Arnold Ehret Italia

Qui si possono discutere e richiedere riferimenti del libro riguardo alla risoluzione di condizioni non ottimali di salute

Moderatore: luciano

Avatar utente
By ricky66
#81218
luciano ha scritto:Credo che il problema dei denti venga prima dell'alimentazione.

Di fatto conosco persone che mangiano come la persona che definisci "l'ennesima arrivata" che stanno benissimo. :D


nella mia (e di altri ben più quotati colleghi) esperienza è l' esatto contrario.
se si ha la fortuna di nascere e crescere in una famiglia forte con alimentazione essenziale, la flora oro-intestinale sarà inespugnabile, e il metabolismo seguirà le sue ben collaudate dinamiche rigenerative senza intoppi.
i figli del mio amico cammelliere touareg, che vivono nel deserto del marocco, alimentandosi dei prodotti di capre e cammello,datteri e qualche vegetale, con un pane locale fatto a modo loro, hanno denti perfetti (come del resto il padre) .
la madre fermenta il latte appena munto nella pelle rovesciata di una capra... :lol:
i bambini dei villaggi,dove prosperano i "negozietti" della civiltà, hanno bocche semplicemente devastate.
idem per moltissimi marocchini "moderni" che vivono di thè superzuccherato, dolcetti e chili di pane fatto con lievito di birra. pance gonfie e bocche nere.
mi ha ispirato questo esempio il nickname dell "ultima arrivata". :wink:
se uno parte con questa base solida, con un flora primordiale che produce ampie quantità di B12 e K2 ad esempio, portà permettersi divagazioni alimentari alternative, tipo eliminare i prodotti animali.
per un pò.
bisogna poi vedere cosa si intende per "benissimo". quando inizi a fare qualche domanda e scavare appena sotto la superficie, cosa che se non sei un terapista è difficile fare, sovente quel benissimo si ridimensiona molto...
Avatar utente
By swami863
#81220
Ognuno ha sua via per arrivare a stare bene, fatta di Errori e Correzioni, atta anche di ....cambiare idea se è il caso.
Ma se siamo qui è per mettere in partica questo Sistema e non altri, almeno per ora.

Personalmente ho avuto in questi TRE anni dei benefici che nessun altro percorso mi aveva dato, è arrivato a trasformazioni che non avevo neanche messo in conto, dandole per croniche.

E quando ho avuto malesseri, non sono state le integrazioni con altri cibi o percorsi di guarigione, ma l' osservanza delle indicazioni di Ehret e la mia perseveranza che li ha fatti guarire.

Stellina, tornando a Te, spero Tu stia meglio .... :)
Avatar utente
By stellina3
#81222
Mah...neanche un po', anzi dopo questo post che procede sto pure peggio.
La strada della guarigione, della salute, è una strada che richiede tanta saggezza, conoscenza, coraggio, curiosità e tanto altro.
Questi discorsi che avanzano non hanno più molta utilità alla mia richiesta iniziale. Ricky, sarai un grande terapeuta, magari un giorno sarai ricordato come l'"Ehret del 2000", però la tua modalità di comunicazione, almeno virtuale, non aiuta. Ci sono testimonianze di tutti i tipi di gente che sta benissimo vivendo attualmente e da anni in un certo modo, ovvio magari è predisposta, ma appunto ognuno dovrà scoprire la propria..predisposizione.
Noi siamo qui, in questa parte di mondo ultra "civilizzato", non più nel deserto e nella foresta (per molti aspetti, purtroppo!) e abbiamo di fronte tutto, troppo, e a quanto pare siamo messi nella condizione di scegliere, osservare, essere costretti a pensare prima di mangiare!!!!! Pensare anche troppo!
Vi ringrazio tutti, vi saluto tutti.
Avatar utente
By swami863
#81224
Stellina infatti torniamo a Te, come ho scritto.

Ci vuole tempo, perseveranza, non scoraggiarti: non ho avuto problemi vaginali, ma di candida e intestino a gogò!
Come ho scritto sono al terzo anno e ho attraversato momenti difficili: tutti miglioravate da questo lato....io poco o zero.
Ho tenuto duro anche perché le alternative le avevo già provate Tutte e non avevano funzionato, con Ehret intanto avevo recuperato una Vitalità, una Serenità che mi ero scordata.
Forte di questo sono andata avanti.
Non so quando sia successo, è stato graduale: sono passata da un intestino paralizzato a evacuazioni quotidiane
Sono passata da un Prurito comparso all' improvviso e resistente a tutto a una scomparsa dopo mesi improvvisa.
Stellina datti tempo con correttivi che senti potrebbero andare bene ma senza scoraggiarti
Chiedi, domanda, informati, il sostegno tra noi non manca mai!....appartengo a quelle che negli anni accidenti se vi ho stressato :P

E poi chiedo, non che Tu debba rispondere qui: non è che c'è stato anche qualche fattore Emotivo a ridosso dell' insorgenza del sintomo ad innescare la miccia?
Quando comparve il prurito stavo vivendo sul lavoro un a situazione difficilissima, anche questa componente nostra incide
A presto!
Avatar utente
By Vega70
#81227
swami863 ha scritto:E poi chiedo, non che Tu debba rispondere qui: non è che c'è stato anche qualche fattore Emotivo a ridosso dell' insorgenza del sintomo ad innescare la miccia?
Quando comparve il prurito stavo vivendo sul lavoro un a situazione difficilissima, anche questa componente nostra incide
A presto!

Sono daccordo sul fattore "emotivo"... Potrei darti degli spunti su cui riflettere a riguardo, ma è un argomento un pò delicato e magari non troppo condivisibile per tutti... comunque, verificherei anche quel canino di cui parlavi all'inizio...
Avatar utente
By sandrod
#81241
stellina3 ha scritto:La strada della guarigione, della salute, è una strada che richiede tanta saggezza, conoscenza, coraggio, curiosità e tanto altro.

anche mettersi in discussione e tanta sensibilità nell'osservare le proprie reazioni, che hai dimostrato di avere e saper fare.
Mi sembra di capire che la musica faccia parte della tua vita, personalmente mi ha aiutato molto e continua a farlo ...

Dispiace perdere la voce di Riccardo qui sul forum, ma se così dev'essere, pazienza.
Avatar utente
By luciano
#81243
sandrod ha scritto:Dispiace perdere la voce di Riccardo qui sul forum, ma se così dev'essere, pazienza.
Dispiace anche a me, anche per lui che non abbia colto quello che gli ho detto spassionatamente.

Tuttavia, guardando gli avvenimenti da un punto di vista impersonale, le cose vanno come devono andare e tutto è perfetto. :D
Avatar utente
By acerra99
#81273
permesso?!... si può? Stellina vedi questi signori che fine hanno fatto fare al tuo post! Pure io sono qui per rispondere a loro e non a te! Consentimi.

Il famoso Michele, quello che verso la fine del 2003 mi fece vedere per la prima volta un focus di un dente devitalizzato, tra il 2002 e il 2003 qualche volta mi ha svegliato telefonandomi alle due di notte, perche' la situazione era drammatica e io ero l'ultimo appiglio con cui poteva evitare di andare al pronto soccorso. Una volta Barile nel 2002 mi chiese: "Ma io ho tolto a questa signora un'amalgama che era un puntino microscopico, e le reazioni inenarrabili sono istantanee, com'e' possibile?" Vari anni dopo leggo in tedesco vari libri che dicono e dimostrano che il dente infetto esercita la sua azione patologica perche' influenza la centralina di regolazione. come farebbe un microscopico corto-circuito di un paio di millimetri di lunghezza che comprometterebbe in qualche misura tutta la fornitura di corrente dell'edificio.

Il corto circuito da consumo di fruttosio, o di frutta, o di altri alimenti esiste. Non viene misurato come grado di disintossicazione che induce, ma proprio come corto circuito (si potrebbe dimostrare nei confronti della cellula in resistenza insulinica o fruttosinica; digressioni teoriche su effetti nei confronti del sistema mesenchima o anche della mucosa gastrointestinale non sono a me ancora note però). Siccome la cellula sta in uno stato di indisposizione rispetto a questa introduzione nell'organismo, questo funziona come un focus, un corto circuito che appesantisce il sistema.
Con Michele scoprimmo per tentativi che funzionava solo una dieta a basso contenuto di amidi e di frutta e di carboidrati. Seguiva le mie indicazioni ehretiste alla lettera, transizione con cavoli di bruxelles, fagiolini, raramente pseudo-cereali.
Ma una volta mi telefona e mi dice che avevo ragione, che la carne non gli dava il minimo segnale di cortocircuito, sta bene.

Ora da qua a dire che sono tutti come Michele ce ne vuole.
Però voglio prendere atto che il corto-circuito da consumo eccessivo di frutta esiste.
E in questi casi dovremmo ritornare allora ai cereali o alle patate? Certo (oppure 'sti caxxi!), ma poi l'esperimento cereali e patate sappiamo come va a finire.

Quindi una strategia con cavoli di bruxelles, fagiolini e simili, insalata, olive (scusate le inesattezze, per ognuno vale una cosa diversa ovviamente), poca frutta-fruttosio, moderando con avocado, cocco e qualche aggiunta non vegana mi sembra possa diventare un possibile esperimento di transizione.

Rimane attuale la domanda posta da Ehret. Ho notato che i vegetariani stanno male, cioe' anche peggio degli onnivori. Mi voglio concentrare su questo problema in modo da fare un lungo viaggio di autonomia. In fin dei conti io considero "ehretiano" chiunque affronti la suddetta questione del viaggio di autonomia. Il mio contributo sull'innesco focale indotto dalla cellula inceppata, se accettato, allargherebbe il range di "ehretiani" praticanti e appassionati.

Quando arrivai in germania fui ospite del Dr. Herms che allora era un medico della mutua ad Hannover. Pure lui mi disse le cose che ora sta sostenendo Riccardo. Io gli dissi: "Mi hai convinto, ma ora sto per andare per molti mesi in questo centro di Meditazione e la non c'e' proprio modo di fare quello che dici (quello che dice riccardo)". Pero' il suo consiglio era di non stressare l'apparato digestivo con carboidrati la sera. Infatti la reazione della centralina elettrica all'inghippo fruttosio viene scatenata soprattutto quando uno scoccia la cellula la sera (resistenza insulinica).
I monaci buddhisti non mangiano la sera. Indicazioni del Buddha. Sei monaco..? non mangi la sera! Questa e' la regola che tu hai voluto accettare. Nel centro di meditazione applicai questa tecnica. Conobbi anche dei russi che dicevano che da loro non e' rarissima come pratica. L'altra regole di quei monaci e' non dormire su materassi. Ora a me questo ha evitato di dovermi interessare al metodo Appim. Sono autonomo! (in quanto dormo per terra).
Poi andai in norvegia. Le condizioni climatiche avverse mi tennero motivato nel proseguire l'esperimento di non mangiare la sera.

Credo che lo spirito di Ehret e la domanda dell'autonomia non mi abbia mai lasciato. Anche se ero impegnato a fare altre cose. Pure io come il Dr. Herms e Riccardo voglio capire senza escludere niente. Chiaro, sulla domanda posta da Ehret vorrei affrontarla quanto piu' possibile sul versante vegetariano, però io credo al 100% ad un'amica che mi dice che ogni volta che ricomincia con la frutta le iniziano di nuovo a cadere i capelli.

Lessi vari articoli di un prof. austriaco che si occupa del digiuno serale e della resistenza della cellula al cibo nella seconda parte della giornata. Chi fa ogni giorno digiuno assoluto nella seconda parte della giornata (mangiando solo fino alle 15:00, per me e' diventato un solo pasto al giorno), sa che si sta impegnando nei fatti a far funzionare il veganesimo. Inoltre questo sperimentatore osserva che fa una disintossicazione assolutamente asintomatica. Per esempio (ma solo nei primi tempi) uno si sogna di mangiare chissa chè, e la mangiata e' cosi' intensa che la mattina si sveglia pensando di aver interrotto la regola! Ok, questa e' disintossicazione mentale, ma a livello fisico non avverte nessun fastidio. siccome non ha mangiato la sera non ha fame indotta. Siccome non ha mangiato la sera ha un sonno riposante, e' ottimista, pieno di energie, emotivamente libero!

Altre persone si impegnano nel loro fruttismo andando a fare jogging tutti i giorni. Il sollievo che ne traggono fa pensare ancora una volta allo sblocco cellulare operato dallo jogging. A me qui interessa mostrare che e' coinvolto un discorso di disponibilita' "cellulare".

Quello che io definisco un insulto elettrico, un corto circuito del sistema rispetto alla presenza focale del ... non so, non riuscire la cellula ad accettare in modo neutro il fruttosio.
D'altro canto la disintossicazione assolutamente asintomatica in molte persone avviene con l'uso della procaina sulle cicatrici e con l'aggiunta di zuccheri di verdure (ma non patate) e grassi del cocco, dell'avocado. Proprio perche' voglio rimanere sul fronte quanto piu' possibile non animale insisto sulla dieta chetogenica, per esempio ho incoraggiato questa persona qui trovandole spunti da libri inglesi acquistati da me per le ricette soprattutto con farina di cocco: Allontanarsi dai cereali:
http://silenteneve.wordpress.com/

C'e' pure la questione di principio del karma. Ma se uno si impegna e se la studia trovera' un'analisi piu' allargata e completa sicuramente. E c'e' la questione di principio del no ai prodotti animali. Io l'ho affrontata qui:
www.stampalibera.com/?a=27693

Non e' che difendo Riccardo e non difendo te. Io difendo chi vuole sperimentare.
Di solito mi sto zitto e difendo il mio esperimento a casa mia. Sono fortunato che posso sperimentare verso la totale autonomia. (Ehret.)

Quando si tratta però di liberare da dermatite il tuo bimbo con tonsilliti ricorrenti ti telefono e ti dico di far fare la neuralterapia delle tonsille. A dire il vero quando ti ho telefonato non sapevo ancora che il piccolo soffriva di frequente alle tonsille. Ma ti contattavo per dirti che Huneke, Adler e altri due o tre autori vedevano scomparire dermatiti con la neural terapia (procaina) delle tonsille. Pace all'anima di chi non ha voluto o non ha potuto per mancanza di tempo tradurre questi autori in italiano.

Quando si tratta di togliere denti del giudizio, mi rendo conto che bisogna andare dal piu' avanzato operatore, intellettualmente e tecnologicamente. questa la nostra interazione dell'ultima telefonata!

Sicuramente verranno poste domande o obiezioni a quello che io definisco un insulto elettrico, un corto circuito del sistema rispetto alla presenza focale del ... non so, non riuscire la cellula ad accettare in modo neutro il fruttosio. Sulle cause saremo tutti d'accordo: vaccinazioni, mucosa intestinale, infezioni, denti infetti o infiammati e focus della mandibola, amalgama...
Ovviamente l'ehretista spera che questa impossibilita' della cellula sia provvisoria, reversibile.
Mi posso immaginare Riccardo dire che questo danno e' spesso irreversibile, o almeno per molti anni uno deve fare la transizione dal versante con poca frutta e cereali, e la carne o le uova sembrano neutre rispetto a quell'inceppo.
Chi avra' ragione? Beh, qui diviene importante che le persone sperimentino in modi diversi. Obiettivo: mantenere l'autonomia e un'alta efficienza giorno per giorno (ma con un sogno!).
Avatar utente
By Gen82
#81275
Non so se possa c'entrar qualcosa con quanto affermi, ma io ad esempio ho qualche difficoltà e qualche problemino a seguito di una cena fruttariana..mentre per pranzo DESIDERO ARDENTEMENTE frutta di sera invece il mio corpo richiede verdura cruda con eventualmente qualche cibo mucoso come accompagnamento.. Ormai sono un anno e mezzo che non tocco cibo non vegan e tutto sommato non ne ho mai sofferto più di tanto forse anche perché nel primo periodo ho tamponato tanto coi cereali..oggi li limito a 2- 3 volte la settimana a cena, ogni tanto patate e più sporadicamente legumi(il corpo non me li richiede!).
A questo punto mi chiedo, volendo dar credito ai dubbi sollevati, se sia meglio per l'organismo, reintrodurre magari uova e formaggi allo scopo di ridurre l'introito di cereali.
Avatar utente
By acerra99
#81276
mi piace tantissimo quando scrivi: "... allo scopo di ridurre l'introito di cereali."
Perché senza questa frase ci si potrebbe attorcigliare in equivoci.
Avatar utente
By stellina3
#81284
Ok.
Spero che questo sia l'ultimo intervento che chiuderà il post.
Vi ringrazio uno per uno per ogni apporto. consiglio, supporto, spunto su cui riflettere, non sono più riuscita a rispondere singolarmente ad ognuno come avrei voluto.
Mi dispiace per tutto ciò che di spiacevole si sia sviluppato in un mio post.
Ora, arricchita (perchè per me ogni esperienza è arricchimento) da tutto ciò che si è svolto qui, ho bisogno di silenzio per ricomporre qualche pezzo.

Vi saluto!
Avatar utente
By valina
#81305
....posso? Mi scuso per il ritardo nella risposta spero non sia troppo tardi per esprimere quello che sento.
Prima cosa vi ringrazio per questa interessantissima discussione. Grazie davvero. Concordo con Stella: è una ricchezza quello che si è creato in questo post. Ne farò tesoro. I pensieri che mi ha scaturito sono questi:
    1. leggendo i consigli sulle uova l’ehretista ha un moto interiore molto forte perché, magari, proprio eliminandole una parte dei suoi problemi sono svaniti. E ora si sente dire di reintegrarle?! Probabilmente i clienti di Riccardo sono effettivamente guariti facendo come dice lui (magari sviluppando altre forme di problemi, chi lo sa), ma noi siamo clienti di Ehret e siamo guariti con Ehret :lol: Nulla toglie che un ehretista possa diventare Riccardiano e un Riccardiano diventare Ehretista, no? Ascoltiamoci, la risposta è dentro ognuno di noi. Tutto è perfetto così com’è. C’è gente che guarisce con il nulla: il semplice digiuno. (Ma questa è un’altra storia).

    2. c’è un problema di proliferazione esagerata da candida, è una bestiola come le altre che è in tutti noi, solo che le abbiamo dato modo di proliferare troppo, giusto? Non è lei che è cattiva, siamo noi che le abbiamo dato un buon terreno. Bene. Come l’abbiamo fatta venire la facciamo retrocedere sbilanciando il terreno a suo sfavore. Azioni possibili:
    Alimentazione: quella attuale evidentemente non aiuta la guarigione. Prova per 15 giorni a sostituire frutta con verdura cotta come suggerisce Riccardo (per le uova vedi tu) e modera le quantità di cereali. Se altri hanno trovato beneficio un fondo di verità c’è sicuramente in quello che dice Riccardo. Mi sembra che provare per 15 giorni non costi nulla.
    Movimento: prenditi un’ora al giorno per camminare, semplicemente camminare, corricchiare se te la, pensando che ti stai facendo un gran bene e respirando profondamente schiacciando con il diaframma e aggiungerei contraendo il perineo espirando (in modo da mandare alla candida un segnale che è tempo di sloggiare!)
    Chimica:vedi tu se stroncare la manifestazione con qualche medicina se ti fosse di aiuto psicologicamente. Argento colloidale spray l'hai già provato? Sta bestiola deve tornare a livelli normali, non ha scampo la attacchiamo da tutti i fronti.
    Rimedio dell’ingegnere :ribadisco lo zapper a cicli di 7-10 minuti di funzionamento e 15 di stop per almeno 3 cicli al giorno (possibilmente fissandolo sotto l’ombelico).
    spirituale: ama te stessa sapendo che meriti di guarire. Non gli altri. Te stessa. Da lì viene la forza ;)

    3. La decisione di Riccardo mi rammarica, ma così sia se è questo che deve succedere.

Ho scritto troppo son stata più prolissa che Acerra!! Passo e chiudo!

Stella ti voglio bene.
Avatar utente
By sibillina
#82040
ricky66 ha scritto:la frutta è una sostanza che induce un estrema disintosicazione, e secondo me dovrebbe essere usata con molta moderazione, specie di questi tempi di elevata concentrazione di tossine da acqua, terra e aria.

la frutta oggigiorno è ibridata, tutta, bio inclusa, per renderla più dolce possibile.
elevati zuccheri e fibre, sono il terreno ideale di coltura per qualunque situazione disbiotica, candida albicans in testa , è di fatto epidemico oggigiorno.
la frutta è estremamente YIN, quindi un suo eccesso , se associato a veddure crude e semi, molto Yin, crea problemi di pelle, infezioni croniche, carenze e malassorbimento di zinco e iodio, intossicazione da rame, con la conseguente "nebbia mentale" e problemi genitali.

le uova sono molto Yang, quindi contribuiscono a ribilanciare la situazione,e contengono vitamine di elevata biodisponibilità.
sarebbe opportuno associare circa un etto di carne rossa poco cotta, molto YANG, anche per ottenere le quantità necessaria di zinco.
i miei clienti che passano a 70% verdure cotte+ succo di carota + uova e carne/pesce normalmente rinascono.
è necessario eliminare i cerali e la frutta per alcuni mesi, o mangiare poca frutta "originaria", tipo le mele renette, acidule.



Non so se Ricky frequenta ancora il forum ma se lo fa potrebbe chiarire quanto scritto sulle uova?
Perché ho trovato quanto ha scritto in un'altra occasione:

ricky66 ha scritto:
mauropud ha scritto:Mi sembra di vedere troppi miscugli in quelle ricette, anche per chi inizia la transizione: io eliminerei totalmente il burro sostituendolo con olio EVO, poi le uova mischiate con formaggio e' un miscuglio mortale, almeno uno lo toglierei, se non entrambi. :wink:


confermo... se scegli di mangiare prodotti animali che siano più allo stato crudo possibile.
una volta cotti (specie il rosso dell'uovo ) sono davvero micidiali, altroché muco, qui ti ritrovi veleni rancidi nel fegato.


viewtopic.php?p=77017#p77017
Avatar utente
By stellina3
#82041
Io non credo...ma visto che mi hai richiamato alla mente il mio post posso AGGIORNARE:
NE SONO USCITA!!!!!
Senza uova e grassi animali. Anzi, la svolta definitiva è stato qualche giorno di astensione da qualsiasi grasso, anche vegetale!! Tanta tanta verdura e succhi di carota. E ora sono tornata addirittura a scorpacciate di frutta.
oh yess!!!!!! :D

Ho letto con interesse la tua esperienza per la pu[…]

Di solito il magnesio viene assorbito meglio, quan[…]

Clisteri o idrocolonterapia

Non ho mai avuto esperienza di idrocolonterapia, m[…]

Diario di Narayani

:)

Libri di Arnold Ehret