Arnold Ehret Italia

Qui si possono discutere e richiedere riferimenti del libro riguardo alla risoluzione di condizioni non ottimali di salute

Moderatore: luciano

Avatar utente
By Lena
#86477
Salve. Due anni fa avevo iniziato ad avvicinarmi al vegan-crudismo e, dopo una sola settimana di eliminazione dei cibi mucosi, ho avuto dei pesanti sintomi di disintossicazione, come un continuo senso di nausea, che si presentava soprattutto durante la notte, e ogni volta che mi recavo in bagno per rigettare il tutto, rimasi sorpresa nel vedere che mi trovavo di fronte solo ed esclusivamente quantità di muco. Forse sarà che sono partita troppo veloce col cambiamento dell'alimentazione?
Preciso, infatti, che non solo avevo eliminato totalmente i cibi mucosi, ma consumavo anche frullati durante la mattina, poi mangiavo insalate crude per pranzo alternandole con giorni di zuppe e/o polente-brodi vegetali, e per finire la sera mangiavo solitamente patate al forno perché, purtroppo, essendo inesperta, non so proprio cosa potrei mangiare per cena.
Comunque, dopo gli episodi di disintossicazione (che non accennavano ad arrestarsi), un po' a causa dello spavento, un po' a causa di amici e parenti che non accettavano questa mia scelta, beh, sono stata nuovamente costretta a ritornare ai cibi mucosi.

Ora, invece, ho intenzione di riprovarci, a causa di una continua stanchezza che mi assale soprattutto dopo aver mangiato, e lo faccio anche per dar sostegno a mia nonna, 84enne che da alcuni mesi soffre di emorroidi interne, le quali ormai non la lasciano vivere in pace e le procurano dolore specialmente quando è seduta.
Sapendo che io mangi le sue stesse cose (anche perché mi occupo di lei), diciamo che la cosa la spinge a seguirmi...però, essendo lei molto carnivora, non è molto facile farla ritornare ad una corretta alimentazione a base di frutta e verdura che ha consumato per i primi 30 anni della sua vita.
Tra l'altro sia lei che io non riusciamo a consumare la verdura cruda tutti i giorni, quindi ho pensato di consumarla, almeno 3 volte a settimana, con la cottura a vapore. Va bene?
Un altro problema è la dipendenza da farinacei, quindi ho pensato di mangiare pasta di quinoa e quella integrale di riso, e almeno una fettina di pane di semola, anche se, ovviamente, NON tutti i giorni.
Abbiamo iniziato da una settimana, ma per adesso io non ho riscontrato problemi di disintossicazione, e nemmeno mia nonna...anzi, la cosa strana è che lei ora defeca almeno due volte al giorno (le feci sono morbide e maleodoranti), però la cosa mi preoccupa visto che è sempre stata di natura stitica, tant'è che defecava solitamente una volta a settimana, e almeno una volta al mese aveva bisogno dell'aiuto dell'olio di ricino o delle pillole.
Preciso, inoltre, che tre anni fa è stata operata di tumore al colon, senza però la necessità, a detta dei medici, di non seguire nessuna terapia.
Ora va spesso a controllo proprio perché, secondo i medici, il tumore potrebbe ricompararile, ma lei da pochi mesi a questa parte ha problemi con le emorroidi interne e, sempre secondo i medici, non sono operabili.
In conclusione vorrei mettere in sesto il mio corpo e, ovviamente, anche il suo, però non so come interpretare questo suo improvviso scaricamento di defecazioni. Disintossicazione? Oppure sarebbe opportuno farla riprendere a mangiare con cibi mucosi per qualche giorno?
Scusate, ma dopo la brutta esperienza avuta con la disintossicazione tre anni fa, beh, ora vorrei andarci con i piedi di piombo, soprattutto perché sto facendo seguire l'alimentazione vegan-crudista anche a mia nonna. :(
Avatar utente
By Lena
#86482
Sì, in effetti da una parte il fenomeno è positivo, considerando la sua natura stitica, e poi le feci morbide le permettono di non sentire molto dolore alle emorroidi, come avveniva fino a poco tempo fa.
Mi preoccupa, però, l'odore nauseabondo (non ho mai sentito un odore così), quindi non so proprio come interpretarlo. Disintossicazione?
Inoltre lei, essendo stata colpita da paralisi ad una gamba molti anni fa, cammina solo per sedersi a tavola.
Il problema è che amici e parenti non vedono di buon occhio questo suo cambiamento alimentare, infatti non fanno altro che citare l'importanza (???) della carne e dei derivati, sebbene lei sia contenta di averli eliminati completamente (anche se, segretamente, credo ne senta la mancanza, ma è normale).

Comunque la cottura a vapore va bene? E, per quanto riguarda le emorroidi interne, riusciranno a disintegrarsi da sole col tempo?
Avatar utente
By luciano
#86483
Lena ha scritto:Sì, in effetti da una parte il fenomeno è positivo, considerando la sua natura stitica, e poi le feci morbide le permettono di non sentire molto dolore alle emorroidi, come avveniva fino a poco tempo fa.
Mi preoccupa, però, l'odore nauseabondo (non ho mai sentito un odore così), quindi non so proprio come interpretarlo. Disintossicazione?
Non solo da una parte, ma è assolutamente positivo. L'odore maleodorante da fogna è dovuto alla fermentazione e putrefazione delle feci che rimangono troppo tempo nell'intestino, ed è ultra positivo che escano fuori insieme a tutte le deiezioni dei vari batteri che creano la putrefazione.

Lena ha scritto:Il problema è che amici e parenti non vedono di buon occhio questo suo cambiamento alimentare, infatti non fanno altro che citare l'importanza (???) della carne e dei derivati
Ovviamente se parlano così non sanno e non capiscono niente di alimentazione. Vedi tu se dare ragione a loro o aiutare tua nonna.

Lena ha scritto:Comunque la cottura a vapore va bene? E, per quanto riguarda le emorroidi interne, riusciranno a disintegrarsi da sole col tempo?
La cottura a vapore va bene, la verdura cruda in questa particolare situazione è meglio evitarla.

Per le emorroidi non so se si disintegreranno, di certo miglioreranno.

Questo articolo potrebbe esserti utile: http://www.lucianogianazza.it/il-colon
Avatar utente
By Lena
#86485
La ringrazio, Luciano, per la spiegazione. Sono sicura che questa sia l'alimentazione corretta da seguire e, anzi, non m'interessa di quello che dicono amici e parenti, la cosa che mi preoccupa è che mia nonna possa farsi influenzare dalle loro chiacchiere.

Per quanto riguarda me, è vero che due anni fa mi sono lasciata prendere dalla paura a causa della pesante disintossicazione, ma è anche vero che ero inesperta e non sapevo assolutamente cosa aspettarmi. Infatti circa sei mesi dopo la brutta esperienza ho comprato il libro di Ehret per cercare di capire meglio la situazione, compreso un libro sui frullati di Viktoria Boutenko (l'unico che ho letto, per ora), solo che non ho più avuto la spinta necessaria di ricominciare.
Ora invece ce l'ho, non solo per far compagnia a mia nonna, ma anche per abbattere questa odiosa stanchezza che, ormai da mesi, mi colpisce subito dopo pranzo, rendendomi faticoso anche lo sparecchiamento della tavola.

Ho appena letto, comunque, l'articolo sul colon che mi ha passato. Santo cielo! 8O
Cioè...praticamente è catramoso? :?
Non oso immaginare come sia ridotto il mio, anche se per tutta la mia vita non ho mai toccato carne, se non alcune sporadiche fette di salumi e petto di pollo.
Spero di poter benificiare presto dei risultati positivi, riottenendo la giusta salute.

Una domandina: quindi tutte le schifezze mucose restano nel colon fino a quando non si cambia alimentazione? Ed io, come tutti gli altri, che pensavo che bastasse l'espulsione delle feci. :|
Avatar utente
By luciano
#86486
Il problema del muco prodotto dal consumo dei cereali è che si incolla alle pareti del colon e le feci passano in mezzo. Eliminandoli con il tempo il muco si stacca e viene espulso. Poi esce quello che è stato trasportato in tutti gli altri organi. Fegato, reni, ecc.

Dovresti rileggerti il libro di Ehret. Attentamente.

Riguardo ai cereali e per sostituirli leggi questo: Passare dai cereali agli pseudo-cereali

Ps: sul forum ci si dà del tu, siamo tutti sulla stessa barca, le formalità non si usano. :D
Avatar utente
By Lena
#86489
Sì, i cereali li ho già sostituiti con grano saraceno, quinoa, ecc..

In tutti questi anni di alimentazione sbagliata, però, non sono mai riuscita a spiegarmi una cosa: ho sempre mangiato pochissima verdura, molte schifezze con zucchero bianco e derivati, zero frutta (se non nei succhi di supermercato) e qualche sporadica fetta di salume o petto di pollo, ma...non ho mai avuto carenze di ferro.
Da dove riuscivo ad assumerlo? Dai derivati? 8O
Non credo che quella fettina di petto di pollo o di salume consumata una volta ogni 2-3 mesi mi abbia aiutata. :lol:
Comunque, dato che sono inesperta, da dove potrei assumere il ferro? Solo dagli spinaci abbinati al succo di limone?

Dovresti rileggerti il libro di Ehret. Attentamente.

Veramente non l'ho letto tutto, ma ho riniziato a leggerlo proprio da una settimana, per quel po' di tempo che ho a disposizione.
Ps: sul forum ci si dà del tu, siamo tutti sulla stessa barca, le formalità non si usano.

D'accordo! :D
Avatar utente
By Lena
#86504
Ti ringrazio.
Ora, però, sta subentrando un altro problema, dopo più di 10 giorni.
Per me sembra tutto normale, a parte il fatto di aver recuperato l'uso dell'intestino.
Il problema è mia nonna: è dimagrita a vista d'occhio in questi 10 giorni. I parenti l'hanno notato, e, siccome sono io ad occuparmi di lei, pensano che la faccia mangiare poco.

Mia madre, che invece sa tutto, mi ha chiesto di interrompere questa dieta, e di farla riprendere a mangiare carne e formaggi, come faceva fino ad una ventina di giorni fa.
Sinceramente ce la stanno mettendo tutta per farmi sentire in colpa, tant'è che ora non so più cosa fare.
Vorrei farle mangiare di più durante il secondo pasto dopo il pranzo, ma temo non sia sufficiente per farle prendere peso.
Comincio a pensare che, forse, per lei, essendo giunta ad una certa età, non ci sia più niente da fare per farle recuperare un'ottima salute. Altrimenti non si spiega il perché lei abbia perso peso mentre io no.
Cosa posso fare? :(
Avatar utente
By mauropud
#86505
Certo che ce ne vuole di lavaggio del cervello per ribaltare la realta'!

persona grassa = malata senza dubbio
persona magra = sana fino a prova contraria

Come sia possibile pensare che qualcuno stia male perche' dimagrisce la dice lunga sulla capacita' di certa gente di usare il cervello.
Avatar utente
By luciano
#86514
Tua nonna come sta fisicamente? Meglio o peggio di prima?

Quanto è alta e quanto pesa? Anche se non è rilevante, il cosiddetto peso forma è una balla, giusto per capire cosa intendono parenti amici e mamme per magro.

Lena ha scritto:Per me sembra tutto normale, a parte il fatto di aver recuperato l'uso dell'intestino.
L'aver ricuperato l'uso dell'intestino è un grande successo.

Tua nonna non sta dimagrendo. Il suo peso prima comprendeva muco, tossine e feci incistate. Ora sta riacquistando il suo peso reale, dato che andando in bagno ogni giorno ora sta buttando fuori tali veleni.

Purtroppo la maggior parte preferisce che uno sia grasso e malato, piuttosto che magro e sano. Vedi tu se vuoi sentirti in colpa perché la maggior parte delle persone è ignorante e fa di tutto perché tu ti senta in colpa. Sentendoti in colpa validi l'ignoranza.

Devi liberarti di questo tipo di condizionamento, e acquisire la certezza di ciò che costituisce la vera salute, altrimenti lascia perdere e che tua nonna segua un altro destino. Queste sono le due opzioni su cui puoi fare una scelta. Non puoi tenere il piede in due scarpe, altrimenti sarai sempre bloccata nel dubbio.

Arnold Ehret ha scritto:Ho avuto dei pazienti grassi che hanno eliminato dai 25 ai 30 chili di materiali di rifiuto di cui da 5 a 7 chili solo dal colon-costituiti principalmente da materiali estranei, specialmente vecchie feci indurite. Il cosiddetto uomo medio "sano" di oggi porta continuamente con sé fin dall'infanzia parecchi chili di feci mai eliminate. Una "buona evacuazione" al giorno non significa nulla. Una persona grassa e malata è di fatto un "pozzo nero" vivente.


Rileggi il libro.

Ciao Andrea e complimenti per la tua guarigione. H[…]

Ciao a tutti da Valerio

Ciao e Grazie per il Benvenuto nel forum. Acquiste[…]

Infatti ho detto che si rischia, non che tutti lo […]

AVOGADO TOSSICO?

Quello sempre, anche se bisogna poi vedere se sia […]

Libri di Arnold Ehret