Arnold Ehret Italia

Discussioni su Arnold Ehret e l'Ehretismo. Possono partecipare tutti gli utenti iscritti che hanno letto il libro sulla "Dieta Senza Muco".
Non c'è posto per commenti su ideologie politiche, disinformazione, ecc, che possono trovare posto su altri siti pertinenti. Questo è il forum della dieta di Ehret.

Moderatori: luciano, Moderators

Avatar utente
By Drugo86
#85193
Buonasera a tutti! Sto bombardando il forum ultimamente, ed approfitto della disponibilità di tutti per chiedere aiuto su una questione che mi porto dietro da anni:le mani sempre fredde (estate a parte). mi fa impressione vederle viola e gelate anche nei mesi primaverili, qualcuno mi può dare consigli alimentari/comportamentali al riguardo? cosa aiuta la circolazione sanguigna?
Avatar utente
By Drugo86
#85203
Lavoro come fattorino da 5 anni, ogni singolo giorni fuori dal lavoro cammino per decine di km e vado in palestra 3 volte a settimana
Avatar utente
By luciano
#85206
Allora è un fattore di circolazione.

E se mangi bene, non fumi, fai esercizio fisico, non bevi tanti caffè, allora la panoramica potrebbe dare la risposta, le condizioni cardiache sono spesso influenzate dalla condizione dentale. Ricordati di aggiungere questo nella tua storia quando posterai l'OPT.
Avatar utente
By flib
#85210
Anche io soffro di mani fredde direi... da sempre.
Sono in dieta di transizione da 7 anni, pur con periodi alternanti tra il virtuoso e non :)
Attività fisica ultimamente poca, però mediamente faccio 20/30 minuti di camminata al giorno per andare/tornare dal lavoro; se capita di dover fare commissioni vado a piedi anche per 3/4 km al posto di prendere i mezzi pubblici.

Ho terminato lo scorso gennaio la rimozione dei denti "tossici" con relativa bonifica ossea.

Le mani sono ancora fredde.

Ho voluto riportare questa breve testimonianza per dire che dobbiamo sempre sperimentare.
Il rimedio per le mie mani fredde risulta ancora sconosciuto avendo già eliminato, credo, quelle che potevo considerare possibili cause.
Non mi arrendo, continuerò a sperimentare fino a trovare la soluzione e la salute perfetta come dice Ehret. :D
Avatar utente
By Drugo86
#85213
io mani e piedi .. da sempre. ma cammino per tantissime ore al giorno, sto sempre in piedi e ho sempre avuto un'alimentazione diciamo equilibrata, ad esempio ho sempre mangiato tanta frutta e verdura e pochissime schifezze. ho avuto per anni e fino a poco tempo fa problemi di stitichezza, vediamo se con sta benedetta OPT ed eventualmente una visita cardiologica di sistemare la faccenda "circolatoria", magari anche la dermatite, il mio obiettivo.
Avatar utente
By luciano
#85217
Il problema è comunque di circolazione.

Nel caso di flib a quanto pare i denti non la influivano non avendo notato cambiamenti riguardo alle sue estremità fredde.

Ma per escludere che i denti non siano la causa primaria anche nel tuo caso non rimane che aspettare fino a bonifica effettuata.

A quel punto se la causa non sono i denti, premesso che il sistema circolatorio incluso il cuore sia funzionante, intendendo con questo dire senza difetti strutturali, come per esempio un circuito di lubrificazione di un motore senza perdite e ostruzioni e relativa pompa perfettamente funzionante, occorrerà rivolgere l'attenzione altrove.

Anche l'aspetto psicologico andrebbe considerato, in particolare per quanto riguarda l'introversione, non tanto a livello sociale dove si potrebbe apparire anche molto estroversi, quanto sul piano delle emozioni dove invece si potrebbe essere effettivamente introversi.
Avatar utente
By Drugo86
#85221
Cioe se fosse un problema psicologico di emozioni interne come si dovrebbe agire? Lo stress è sicuramente una delle cause della dermatite, anzi credo mi sia venuta proprio per quella, visti gli attacchi di panico che mi prendevano in quel periodo. Da 4 mesi faccio meditazione trascendentale, cosa potrei aggiungere?
Avatar utente
By luciano
#85222
Da non fare mai te lo posso già dire subito: non andare da uno psicologo o psichiatra e affini.

Cosa fare invece non saprei dire così a freddo e senza informazioni.

C'è in giro di tutto, molte pratiche fanno girare in tondo senza portare da nessuna parte, altre come la M.T. richiedono però che la pratica sia protratta per lungo tempo, anni.

Lo "stress" è definita sindrome di adattamento e questa definizione già impedisce la sua risoluzione già per il presupposto che uno debba adattarsi.

Ciò che propone la "scienza" medica è di imparare a gestire le emozioni indesiderate adattandosi alla situazione che le fa scaturire, cioè in pratica imparare ad accettare situazioni indesiderate nelle quali uno si trovasse e non desidererebbe rimanerci.

Ma alla fine concludono che lo stress fa parte del vivere odierno e che l'unica cosa che si possa fare è imparare a gestirlo, in pratica imparare a convivere con un chiodo nel piede stabilendo a priori erroneamente che inevitabilmente non possa essere rimosso.

Per fare un esempio uno potrebbe fare un lavoro che non gli piace affatto e ovviamente si sente "stressato" dal primo momento che e se cliccate i nostri link o ci contattate vi mettete irreparabilmente nei guai il cartellino, se non appena si alza dal letto alla sola idea che sta per andare a lavorare.

La soluzione proposta di solito è quella di adattarsi accettando quel lavoro adducendo tutta una serie di motivi "logici" per cui si dovrebbe continuare a fare quel lavoro.

A questo si potrebbe aggiungere, e di solito è così, l'idea che non si riesca a trovare il lavoro che uno vorrebbe fare, al punto che uno manco lo cerca più, o che mettersi in proprio oggi è impossibile, ecc. e aggiungendo altra roba da macinare,

Vale in ogni campo della vita, come una donna che non volesse più stare con il marito in una unione ormai priva di valori affettivi per il fatto che il marito provvede alla sua sopravvivenza, o per evitare opposizioni dalla propria famiglia.

Ho conosciuto una donna che era in quelle condizioni che ha trovato il coraggio di andarsene e mettersi a fare le pulizie, e per quanto non le piacesse la sua sofferenza era ora inferiore che nella situazione precedente.

Alla fine ha creato una piccola impresa di pulizie, in continua espansione e le piace gestire la sua attività, e quando le chiedo come va con lo "stress", ora scoppia a ridere, quando prima mi diceva in continuazione che stress! non ce la faccio più... ecc.

In definitiva uno dovrebbe vedere cosa non gli piace nella sua vita, se sta perseguendo obiettivi non suoi o comunque contrari ai suoi desideri e agire di conseguenza.

A quel punto fine dello stress.

Congratulazioni per la perdita di peso e per la t[…]

Panoramica Matteo

Bene, ho tolto il 26(devitalizzato) e il 28 una se[…]

Diario di Narayani

Poi basta perché ogni volta che entravo in piscin[…]

Gli ultimi del contadino

Mai provato a essiccarli al sole? Non ho mai pr[…]

Libri di Arnold Ehret