata.

Ho approfittato della pausa del pranzo, circa un’ora, per farmi due passi a piedi godendomi il sole limpido che splendeva anche su Milano.
Questo mi ha permesso di passare bene il resto del tempo senza sentirmi scarico, come mi capita quando faccio generalmente giornate noiose come questa.

Durante la passeggiata ho aiutato anche un anziano che ha accusato un malore, attendendo con lui ed altre perone l’arrivo dell’ambulanza. Ho immaginato di passargli un po della mia energia e di sostenerlo. Era in evidente stato confusionale. All’arrivo dell’autolettiga si era già ripreso e non voleva essere più portato in ospedale.

Dentro di me non sapevo certo che torto dargli, ma nello stesso tempo nutrivo dei dubbi sul fatto che quest’uomo fosse in grado di auto aiutarsi.

Alla sera mi si ripropone la stessa scena: in treno sulla strada del ritorno (affollato come un carro bestiame!) all’arrivo nella prima stazione una ragazza si affloscia come un sacco di patate. Mha? Cosa mangia sta gente per ridursi in questo modo?

Adesso che scrivo sento la stanchezza più per quello che non ho fatto (tutto il giorno su di una seggiola è davvero troppo), sento in ogni modo la voglia di proseguire per qualche giorno sulla via del digiuno.

Altra curiosità questa mattina (6:45) sono andato di corpo come quando mi nutro di frutta e di verdura.

Domani avrò appuntamenti con clienti, vedrò come reagirò e deciderò di conseguenza. Cercherò, nel limite del possibile, di arrivare sino al prossimo fine settimana per interrompere il digiuno. Considero sacro questo momento e vorrei godermelo in rilassatezza e non procedere solo in modo meccanico per sopravvenute condizioni fisiologiche.

La cosa che più mi ha sorpreso è di aver mantenuto una continuità coi giorni scorsi. Mi è mancato il “calo” morale degli anni passati, in cui lo stacco tra vacanze e lavoro era netto. Mia moglie è dovuta andare in ospedale a trovare sua mamma perché ha problemi di intestino (ma non parlategli di Eheret perché sono tutte “caz…e”!). Mi si sono accasciate due persone dando uno spettacolo che non è proprio divertente. Eppure ho continuato a tenermi il sereno dentro.

Tralascio le critiche dei colleghi “muconi” sul mio peso, soddisfazione invece per una collega che mi ha chiesto cosa poteva fare per disintossicarsi, perché sente che c’è qualcosa che non va. Come sempre www.arnoldehret.it è la mia risposta.

Buona notte.[/align]
[/font]
Avatar utente
By Markuseye
#79938
[font=Arial]GIORNO 19[/font]
[font=Georgia][align=justify]2 settembre 2014
mattino: nulla.
Pranzo: 800 ml di succo di ananas e pesca.
Pomeriggio: nulla
Cena: 400 ml di succo di sedano verde e mela royal gala. 400 ml di succo di limone, buccia di limone, miele ed acqua
Sera: nulla.[/align]
[/font]
[font=Arial]Descrizione[/font]
[font=Georgia][align=justify]Questa mattina sveglia anticipata (6:00) per preparare gli impegni lavorativi. Concentrazione, efficienza ed efficacia, sono state le mie compagne sino alle 19.

In alcuni momenti ho avuto premura per non rischiare di essere in ritardo, ma ciò non mi ha mai mandato in ansia. Oggi gli impegni sono stati serrati, ho svolto una gran quantità di lavoro ed alla fine mi ha pervaso un grande senso di soddisfazione.

Mia moglie comincia a chiedermi quando ho intenzione di rompere il digiuno. In tutta sincerità, questo mi rende un po triste. Stasera mi sono pesato, come ieri sera: peso stabile a 58 kg.

Nel pomeriggio ho fatto uno sforzo col braccio destro, di cui avevo dimenticato che da tempo, la spalla non era più mobile come la sinistra. Se lanciavo un oggetto ottenevo un tiro “fiacco” con relativo dolorino fastidioso alla spalla. Poi mi sono abituato al fastidio e ci convivevo come un fatto normale.

Insomma negli sforzi cominciavo a trasformarmi in mancino (sono destrimano). Dopo il movimento di oggi, mi sono ricordato del dolore e con grande gioia ho cominciato a fare rotazioni e movimenti di prova. Nulla, nessun fastidio. Tutto scomparso.

Sono contento senza esaltazioni; il mio umore rimane stabile sul sereno. Bene anche la lucidità e l’intuizione. E’ davvero bello affrontare la vita in questo modo. :)

Ora me ne vado a nanna…
…ci sentiamo domani.[/align]
[/font]
Avatar utente
By Markuseye
#79946
[font=Arial]GIORNO 20[/font]
[font=Georgia][align=justify]3 settembre 2014
mattino: nulla.
Pranzo: 600 ml di succo di melone piel de sapo e mela golden royal.
Pomeriggio: nulla
Cena: 500 ml di succo di sedano rapa e mela royal gala.
Sera: nulla.[/align]
[/font]
[font=Arial]Descrizione[/font]
[font=Georgia][align=justify]Oggi è entrato in gioco il mio “piche tiranos”. Arriva sempre quando sale l’intossicazione. Non mi è chiaro se l’intossicazione chiama il pinche o se il pinchs ha fiuto per i corpi avvelenati.

Sta di fatto che le sfide arrivano quando meno le aspetti. La tensione era già nell’aria nei giorni scorsi con mia suocera ricoverata in ospedale. Quindi mi ci è voluto poco per perdere il mio distacco e farmi agganciare da un pendolo.

La cosa che mi è piaciuta è che lo riconosciuto, ma pur riconoscendolo facevo fatica a staccarmene. Del resto il pinche sa il fatto suo.

Comunque lo ringrazio, il primo pensiero è andato al fatto che l’ultima volta che sono stato in bagno risale a due giorni fa. Adesso vedrò domani come sarà l’umore (sorvegliato speciale), non escludo di farmi un bel lavaggio intestinale.

A parte questo fatto la giornata è passata bene, soddisfatto anche del rendimento sul lavoro.

Questa sera mi sono pesato e l’ago della bilancia si è fermato poco sotto i 59 kg. Sembra un’inversione di tendenza al calo. Ho ripetuto la misura più volte ed il risultato non è cambiato: sempre sopra i 58,5 kg.

Molto bene. Si sta facendo strada in me la curiosità di vedere che mi succederà tornando ad un’alimentazione erethista. Nello stesso tempo i risultati raggiunti da questi primi venti giorni, mi spronano a pulire più a fondo.

Lascio il pensiero sono sicuro che sabato prenderò la migliore decisione in proposito. Non prima di allora.

Quindi dato che la notte porta consiglio…
…me ne vado a dormire.[/align]
[/font]
Avatar utente
By Markuseye
#79954
[font=Arial]GIORNO 21[/font]
[font=Georgia][align=justify]4 settembre 2014
mattino: nulla.
Pranzo: nula.
Pomeriggio: nulla
Cena: 400 ml di succo di prugna e 500 ml di succo di ananas e pesca.
Sera: nulla.[/align]
[/font]
[font=Arial]Descrizione[/font]
[font=Georgia][align=justify]Buon inizio questa mattina, l’appuntamento in bagno, assente da due giorni, si è fatto vivo. Ho scaricato e per il resto del giorno (credetemi che non sono mancati contrattempi, intoppi e grattacapi di ogni genere!), sono stato calmo e concentrato.

Anche oggi riunione di lavoro e appuntamenti fondamentali. Tutto come da previsione. Come se ciò che si prefigura la mia mente poi accade (immaginare = in me mago agere).

Sembra una fiaba, ma è realtà. Anche le rughe della faccia si stanno spianando, sento la pelle più tesa a seconda delle zone del corpo. In viso è evidente.

Questo mi mette davvero la voglia in corpo di allungarmi per un’altra settimana. La bilancia resta stabile anche dopo la visita al gabinetto: 58 kg.

Con le ali dell’entusiasmo di oggi, la decisione di proseguire questo affascinante viaggio sarebbe già presa. Voglio però scegliere con la mente calma. Rimando quindi a domani. Se salto questo sabato e domenica, il prossimo appuntamento, comodo per rompere il digiuno è tra 9 giorni. A quel punto toccherei il mio record personale di 30 giorni senza cibo solido.

Cosa si nasconde nella tana del bianconiglio? Ammetto che a questo punto è davvero difficile resistere. Razionalmente direi stop. C’è una forza che mi nasce da dentro che mi dice vai!

Mi sono seduto a tavola, in famiglia stasera. Tutti mangiavano, frutta e verdura, un passato di verdure ed una fetta di pane fatto in casa. Niente, nessun impulso verso il mangiare.

Adesso ho voglia di riposarmi, perciò buona notte e…
…sogni d’oro Alice![/align]
[/font]
Avatar utente
By Markuseye
#79962
[font=Arial]GIORNO 22[/font]
[font=Georgia][align=justify]5 settembre 2014
mattino: nulla.
Pranzo: 600 ml di succo di ananas pesca e zenzero.
Pomeriggio: nulla
Cena: 500 ml di spremuta di due limoni buccia di limone miele fiori d’arancio ed acqua.
Sera: nulla.[/align]
[/font]
[font=Arial]Descrizione[/font]
[font=Georgia][align=justify]Anche oggi sono stato da dio. Anche oggi giornata piena di impegni, portati tutti a termine, con lucidità ed efficienza.

Durante una visita da un cliente carico di negatività come una centrale termonucleare, ho mantenuto l’osservatore acceso. Non ho perso l’attenzione su me e sull’ambiente circostante. Un altro pinche tiranos, un altro pendolo che non si è agganciato.

E dopo 15 minuti di tiritera su discorsi di come va male il mondo questo se ne esce con la frase: “…immagino che anche a voi nel vostro settore vada male?”. Risposta: “ …mi spiace deluderla, ma a noi va alla grande ed in particolare a me sta andando benissimo”. Gli cade il mento sulla scrivania, io chiudo i miei bagagli e con una gioia indescrivibile mi alzo. Posso scegliere con chi avere rapporti di lavoro e tu non mi piaci.

Questi mi guarda, invitandomi a rimanere, mi accompagna alla porta e non vuole più lasciarmi. Dentro me penso: “ma non avevi una zia da andare a trovare in ospedale 20 minuti fa?”. Quando una settimana è andata come mi è passata a me, la negatività non attacca, non ci sono più abbastanza tossine nel corpo che le permettono di aggrapparvisi.

Poi nella serata, altra soddisfazione, questo fine settimana, anche mia mamma (onnivora ortodossa!) dopo il successo di quest’estate ha deciso di farsi un lavaggio intestinale con acqua e sale rosa himalayano. Infatti ai primi di agosto ha avuto una ricaduta con la sua bronchite (faceva fatica a respirare, febbre a 39°).

Mia sorella era già pronta con le carte del ricovero, mi sono impuntato: aerosol con argento colloidale e lavaggio intestinale. Mia mamma mi ha seguito, dopo l’aerosol, si è bevuta 4 l di acqua e sale. Non vi racconto ciò che è uscito. Il giorno dopo ancora aerosol con argento colloidale e borsa dell’acqua calda sui bronchi. La notte stessa ha sudato in modo purificatrice ed alla mattina dopo febbre a 37° con tosse da muco in movimento. Al terzo giorno di aerosol, succhi e niente cibi solidi, tosse quasi sparita e temperatura normale. La sorella di mia madre (mia zia), stessi sintomi, cura allopatica a base di antibiotico, deve ancora uscirne completamente.

Che ci si creda o meno questi sono fatti, anche mia mamma non aveva molta fiducia nella cura alternativa, adesso sta sponsorizzando il lavaggio intestinale!

Il motto odierno: domani sarà meglio di oggi, oggi è stato meglio di ieri![/align]
[/font]
Avatar utente
By Markuseye
#79968
[font=Arial]GIORNO 23[/font]
[font=Georgia][align=justify]6 settembre 2014
mattino: nulla.
Pranzo: 400 ml di succo di pompelmo.
Pomeriggio: nulla
Cena: 1200 ml di succo di ananas, pesca, zenzero.
Sera: nulla.[/align]
[/font]
[font=Arial]Descrizione[/font]
[font=Georgia][align=justify]Questa mattina, oltre che per lavarmi, ho visitato il bagno per scaricarmi. Ho rimandato così a domani il lavaggio intestinale.

Il dado è tratto e continuerò per un’altra settimana. Ho acquistato una confezione di Enterosgel così adsorbo le tossine che si libereranno nell’ultimo periodo.

La decisione l’ho maturata guardandomi allo specchio: il prossimo digiuno lungo vorrò farlo sempre durante le vacanze e le prossime sono tra un anno. Quindi arriverò sino a sabato prossimo, se continuo a sentirmi come ora (benone!), toccando i 30 giorni.

Oggi mi sono goduto anche un bagno di sole e questo mi ha caricato di energia. Ho bevuto molta acqua, per via anche del poco succo del mezzogiorno, senza andare continuamente in bagno. Ho sentito una morsa iniziale allo stomaco. Simile alla fame, molto strano ho pensato, sono molti giorni che non provo lo stimolo dell’appetito. La bocca tendeva a seccarsi, senza provare sete.

Tutto risolto facendo seguire un bicchiere d’acqua dopo l’altro, oltre un litro bevuto in un’ora e mezza. Poca urina, in confronto al liquido ingerito. Normalmente se bevo quando mangio frutta e verdura, devo poi scappare in bagno ogni ora. Effetto delle varie tossine che vengono liberate dalla profondità dell’organismo.

Bene così, se mi fosse capitato nei giorni scorsi, sarei andato in crisi. Nulla succede a caso.

Un altro piccolo successo l’ho raggiunto con la completa mobilità del collo: posso ruotarlo a destra a sinistra in alto ed in basso. Nessun dolorino, nessuna tensione.

Sempre oggi, pulizia nell’armadio, ho eliminato tutte le braghe nelle quali ormai ci sto quasi due volte. Incredibile, due anni e mezzo fa alcuni di quei pantaloni mi stavano pure stretti. Ma quanto muco se ne andato?

Questa comunque, non sarà la scusa per riempire di nuovo l’armadio. Voglio che anche il guardaroba sia essenziale. Non sopporto più gli spazi occupati per cose che mai più userò. Le ho ringraziate lasciandole andare, sarano utili a qualcun altro.

Come in alto così in basso, ciò che è fuori, rispecchia quel che è dentro.

…ancora una settimana di diario! Stupendo.[/align]
[/font]
Avatar utente
By Markuseye
#79973
GIORNO 24
7 settembre 2014
mattino: Lavaggio intestinale con 6 l di acqua e sale rosa himalayano.
Pranzo: nulla.
Pomeriggio: nulla
Cena: 1000 ml di succo di ananas, pesca, pera, zenzero.
Sera: 15 g di Enterosgel in bicchiere d’acqua.

Descrizione
Questa mattina sveglia, peso sulla bilancia 57 kg, urine ph 7/8 (più di 7 meno di 8 ). Misurate con cartina tornasole.

Immagine

Il lavaggio intestinale mattutino è stato un toccasana. Nonostante le defecazione dei giorni scorsi, ci sono voluti quasi 4 l di acqua per chiarificare le scariche. No comment sull’odore!

Questo mi serve per lo sprint finale della settimana che ho davanti. L’Enterosgel l’ho preso per sicurezza. Voglio essere sicuro che le tossine non mi giochino con uno sgambetto verso la fine. Adesso ci tengo ad arrivare a 30 giorni di digiuno.

Per il resto è stata una domenica tranquilla, bene anche l’esposizione al sole, ormai sono una lucertola, mentre noto che gli onnivori assomigliano ai vampiri (appena escono due raggi si nascondono tutti all’ombra).

Visitina in ospedale anche a mia suocera, per non farsi mancare nessun paragone. Ormai siamo ad anni luce, gli ospedali mi sembrano luoghi dove infermieri e medici giocano a fare il dottore: non ci capiscono nulla. Danno consigli da panico che vengono presi come letture del vangelo.

Esempio: paziente appena operato all’intestino tenue per ostruzione grave, per facilitare la canalizzazione (ripresa della peristalsi) ghiaccioli (ci può anche stare) e caramelle da succhiare (ovviamente mentos, tic tac e boiate sul genere). Non mancano flebo di antibiotici, liquidi alimentari, endovena, intubazione naso gastrica, manca solo un tubo nel c..o ed il paziente assomiglia ad una marionetta del circo di Mangiafuoco (o Mangiafoco alla toscana). Ecchecca..o!

Perdonate lo sfogo, ora torna l’osservatore (che nel frattempo si piegava in due dalle risate!), se questa è l’unica strada per “risvegliarsi” forse è giusto percorrerla, ma sentirsi dire da questi che sono troppo magro, per me diventa sempre più un motivo di felicità. Se guardo a che rischio un onnivoro va in contro dico no grazie, tenetevi pure i vostri “chiletti” di troppo, da sana cucina mediterranea.

Bene, me ne vado a letto contento.

P.S.
Stasera, in famiglia, ho aperto la votazione con che frutto interrompere il digiuno, ecco i risultati:
    1. more selvatiche (le mie preferite, ma sarà dura procurarsele)
    2. fichi freschi (anche qui le piogge non hanno aiutato)
    3. pere mature (suggerite da mia moglie)
    4. insalata verde (secondo la piccina, che vuol tanto bene al suo papà)
    5. corn flakes e nutella (suggerimento suicida dalle due adolescenti, che se non fanno battute dementi e mi hanno fatto pure ridere :lol: , vuol dire che son malate!)
Ultima modifica di Markuseye il 16 agosto 2015, 23:27, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
By valina
#79979
Complimenti veramente per il risultato! E anche per la serenità con cui condividi con la famiglia il tuo percorso.
Ti prendo a modello per il prossimo digiuno.
Buon proseguimento.
Avatar utente
By valina
#79981
Mi avete battuta sul tempo!!! Sono andata sul link indicato da Luciano per acquistare il libro di Steiner che stavi leggendo (Le Basi Conoscitive e i Frutti dell'Antroposofia) ma risulta esaurito :cry:
E vabbè, aspetto pazientemente di essere avvisata appena torna disponibile! Ma la prossima volta avanzatemene una copia eh! :D
By Mattia21
#79983
Complimenti e grazie davvero di condividere tutto ciò!
Tra qualche giorno torno a Collecchio a trovare la famiglia magari ci s'incontra per strada :D
Buon proseguimento
Avatar utente
By Markuseye
#79988
[font=Georgia][align=justify]Grazie Valina, :D
grazie Mattia, :D

i complimenti mi fanno piacere. Mattia se vieni dalle parti di Collecchio, fammi sapere, ti incontro volentieri.

Bene oggi sono al...[/align]
[/font]
[font=Arial]GIORNO 25[/font]
[font=Georgia][align=justify]8 settembre 2014
mattino: 15 g di Enterosgel in bicchiere d’acqua.
Pranzo: 600 ml di succo di ananas prugna pesca zenzero.
Pomeriggio: 15 g di Enterosgel in bicchiere d’acqua.
Cena: 800 ml di succo di sedano prugna e mela 500 ml di spremuta di limone e miele fiori d’arancio.
Sera: 15 g di Enterosgel in bicchiere d’acqua.[/align]
[/font]
[font=Arial]Descrizione[/font]
[font=Georgia][align=justify]Iniziata la settimana (seconda dopo la vacanza), continuando sulla strada della depurazione. Sulla bilancia stamane ero 58 kg. Inoltre da tre giorni a questa parte, appena sveglio, mi sento la bocca piacevolmente dolce.

Gli impegni di oggi sono stati tanti, in alcuni momenti sarei dovuto essere due me, ma con calma e determinazione, si arriva davvero ad essere efficienti senza diventare stressati.

Sono contento di proseguire altri sette giorni, ricominciare un digiuno lungo, mentre si lavora, si può fare, ma in vacanza è meglio, specie per superare le prime due settimane.

L’entusiasmo di oggi nel fare era simile a quello del venerdì, in effetti un giorno è solo un giorno, i sentimenti nascono da dentro e quindi dipendono da noi. Pieni di tossine, di che razza di emozioni possiamo essere capaci?

Domani mattina sveglia presto, per cui ora a letto.

Buona notte a sentirci.[/align]
[/font]

Ho usato l'imperfetto perchè ora ho introdotto qu[…]

Gli ultimi del contadino

Sinceramente no, anche perchè vivendo in un condom[…]

Diario di Narayani

Credo fosse eccessivamente gelata.

La panoramica di Ienk

Dopo la panoramica ho rimosso tre delle 5 amalgame[…]

Libri di Arnold Ehret