Arnold Ehret Italia

Moderatore: O.P.T

Regole del forum: Chi desiderasse fare leggere la propria panoramica (OPT) deve postarla qui.
Chi non avesse precedentemente ottenuto soddisfazione riguardo alla propria opt può aprire un nuovo post in questa sezione allegando la sua OPT, chiedendo che sia rivista dal moderatore e collaboratore di questa sezione, aggiungendo ulteriori dati richiesti che sono:
* una buona panoramica recente che si veda bene tutta e non a pezzi
* nome di battesimo (deve essere vero, non un diminutivo, un vezzeggiativo, uno inventato o un soprannome!)
*data di nascita
* storia clinica generale e dentale con eventuali correlazioni temporali, cioè se dopo una certa cura dentale sono insorti problemi di salute.
* se sono state già fatte operazioni ai denti dopo aver fatto la opt
E' necessario scrivere in maniera ordinata, ogni punto deve essere un paragrafo con uno spazio fra l'uno e l'altro.
Resta inteso che argomenti differenti dalla richiesta di una lettura della panoramica verranno cancellati, per mantenere razionalità nella sezione.
#85350
Non c'è nulla di nuovo in quello che hai riferito.

Sei semplicemente andato da una professionista che non fà cavitazioni o che comunque non ha gli strumenti per fare diagnosi.
Non basta la dental scan ma ci vuole o il cavitat, l'eav, la kinesiologia,
associata ad una grossa esperienza .

Nessun professionista ti apre un osso o toglie un dente se non lo può giustificare.


L'incappuciamento rientra nella odontoiatria classica e sono d'accordo nel farlo.
Se però c'è già un interessamento osseo è tempo sprecato, e questo mi pare proprio che lei non sia in grado di vederlo visto che non ha visto gli altri siti focali.

L'unica giustificazione che ti posso dare a suo favore è che stia prendendo tempo per inquadrarti come paziente ma, da quello che dici, non mi sembra l'operatore che andavi cercando.
#85388
O.P.T ha scritto:Sei semplicemente andato da una professionista che non fà cavitazioni o che comunque non ha gli strumenti per fare diagnosi.
Non basta la dental scan ma ci vuole o il cavitat, l'eav, la kinesiologia,
associata ad una grossa esperienza ....

L'unica giustificazione che ti posso dare a suo favore è che stia prendendo tempo per inquadrarti come paziente ma, da quello che dici, non mi sembra l'operatore che andavi cercando.


Purtroppo avevo fatto delle considerazioni sbagliate. Molti utenti si erano trovati bene con lei, quindi davo per scontato che avesse esperienza sufficiente con le cavitazioni.

E' vero anche che già l'approccio a distanza della Pistacchio era stato molto diverso da quello di Zavarella e Barile.
Ma contavo sul fatto che visto che voleva fare solamente un intervento al mese, con il primo incontro avremmo potuto come minimo fare una diagnosi generale ed iniziare col primo intervento. Qualora non avesse visto cavitazioni, non sarebbe stata sprecata perchè avrei comunque potuto fare l'estrazione del 14, che invece lei ha ritenuto di non fare.

La visita in se stessa sicuramente è stata comunque positiva per i consigli che mi ha dato. Ciò che mi dispiace sono le 4 settimane di preparazione, ed il fatto di dover iniziare una nuova strada quando speravo l'uscita fosse vicina.

Probabilmente non è l'operatore che cervcavo, ma allo stesso tempo non credo stia prendendo tempo perchè non sembrava interessata a prendersi un cliente in più, vista la distanza e difficoltà logistica.

Sullo specifico del 14, due strani puntini, diceva che forse sono un ispessimento osseo, perchè molto esterni.

14-1.jpg
Puntini di ispessimento osseo?
14-1.jpg (64.33 KiB) Visto 395 volte


Per quanto riguarda questo buco nero, il più visibile di tutta la tac, suggeriva la possibilità di un falso positivo, sembrandole impossibile ci fosse un danno osseo là dove non fosse stato estratto un dente, e lo stesso si presentasse ancora vivo perchè sensibile al freddo.

14-2.jpg
Buco nero?


Nel secondo incontro al mio ritorno, le ho preparato un video di due minuti del dentalscan per essere sicuro di non mancati i punti esatti che avevano attirato la mia attenzione e non avevamo avuto la possibilità di discutere alla prima visita.

Nel frattempo ho fatto un video più completo del mio esame, e l'ho caricato su vimeo a questo link

https://player.vimeo.com/video/161053429

Quello che le ho mostrato era il dente 26 (minuto 0:56) che alla fine ha dichiarato potrebbe avere una piccola cavitazione che non ha nessuna urgenza, ed il 38 (minuto 2:44) dove dopo aver riflettuto 10 minuti ha detto che è sicura non sia una cavitazione.
#85389
Phidias81 ha scritto:Probabilmente non è l'operatore che cercavo, ma allo stesso tempo non credo stia prendendo tempo perchè non sembrava interessata a prendersi un cliente in più, vista la distanza e difficoltà logistica.


Appunto è quello che intendevo, non è interessata a prendersi una rogna in più visto che di lavoro ne ha :twisted:

Sei sicuramente un caso complesso, senza diagnosi precisa,intraprendente ma senza soldi...

Loro desiderano un paziente disinformato che faccia ciò che dicono e di tasca larga.
Ti presenti con i filmatini dei buchetti che ti trovato da solo, figuriamoci!

Non rispecchi il paziente tipo per un dentista :D :D
#85536
Nel frattempo sono ancora in attesa di trovare la mia strada.

Ho fatto il test EAV, e sono venute fuori molte cose.
Costituzione tubercolinica, infezione seni e tonsille, intossicazione da sostanze chimiche varie (ma non metalli pesanti), cicatrice appendicite focale, danni da vaccini (ma non mercurio).

Tra i denti 3 sono focali: il 46 è risultato il più urgente, mentre gli altri sarebbero il 18 e 48.

Allo stesso tempo la mia priorità è in realtà il 14, visto che il dolore si è intensificato e non mi lascia, ma ancora non ho chiaro se estrarlo o tentare un salvataggio visto che i pareri sono discordanti. Se dessi retta alle mie sensazioni lo estrarrei adesso, già ero pronto a farlo quando andai dalla gelataia, ma anche la prospettiva di salvarlo, se non ci sono cisti o danni ossei che è ancora in dubbio, è allettante.

Ho iniziato l'assunzione di un preparato apposito, e forse oggi inizio con la neuralterapia alle cicatrici.

Ancora sono alla ricerca di una persona a cui potermi affidare, nei limti del mio budget e senza code di attesa di 3 mesi.

Due giorni fa ho mandato mail a una 50 di dentisti olistici in tutta europa, diversi specializzati in cavitazioni altri no, chiedendo dei loro protocolli e di preventivi. Alcuni mi hanno già risposto. Interessante vedere come "il guru" inglese delle cavitazioni applichi in realtà un protocollo diverso. Un paio di altri invece mi dicono di fare altri tentativi e lasciare come ultima risorsa la chirurgia. Su questo continuo su un'altra discussione
#85540
phidias81 ha scritto:ma ancora non ho chiaro se estrarlo o tentare un salvataggio

Comprendo che i più avranno da ridire sulla rimozione dei denti. Il dentista classico ti dirà sempre che “si può tentare di salvare” il dente. E’ la parola “salvare” che fa il lavaggio del cervello, chi non vuole salvare quel suo piccolo dente, come se fosse un bambino con una fievole speranza di sopravvivere?

Anche la maggior parte dei professionisti sinceramente motivati non riescono a superare lo scoglio della rimozione del dente. La parola “salvare” agisce anche su di loro.

Viene “salvato” il dente ma non il paziente!

Da: http://www.medicinenon.it/il-dente-avvelenato
#85549
La tua ricerca è una cosa fantastica ,penso che nessuno fino ad ora abbia fatto una panoramica così grande di tutte le possibilità in Italia e in Europa sia dal punto di vista diagnostico sia dal punto di vista di chi possa fare odontoiatria neuro focale. Sarebbe bello poter confrontare e vedere i risultati.
#85559
luciano ha scritto:Comprendo che i più avranno da ridire sulla rimozione dei denti. Il dentista classico ti dirà sempre che “si può tentare di salvare” il dente.


E' vero. Se mi si prospettasse una scelta tra rimozione e devitalizzazione, scegleirei senza esitare l'estrazione. Ma se mi si dice che il dente è vivo, può essere salvato vitale, dal test EAV non c'è focalità, e mi si dice che non c'è danno all'osso (discutibile dal dentalscan) allora i dubbi mi vengono.

Allo stesso tempo in questo momento penso che l'estrazione sia ancora l'opzione pià sicura visto le incertezze.
Diversi prospettano non solo che ci sia una ciste, ma che i puntini di segnale traslucente nell'osso sia in realtà metallo, forse amalgama. Do dove possa esser venuto non ne ho idea, perchè solo il 46 ha avuto un amalgama dai miei ricordi. Magari un deposito mi tossine che il mio corpo ha scelto per qualche motivo di fare là? Boh


O.P.T ha scritto:La tua ricerca è una cosa fantastica ,penso che nessuno fino ad ora abbia fatto una panoramica così grande di tutte le possibilità in Italia e in Europa sia dal punto di vista diagnostico sia dal punto di vista di chi possa fare odontoiatria neuro focale. Sarebbe bello poter confrontare e vedere i risultati.


Come tu stesso dicevi in precendenza non sono il paziente standard. Forse un po' troppo ossessivo, ma visti i miei trascorsi negli ultimi 3 anni non potrebbe essere altrimenti. Il problema è dare un senso a tutte le informazioni che ricevo, perchè c'è chi mi dice di provare con le sanguisughe, chi dice che la dieta vegetariana-vegana-fruttariana è la causa e che sto in uno stato ossidativo lento, chi vede cisti, chi denti vitali.
Stessa cosa sui protocolli, antibiotici o non antibiotici? Senza punti, un punto solo con dreni ai lati, o tutto chiuso? Manuale, piezo o fresa? Il puzzle è parecchio complicato, e la soluzione probabilmente è nel trovare qualcuno di cui ci si fida indipendentemente dal protocollo.

Nel frattempo un dentista mi ha fatto notare uno strano segnale a livello osseo nel dente 16 che al momento nessuno aveva notato. Ad una indagine visiva non si vedono carie e null'altro, quindi non so se sia un errore della tomografia

Screenshot (6).png
#85871
Aggiornamento veloce della telenovela: tanta frustrazione!
Sono stato dalla Croata Romana Brnicic che si aggiorna alla paracelsus clinic, ma purtroppo non posso consigliarla al forum.
Non ho fatto niente, non mi è sembrata particolarmente istruita, probabilmente una buona dentista normale che non ti crea problemi di cavitazioni o devitalizzati, ma non a cui affidarsi per risolvere questi problemi.
Il sunto di forse 40 min di visita è stato: hai dei problemi di cavitazioni, devi trovare qualcuno che te li risolve... Ed io ero un pò così 8O dove essermi fermato lì apposta ed aver anche pagato la consultazione.
Alla fine mi ha dato (su mia richiesta, sennò neanche quello) il contatto di uno Sloveno che secondo lei fa cavitazioni, il DOtt. Hocevar vicino Ljubiana.
Questo ptrebbe effettivamente essere una opzione, nel suo sito ha una pagina sulle cavitazioni (che chiama infiammazioni), che linka anche alla home page.
http://www.ran.si/en/storitve/inflammat ... al-cavity/
Ha anche strumentazione stile Barile da quanto sembra, ma non so che protocollo segua.
Il problema è che poteva mettermi solamente ad Agosto, perchè ha detto che il mio caso era troppo complicato ed ha una lunga lista di attesa!

Quindi in sostanza anche questo un buco nell'acqua. Adesso sono in Romania con la mia compagna che è di qui, dove sembra che le cavitazioni non ci sia nessuno in grado di vederle nella radiografia, nè tantomeno di curarle.

C'è ancora una minima speranza perchè ho trovato una dentista che ha usato la parola "Cavitazione" senza che io la menzionassi e mi ha suggerito di fare il test EAV senza sapere che l'avessi fatto. Aspetto a vedere se mi sa dare il contatto di un chirurgo affidabile che possa aiutarmi.

In questo momento forse rimpiango il non aver aspettato altri tre mesi che alla fine ne son passati di più), pagato un po' di più e prenotato da BArile o Zavarella :(
#85895
Un po' di intrattenimento ogni tanto ci vuole, se non ci fossi io come fareste? :)
In queste settimane in Romania avrò fatto 6-7 visite da dentisti e chirurghi "alternativi" ma nessuno vede niente, è veramente tempo perso. A questo punto penso che le mie opzioni siano Hocevar, Barile o Zavarella. Il primo potrebbe essere conveniente, ha anche lui laser ed ozono, forse i prezzi potrebbero essere inferiori, ma non sensibilmente, sembra che usi procaina (estrapolato da una traduzione dallo sloveno Thus, for example, a single injection (.. local anesthetic without adrenaline ..) ma il problema è che non so sul lato diagnostico. Mentre da Barile e Zavarella so che le vedono perchè mi hanno risposto per mail e telefono, da lui no, quindi rischierei di aspettare altri due mesi e poi non le vedo.
Dalla mia esperienza personale direi che ancora prima che l'intervento in sè, il problema principale è trovare qualcuno in grado di diagnosticarle queste cavitazioni.
Penso che gli scriverò ancora proponendo di pagare il prezzo della consultazione per avere una consulenza online e conferma che vede qualcosa, sennò non ha senso aspettare ancora.
Dall'altra parte Barile è quello che dà più certezze, mentre da Zavarella avrei la comodità che è a Roma. Vi aggiornerò alla prossima puntata
#85897
Discussione molto interessante e complimenti per la ricerca che stai facendo!
Mesi fa mi sono messo a cercare informazioni per la diagnostica e cura delle cavitazioni, alcuni dentisti delle mie parti non le vedevano dalla OPT mentre Barile si... Poi però ho dovuto abbandonare tutto per una urgenza, una bella operazione per una ciste mandibolare grandina che mi ha ucciso i 4 incisivi inferiori, ho valutato alcuni dentisti delle mie parti e poi ho deciso di recarmi da Barile e ne sono super contento, alla fine ho speso più di alloggio che non di operazione.........
Essendo di Udine però mi interessa sapere il tuo parere dello sloveno :wink: anche se poi tornerò sicuramente da Barile per ConeBeam e per studiare gli eventuali impianti da fare. Quella volta oltre ad analizzare il sito operato guarderemo anche le zone degli ottavi :roll:
Ciao
#86619
Oggi ho fatto il mio "intervento". Vi sono mancato lo so!
Alla fine avevo scelto il Dr. Koch ad Herne in Germania per un mix di professionalità, tempi di attesa e costi.
Mi avevano fatto un preventivo estremamente dettagliato e proposto un appuntamento in tempi accettabili considerato il periodo estivo.
L'unico problema è che non è stato un intervento strettamente chirurgico come mi aspettavo.
In pratica ha aperto dei buchi su 5 posti (18,28,38,48,26), iniettato ozono, e "bruciato" con il laser (puzzava proprio di bruciato), e basta così. Nessun curettaggio, o apertura totale. Il tutto durato 20-30 minuti, + 1:30 di visita, discussione e preparazioni precedenti.
La cosa un po' mi preoccupava perchè qui sul forum ed in genere su internet non sembra esserci troppa fiducia di approcci non strettamente chirurgici.
Anche io mi aspettavo oggi di fare chirurgia+ozono+laser+plasma. Invece alla fine è stato solo ozono e laser. In pratica nel preventivo nelle voci della chirurgia si intendevano i buchi credo, ed il plasma era l'Ozono.
Vabbè, poi alla fine ho deciso comunque di fidarmi, visto che il dottore sembrava molto istruito e competente, e diceva che dalla sua esperienza questo è sufficiente per uccidere il 100% dei batteri e favorire la ricrescita dell'osso, e non è più necessaria la pulizia chirurgica. Inoltre mi avevano fatto pagare in anticipo e non aveva semso stare a riiniziare tutto il calvario e cercare un'altra opzione. Speriamo che effettivamente funzioni!

Dopo l'intervento ha confermato che avevo 5 cavitazioni, e che le più profonde erano 38 e 48 (seconda parte in scrittura)...
#86620
...

Il dottore ha usato anestetico senza adrenalina (era già specificato nel preventivo, non l'ho docuto chiedere io) e tutta la procedura è stata abbastanza indolore.
Per il 14 invece ha fatto una lastrina per verificare il possibile corpo estraneo, che non è uscito fuori, quindi probabilmente il segno nel Dentalscan era un Artefatto. Ci sono due puntini che riferisce essere solo un addensamento osseo (anche Pistacchio disse la stessa cosa!)
Inoltre dice che non c'è alcuna cavitazione nel 14 e che il buco che si vede nel Dentalscan è una normale cavità ossea.
Al che gli ho chiesto di estrarre comunque il 14, e lui si è dimostrato favorevole se ci fosse stata necessità, ma pensa che si possa ancora salvare senza devitalizzaziione nè estrazione. Infatti dall' X-ray fatto oggi si vede come ci sia un po' di carie sotto l'otturazione.
Questo per me è abbastanza incredibile considerato che circa 6 settimane fa avevo fatto incappucciamento con idrossido di calcio, cone ultimo tentativo di salvataggio. Con l'incappucciamento è sparito il dolore intenso a riposo, ma persiste estrema sensibilità e dolore alla masticazione.
Quindi tra due giorni ritorno per rifare forse per la 6° volta questa otturazione! Non è stato facile decidere perchè ogni volta che l'ho rifatto il dolore è ritornato, ma il dottore è sembrato estremamente positivo sulla possibilità di salvarlo!
#86621
Parte 3

Adesso sono un po' confso anche sul protocollo post, visto che non è stata una operazione vera e propria.
Il dottore non suggerisce nulla di specifico, ha detto che neuralterapia sarebbe stata necessaria per intervento chirurgico, ma non in questo caso. Niente ghiaccio, integratori o altre cose, pulizia normale, no sciaqui specifici.
Solo riposo, no sforzi per alcuni giorni ed evitare il sole.

Quindi pensavo di aspettare oggi semza prendere nulla che abbia alcool, e magari iniziare da domani con il Dentotox 16.

Anche sul cibo mi ha detto che posso mangiare regolarmente, ma io sono comunque a digiuno da ieri sera, ed almeno fino a domani mattina lo continuo.

Allegata la lastra fatta oggi, dove si vede anche un altro dente con una carietta sotto l'otturazione che mi ha consigliato di rifare al più presto.

Vadala_Davide_2016083.jpg
Vadala_Davide_2016083.jpg (195.28 KiB) Visto 121 volte


Immagine
La panoramica di Ienk

Dopo la panoramica ho rimosso tre delle 5 amalgame[…]

Congratulazioni per la perdita di peso e per la t[…]

Panoramica Matteo

Bene, ho tolto il 26(devitalizzato) e il 28 una se[…]

Diario di Narayani

Poi basta perché ogni volta che entravo in piscin[…]

Libri di Arnold Ehret