Arnold Ehret Italia

Quando non sai dove mettere il tuo messaggio mettilo qui. Se devi fare delle battute, falle qui. Non sono permesse battute sulla dieta o sugli utenti.

Moderatore: luciano

Avatar utente
By Bamboo
#6686
fabiocarusox ha scritto: di dare (se ne hai voglia) qualche consiglio su come poter smettere. :D
Saluti...Fabio.

P.s. Benvenuto sul forum... :D


il consiglio è semplice..
basta non comperare più le sigarette e soprattutto non chiederle a nessun altro..sta tutto qui..più facile di cosi.. 8O :) l importante è volerlo davvero.. :roll:
bye...
Avatar utente
By tizzy
#6688
Beh, io non solo ho letto il libro, che trovo comunque validissimo, ma ho fatto anche il seminario (per ben 3 volte!!!) di Allen Carr ma ho ripreso a fumare lo stesso! Sono l'unica che ha fatto il seminario tre volte, tutti i partecipanti fumatori hanno smesso al primo. Tutto questo nel lontano 2005. Ormai ho perso le speranze.
Tiziana
By -Emy-
#6697
Bamboo ha scritto:chi non sa rispettarsi non sa rispettare...

Non e' vero.
Avatar utente
By luciano
#6698
tizzy ha scritto:Beh, io non solo ho letto il libro, che trovo comunque validissimo, ma ho fatto anche il seminario (per ben 3 volte!!!) di Allen Carr ma ho ripreso a fumare lo stesso! Sono l'unica che ha fatto il seminario tre volte, tutti i partecipanti fumatori hanno smesso al primo. Tutto questo nel lontano 2005. Ormai ho perso le speranze.
Tiziana


Mon centra la speranza. La cosa è molto semplice.

Se non smetti di fumare è perchè ha preso la decisione di fumare.

Ora hai preso la decisione di non fumare e se non ci riesci è perchè continui a mantenere la decisione di fumare.

Le decisioni precedenti hanno più forza di quelle posteriori.

Per smettere di fumare devi trovare quando hai preso la decisione di fumare.

Sembra un indovinello ma è così che funziona la mente. :D
Avatar utente
By mauropud
#6703
davideleo ha scritto:Mi colpii molto un articolo su Focus di anni fa che parlava della scoperta del gene della dipendenza da nicotina. Secondo l'articolo questo gene è associato a quello che chiamavano il "gene del superego". In pratica la predisposizione a prendere il vizio sarebbe geneticamente associata alla capacità di sottomettersi alle regole dell'ordine sociale.

Io credo che sia una delle tante fesserie della "scienza ufficiale" che deve sempre cercare di vendere questo o quel prodotto (in questo caso i "pasticci" genetici).
Io sono un felice ex fumatore nonche' felice di disprezzare le "regole dell'ordine sociale". Intendo dire che disprezzo tutte quelle "regole" che non vanno d'accordo col mio buon senso, mentre rispetto tutte quelle considerabili "regole civili", beninteso.
Io ho fumato per 16 anni tra le 10-15 e le 20-30 sigarette al giorno secondo i periodi, con punte di 40 al giorno in giorni particolari. Per tanti anni pensavo di smettere e per aiutarmi cominciai a fumare sigarette sempre + leggere, fino a quando arrivai a quelle ultra leggere da 0,1mg nicotina e 1mg di condensato. Questa situazione e' andata avanti per circa una decina d'anni se non ricordo male, ma non trovavo la forza di smettere perche' vivevo in un ambiente circondato da fumatori.
La svolta e' arrivata col mio trasferimento in Inghilterra nell'estate 2002, passando da un ambiente pieno di fumatori a uno dove i fumatori sono poco tollerati. A quel punto, complice anche il prezzo delle sigarette che qui mi pare sia circa triplo 8O rispetto all'Italia, ho deciso di smettere e ho smesso :D . Tra maggio e luglio 2002 sono passato da 1 pacchetto circa al giorno a zero. E non ho piu' fumato eccetto per un paio di sigarette una sera di ottobre 2002.
Credo sia molto piu' facile smettere se ci si trova in un ambiente di non fumatori. La dipendenza e' secondo me 100% psicologica: di fatto la sigaretta sostituisce il CIUCCIO che avevamo da bambini, ne' piu' ne' meno. E serve solo a trovare uno sfogo a stress, paure e frustrazioni quotidiane senza sfasciare roba in giro o iscriversi ad una palestra di pugilato o peggio andare ad ubriacarsi ogni sera come fanno qui nel nord Europa! :D
Dopo aver smesso mi sono stupito per come e' stato facile e indolore, senza mai avere la tentazione di ricominciare.
Devo ammettere che tutte le cose mi sono andate sempre meglio da quando ho smesso, cosa che aiuta perche' e' facile riprendere a fumare in momenti di depressione ecc., ma a me non sono capitati e ora credo di essermi disintossicato abbastanza per non ricascarci piu'.
In conclusione secondo me e' soprattutto una questione di volonta': se poi siete condizionati da un ambiente di fumatori, allora fate come me: cambiate il vostro ambiente e smettete! :D
Avatar utente
By luciano
#6705
Bellissima la tua esperienza Mauro! :D
Io in passato avevo un hobby particolare, collezionavo radio a valvole degli anni '20 - '30 e quando riuscivo a riparare un rottame di radio rimasta in qualche soffitta per più di 80 anni e la restauravo come se fosse appena uscita dal negozio, l'accendevo e ascoltavo quello che a me pareva un magico suono.
E mentre la guardavo soddisfatto e ascoltavo le note che uscivano dall'altoparlante, mi fumavo a lunghi tiri un paio di sigarette.
Poi ho capito che in effetti nel profondo non ero soddisfatto, e quella soddisfazione illusoria che suggellavo fumando, in realtà era un urlo di disperazione per non sapere esattamente cosa volevo dalla vita.

Cosa strana, quando incontro un'amica che fuma, a volte ancora le chiedo una sigaretta, come una forma di condividere il momento in cui siamo insieme a discorrere. :?:
Avatar utente
By tizzy
#6708
luciano ha scritto:
tizzy ha scritto:Beh, io non solo ho letto il libro, che trovo comunque validissimo, ma ho fatto anche il seminario (per ben 3 volte!!!) di Allen Carr ma ho ripreso a fumare lo stesso! Sono l'unica che ha fatto il seminario tre volte, tutti i partecipanti fumatori hanno smesso al primo. Tutto questo nel lontano 2005. Ormai ho perso le speranze.
Tiziana


Mon centra la speranza. La cosa è molto semplice.

Se non smetti di fumare è perchè ha preso la decisione di fumare.

Ora hai preso la decisione di non fumare e se non ci riesci è perchè continui a mantenere la decisione di fumare.

Le decisioni precedenti hanno più forza di quelle posteriori.

Per smettere di fumare devi trovare quando hai preso la decisione di fumare.

Sembra un indovinello ma è così che funziona la mente. :D


Lo so, Luciano, la mia era una battuta! Però non riesco a trovare il momento in cui ho preso la decisione di fumare! Mi ricordo solo che mi hanno convinto le colleghe di ufficio perchè a me non interessava proprio.
C'era un signore inglese che quando veniva a studio portava per tutte una stecca di Dunhill e così, avendo più o meno tutte 20 anni, abbiamo avuto la bella idea di migliorare la nostra immagine esteriore con le sigarette! Ti dirò che prima di comprare il primo pacchetto sono passati un sacco di mesi e poi, come tutti i fumatori, sono caduta anch'io nella trappola. Comunque nel nuovo ufficio dove sono ora, non si può fumare e quindi sono stata costretta a ridurre drasticamente (bisogna scendere al portone) senza però molta sofferenza. Ovviamente appena esco riprendo il mio solito ritmo. Inoltre non avendo orari sto facendo anche un pò di pasticci con la dieta di Ehret nel senso che mi capita di pranzare alle tre del pomeriggio quando in giro non si trova più nulla e con i minuti contati, e la sera, rientrando tardissimo non mi va neanche di lavarmi l'insalata e quindi magari scelgo un piatto di pasta (con qualche rimorso!). Sono un pò in difficoltà con l'organizzazione e in questo periodo ho anche fame! Cosa mi posso inventare? Grazie, Tiziana
Avatar utente
By luciano
#6709
tizzy ha scritto: Mi ricordo solo che mi hanno convinto le colleghe di ufficio perchè a me non interessava proprio.
C'era un signore inglese che quando veniva a studio portava per tutte una stecca di Dunhill e così, avendo più o meno tutte 20 anni, abbiamo avuto la bella idea di migliorare la nostra immagine esteriore con le sigarette!

Direi che è già un buon passo, per lo meno sai quando hai iniziato e hai pure la motivazione:
abbiamo avuto la bella idea di migliorare la nostra immagine esteriore con le sigarette!
Avatar utente
By zoe_bell
#6718
Ciao a tutti,

ragazzi, ho letto delle esperienze molto interessanti in questi post! Era proprio quello che volevo stimolare, farmi raccontare un po' come la vivete voi.

Io penso di avere in me il potenziale per poter smettere in qualunque momento. Quando vado a trovare i miei in campagna (loro non fumano), per 3 giorni non fumo una sigaretta e non mi mancano.
Quando vado in vacanza, spesso non tocco una sigaretta per 1 settimana e sebbene ogni tanto ci pensi, riesco a stare senza.

Chiaro, la routine di andare a lavoro in ufficio, di tornare a casa alla sera stimola la voglia di fumare. A volte mi rendo conto di quanto sono schiava del meccanismo ripetitivo. Mi voglio illudere di farlo per piacere ma in realtà è solo un riempitivo della mia insoddisfazione nel fare sempre le stesse cose (in linea di massima, intendo).
Luciano ha scritto una cosa in cui mi ritrovo molto: quando parla delle serate a riparare radio a valvole, ecco io faccio lo stesso con i lavori di cucito a macchina o quando mi cimento in qualcosa di creativo.
Mi butto a capofitto nel lavoro e quando finisco "mi premio" con un paio di sigarette. Ma mi premio perchè? Sono già soddisfatta del lavoro. Cosa voglio ottenere fumando?
Quello che uscirebbe fuori da queste domande, potrebbe stravolgere i miei punti fermi. Potrei rendermi conto che avrei voluto fare di più, che non mi basta quello che ho combinato.
Ma il fatto è che io ricordo che fumavo anche quando ero straordinariamente felice e spensierata, a scuola..o quando me ne sono andata via di casa a 21 anni..e cioè in periodi di straordinaria energia..

Insomma, non collego direttamente le sigarette alla frustrazione.
Più che altro io la vedo come una fatto di PIGRIZIA.
Avatar utente
By mauropud
#6752
luciano ha scritto:Bellissima la tua esperienza Mauro! :D
:D
Grazie Luciano, e' stato bello ritrovarsi finalmente senza il vizio in poco tempo!

luciano ha scritto:E mentre la guardavo soddisfatto e ascoltavo le note che uscivano dall'altoparlante, mi fumavo a lunghi tiri un paio di sigarette.
Poi ho capito che in effetti nel profondo non ero soddisfatto, e quella soddisfazione illusoria che suggellavo fumando, in realtà era un urlo di disperazione per non sapere esattamente cosa volevo dalla vita.


Gia', mi pare abbastanza tipico. Anch'io facevo cose simili fumando per "festeggiare" non si sa bene cosa.

luciano ha scritto:Cosa strana, quando incontro un'amica che fuma, a volte ancora le chiedo una sigaretta, come una forma di condividere il momento in cui siamo insieme a discorrere. :?:


8O
Io per fortuna non ci penso proprio a chiedere sigarette!
E' sorprendente anche per me, ma ai sento come non avessi mai fumato e come se la voglia di fumare sia la cosa piu' lontana da me che possa esistere! :D
Avatar utente
By arjs
#7333
Caspita ... da quando sono iscritto qui ... ho comprato un sacco di libri...
mi mancava pure questo ... (appena ordinato) mi sa che dovro' smettere per forza ... nn ho piu' soldi ahahahahah ... spesi tutti in libri ....... caso mai verra' un inverno rigido e non avendo da scaldarmi... verranno buoni
Buon tutto a Tutti
Avatar utente
By Tyler
#7334
arjs ha scritto:nn ho piu' soldi ahahahahah ... spesi tutti in libri ......

Bene così non compri più nemmeno le sigarette... :wink:
saluti...
Avatar utente
By Tenzin
#7335
Ciao Gabriella.
Non fare come ho fatto io che per smettere ho aspettato di avere una patologia derivata dal fumo.
La prima settimana seguito dal centro antifumo dell'ospedale, poi ho buttato via tutto cerotti compresi e non sono andato più.
Ce l'ho fatta da solo con la forza di volontà. E' pure vero che la avevo una motivazione forte ma devo dire che
conosco tanta gente (anche in famiglia mia) con problemi di salute derivati dal fumo che non smettono anche se provano di tutto. Ciò che manca è la forza di volontà.
Ciao e stai serena.
Avatar utente
By zoe_bell
#7471
Ciao Tenzin,

scusa se rispondo solo ora ma non avevo visto il segnale che c'erano dei nuovi messaggi in questo post.
Volevo ringraziarti per aver postato la tua storia, spero che ora tu stia bene :-)

Sto lottando in questi giorni. Ho preso la palla al balzo, l'occasione di una breve influenza. 2 venerdì fa mi è venuto mal di gola, poi febbre, raffreddore e tosse. E' da quel venerdì che non fumo. Io fumavo poco, 2, 3 sigarette al giorno, ma anche quel poco era costante..incombente in quelle due o tre cose che facevo; il caffè, il dopo cena, la pausa, magari l'attesa del treno, insomma era comunque una piccola dipendenza.
Ora che non fumo da due settimane, la parte peggiore l'ho passata. Spesso non ci penso nemmeno più.
Però so che arriverà il giorno, magari fra un mese, magari fra 2 mesi..che potrei avere una giornata no, un litigio, un problema ed allora sarà lì che si deciderà se la mia forza di volontà è forte abbastanza.

Per ora comunque va bene e sono felice di aver smesso anche se ho una fame da lupo e mangio banane in quantità, pane di segale con i pomodori secchi e olive (penso di aver messo su 2 kg come niente) ....ma pazienza, cosa mi importa, finita la tempesta iniziale avrò tempo di perdere anche quei due chiletti di troppo, ma senza l'"ausilio" del tabacco e del catrame!
La panoramica di Ienk

Dopo la panoramica ho rimosso tre delle 5 amalgame[…]

Congratulazioni per la perdita di peso e per la t[…]

Panoramica Matteo

Bene, ho tolto il 26(devitalizzato) e il 28 una se[…]

Diario di Narayani

Poi basta perché ogni volta che entravo in piscin[…]

Libri di Arnold Ehret