Arnold Ehret Italia

Moderatore: O.P.T

Regole del forum: Chi desiderasse fare leggere la propria panoramica (OPT) deve postarla qui.
Chi non avesse precedentemente ottenuto soddisfazione riguardo alla propria opt può aprire un nuovo post in questa sezione allegando la sua OPT, chiedendo che sia rivista dal moderatore e collaboratore di questa sezione, aggiungendo ulteriori dati richiesti che sono:
* una buona panoramica recente che si veda bene tutta e non a pezzi
* nome di battesimo (deve essere vero, non un diminutivo, un vezzeggiativo, uno inventato o un soprannome!)
*data di nascita
* storia clinica generale e dentale con eventuali correlazioni temporali, cioè se dopo una certa cura dentale sono insorti problemi di salute.
* se sono state già fatte operazioni ai denti dopo aver fatto la opt
E' necessario scrivere in maniera ordinata, ogni punto deve essere un paragrafo con uno spazio fra l'uno e l'altro.
Resta inteso che argomenti differenti dalla richiesta di una lettura della panoramica verranno cancellati, per mantenere razionalità nella sezione.
Avatar utente
By Erigeron
#84365
Buongiorno: ringrazio anticipatamente tutti quelli che vorranno rispondermi, senza fretta e senza obbligo!

Da dove cominciare? Ho quasi 42 anni e faccio iniziare la mia storia nel dicembre del 2010 quando, dall'oggi al domani, ho perso il lavoro, fatto che considero, a tutti gli effetti, come origine di tutti i miei mali. Dal 2012 intraprendo una vera e propria indagine sui tanti piccoli fastidi - piuttosto subdoli e apparentemente non correlabili tra loro - che via via sono diventati sempre più persistenti: orticaria, lombalgia, stanchezza, dolori articolari, congiuntiviti, disordine intestinale e depressione episodica.
Dopo la solita giostra di visite specialistiche, questa indagine si è conclusa pochi giorni fa con una diagnosi di Sacroileite Bilaterale e, quindi, di Spondiloartrite Sieronegativa (fase d’esordio della Spondilite Anchilosante).
Non penso sia utile descrivere nel dettaglio tutti i miei vari problemi: dico solo che l’infiammazione cronica alla sacroiliaca ormai mi impedisce di stare in posizione eretta per più di 5 minuti, tempo dopo il quale sopraggiungono forti dolori lombari… Credo che la cosa peggiore, tuttavia, non sia tanto il dolore cronico, quanto gli effetti che tale dolore ha sull’umore.
Per nulla soddisfatto dell’equipe reumatologica presso la quale mi sono affidato (tutto di quanto più ovvio ci si possa aspettare dalla medicina mainstream), ho deciso di non iniziare una terapia biologica di ultima generazione, ovvero un potente immunosoppressore che avrei dovuto assumere a vita. Da tempo ho deciso, invece, di migliorare l’alimentazione e di avvicinarmi allo yoga con risultati, sino adesso, decisamente apprezzabili. Sono, evidentemente, solo l’ombra di quello che ero un tempo: nell'ultimo anno sono passato da 73 a 62 kg (sono alto 1,69), ma non mi perdo d’animo e sono (forse stupidamente) convinto di riuscire a mandare in remissione la malattia.

Veniamo, dunque, alla ORTOPANORAMICA eseguita il 16/12/2015:

http://www.flickr.com/photos/136977658@N03/23209605933/

Il referto è il seguente: “Non si rilevano alterazioni focali con carattere di granulomi apicali-periapicali. Esiti di multiple cure endocanalari di entrambe le arcate”.

1) Più che porvi una domanda, inizio subito col chiedervi una conferma: sulla base delle interessanti informazioni pubblicate sul post di Lorenzo Acerra Denti del giudizio, quali i possibili effetti a distanza? intendo che i denti del giudizio sono "sempre" causa di disturbo per la regolazione biologica e potrebbero, pertanto, essere l’origine di tutti i miei problemi. Gli ottavi - direbbe Daunderer - fungono da “diga del muco”. Dovrei farli rimuovere al più presto.
Il 48 mi è stato estratto durante l’ultimo anno di liceo. Tra il 26 e il 28 si può parlare di affollamento dentale? L'immagine è come sfuocata... E forse c’è, addirittura, una corrosione che interessa il 28 e il 27? Il referto rx è negativo, ma mi domando se potrebbero ugualmente esserci serbatoi cronici d’infiammazione silente? E' possibile che il radiologo non abbia visto proprio nulla? Intendiamoci, non che io voglia forzatamente trovare qualcosa, ma sotto il 36 e il 26, ad esempio, non ci sono dei residui metallici? E tra il 36 e il 38 l'osso non appare spugnoso? Sotto il 37 c'è una fantasmatica macchia...
A proposito di Artrite e Spondilite Anchilosante, Munro-Hall scrive nel suo Toxic Dentistry Exposed: "The toxins that appear to have the main effect with these conditions are from infections and cavitations rather than metals. This does not mean that metals should be left in; they should be correctly removed as they exert a negative influence on health anyway, but the bacterial toxins appear to play the larger role in these conditions".

2) I denti devitalizzati: 26, 36 (l’unico non incappucciato), 37 45 e 46. Non capisco se il 25 sia devitalizzato o meno (vedo i residui di una canalare?). Tutte le corone sono state impiantate tra i 18 e i 25 anni circa.
Che dire? Più che una bocca, pare un cimitero di perni... Sospetto che sotto le corone, per dare più struttura ai cadaveri, i vari dentisti che negli anni mi hanno “curato” abbiano fatto abbondante uso di amalgama. Per il resto, non ho la benché minima idea di quali materiali siano stati usati. Palladio?

3) Ci sono poi le otturazioni. Il 47 è, evidentemente, una bella amalgama… ma le restanti mi sembrano eseguite con materiali, forse, non nocivi (es. 15, 16).

POSSIBILI CAMPI PERTURBANTI E ALTRE INFORMAZIONI
a) Una cicatrice sotto il mento di circa 3 cm causata da incidente in moto avvenuto nel 2008 (incidente in cui mi procurai anche una frattura composta del malleolo dx).
b) Una cicatrice di circa 4 cm da intervento chirurgico per ernia inguinale sul lato dx. L’ernia è stata riparata con una “pezza” di materiale polimerico anallergico, previa neurectomia affinché i nervi presenti sull’area trattata non s’imbrigliassero nella suddetta pezza tipo velcro. L’intervento ha avuto esito soddisfacente, ma la cicatrice si fa sentire di tanto in tanto, specialmente quando cambia il tempo. Urge neuralterapia: sospetto infatti che la ferita inguinale possa essere implicata nei miei vari processi infiammatori.
c) Una piccola, lattea e impercettibile macchia chiara sul pube: una vitiligine che negli anni non si è mai allargata.
d) I miei denti hanno un colore giallastro e presentano lievi striature orizzontali: all’età di 5 anni mi vennero somministrate delle tetracicline per curare una banale influenza (generazione tetraciclina...).
e) Ho trascritto i devitalizzati sulla cartina denti-organi: mi pare evidente come questi siano responsabili dei miei dolori reumatici e della lombalgia:

http://www.flickr.com/photos/136977658@N03/23216001384/

ALIMENTAZIONE
Da analisi eseguite nel novembre del 2014, risulto intollerante a glutine, lattosio, frutta secca e albume. Non faccio consumo di proteine animali, tranne che per del pesce, molto saltuariamente. Ho dovuto bandire anche le proteine vegetali, poiché erano causa di gonfiori fastidiosi e digestioni senza fine (il tempeh sembra, tuttavia, non crearmi particolari problemi). Al di là del glutine, sto transitando verso una dieta senza muco e, ultimamente, ho estromesso anche tutti i cereali e farinacei in generale: da qualche settimana il mio stato di salute è notevolmente migliorato; sospetto che la frequente assunzione di riso integrale mi abbia rovinato (è possibile?). Consumo regolarmente crauti e miso (quest'ultimo condito con zenzero e alghe wakame). Ho appena iniziato a bere anche del kombucha.
In definitiva, mi sto muovendo gradualmente verso il consumo esclusivo di frutta e verdura (quest’ultima preferibilmente cotta), traendo immenso giovamento dalla pratica di frequenti e brevi digiuni (per adesso solo 24 ore). Ciò che più mi aiuta è, però, consumare un solo pasto al giorno, anche se non sempre ci riesco. Grazie a questo forum sto venendo a conoscenza di pratiche e informazioni assai utili (vedi, ad esempio, il magnesio).
Non prendo medicine da anni, gli ultimi antibiotici mi sono stati forzatamente somministrati appena dopo l'intervento dell'ernia nel 2012. Le mie analisi del sangue sono quasi perfette. Gli unici valori fuori posto sono i seguenti: anticorpi anti nucleo ANA, 180, anziché <180, e Globulina alfa 2, 6.9, anziché compreso tra 7.1-11.8.

OBBIETTIVI
Si prospetta, dunque, un programma di estrazioni multiple: ma da dove iniziare? La mia idea sarebbe quella di rimuovere denti del giudizio e denti devitalizzati seguendo, ovviamente, un protocollo 100% V-Tox. Successivamente, vorrei evitare impianti permanenti, ma lasciare che i siti delle estrazioni si riprendano tranquillamente per poi, senza fretta alcuna, dotare la mia bocca di impianti mobili. Niente più corpi estranei, nemmeno PEEK e, per l'estetica, pazienza.
Sono ben consapevole del fatto che la masticazione verrà tragicamente stravolta e sono, più che altro, preoccupato per l’insorgenza di eventuali problemi di malocclusione e riassestamento della postura, ma pur di ritrovare la salute a questo punto mi farei estrarre ogni singolo dente...
Nel frattempo, ho contattato l'equipe - veramente gentilissima - dello Studio Barile, che mi ha chiesto l'invio dell'ortopanoramica. Lo studio, però, è ormai chiuso per le feste e se ne riparla a gennaio.

Vi ringrazio ancora per l'aiuto e vi auguro buone feste!
Avatar utente
By alexsurfer
#84376
Ciao,
affidati al Doc Barile punto!!

Estrai tutto, giudizio, devitali, amalgam e poi vedrai...

Per occlusione poi ne possiamo parlare!

Servira' anche un bel digiuno secco, ossia che si chiuda solo, in questo casao affidati a Bricchi o Manca.

Alimentazione elimina tutto glutine, aumenta crudo, solo tutto bio.

Tienici aggiornati

Per il PEEK puoi andare sul sicuro, non e' un corpo estraneo, ma si osseo integra con l'osso e Barile lo ricoprira' con le tue piastrine estratte prima dell'intervento.
Avatar utente
By O.P.T
#84379
Ciao Erigeron,
sono diversi giorni che osservo la tua panoramica ma non ho potuto scriverti prima perchè non ero ancora inscritto al forum.
Ti posso confermare che i tuoi problemi dentali sono una concausa molto rilevante dei tuoi problemi di salute.
Per prima cosa si nota come i denti ridotti peggio, sono tutti correlati al sistema intestinale, quindi confermo il discorso di cambio di alimentazione per diminuire lo stato di infiammazione di base del tuo organismo.
Ma queste sono tutte informazioni che puoi trovare sul sito.
Andando , invece, ad esaminare il quadro dentale te lo dividerò in diverse fasi che dovrai affrontare via via e metterle in relazione al tuo stato di salute.
Per spiegarmi meglio, una volta concluso il primo step vedi come stai e prosegui eventualmente col seguente , perchè te li metto in ordine di gravità.

PRIMA FASE.
Il tuo problema infiammatorio deriva principalmente dalla parte destra delle mascelle.
E' da li che bisogna cominciare.
E' presente una grossa osteite o cavitazione nella zona del 48, che hai estratto tanti anni fa che sicuramente è la zona più compromessa, và aperta e pulita.
Il 18 , forse in seguito al problema sottostante rappresenta un altro grosso problema.
Lo devi estrarre con una buona pulizia dell'alveolo.
Il 15 è un altro fattore di disturbo, probabilmente è in pulpite cronica parziale con probabili aree di necrosi.
Fallo aprire e se c'è una grossa necrosi fallo estrarre, altrimenti, come compromesso, lo fai devitalizzare

SECONDA FASE.
Aspetta qualche mese , utilizzando tutti i supporti di drenaggio che puoi e vedi come stai.
Otterrai sicuramente dei miglioramenti ma, se non sono sufficienti, fatti estrarre i molari devitalizzati dove si vedono i pezzetti di amalgama inglobati nell'osso facendo una rx di controllo dopo l'estrazione per controllare che non ci siano più e con una buona pulizia dell'alveolo. I denti in questione sono il 26 e 36.
Fatti togliere l'amalgama del 47 e se vuoi il pezzettino rimasto sotto l'otturazione del 16.

TERZA FASE.
Se ancora non sei soddisfatto fai estrarre gli ultimi denti devitalizzati o per lo meno fatti sostituire le capsule che hanno del metallo con delle capsule metal free , facendo controllare che sotto le capsule tolte non ci sia ancora dell'amalgama.

Questo è tutto per quanto riguarda la tua bonifica, sono convinto che la prima fase sia quella più importante per un miglioramento generale.

CIAO E AUGURI DA OPT
Avatar utente
By Erigeron
#84382
Ciao Alexsurfer, mille grazie per le dritte! Mi sto accorgendo, effettivamente, che il crudo è la soluzione, tanto semplice quanto efficace. Sopportiamo i dolori e aspettiamo Barile… :) Ti ringrazio! Erigeron
Avatar utente
By Erigeron
#84383
Ciao O.P.T.
Benvenuto, grazie per la tua risposta e per le tue interessanti osservazioni (io, come, avrai capito sono totalmente a digiuno in fatto di ortopanoramiche…): non avevo visto il puntino nel 16 e avevo completamente ignorato il 48, pensando fosse ormai un ‘caso chiuso’, anche se, proprio l’altro giorno, leggevo un post di Lorenzo Acerra del 2006 sul problema delle estrazioni degli ottavi e conseguenti cavitazioni, soprattutto inferiori - come nel caso del mio 48 - dove pare che la mandibola sia poco irrorata. Naturalmente, il mio 48 è stato estratto e subito suturato: nessuno - il sottoscritto in primis - si è mai preoccupato di controllare cosa stesse accadendo sotto questo… tombino! E il fatto che io stia avendo problemi a 40 anni per un dente estratto a 17 pare, dunque, rientrare in una casistica molto documentata. Ancora grazie! Erigeron
Avatar utente
By Erigeron
#84427
luciano ha scritto:Bene Erigeron, adesso come intendi procedere?
Sarebbe opportuno che ci tenessi informati del tuo percorso, giusto per beneficiare anche gli altri utenti, allo stesso modo in cui ne stai beneficiando tu stesso. :D


Ciao Luciano, grazie del tuo messaggio :)
Non passa giorno senza che io non aggiunga un tassello, a quello che ormai è, a tutti gli effetti, il progetto della mia bonifica: proprio ieri mattina sono riuscito a fare la cone beam (il cui referto, però, mi arriverà su un dischetto per posta, spero, presto). A feste concluse, dovrò inviare raggi e TAC a Barile di modo da fissare una visita. Grazie alla lettura dei post di questo forum e ai consigli di O.P.T., mi sono fatto un’idea piuttosto precisa di quello che c’è da fare, ma poi immagino che sarà il dentista a indicare le priorità, ad organizzare, come dire, una sorta di calendario. Vedremo… Ho un punto d’appoggio a Bologna, che da Alba dista ben più di 300 km. Non è vicinissimo, ma non è poi così male. Forse avrei potuto optare per la Pistacchio, sarebbe stato logisticamente più semplice, ma a questo punto preferisco andare ad Alba…
Per il resto non posso fare altro che accudire il mio corpo come posso :)
Avatar utente
By luciano
#84429
Grazie per le info.
Sulla Pistacchio meglio di no, mi pare che ci fossero stati alcuni riscontri negativi, poi non so, nessuno è perfetto, ma su Barile per ora pare che tutto sia ok.

L'unica incognita sono gli impianti in peek riguardo ai quali oltre a quanto decantato sul sito italiano Sisomm non ci sono però riscontri sui risultati a lungo termine, essendo una relativa novità, non ho cercato su altri siti.
Avatar utente
By Erigeron
#84444
Grazie per le vostre risposte :)

Sono concentrato sul problema delle cavitazioni e delle amalgame, di tanto in tanto cerco informazioni anche sul PEEK, avevo dato un'occhiata su sisoMM, che però mi è sembrato un po' di parte, nel senso che il PEEK viene presentato come affidabile al 100%, sotto tutti i punti di vista...
Nei giorni passati ho iniziato a cercare studi e articoli in rete (di modo da arrivare da Barile piuttosto informato), ma non è semplice, soprattutto per chi, come me, non è medico o chimico.
Certo, il PEEK sembra avere una reputazione molto buona e sarà anche “l'incredibile svolta per l’odontoiatria moderna“, ma resto dell'idea che - come peraltro si è già detto su questo forum - nel tempo non è possibile prevedere gli effetti di questo polimero sui tessuti ossei...

Queche giorno fa, per esempio, sono incappato in uno studio del 2007 - PEEK Biomaterials in Trauma, Orthopedic, and Spinal Implants - pubblicato dal National Center for Biotechnology Information (una ramificazione dell’Istituto Nazionale Sanitario americano). L'autore, fra l'altro, è citato nella bibliografia di un PDF in spagnolo che Lorenzo Acerra ha postato il 25 giugno 2015. Ecco il link - http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2040108/ - si tratterà sicuramente di uno studio ormai datato e, inoltre, non è specifico sugli impianti dentali, ma ecco cosa si legge:

"Sensitisation tests in accordance with ISO 10993-10-1995 showed no sensitisation, and gene toxicity tests showed no chromosome aberrations due to PEEK. However, concern has been raised about the inertness of PEEK and limited fixation with bone. Accordingly, increasing effort has been directed during the past decade to improving the bone-implant interface, by producing composites with hydroxyapatite, by coating PEEK implants with Ti and HA [idrossiapatite], and by creating porous PEEK networks for bone ingrowth".

In sostanza, si dice che il PEEK non è causa di sensibilizzazione e tossicità, ma che - tuttavia - il suo carattere inerte e la sua limitata capacità di fissarsi all’osso hanno destato attenzione (forse tradurrei "concern" con "preoccupazione"?). Si legge poi che sono stati fatti diversi tentativi per migliorare l’interfaccia ("interface") che riveste l'impianto in PEEK con componenti quali, ad esempio, il titanio e - più avanti - che la buona performance del PEEK è assicurata proprio dalla presenza di questi rivestimenti che possono essere di svariata natura.
Intendo, dunque che il PEEK non è mai puro, ma mischiato ad altri componenti?... SisoMM, per esempio questo non lo dice...

Successivamente, ho trovato questo interessante studio del 2014, sempre sul sito del NCBI - http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4013573/ - Anche qui si legge che il PEEK è biocompatibile, chimicamente stabile, radiotrasparente e ha un'elasticita del tutto simile a quella del tessuto osseo umano, ma è però biologicamente inerte, caratteristica che ne impedisce la buona integrazione col il tessuto osseo con cui viene a contatto dopo l'impianto ("preventing good integration with adjacent bone tissues upon implantation"), ma l'articolo, in sostanza, vuole arrivare a dimostrare che è possibile migliorare il PEEK con l'aggiunta di altri componenti, creando così una sorta di PEEK "armato" (es. con fibra di carbonio, titanio, idrossiapatite, ecc.).
Questo mi induce, dunque, a pensare che esistano diversi tipi di PEEK? Diverse formule che potrebbero quindi avere dei componenti sgraditi al nostro organismo?
Tutto questo per dire che si i ripropone l'angosciante quesito di sempre: "cosa" ci stiamo mettendo in bocca per i prossimi 20/30/40 anni?

Non so, sono perplesso e voglio continuare a informarmi, sebbene, ora come ora, lo scetticismo prevalga...

Ancora cari auguri di buon anno!
Avatar utente
By O.P.T
#84447
Ciao Erigeron,
possiamo fidarci di questo nuovo materiale , il peek , o no?
Fare immettere un materiale estraneo all'interno del nostro organismo è una scelta sempre difficile e rappresenta una incognita a lungo termine.
Penso che il Peek rappresenti sicuramente una ottima alternativa al titanio solo per il fatto di non essere un metallo.
Ma ci sono diverse incognite che solo il tempo ci svelerà.
Un impianto prima di tutto si deve integrare all'osso, diventandone parte, questo processo si chiama osteointegrazione.
Se non si integra sono tempo soldi e lavoro sprecato.
L'integrazione deve essere più rapida possibile per seguire le regole commerciali che tutte le altre linee di impianti seguono.
Se ti guardi in giro la protesi immediata su impianti è quella che va per la maggiore, ti sdento oggi e stasera esci con tutti i denti fissi!
Probabilmente il peek si integra con minore rapidità degli altri materiali e il mercato sta cercando una metodica per farglielo fare più velocemente cosi da poter essere competitivo con gli altri materiali e assecondare la fretta della gente di rimettersi i denti prima possibile.
E' un materiale che sta cercando di entrare nel mercato e quello è un grosso punto debole che lo farebbe sopravvivere solo per un mercato di nicchia, quello delle persone sensibili ad un materiale meno tossico.
Alle indecise basta presentargli i tantissimi lavori scientifici che il titanio è inerte per convincerli che è meglio un impianto subito utilizzabile invece di aspettare mesi per usarlo.
Cosa fanno allora i furbi? Lo ricoprono con altri materiali per velocizzare l'attecchimento compromettendo l'eventuale atossicità, una mossa che già ci fa capire come dietro ci sia solo la logica del guadagno.
L'idrossiapatite era stata già messa anni fa intorno agli impianti in titanio per velocizzare la loro integrazione, ma si rompevano (in bocca alla gente) e hanno trovato altre soluzioni, come sabbiatura o trattamento acido del titanio per aumentare la superficie fino alle più recenti soluzioni con anfratti nanometrici sul titanio.
La storia dell'odontoiatria è piena di esperimenti merceologici falliti sulle cavie umane.
Poi c'è il problema della durata, che è tutto da stabilire e che ha troppe variabili.
Mi auguro che questo materiale diventi una valida alternativa agli altri, soprattutto per la sua atossicità e che qualche produttore persegua la linea salutistica invece di quella pecunaria. :twisted:
L'unica cosa che ti consiglierei è di aspettare, considera che bonificando i due giudizi non avrai bisogno di fare impianti e, se seguirai ulteriormente nella bonifica, potrai comunque optare per una protesina in nylon.

Ciao a tutti!
Avatar utente
By alexsurfer
#84510
Ciao,
il buon Barile per aumentare osseo integrazione ti installa insieme all'impianto in PEEK del plasma proveniente dal tuo corpo, ossia con il tuo sangue prelevato prima dell'intervento, con una centrifuga crea delle garze di plasma, che poi saranno inserite intorno all'impianto.

Inoltre per 12 mesi non sara' messo in occlusion il nuovo impianti proprio per aumentare la osseo integrazione.

Io mi fido al 100% del PEEK apportato da Barile.

Ale
Avatar utente
By phidias81
#84937
luciano ha scritto:Grazie per le info.
Sulla Pistacchio meglio di no, mi pare che ci fossero stati alcuni riscontri negativi, poi non so, nessuno è perfetto, ma su Barile per ora pare che tutto sia ok.

Si potrebbero avere più info su esperienze negative, anche in privato se non é possibile in pubblico?
Avatar utente
By luciano
#84940
Ho confrontato 105 risultati della ricerca re "Pistacchio", ma non ho trovato nulla di negativo, a parte qualche link che porta a una pagina con l'avviso "il post non esiste".

In passato alcuni moderatori hanno cancellato post senza avvisarmi e quindi non mi è possibile sapere i contenuti dei post cancellati, né la ragione, motivata da cambi di punti di vista del moderatore stesso riguardo a specifiche situazioni.

Ho controllato i file di log del forum, ma dato che i log molto vecchi vengono eliminati automaticamente non ci sono dati a riguardo.

Mi pare che l'argomento riguardasse un unico caso, quindi considerando i molti riscontri positivi ci sta che una volta il dentista possa non avere completamente successo.

Fra l'altro non si ha a che fare con condizioni fisse o meccaniche, come per esempio cambiare il mozzo di una ruota di un'auto, ogni lavoro che viene fatto su un nuovo cliente è una nuova esperienza anche per il dentista più competente e volenteroso.
Avatar utente
By phidias81
#84941
Io ho trovato un paio di mal di testa legati a estrazioni, uno che già c'era e non é andato e l'altro che é venuto con l'estrazione. Ma non si hanno aggiornamenti sul decorso. Anche un appunto di Lorenzo che menzionava il fatto che usasse forza per le estrazioni

Congratulazioni per la perdita di peso e per la t[…]

Panoramica Matteo

Bene, ho tolto il 26(devitalizzato) e il 28 una se[…]

Diario di Narayani

Poi basta perché ogni volta che entravo in piscin[…]

Gli ultimi del contadino

Mai provato a essiccarli al sole? Non ho mai pr[…]

Libri di Arnold Ehret