Arnold Ehret Italia

Specifico sulla transizione, per chiedere suggerimenti, chiarire punti del libro a riguardo, descrivere sintomi comparsi all'inizio o durante e tutto quanto può essere utile per fare la transizione senza sforzi considerevoli

Moderatore: luciano

Avatar utente
By Gen82
#81058
Qualcuno saprebbe dire se il polline è o può essere considerato un alimento per l'uomo?
Qualcuno lo descrive quasi come un super cibo altri dicono che e' uno stimolante al pari di cioccolato e caffè..
Avatar utente
By luciano
#81064
Gen82 ha scritto:Qualcuno saprebbe dire se...
Ti do una dritta.
Se leggi quanto scrivono sul polline troverai sempre delle opinioni in netto contrasto, come su qualsiasi altra cosa esistente sulla Terra e altrove.

E anche qui succede lo stesso.

La cosa migliore che puoi fare è documentarti tu stesso con i dati crudi, cioè non cucinati e speziati da opinioni, credenze, ideologie, ecc.

Un esempio di dati "crudi" è questo:

Composizione del polline

Il polline è anzitutto, per le api, una fonte di protidi, e a questo titolo entra nella composizione della pappa che viene distribuita alle larve.

Il polline è ricco anche di altre sostanze; la sua composizione media è la seguente:

protidi: 20% (amminoacidi liberi e proteine)
glucidi: 35% (provenienti dal miele)
lipidi: 5%
acqua: 10% - 12%

Come nella pappa reale, vi si ritrovano anche vitamine, oligoelementi, enzimi (amilasi, invertasi, alcune fosfatasi), sostanze antibiotiche attive contro tutti i ceppi di colibacilli e contro alcune salmonelle. Vi si ritrova anche la rutina, che è un bioflavonoide acceleratore della crescita, estrogeni e molti pigmenti che danno al polline il suo colore specifico.


Cerca ogni parola di cui non conosci il significato e documentati fino a quando ne hai piena comprensione.

A quel punto vedi se va bene per te. Che sia considerato cibo per l'uomo o meno è irrilevante. Chi fa la considerazione potrebbe non avere alcuna competenza in merito.

E così per ogni altra cosa. Ognuno deve farsi la sua propria conoscenza e valutazioni al riguardo.

Poi devi provarlo su te stesso, per vedere se i risultati corrispondono o meno a quanto hai appreso e valutato.

A quel punto non avrai più bisogno di chiedere ad alcuno, e non rischierai di accettare informazioni senza discriminarle.
Avatar utente
By Gen82
#81067
Luciano hai perfettamente ragione!!
Però nonostante questa consapevolezza istintivamente si cerca sempre la via più semplice..chiedere e "affidarsi" a chi già "sa". :(
La panoramica di Ienk

Il canino in necrosi è il 43, ho evidentemente sba[…]

Ho letto con interesse la tua esperienza per la pu[…]

Di solito il magnesio viene assorbito meglio, quan[…]

Clisteri o idrocolonterapia

Non ho mai avuto esperienza di idrocolonterapia, m[…]

Libri di Arnold Ehret