Arnold Ehret Italia

Un forum necessario in linea con il sistema di guarigione della dieta senza muco.

Moderatori: luciano, O.P.T

Regole del forum: Questo Forum serve per apprendere dati sulla bonifica dentale al fine di sapere poi cosa si vuole che il dentista faccia nella nostra bocca.
Non siamo un call center o un'agenzia che procura clienti ai dentisti.
La prima cosa da fare è leggere questo post, le regole del forum. E' obbligatorio leggerlo per non contravvenire le regole del forum, qualora venissero violate i tuoi post e infine il tuo account potrebbero venire cancellati. Il primo post che devi leggere è questo: Regolamento
#86375
Buongiorno a tutti,
nel percorso di pulizia e disintossicazione generale, mi sto prendendo cura anche della mia bocca secondo un approccio il più possibile olistico ed integrato, a cominciare dalla rimozione delle amalgame.
Circa 10 giorno fa mi succede una cosa particolare: inizio ad avere dolori notturni all'arcata inferiore dx che non mi permettono di dormire e che al mattino scompaiono. Mi rivolgo al mio dentista che mi pulisce una tasca sul dente del giudizio applicando i l'ozono ma le notti successive il problema persiste. Le mie gengive sono rosee, i denti non hanno carie e non ho sanguinamenti durante il lavaggio dei denti. Torno dal dentista che mi dice sospettare una nevralgia del trigemino e mi prescrive esami del sangue per verificare carenze vitaminiche e altro.
Sulle arcate inferiore e superiore di destra, sento particolarmente sensibili al dolore nevralgico i punti dell'arcata palatale in corrispondenza dei molari con amalgama e del canino inferiore che, di colore scuro da quando me ne ricordo, recentemente è stato verificato essere insensibile e che si è sviluppato un "toro" (escrescenza ossea) all'interno del palato in corrispondenza della sua radice di cui io non mi ero mai accorto.
Passati alcuni giorni, il dolore si fa insopportabile e dura anche di giorno. L'unico sollievo e tenere costantemente in bocca acqua a temperatura ambiente.
Ricontattato il dentista da cui torno il giorno successivo con una situazione in bocca ancora diversa. Il giorno prima avevo preso del magnesio per provare a vedere se mi attenuata un po' il dolore e, dopo un'iniziativa acutizzarsi dello stesso, era effettivamente sceso, con il risultato che al mattino, quando mi presento dal dentista, la nevralgia è scomparsa ma ho male al dente del giudizio dell'arcata superiore, che sembra "ballare" ed è dolente solo a sfiorarlo. Il dentista mi dice che occorre estrarre il dente del giudizio.

Cercavo un confronto su queste riflessioni:
premesso che a distanza di un giorno la situazione del dente del giudizio superiore è nettamente migliorata, sarei orientato ad attendere circa la sua estrazione e a proseguire la rimozione delle amalgame e a valutare più attentamente il cosa fare con il canino inferiore non reattivo (che, se non sbaglio, è collegato a fegato e cistifellea, organi sui quali ho avuto diversi problemi infiammatori nell'ultimo anno), oltre che a valutare gli altri denti devitalizzati che ho, perché immagino che già la rimozione di tutte le amalgame possa far emergere piechiaramente le eventuali altre problematiche.

Voi cosa ne pensate di questo mio approccio?
#86414
Prima togli il dente del giudizio, poi pensa al resto.

Se ti ha fatto male e ti ha dato una nevralgia è un grosso segnale, sicuramente una volta tolto il tuo dentista ti dirà che sotto ha trovato una infezione.

Ascoltiamo i segnali del nostro organismo e mettiamo da parte la paura delle pinze!
#86456
Grazie O.P.T. ,
ho atteso perché il dentista andava in vacanza e perché non mi era chiara l'evoluzione di ciò che mi è successo. Il dente del giudizio ora mi fa meno male ma rimane fastidiosa la masticazione, per cui al prossimo appuntamento, che sarà fra una dozzina di giorni, mi sa che lo toglierò.
Ho poi discusso con lui e valuteremo cosa fare, soprattutto per il canino per il quale probabilmente faremo una terapia canale, per il momento. La rimozione amalgame era già in programma e proseguiremo.
#86457
Qusealche domanda, O.P.T :
tu hai qualche ipotesi circa il perché di un'infezione al dente del giudizio superiore destro (il 18) che non è cariato? Può essere dovuto al fatto che circa un anno e mezzo fa si era rotto e la ricostruzione che allora mi era stata fatta è svasata verso l'esterno, per cui durante la masticazione appoggia solo sulla cuspide interna, unica superstite, e questo può aver inciso sulla stabilità del dente e creato infiammazione ed infezione a livello osseo? E perché il tutto parte da un dolore che pare una nevralgia del trigemino però localizzato sull'arcata inferiore?
Infine, nella preparazione all'estrazione, il dentista mi ha prescritto Zitromax. Il mio omeopata mi dice invece di stare solo su omeopatia e, se proprio ritengo, eventualmente prendere un antibiotico diverso, che lavori più nello specifico a livello osseo e con assunzione tramite iniezione. Tu cosa ne pensi?
Grazie per la pazienza e l'attenzione
#86498
Grazie Luciano ed O.P.T.
Sto per finire di leggere il libro di Ehret e l'ho trovato veramente illuminante e all'avanguardia su alcuni concetti.
Ora, pensando alla mia dieta attuale, direi che sono in transizione: per altre vie ho iniziato già da diversi mesi a ridurre e quasi eliminare diversi cibi che Ehret indica come produttori di muco. E devo dire che la sensazione costante di catarro in gola quando deglutisco, mi richiama all'eliminazione del muco in corso.
Un paio di domande però le avrei ancora e i futuro me ne verranno sicuramente altre:
1) il mio dentista mi ha prescritto esami del sangue e sono risultato in insufficienza sia di vitamina B12 che in vitamina D. Secondo voi la dieta Ehret consente di recuperare valori normali o devo fare qualche aggiustamento?
2) non mi sono chiare le quantità di frutta e verdura da mangiare. Questo può incidere sul giusto apporto delle vitamine?
3) domanda che non c'entra con i denti e per la quale magari mi indirizzare te gentilmente in altra sezione: recentemente mi è stata riscontrata un insufficienza venosa alle safeno. Ovviamente i chirurghi sentiti consigliano la safenoctomia e parlano di ereditarietà, cosa alla quale credo poco visto che nella mia famiglia non ci sono altri casi nelle due generazioni precedenti e, comunque, propendo di più per l'insorgenza di una causa scatenante... Sapete se la dieta Ehret può aiutare e magari risolvere il problema?
#86499
Credo che le tue condizioni di salute siano conseguenza di calcoli al fegato che impediscono l'assimilazione di vitamine e quindi il risultato negli esami mostra delle carenze Anche se le integrassi non cambierebbe nulla.

I calcoli epatici possono causare condizioni di circolazione insufficiente, ingrossamento
del cuore e della milza, vene varicose, vasi linfatici congestionati e scompenso ormonale.

Ti consiglio di fare il lavaggio epatico come spiegato nel libro di Andrea Moritz.

Inoltre se ci sono calcoli epatici, anche la dieta migliore non risolve diversi disturbi.

Ho appena fatto un lavaggio epatico, non me lo sarei mai aspettato, ma ne sono usciti parecchi incluso alcuni di un cm/cm e mezzo di diametro.
#87179
Grazie Luciano, ho letto solo ora la tua risposta perché non so come mai ma dal cellulare faccio fatica a visualizzare il forum. Ora ho ripristinato il PC e riesco meglio.
Sto leggendo proprio in questi giorni il libro di Moriz e lo trovo molto interessante. Appena lo concludo mi organizzo per fare un lavaggio epatico secondo il suo protocollo. Nel frattempo ho iniziato a fare con regolarita degli enteroclisma al caffé per iniziare a pulire fegato e cistifellea.

Ciao Andrea e complimenti per la tua guarigione. H[…]

Ciao a tutti da Valerio

Ciao e Grazie per il Benvenuto nel forum. Acquiste[…]

Infatti ho detto che si rischia, non che tutti lo […]

AVOGADO TOSSICO?

Quello sempre, anche se bisogna poi vedere se sia […]

Libri di Arnold Ehret