Arnold Ehret Italia

Il digiuno è un argomento interessante e importante e uno strumento che va al di là di quanto attualmente si conosce a riguardo e merita un suo spazio dedicato

Moderatore: luciano

Avatar utente
By Markuseye
#83686
Grazie enrico82, Ehret ha dato alcuni esempi di come ha curato alcune malattie di suoi pazienti anche usando la limonata con un cucchiaino di miele e la buccia grattuggiata. Alla fine conta quello che senti durante il digiuno. Se invece di mezzo limone ne usi uno intero, o lo passi all'estrattore, non è questo che vanifica od altera i benefici dell'astensione da cibo.

E' l'approccio con cui affronti il digiuno quello che poi ti motiva e ti porta a fare delle scelte consapevoli. Perchè digiunare? Non ti chiedo una risposta; questa è la domanda che mi sono posto prima di iniziare. Ognuno lo fa per un suo percorso. Quindi ci sono delle indicazioni, dei suggerimenti, ma alla fine nessun percorso è uguale all'altro.

Detto ciò oggi sono arrivato alla seconda decade.


GIORNO 18
9 agosto 2015
mattino: 800 ml di acqua.
pranzo: 800 ml di acqua.
cena: 400 ml di tisana al rooibos.


GIORNO 19
10 agosto 2015
mattino: 800 ml di acqua tiepida e due cucchiaini di curcuma.
pranzo: 800 ml di acqua.
cena: 1000 ml di succo di melone e prugne.


GIORNO 20
11 agosto 2015
mattino: 400 ml di acqua.
pranzo: 500 ml di acqua.
cena: 700 ml di tisana alla liquirizia.


Descrizione.
Dopo l'avventura della "tendata montanara", la domenica (giorno 18) l'ho usata per recuperare la fatica. Il giorno 19 ho continuato ad avere una stanchezza ed una difficoltà anche di concentrazione: i giorni di gloria precedenti mi avevano fatto dimenticare una regola che è bene seguire. Quindi nel pomeriggio sono corso in bagno per un enteroclisma.

Tralascio i dettagli sul putridume estratto, entro 10 minuti dal termine mi sono sentito, nuovo. Fino l'aspetto del viso allo specchio si è modificato in meglio!

Alla sera dello stesso giorno ho bevuto del succo perchè la mattina dopo (oggi) mi aspettava un viaggio lavorativo ed un'intensa giornata in aula per corso formativo. Tutto passato molto bene senza problemi arrivando a bere oltre tre litri di acqua.

Le urine sono diventate di un giallo chiaro tendente al verde e nei giorni scorsi emanavano un'odore particolare (simile all'odore dell'urina del gatto) cosa che è poi scomparsa. Rimane il colore differente ma praticamente inodore.

Bene ora mi ritiro, domani mi aspetta un'altro giorno pieno (ovviamente non di cibo!)
Avatar utente
By daleo
#83694
Accidenti, venti giorni praticamente con solo acqua sono per me una meta ancora inesplorata. Stai perdendo molto peso? Complimenti.
Avatar utente
By Markuseye
#83702
Grazie Daleo. Sono passato da 63 a 56 kg pesati ieri. La perdita di peso è l'aspetto che ti fa capire quanto la società leghi un'astinenza di cibo alla morte. Il corpo si modifica è inutile rimanere davanti allo specchio per vedere muscoli, vene, ossa in evidenza come nelle immagini dell'atlante del corpo umano. Il peso lo si recupera dopo. Durante il digiuno si recupera la consapevolezza e questo vale mille perdite di peso.

GIORNO 21
12 agosto 2015
mattino: 700 ml di acqua tiepida ed un cucchiaino di curcuma.
pranzo: 500 ml di succo ml di acqua.
cena: 700 ml di tisana alla liquirizia.


GIORNO 22
13 agosto 2015
mattino: 700 ml di acqua tiepida ed un cucchiaino di curcuma.
pranzo: 800 ml di acqua il succo di un limone ed un pizzico di sale rosa hymalaiano..
cena: 250 ml di kefir d'acqua.


Descrizione.
Il penultimo giorno è stato molto tranquillo, sveglia alla mattina presto qualche attività domestica e poi in ufficio per un corso durato tutto il giorno. Poi partenza alla sera, spesa da portare in montagna alla famiglia e viaggio serale sino al luogo di vacanza. Le borse come sempre piene di frutta e verdura, per le ragazze che ancora non apprezzano i benefici del digiuno terapeutico!

Oggi ho sentito stanchezza tutto il giorno, nonostante la scarica intestinale di questa mattina. Il cambio di altitudine lo percepisco maggiormente. Niente di preoccupante, mi sono riposato tutto il giorno con preziosi bagni di sole.

A pranzo per darmi un pizzico di spinta ho aggiunto un po di sale rosa alla limonata. Un po ha funzionato. Ma quello che più mi ha aiutato è stato il riposo ad oltranza e la rivelante lettura di Purinton, nelle pagine lette oggi sembrava che mi parlasse, mi confortasse a proseguire con coraggio trascurando i sintomi.

A sera (mentre scrivo) l'energia è tornata. Domani valuterò se farmi un bel lavaggio intestinale od arrivare a dopodomani.

Al momento mi godo questa pace da rilassatezza interiore.

Buona notte a tutti.
Avatar utente
By Markuseye
#83706
GIORNO 23
14 agosto 2015
mattino: 800 ml di acqua tiepida e succo di un limone.
pranzo: 400 ml di acqua.
cena: 400 ml di tisana alla cannella.


Descrizione.
Oggi la giornata è cominciata nei migliori dei modi. Dopo la meditazione mattutina, ho fatto la palmazione del metodo Bates. Dopo pochi minuti mi sono sentito sprofondato in un nero intenso e rilassante. Faccio una prova leggendo le scritte minuscole degli ingredienti di una scatola ad un metro di distanza.

Mi rilasso ed ecco che le scritte si schiariscono diventando nitide. Rifaccio la prova con un occhio tappato e poi l'altro. Stesso risultato! Sono emozionato e grato. Mi vengono i brividi. Mi sembra quasi un miracolo, anche se a pensarci bene il miracolo è come sopravviviamo nonostante tutto il cibo che ingurgitiamo come razza umana.

Durante il giorno bevo oltre quattro litri di acqua, appena la bocca tende a seccarsi. Mi riposo anche chiudendo gli occhi se ne sento la necessità. Mi muovo con lentezza senza sentire la necessità di correre, vedo intorno a me le persone e mi sembrano formiche anche in vacanza: sempre di fretta!

Alla sera mi corico anche senza aver sonno. Come chiudo gli occhi mi addormento. Mi alzo qualche volta di notte per urinare (a furia di bere), ma come torno a letto mi riaddormento. I sogni sono molto vividi, li ricordo al mattino senza fatica.

Mi mancano solo sette giorni per arrivare al mese di digiuno. Adesso sono proprio curioso di scoprire cosa c'è oltre.

Un caro saluto.
Avatar utente
By Markuseye
#83715
GIORNO 24
15 agosto 2015
mattino: nulla.
pranzo: 250 ml di kefir d'acqua.
cena: 250 ml di kefir d'acqua.


Descrizione.
Nel giorno sacro della grigliatona, pranzo all'aria aperta o ristorante in compagnia per l'italiano medio, io mi sono dedicato ad un bel lavaggio intestinale. Ho usato il metodo col sale rosa himalayano presente in questo forum. Ho usato oltre sei litri di acqua per allontanarmi più tossine possibili. Il risultato è stato eccellente.

Trascurando i maleodoranti dettagli, dico che per tutto il giorno sono stato tranquillo bevendo pochissimo e perdendo l'arsura dei giorni scorsi. Anche rimanendo qualche ora al sole che ha fatto capolino (ed ho voluto pensare quasi apposta per me!), la bocca non si è asciugata.

Stamane dopo la meditazione ero rimasto leggermente deluso da un calo della vista, recuperata immediatamente dopo la depurazione intestinale.

Poi mi sono goduto una giornata con qualche raggio di sole e pioggia. Riesco ad apprezzare anche una giornata grigia, mi permette di uscire dal circolo, del "siamo in vacanza e dobbiamo fare qualcosa". Queste giornate sono la culla del dolce far niente in cui un buon libro ed una tisana calda scaldano l'animo nel profondo.

Questo è stato oggi. Un altro passo verso la pulizia del mio corpo per fare chiarezza dentro e cercare di vedere chi sono IO.

Ne vale la pena.
Ultima modifica di Markuseye il 18 agosto 2015, 20:41, modificato 3 volte in totale.
Avatar utente
By enrico82
#83723
Quel tortino è sicuramente da 10, solo a vederlo mi viene gola (e sono le 8.45 di mattina...).
Quando il mio fisico sarà più pronto prenderò sicuramente spunto dalle tue giornate.
Una curiosità, le varie tisane che bevi le prepari con le erbe autoprodotte e poi essicate o le compri?
Avatar utente
By Markuseye
#83725
Ciao Enrico, grazie per la generosità del voto. Ahimè le tisane che ci auto produciamo (alla menta) finiscono velocemente. Quelle che uso sono di erboristeria e dei vari negozi bio. In casa le beviamo a litri senza zuccherarle e le bimbe con qualche biscotto o fette biscottate con miele bio.

Passo alla cronaca.


GIORNO 26
17 agosto 2015
mattino: 400 ml di acqua e 400 ml di tisana limone e salvia.
pranzo: 500 ml di limonata con succo di limone e miele ai fiori d'arancia.
cena: 400 ml di tisana fragola e vaniglia.


Descrizione.
La mattina è iniziata con la sorpresa di un nuovo aumento del peso 57,1 kg! Per il secondo giorno consecutivo, sto aumentando la massa senza una giustificazione logica tradizionale. Non ho assunto nulla di diverso rispetto ai giorni passati. In alcuni momenti bevo di più. in altri meno. Ho sospeso gli estratti di succhi. Quindi, da dove arriva questa crescita ponderale?

La spossatezza di qualche giorno fa (che passava con un riposino) oggi non si è fatta sentire. Anzi ho sentito grande forza. Unico neo, ho accusato un certo gonfiore alle caviglie. Cosa di cui non ho mai sofferto.

Come dice Purinton durante un lungo digiuno non vanno presi come difetti quelli che sono solo effetti della disintossicazione. Questo penso sia uno di quelli. Mi sono limitato a farmi fare un piacevolissimo massaggio ed ho tenuto le gambe alzate al sole. Dopo qualche ora erano decisamente migliorate.

L'effetto disintossicante tocca tutti gli organi ed in qualche modo va anche a sottolineare problemi che possono essere latenti nel nostro organismo. Questo fenomeno l'ho letto per me come un monito a mantenere la retta via anche quando interromperò questa astinenza volontaria.

Chiudo pensando con curiosità a cosa mi dirà la bilancia domani. Il mondo è meraviglioso, i suoi abitanti incredibili.
Ultima modifica di Markuseye il 20 agosto 2015, 22:35, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
By Markuseye
#83729
GIORNO 27
18 agosto 2015
mattino: 300 ml di kefir d'acqua.
pranzo: 400 ml di d'acqua.
cena: 800 ml di d'acqua, il succo di un limone ed un pizzico di sale rosa himalayano.


Descrizione.
Aprendo le tende stamani presto, una bellissima sorpresa, una giornata limpidissima ed inaspettata secondo le previsioni meteo. Poi qualche nuvola durante il giorno, ma questo mi ha permesso un meraviglioso bagno di sole rigenerante. Poi seconda sorpresa: sulla bilancia il peso si è attestato a 57,8 kg! Atri 700 g rispetto a ieri. Senza parole.

Disturbi nessuno, tolto le caviglie che tendono a gonfiarsi. Non sono dolorose, mi permettono di camminare, correre liberamente. Salite discese, le affronto con tanta energia. Ho tenuto i piedi alzati al sole migliorando la situazione. Ho aumentato l'acqua ingerita durante il giorno. Il che mi fa correre spesso in bagno ad orinare.

In serata ho deciso in questi ultimi giorni di digiuno di ricorrere al carbone vegetale attivo. Voglio provare a bloccare eventuali tossine che non elimino coi clisteri, potrebbero essere la causa del gonfiore. Nella confezione parlano di 50 g per intossicazioni pesanti. Partirò con 20 g distribuendoli in uno o due giorni per poi eliminarli con un enteroclisma. Vediamo.

Quando ci si prende la responsabilità della propria salute ci sta anche un po di sperimentazione ascoltando il proprio intuito.

Con questo vi mando un caro saluto.
Avatar utente
By Markuseye
#83731
GIORNO 28
19 agosto 2015
mattino: 4 g di carbone attivo, 400 ml d'acqua e 400 ml di tisana limone e zenzero.
pranzo: 4 g di carbone attivo e 400 ml di d'acqua.
cena: 4 g di carbone attivo e 400 ml di tisana lampone e vaniglia.


Descrizione.
La prima attività della giornata è stata un enteroclisma. Come sempre il pozzo nero sotto stimolazione rilascia i suoi rifiuti tossici. Poi sono andato alla bilancia convinto di vedere un peso minore di ieri, avendo estratto sostanza. Invece mi sono dovuto ricredere: peso costante 57,8 kg! Comincio quasi a farci l'abitudine.

Poi sono passato alla pratica del carbone attivo. Debbo dire che le caviglie hanno cominciato a migliorare da sole, ma ormai la curiosità della sperimentazione è irrefrenabile.

L'operazione di apertura della polvere nera, deve essere fatta con la precisione del chimico di laboratorio. È estremamente volatile e sporca peggio della grafite. Quindi guantini e mani ferme da chirurgo. Messa in un bicchiere l'ho mescolata con un po d'acqua e giù tutta di un sorso. Nessun sapore sensazione fangosa in bocca. Poi altri bicchieri d'acqua fino a togliermi il nero dalla lingua. Pensavo peggio è bevibile.

Ho aumentato ancora l'acqua bevuta, correndo di più in bagno per facilitare la discesa nel tratto intestinale dell'adsorbente (si scrive proprio adsorbente).

Tra le note degne di colore, in questa bella giornata di pioggia, un bel sogno lucido in primissima mattinata. Durante il sogno mi sono "accorto" di sognare è un'esperienza che ognuno di noi può fare, ma questo esula dalla pratica di Eheret, però la pratica stessa ne favorisce il fenomeno.

Oggi inoltre ho preso la decisione di interrompere il digiuno domenica a mezzogiorno. Saranno 31 giorni. È una decisione tecnica. Mi aspetterà poi una settimana di corsi professionali, in cui un pranzo od una cena di lavoro ci saranno. Riesco a gestire molto bene nei rapporti sociali una dieta da ehretista, un digiuno non tutti sono pronti a "tollerarlo". Sfida troppo certe convinzioni tra alimentazione e vita.

Non sono uno yogi ed al momento non ho intenzione di diventarlo. Sono appassionato del mio lavoro e non mi sento pronto ad un cambio radicale. Ho provato a sondare il terreno con qualche collega ed amico, cosa ne pensavano di quelle persone che vivono senza mangiare. Credevano letteralmente che li stessi prendendo per il c...!

Eppure oggi io posso affermare che l'uomo può porselo come obbiettivo. Vivere almeno per periodi anche superiori ai 30 giorni solo con acqua sole e qualche spremuta. Per arrivare a cibarsi solo poche volte, solo per piacere o per curarsi come oggi si fa con le medicine.

Ma questo richiede più consapevolezza ed un numero maggiore di risvegli. Io stesso mi sento ancora lontano da incontrarmi spoglio e senza condizionamenti.

Buon risveglio a tutti quanti.
Avatar utente
By valina
#83732
Buon risveglio a tutti quanti.


Grazie e complimenti per il tuo percorso al di sopra delle paure e dei condizionamenti.
Avatar utente
By Markuseye
#83734
Grazie Valina. Sono contento di sentirti. In passato ho preso spunto diverse volte dai tuoi successi e consigli. In questo caso i complimenti sono doppiamente apprezzati.

Ormai sono agli sgoccioli, sia per l'arrivo del traguardo sia per aver spremuto dal mio corpo più tossine possibili.

Vediamo cosa ho combinato oggi.


GIORNO 29
20 agosto 2015
mattino: 800 ml di acqua e 4 g di carbone attivo.
pranzo: 500 ml di acqua e 4 g di carbone attivo.
cena: 800 ml di acqua tiepida col succo di un limone ed un pizzico di sale rosa himalayano.


Descrizione.
Al risveglio, anche un po più tardi del solito, mI sono sentito poco lucido. Come se necessitassi ancora di dormire. Complice una giornata spettacolare mi sono messo al sole per quasi tre ore di bagno solare.

Inizialmente seduto a leggere Jodorwski poi quando mi si sono rigonfiate le caviglie sdraiato su di un lettino. Ho commesso l'errore di stare troppo seduto. Appena dopo l'ora di pranzo, complice una figlia appena diplomata in cure estetiche, mi sono fatto fare un massaggio linfodrenante alle caviglie e piedi. Quanto mai non mi è venuto prima in mente. È stato paradisiaco. Subito il gonfiore ha cominciato ad attenuarsi.

Inoltre una rinata energia mi ha pervaso il corpo. Quindi alle 15, io e mia moglie siamo andati in passeggiata. Siamo partiti dal passo Redebus a 1400 m per raggiungere il rifugio Tonini a oltre 1900 m. Due ore precise.

All'inizio ho tenuto un passo lento. Poi aumento il ritmo ma sempre dietro a quello stambecco di mia moglie (ex boy scout). All'improvviso in piena salita ripida, lo sblocco. Le gambe sembrano andare da sole e come se di colpo si siano sommati l'effetto massaggi e l'adsorbimento del carbone attivo.

Una botta di energia che ci ha fatto arrivare alla meta senza affanno e con passo celere.

Al ritorno un'ora netta di discesa con passo al trotto.

Arrivato a casa tolti gli scarponi, nessuna traccia di gonfiore, spettacolare!

Se dovessi dare il titolo a questa giornata, la chiamerei GRATITUDINE.

Infatti non posso far altro che ringraziare per tutti i regali ricevuti.

GRAZIE.
Ultima modifica di Markuseye il 21 agosto 2015, 21:35, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
By Markuseye
#83740
Illuminante, grazie Luciano. Inoltre Purinton è chiaro fin dall'inizio: ti esorta a non fare un lungo digiuno. È un vero allenatore spirituale che in modo diretto vuole che ti sia chiaro il motivo del perchè lo fai. Ti dice dove si trova il banco di nebbia e cosa si nasconde dentro, poi ti accende il faro per la tua navigazione.

Perchè ognuno di noi deve compiere la propria. Come Ehret è un autore che tramite il libro comunica all'anima. Sembra che ti parli in prima persona.

Penultimo giorno


GIORNO 30
21 agosto 2015
mattino: 800 ml di acqua e 4 g di carbone attivo.
pranzo: 400 ml di kefir d'acqua.
cena: 200 ml di kefir d'acqua.


Descrizione.
Oggi grande relax, lettura bagni di sole e passeggiata serale, con raccolta di oltre tre chili di prugne quasi selvatiche regalataci da una pianta di conoscenti. Una giornata in cui non ci sarebbe stato nulla da raccontare in modo particolare. Senonchè nel tardo pomeriggio decidiamo di far visita a due amici speciali. Lei ci accoglie sulla porta con aria soddisfatta dicendoci: "sapevo che stavate arrivando".

Parliamo delle nostre ultime esperienze e con loro riesco ad esprimermi liberamente e parliamo anche molto di digiuno. Lui ad un certo punto mi dice se voglio provare con lui il Rapè. Con tono sicuro mi conforta che questo per me può essere il momento giusto. Sento che mi posso fidare.

Proviamo mi dico. Subito la sensazione è fastidiosissima, passati alcuni minuti, mi si aprono le vie respiratorie come non mai. Tutte le tensioni corporali svaniscono. La vista diventa perfetta. La pace parte da dentro.

Questo è stato un incontro che è arrivato con una sincronicità impressionante. Il digiuno ha favorito tutto questo. Adesso ho capito quando Purinton lo definisce una filosofia. Non è solo un'astensione dal cibo. È un distacco dal nostro ego sociale che apre uno scorcio su chi siamo veramente.

Potrei scrivere per ore, ma le parole non spiegheranno mai abbastanza l'esperienza. Come dice Purinton vi esorto dal non praticare un lungo digiuno. Ma se volete vedere il vostro vero IO anche per poco, questa è la strada giusta.

Ringrazio Luciano per aver tradotto i libri di Ehret e Purinton, per aver creato questo forum ed aver contribuito alla diffusione di uno stile di vita che mi ha aiutato la vera crescita interiore.

Ringrazio anche tutta la comunità di questo forum perchè attivamente cerca e condivide notizie che supportano questa nostra crescita.

Domani la nave entrerà in porto. Dopodomani lo sbarco.
Avatar utente
By Markuseye
#83751
Ultimo giorno!

GIORNO 31
22 agosto 2015
mattino: 800 ml di acqua.
pranzo: 400 ml di d'acqua.
cena: 200 ml di kefir d'acqua.


Descrizione.
Queste righe le inizio ringraziando mia moglie. Mi ha sostenuto in tutto e per tutto. Mi ha spalleggiato contrastando chi partiva con le nenie melodrammatiche su cosa succede quando non ci si ciba o nel modo "giusto" o per lungo tempo (il mio aspetto è diventato decisamente magro!). È stata una preziosa alleata e si è adattata ai miei ritmi senza mai lamentarsi.

Quando una persona si mette in testa di fare qualcosa ed è animata da profonda convinzione nessuno la ferma, ma un aiuto è sempre gradito!

Grazie Baby (Claudia) per la pazienza che mi ha voluto dedicare.

Anche oggi il sole mi ha permesso un fantastico bagno solare, l'energia è salita alle stelle, forse sarà anche l'euforia di tagliare un traguardo di questo tipo. Al pomeriggio dopo aver spinto per oòtre in ora mia figlia più piccola e mia nipote su carrucole e ceste dondolanti (rigorosamente a tutta forza!), ci siamo dedicati alla raccolta di more selvatiche (oltre 2 kg).

Le passerò all'estrattore per farci un succo che berrò mezz'ora prima di interrompere il digiuno domani all'ora di pranzo. Estremamente lassativo. Poi ci saranno prugne inselvatichite bianche (dolcissime) e fragoline bio dette da marmellata che le mie figlie si spolverano sempre alla velocità della luce.

Poi ricomincerò a sedermi a tavola una o due volte al giorno con la famiglia. Debbo ringraziare anche le mie figlie perchè coi parenti che abbiamo vicino, hanno mantenuto il riserbo ed hanno conservato un comportamento naturale nonostante le mie assenze dalla tavola da pranzo.

Una nota di colore: raccogliendo more ho cominciato ad urticarmi le gambe con ortiche prima per caso, poi volontariamente; un toccasana per la circolazione da non trascurare. Le cose non succedono mai per caso.

Domani metterò qualche foto della chiusura.
Avatar utente
By luciano
#83755
Markuseye ha scritto:Lui ad un certo punto mi dice se voglio provare con lui il Rapè.
Il Rapè viene usato in molte cerimonie tipiche dei nativi del Sud America. Ce ne sono decine di varietà, ogni tribù dell'Amazzonia ha le sue formule. E' abbinato in cerimonie shamaniche all'uso di piante psicotrope). In Perù ho avuto modo di farmene una cultura tramite uno studio e osservazioni accurate.

Spiegazione grossolana, svuota la mente da pensieri casuali, oltre che fare pulizia nel campo magnetico del corpo, che altri chiamano corpo sottile e in quantità generose anche l'intestino tramite il vomito. E' una polvere di tabacco tostato misto a ceneri di cortecce, radici o foglie di diverse piante dell'Amazzonia.

Viene introdotto in entrambi le narici soffiandolo con un applicatore di bambù, o anche di ossa di animali, ne ho visto uno ricavato da una clavicola di scimmia opportunamente svuotata. (I nativi uccidono animali solo per mangiare e niente dell'animale viene buttato).

A seconda della quantità e soprattutto della qualità del Rapè, i nativi lo definiscono Sacro Rapè, l'effetto iniziale va da un sostenibile bruciore nelle narici e nella testa che si estende poi al cervello, e, a seconda del tipo di Rapè, fino ad aver l'impressione che ti abbiano messo il cannello della fiamma ossidrica acceso nelle narici. (esagero.. ma tanto per dare l'idea di un bruciore molto forte che pochi riescono a sopportare senza batter ciglio, non di certo la prima volta.)

Tuttavia, per fare un paragone anche se non credente, "fare il Rapè" fuori da una cerimonia shamanica equivarrebbe per un cristiano: "Ho qui un pacchetto di ostie, vuoi provarne una?"

Detto questo, sufficiente esauriente per chiarire l'introduzione di Markuseye senza alcuna spiegazione, non essendo il forum appropriato per questo genere di argomenti, non desidero che ne vengano continuati o introdotti altri di questo genere o simili, onde non snaturare la natura del forum.

Chiaro? :wink:

Ho letto con interesse la tua esperienza per la pu[…]

Di solito il magnesio viene assorbito meglio, quan[…]

Clisteri o idrocolonterapia

Non ho mai avuto esperienza di idrocolonterapia, m[…]

Diario di Narayani

:)

Libri di Arnold Ehret