Arnold Ehret Italia

Per quanto la dieta di per sè, disintossicando il corpo ed eliminando il muco, alla fine risolve alla radice, lungo la strada può essere utile l'utilizzo di decotti o tisane indirizzati all'espulsione di specifiche tossine e veleni, come i metalli pesanti, tanto per fare un'esempio.

Moderatore: luciano

Avatar utente
By EnricoB
#80616
Conoscete questo sito :
http://homepage2.nifty.com/nmc/

Qua in dettaglio la spiegazione in italiano
http://www.focus.it/scienza/salute/trapano-no-grazie
www.focus.it/scienza/salute/trapano-no-grazie
Avevo mandato tre anni fa un email a questo studio per capire a che punto erano con la procedura.
Mi è stato risposto che ad oggi possono curare solo piccole carie e microfatture del dente, in quanto la sostanza che utilizzano anche se di composizione quasi identica al dente, irrita in modo pericoloso le gengive.
Chissà se in futuro riusciranno a trovare una soluzione per ovviare a questo problema.
Avatar utente
By acerra99
#80617
l'articolo risale al febbrio 2005. lo smalto usato sarebbe fluorapatite.

Il fluoro e' veramente una brutta bestia, quindi la domanda numero uno sarebbe se il materiale veramente non rilascia fluoro.
In occasione delle ricerche per il mio libro del 1999 sul fluoro (ormai fuori stampa) divento' chiaro che l'uso di fluoro sui denti dava loro una struttura rigida (fluoroapatite) che pero' nel tempo si sgretolava (i risultati buoni erano solo a breve tempo). Insomma e' noto da almeno 20 anni che la fluoroapatite fa una brutta fine a medio e lungo termine nell'ambiente orale.

Forse per questo non l'hanno neanche proposta questa pasta al fluoro al mercato.
Il fluoro e' super-tossico. Obiettivamente non adatto a tutti.

Fai una piccolissima ricerca su google della digestione della fluorapatite da parte di acido nitrico o acido solforico.
Si libera HF, fluoruro di idrogeno.

Mentre le idrossipatatite non ha problemi con temperature >45°C, la fluorapatite mostra di essere attaccabile meglio (industrialmente cosi' fanno) a temperature > 45°C.

Lorenzo
Avatar utente
By acerra99
#80620
Mentre la idrossipatite di calcio non ha problemi con temperature > 45°C, la fluorapatite mostra di essere attaccabile meglio (industrialmente cosi' fanno) portando le temperature al di sopra dei 45°C.
[font=Comic Sans MS]
>> Chissà se in futuro riusciranno a trovare una soluzione per ovviare a questo problema. [/font]
L'unica soluzione sarebbe meno fluoro. O provare a vedere che succede con lo iodio. far attaccare l'idrossiapatite con lo iodio.

Sostituire il calcio della idrossiapatite con iodio (artificiale Iodio apatite):
http://www.icsm.fr/Local/icsm/files/319 ... RSCAdv.pdf
http://link.springer.com/article/10.102 ... 2.95099.a3

Cambiando argomento, recentemente avevo letto questo articolo:
http://www.informarexresistere.fr/2014/ ... -indolore/

Speriamo non sia un fuoco di paglia come in quest'altro articolo di focus del maggio 2004:
http://www.focus.it/scienza/salute/e-gu ... o-le-carie (l'ozono, lo sappiamo da un po di anni ormai, puo' evitare la necessita' dell'otturazione solo per carie microscopiche.)
Ciao a tutti da Valerio

Ciao a tutti, sono Valerio e ho 35 anni. Soffro da[…]

Infatti ho detto che si rischia, non che tutti lo […]

AVOGADO TOSSICO?

Quello sempre, anche se bisogna poi vedere se sia […]

Grazie OPT! :D I tuoi post sono illuminanti. Dimo[…]

Libri di Arnold Ehret