Arnold Ehret Italia

Questa è la sezione dove ci si presenta. Prima di farlo, leggi attentamente la guida che vedrai quando aprirai il primo argomento.

Moderatore: luciano

Regole del forum: 1. Prima di tutto, leggi il Regolamento. In questo modo saprai come ci si comporta in questo Forum, al fine di avere un'esperienza piacevole per tutti gli utenti.

2. INCLUDI il tuo nome o nome utente NEL TITOLO del tuo primo post in questa sezione.
Appena arrivi su questo sito, fai sapere qualcosa di te, perché ti sei iscritto, se hai letto e studiato i libri di Ehret e quali. Leggi altro sui libri qui.

Qui può postare ogni iscritto, solo post pertinenti alla propria presentazione, nelle altre sezioni occorre aver prima letto e soprattutto studiato il libro Il Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco.

RIPETO: Ricordati di mettere il tuo nome o nick nel titolo del tuo primo post di presentazione. Continuo a vedere "Ciao a tutti!" "Nuovo arrivato!" e nella ricerca diventa poi difficile trovare chi l'ha scritto. Esempi di corretta presentazione: "Ciao a tutti da Mario", "Nuova arrivata - Maria85".
Avatar utente
By Barabba
#86990
Ciao, scrivo seriamente perché ho dei dubbi che non riesco a risolvere; la causa è la somma della mia ignoranza e delle informazioni che trovo su internet.

Care persone, il labirinto che si percorre quando è in gioco la salute farebbe rabbrividire i migliori matematici esistenti.

Io come molti di voi ho problemi di salute, correlati principalmente alla salute del mio intestino; questo è un dato di fatto che capisco con certezza dopo tante analisi, dopo diversi tentativi etcetera. Lo capisco perché lo intuisco, spero senza peccare di presunzione.

La cosa che mi lascia senza parole, e che mi disturba la possibilità di fare una scelta diciamo "corretta", è il fatto che sul web io possa leggere di persone uscite dal tunnel di una problematica in modi addirittura incoerenti tra di loro.
Rimanendo nell'ambito della alimentazione (perché nella sfera della guarigione sono passato dalla medicina tradizionale a quella omeopatica, da quella cinese a quella omotossigologica, alla guarigione secondo metodi alternativi o simili etcetera), rimango basito dalle informazioni che raccolgo attraverso lo stesso canale informativo con il quale vi leggo, cioè internet.

Leggo di persone uscite dal medesimo problema (ad esempio una rettocolite ulcerosa) utilizzando sistemi alimentari che stanno agli opposti tra loro. Permettetemi di dire che ciò è destabilizzante per chi legge, perché muoversi in questo senso diventa difficile.

E leggo di persone o metodi (chiamiamoli così) che determinano un risultato concreto, pur seguendo approcci completamente diversi. Non posso pensare che se è vera una cosa i fatti dimostrino che ne sono vere due. Sono estremamente confuso.

La confusione, nella mia ignoranza, aumenta poiché ciascuno adduce motivazioni che sembrano plausibili. Chi guarisce mangiando solo vegetali, chi limita i vegetali ai frutti, chi limita i frutti a solo alcuni; chi utilizza i cereali e i germogli oltre ai frutti, chi demonizza i cereali, chi dice che fa male questo e quello.
Chi sta meglio mangiando proteine animali (di qualità si intende, come vale per i vegetali), brodo di ossa, verdure e altri alimenti che si trovano in natura.

È difficile convincersi di cosa sia meglio, se non facendo un atto di fede e provando sulla propria pelle, cosa che comporta dei rischi ovviamente, a prescindere dall'approccio.

Io ad esempio sono molto attratto dal punto di vista del cibo da tre categorie: la frutta, la verdura e la carne. Meno dai cereali, dai legumi e dal pesce. Adoro il cervo in umido, con molta verdura e spezie, o la lepre con le mele. Sono cibi che adoro, e quando li mangio li ringrazio per il gusto ed il nutrimento che mi danno; rispetto il cervo e la lepre, li considero sacri per il fatto che mi sazino e che lo facciano con gusto. Adoro anche la carne cruda, anche senza condimenti. È un dato di fatto, che ovviamente riguarda me.

Non riesco a coniugare le informazioni che trovo su internet (tra cui la vostra, rispettabilissina), le altre completamente diverse, la mia attrazione spontanea genuina e rispettosa verso le proteine di origine animale.

Da quando mangio carne di provenienza selvaggia, ringraziando le bestie per il loro sacrificio, insieme a molta verdura, e frutta lontano dai pasti, ho riscontrato un notevole miglioramento di un insieme di sintomi che mi portavo dietro da molti anni; miglioramenti significativi come sensazioni, ma anche come risultati clinici, tipo esami del sangue.

Ma non so davvero se la strada che sto percorrendo sia quella giusta; leggendo le informazioni che date voi parrebbe di no. Però mi sento in forma e non ho più diarrea da mesi, ho molta energia e riesco a fare cose che anni fa non avrei potuto fare, tipo lunghe camminate in montagna.

Secondo voi è così sbagliato se stando meglio utilizzo per nutrirmi proteine di origine animale? Anche se adoro gli animali e considero sacro il loro sacrificio per darmi nutrimento? Come gli indiani di America adoravano i bisonti, o come gli Indios dell'Amazzonia adorano i ragni o i serpenti di cui si nutrono; o come le popolazioni indigene della Papua Nuova Guinea pescano i pesci, rispettandoli ma nutrendonese

Sono confuso amici, mi sembra che forse se ho un atteggiamento di rispetto verso la natura animale, sacrale, me ne posso nutrire; anche perché ho l'impressione di stare meglio. Ma magari sbaglio. Che suggerimento od opinione avete voi a riguardo?

Grazie.
Avatar utente
By flib
#86991
Ciao, da tutto quanto hai scritto io ho solo dedotto che non hai letto i libri di Ehret. Vedi, chi scrive qui e cerca consigli lo deve fare solo se ha letto i libri di Ehret e ne vuole mettere in pratica i principi. Se invece hai solo sentito parlare ed hai letto gli interventi sul forum allora significa che sei ancora indeciso su quale sia la strada da seguire.
Non si tratta di fanatismo, io stesso mangio ancora formaggi, uova e farinacei; sono però fermamente convinto che il percorso indicato da Ehret sia corretto. Come lui stesso afferma non si può cambiare alimentazione in maniera brusca da un giorno all'altro perchè i rischi possono essere maggiori rispetto a quelli di continuare la propria dieta ordinaria.
Detto questo, ti consiglio la lettura almeno del libro Il Sistema di guarigione della Dieta Senza Muco. Poi, una volta letto, ti aspettiamo qui per parlarne, per chiarire dubbi, per avere supporto, etc. :-)
Avatar utente
By Barabba
#86992
Ciao flib, grazie per la risposta.
Colgo l'occasione per scusarmi con i moderatori (o meglio con il signor Luciano, perché mi pare che sia il moderatore di praticamente tutte le sezioni) per avere intitolato la mia presentazione con un semplice ciao, mentre è scritto con chiarezza che non è il modo corretto.

Quindi flib per avere un'opinione o esprimere la mia devo necessariamente comprare e leggere almeno il primo libro della collana proposta qui? Perché a dire il vero di informazioni gratuite presenti su internet e riguardanti l'argomento è davvero pieno.

Lo dico senza volere sembrare scortese, ma se per ogni argomento interessante che trovo sul web dovessi comprarmi un libro per avere uno scambio di opinioni, dovrei avere più soldi di quelli di cui dispongo. :)

Se comunque fosse un requisito necessario per scambiarsi opinioni ditemelo, farò la mia scelta.

Il punto è la confusione che nasce dalle molteplici informazioni presenti, come ho già scritto. E la mia personale osservazione di popoli, tribù, culture che vivono a stretto contatto con la natura, in modo selvaggio (nella sua accezione più positiva che si possa avere). A me pare, ed è qui che la confusione aumenta, che dalla Namibia all'Amazzonia, dal Borneo all'Australia, etcetera, tutti i popoli che vivono in stretto contatto con la natura, selvaggiamente, conoscendola e rispettandola molto più di quanto si faccia nel nostro moderno modo di vivere, ne usufruiscano nutrendosi di radici, foglie, piante, uova, insetti, animali.

Quindi dei forti dubbi mi vengono, e mi sarebbe piaciuto avere delle opinioni a riguardo.
Se comunque le mie osservazioni risultano inopportune per il vostro modo di vedere le cose, o se è necessario comprare qualcosa per avere delle opinioni, come ho già detto ditemelo, cercherò altri luoghi dove potermi confrontare.

Grazie ed in bocca al lupo a tutti voi.
Avatar utente
By TheArt
#86995
Ciao Barabba, per il fatto che trovi informazioni discordanti su internet è perché ognuno di noi è diverso, e perché le malattie non hanno esclusivamente un'origine alimentare. (Vedi anche 5 princìpi della nuova medicina germanica). E anche perché le persone che scrivono probabilmente hanno fatto più cambiamenti nella loro vita per vincere la malattia e attribuiscono la guarigione solo al cibo.
A mio personale parere trovo che il tuo sia il modo migliore per nutrirsi di proteine animali. (Forse non è il massimo che la mangi cruda, spesso contiene parassiti che si sviluppano nel nostro corpo per decenni partendo dalla forma larvale).

Ad ogni modo la questione sta nel fatto che non sei obbligato a farlo, come invece sono obbligate le varie popolazioni e tribù da te citate, dato il loro habitat. Un alimentazione a base di frutta e verdura a foglia verde è comunque preferibile perché è quella più adatta al nostro apparato digerente. Ti suggerisco di leggere cosa ha da dire Ehret a riguardo e se cerchi bene online, non è necessario spendere soldi per venire a scrivere qui. Devi semplicemente conoscere ciò che Ehret sostiene.

Non me ne voglia Luciano, però è la verità, su internet si può trovare il libro principale di Ehret e anche se non sarà quello originale, con tutte le aggiunte iniziali e finali, è un buon primo passo.

Personalmente io mi sono avvicinato a questo forum dopo aver preso in biblioteca il libro di Sistema di Guarigione della Dieta senza Muco. (Non quella rivisitata, che aggiunge ad esempio al titolo "oggi", ma proprio quella standard).
Avatar utente
By O.P.T
#86997
La felicità di avere il libro originale fra le mani è una energia che secondo me non ha paragoni.
Si sta perdendo questo gusto, lo vorrei chiamare cosi.
Naturalmente ci sono alcuni testi che di questa energia ne hanno ben poca, ma quelli di Ehret sono impregnati di un qualcosa in più!
Avatar utente
By luciano
#87003
TheArt ha scritto:Non me ne voglia Luciano, però è la verità, su internet si può trovare il libro principale di Ehret e anche se non sarà quello originale, con tutte le aggiunte iniziali e finali, è un buon primo passo.
Lo so che ci sono in violazione dei miei diritti di autore.

Stai suggerendo di perpetrare il crimine, perché è un reato penale perseguibile d'ufficio.

Quando li trovo li faccio rimuovere dai vari siti che caricano i file illegali, è un lavoro senza fine perché di gente che non ha niente da fare dalla mattina alla sera è davvero tanta. Ho fatto anche chiudere più di un sito.

Da ciò che esterni pare quindi che anche tu abbia un file digitale e non un libro mio originale cartaceo. Dovresti quindi acquistarlo, o smettere di partecipare al forum, potrai comunque sempre leggere tutti i post.

Ti suggerisco anche la lettura di questa mia pubblicazione su Scribd.
Avatar utente
By luciano
#87004
Ciao Barabba,
L'argomento della sacralità della carne degli animali ecc. non è argomento di interesse per questo forum. Bastava che dicevi che ti piace la carne, ed era tutto quanto necessario.

Riguardo alla confusione, sì l'unico modo per togliersela è provare di persona a proprio rischio, non c'è altro modo. Anche perché quando uno riferisce che è guarito, non sappiamo se è definitiva tale guarigione oppure il mese dopo è ritornato il precedente stato di salute, di solito molti non riportano l'insuccesso.

Per aver scritto solo "Ciao" mi chiedo spesso se uno lo fa apposta o proprio non ci arriva a capire perché è richiesto di aggiungere il nome o nick. Nella finestra blu sopra ogni argomento è chiaramente evidenziato, pensavo di rendere il testo lampeggiante, ma mi pareva un'offesa persino per il più basso livello di intelligenza.

Ovviamente per partecipare, devi aver acquistato il libro e averlo studiano. Qui ci sono alcune ragioni esposte. Diversamente puoi limitarti alla lettura, oppure cercare altri luoghi dove confrontarti, anche perché qui c'è ben poco da confrontarsi, è un forum di supporto sul sistema di guarigione della dieta senza muco per chi la volesse mettere in pratica.

Riguardo al Sig. Luciano lascia perdere il sig., i forum sono informali.
Avatar utente
By Barabba
#87005
Bene, grazie per le risposte, cercherò di rispondere con ordine.

TheArt, la tua è una risposta che mi fa piacere ricevere, perché è argomentata. Forse il discorso che gli esseri umani che ancora vivono allo stato brado siano costretti a nutrirsi in un certo modo, mentre noi comunque ricchi occidentali abbiamo la possibilità di scegliere, va un pò in contraddizione con il fatto che spesso i punti cardine di una scelta si basano sul presunto fatto che noi siamo strutturati per alimentarci in un certo modo.

Perché chi meglio di chi vive in una condizione selvatica, in un mondo sicuramente biologico e biodinamico, può darci degli insegnamenti sul modo naturale e spontaneo con cui l'essere umano si nutre? Senza biobotteghe o business legati ad un argomento così delicato? Le scelte quando si fanno, sono perché si ha la fortuna di poterle fare, e questo porta ad un concetto di ricchezza, del quale personalmente sono contento; anche solo per il fatto che apro un rubinetto e mi esce acqua potabile.

Io non ho mai nulla contro l'intelligenza delle persone, e con le loro intuizioni, neanche ovviamente contro quella di Ehret; mi distanzio dagli idealismi, dai fanatismi, quello si. Cerco solo di raccogliere informazioni e di ragionare anche con la mia testa. E cerco di migliorare il mio precario stato di salute.

Anche io ho letto molti libri grazie alle biblioteche, ed oggi ho accesso a molte informazioni grazie ad internet. Così come sfrutto questo canale di informazione (questo forum) che condivido con voi attraverso smart phone o PC costruiti in Cina, fatti di materiali inquinanti, che sfruttano per funzionare le fonti di energia di cui disponiamo, tipo petrolio o carbone. Cerco di limitare la mia ipocrisia al fatto che magari cerco di mangiare biologico, ma partecipo all'inquinamento se sono qui a scrivere.

Dei parassiti non sono convinto, ma ti ringrazio. Feci anni fa un atto di fede con il programma di Hulda Clark, ottenendo zero risultati, ahimè. D'altronde in un secondo momento ho capito che chi ha la presunzione, facendo di tutta l'erba un fascio, di dire che propone la cura per TUTTE le malattie, forse pecca di presunzione. Ma ti ringrazio di cuore per il tuo suggerimento.

A O.P.T. vorrei dire che la sensazione di un libro tra le mani, il contatto e l'odore della carta, sono decisamente superiori alla fredda luce di uno schermo. Sono assolutamente d'accordo sulla diversa quantità di energia ricevuta. Però stiamo a scriverci su internet, e chi come me legge il forum lo fa attraverso la freddezza di un'apparecchiatura elettronica, non certo sfogliando un libro davanti ad un camino. E se il libro lo dovessi comprare lo farei tramite internet, utilizzando un sistema di multinazionali che producono tecnologia ed utilizzando dei sistemi di pagamento che arricchiscono chi di soldi ne ha già tanti, tipo le banche.
Solo per non giocare a nascondino nascondendosi dietro ad un vetro, guardo le cose come stanno.

Per Luciano, non ti è mai capitato di ascoltare musica (o di scaricarla) o di leggere qualcosa di interessante (come SINCERAMENTE sono gli argomenti di cui trattate) senza avere l'impressione di violare alcunché? A me sinceramente è capitato. L'informazione è libera, internet rende l'informazione libera ma confusa. Il mio problema è la confusione, non il diritto di autore che comunque rispetto. I fatti comunque parlano da soli.

Sul fatto che la sacralità del cibo, a prescindere dal cibo, non sia di interesse io dissento. Ne prendo atto ma dissento. Che si tratti di una mela, di una castagna, di una mora o di una lepre, la sacralità del cibo è importante a mio avviso. Perché rendendola sacra le si dà un valore aggiunto. La si gusta con più piacere, e a livello psicologico le si dà un valore diverso, importante. Questo secondo me è un insegnamento che non va trascurato, perché è fondamentale. E dico questo osservando culturale ancestrali, che rispetto allanostra possibilità di scegliere, rendono sacro il pasto di cui si nutrono per vivere.

Per avere scritto solo Ciao hai perfettamente ragione; ho sbagliato nonostante le indicazioni siano più che chiare. Ribadisco che me ne scuso. No, non l'ho fatto apposta, mi prendo dell'ebete come è giusto che sia.

Ok Luciano, allora cercherò altri luoghi per confrontarmi, anche se un pò mi dispiace. Non ho mai creduto in un ferreo monoteismo, e le ideologie ho imparato a tenerle distanti. Sinceramente mi auguro che in una discussione che tratta argomenti delicati in cui siamo immersi, come lo stato di salute, il confronto non sia unilaterale.

Porgo le mie scuse se sono stato inopportuno e cerco altri luoghi in cui navigare, sapendo perfettamente che per navigare sfrutto energie inquinanti e sistemi di produzione inumani.

Saluti ed in bocca al lupo a tutti!!!
Avatar utente
By luciano
#87006
Non è richiesto scusarsi, non serve, qui almeno.
Riguardo alla sacralità del cibo, so benissimo di cosa si tratta, ho vissuto insieme a Nativi dell'Amazzonia, per un periodo purtroppo breve, e conosco i loro riti di ringraziamento.
Prima di tutto cacciano gli animali personalmente, li uccidono li squartano, mangiano la loro carne e utilizzano ogni singola parte del corpo, non sprecano nulla.
Ho una bella pipa da cerimonia fatta con un osso di scimmia, per esempio.

Se tu non stai facendo tutto questo, stai mettendo in atto solo una pantomima.

Io non ho detto che "la sacralità del cibo, a prescindere dal cibo, non sia di interesse", non è argomento che interessa questo forum, nel senso che non ce ne occupiamo, lo scopo del forum è solo di aiutare gli utenti a praticare il sistema di Ehret secondo le sue direttive. Punto.
Barabba ha scritto:Non ho mai creduto in un ferreo monoteismo, e le ideologie ho imparato a tenerle distanti. Sinceramente mi auguro che in una discussione che tratta argomenti delicati in cui siamo immersi, come lo stato di salute, il confronto non sia unilaterale.
Questo non centra nulla con gli obbiettivi di questo forum, che come ho detto prima è specifico e tratta solo argomenti specifici.

Non ci sono ideologie in ballo, né monoteismi, e come ho detto in un post precedente non è un forum dove ego di varia natura si confrontano, è solo di supporto, come, esempio che faccio sempre quello di Firefox, non gliene può fregare di meno di quanto è bello IE.

Non mi resta che augurati buona fortuna nella ricerca di altri luoghi dove confrontarti.

Non è necessario che risponda a questo post, sarebbe pleonastico, ci siamo detti tutto.
Adios.
Avatar utente
By TheArt
#87007
luciano ha scritto:
TheArt ha scritto:Non me ne voglia Luciano, però è la verità, su internet si può trovare il libro principale di Ehret e anche se non sarà quello originale, con tutte le aggiunte iniziali e finali, è un buon primo passo.
Lo so che ci sono in violazione dei miei diritti di autore.

Stai suggerendo di perpetrare il crimine, perché è un reato penale perseguibile d'ufficio.

Quando li trovo li faccio rimuovere dai vari siti che caricano i file illegali, è un lavoro senza fine perché di gente che non ha niente da fare dalla mattina alla sera è davvero tanta. Ho fatto anche chiudere più di un sito.

Da ciò che esterni pare quindi che anche tu abbia un file digitale e non un libro mio originale cartaceo. Dovresti quindi acquistarlo, o smettere di partecipare al forum, potrai comunque sempre leggere tutti i post.

Ti suggerisco anche la lettura di questa mia pubblicazione su Scribd.


Il libro di Ehret tradotto in italiano l'ho visto in un sito mesi fa, ho detto semplicemente questo. Il fatto di scaricare su PC i vari pdf è una scelta personale che non stiamo qui a commentare. Di certo io non mi metto a dire: "scaricate tutto e non comprate niente". Se una persona non ha alternative, ma vuole provare a guarire, non penso abbia altra scelta. Quel pdf tra l'altro era meno completo di quello della mia biblioteca.

È vero, non ho acquistato il tuo libro Luciano, semplicemente perché qualche anima pia lo ha donato alla biblioteca anni fa e io ho la possibilità di consultarlo quando lo reputo necessario. Spero che quello non sia una violazione dei diritti d'autore. Comunque grazie a questo libro ho migliorato me stesso, ho conosciuto il forum e ho partecipato nell'ottica di portare valore aggiunto alle informazioni che ci sono qui. Se reputi che io non possa scrivere alcunché qui, semplicemente metti il mio account in "sola lettura". Io non lo condivido, però il forum è tuo giustamente.

Capisco perfettamente la tua necessità di monetizzare, anche perché un libro è una buona rendita finanziaria per un bel po' di anni. C'è da segnalare che in questo periodo ci sono strumenti anche migliori per far questo, che si basano sulla condivisione della conoscenza (legalmente). Io ne sto utilizzando uno in particolare, se ti interessa sarò felice di aiutarti.
Avatar utente
By luciano
#87008
Se consulti una copia legale in biblioteca va benissimo.
Purtroppo il livello di responsabilità e comprensione di una buona parte delle persone è molto basso. Siamo al livello "ho fame, non ho soldi quindi rubo al supermercato".

La vendita dei miei libri è il mio lavoro. Ora immagina la reazione di quelli che dicono che la conoscenza non appartiene a nessuno e con questo giustificano la violazione di qualsiasi diritto, se si ritrovassero con il loro stipendio ridotto, perché qualcuno se ne prende una parte con la prima scusa che gli viene in mente.

TheArt ha scritto: C'è da segnalare che in questo periodo ci sono strumenti anche migliori per far questo, che si basano sulla condivisione della conoscenza (legalmente). Io ne sto utilizzando uno in particolare, se ti interessa sarò felice di aiutarti.
Sono disposto sempre a migliorare, se vuoi scrivimi per email.
Avatar utente
By Barabba
#87012
Ciao Luciano, mi dici che non è necessario che io risponda alle tue affermazioni; però lasciami il tempo di farlo, dopodiché non dirò più nulla, te lo assicuro.

Mi dici che se non caccio gli animali faccio una pantomima, ed in effetti hai ragione. Mi affido a chi li caccia, che sa quali animali vadano cacciati e quali no. Non cacciano cuccioli, o femmine gravide, cacciano quegli animali che in un modo o nell'altro farebbero una fine meno infame di essere investiti da un'automobile, ad esempio. Mi affido a persone che anche nel nord ovest della nostra penisola sanno cosa cacciare, rispettando i cicli della natura, che cacciano magari con un arco, o che pescano avendo avendo consapevolezza ed estremo rispetto per la natura. Un rispetto importante, doveroso. Esistono queste persone.

Non tutti i cacciatori sono uguali, non tutti gli allevatori sono uguali. Come scelgo chi mi coltiva le verdure o la frutta in modo biodinamico, scelgo chi mi procura le proteine animali in modo biodinamico. Io scelgo di benedire il cibo che ne ricavo, a prescindere dal cibo. E questa azione ritengo che mi faccia bene; o comunque ritengo che sia meglio che agire inconsapevolmente.

Una cosa però: parlare di crimine quando ci si riferisce a ricevere informazioni da internet...forse è troppo. Legalmente si può parlare di reato, ma il crimine lo lascerei per quelle spiacevoli situazioni per cui il termine è adatto. Capisco l'interesse, ma il crimine io non lo vedo.

Riguardo all'Ego, argomento che mi incuriosisce, e che mi fa sentire piccolo, andrebbe considerato anche su questo forum; perché io di Ego ne leggo parecchio.

Capisco che gli obiettivi di questo forum siano diversi da ciò che attrae la mia attenzione, cioè riferiti ad un argomento specifico. Però mi chiedo se aldilà dei diritti di autore non ci sia un messaggio sul quale discutere. Perché i diritti di autore non riguardano il messaggio, l'informazione. Io non so se Ehret oggi, se fosse ancora vivo, si interesserebbe di più ai diritti di autore o al il messaggio.

Chiudo qui, però abbraccio tutte le persone che attraversano un percorso travagliato augurandogli ogni bene, anche attraverso questo percorso.
Avatar utente
By luciano
#87013
E' fastidioso parlare con persone confuse, e tu lo sei, per quanto ti sei definito affetto dalla confusione, ma dai mi serve come esercizio di pazienza rispondere.
Barabba ha scritto:Ciao Luciano, mi dici che non è necessario che io risponda alle tue affermazioni; però lasciami il tempo di farlo, dopodiché non dirò più nulla, te lo assicuro
Speriamo... :D
Barabba ha scritto:Mi dici che se non caccio gli animali faccio una pantomima, ed in effetti hai ragione. Mi affido a chi li caccia, che sa quali animali vadano cacciati e quali no. Non cacciano cuccioli, o femmine gravide, cacciano quegli animali che in un modo o nell'altro farebbero una fine meno infame di essere investiti da un'automobile, ad esempio. Mi affido a persone che anche nel nord ovest della nostra penisola sanno cosa cacciare, rispettando i cicli della natura, che cacciano magari con un arco, o che pescano avendo avendo consapevolezza ed estremo rispetto per la natura. Un rispetto importante, doveroso. Esistono queste persone.

Non tutti i cacciatori sono uguali, non tutti gli allevatori sono uguali. Come scelgo chi mi coltiva le verdure o la frutta in modo biodinamico, scelgo chi mi procura le proteine animali in modo biodinamico. Io scelgo di benedire il cibo che ne ricavo, a prescindere dal cibo. E questa azione ritengo che mi faccia bene; o comunque ritengo che sia meglio che agire inconsapevolmente.
Ecco, tutto questo sul forum credo che non interessi a nessuno, e anche se interessasse direi gentilmente o meno di rivolgersi altrove per sviluppare l'argomento.
Se ti piace confrontarti potresti provare su un forum o gruppo di animalisti, di sicuro avresti molto con cui confrontarti, oppure con quelli della paleodieta, di sicuro troveresti anche dei supporters.

Non so cosa cerchi di ottenere con queste tue esternazioni, a volte mi diverto a farmi trollare, ma in questo caso l'argomento è fuori dal contesto, non è da te vissuto realmente, pare una manifestazione concettuale, come dire che hai letto questa cosa su qualche libro e hai deciso di farla tua, ma non ti appartiene, per cultura e per il modo in cui vivi e nel mondo in cui vivi, e se io fossi un allievo di Don Juan Matus, conoscendolo quindi, ti direi che a leggere quanto scrivi lui si spiattellerebbe sul pavimento dalle risate battendo ripetutamente per terra con i talloni e i pugni.
Barabba ha scritto:Una cosa però: parlare di crimine quando ci si riferisce a ricevere informazioni da internet...forse è troppo. Legalmente si può parlare di reato, ma il crimine lo lascerei per quelle spiacevoli situazioni per cui il termine è adatto. Capisco l'interesse, ma il crimine io non lo vedo.
Il crimine tu non lo vedi perché evidentemente non conosci la definizione di crimine.

Sto parlando di violazione dei diritti di autore, un reato penalmente perseguibile d'ufficio. Significa che se io denuncio una persona per aver violato i diritti di autore, le cosiddette forze dell'ordine devono intervenire d'ufficio, investigare, ecc.
La definizione di crimine è: atto contrario alle norme del diritto penale. (non codice civile, nel qual caso qualsiasi cosa contemplata nel codice civile non sarebbe un crimine)
Barabba ha scritto:Riguardo all'Ego, argomento che mi incuriosisce, e che mi fa sentire piccolo, andrebbe considerato anche su questo forum; perché io di Ego ne leggo parecchio
Il problema dell'ego non è tanto l'ego stesso, ma quanto uno è identificato in esso, al punto di nemmeno vederlo. L'ego è uno strumento necessario per comunicare, almeno allo stato minimale, cioè un nome e cosa uno fa nella vita. il problema sussiste quando uno crede di essere quella personalità che si è costruito, adornandola di fronzoli come un albero di natale con le luci multicolori lampeggianti, reagendo agli impulsi mandati dall'ambiente e assorbendo credenze che ha fatto proprie. Argomento interessante, ma estremamente marginale al fine di ottenere risultati con il sistema di Ehret.
Barabba ha scritto:Capisco che gli obiettivi di questo forum siano diversi da ciò che attrae la mia attenzione, cioè riferiti ad un argomento specifico. Però mi chiedo se aldilà dei diritti di autore non ci sia un messaggio sul quale discutere. Perché i diritti di autore non riguardano il messaggio, l'informazione. Io non so se Ehret oggi, se fosse ancora vivo, si interesserebbe di più ai diritti di autore o al il messaggio.
Qui di solito si parla del sistema di guarigione della dieta senza muco, la questione dei diritti di autore la tiro fuori solo quando arrivano persone come te che non dovrebbero nemmeno postare, perché non genuinamente interessate al sistema di Ehret.
Riguardo ad Ehret se fosse ancora vivo, e se dovesse campare dei suoi libri penso che sarebbe parimenti interessato sia al copyright che a diffondere il messaggio. Certamente diventerebbe maggiormente interessato ai suoi diritti di autore se le violazioni fossero in numero da causargli perdite finanziarie tali che la sua stessa sopravvivenza verrebbe minacciata e non potrebbe quindi più diffondere il messaggio.
Barabba ha scritto:Chiudo qui, però abbraccio tutte le persone che attraversano un percorso travagliato augurandogli ogni bene, anche attraverso questo percorso.
Ottima chiusura del discorso, nemmeno papa francesco sarebbe stato capace di concludere cosi. Bravo!
Noterai una spruzzata qui e là di ironia, accettala comunque, l'alternativa sarebbe stata di eliminare il tuo account e cancellare l'intero thread fin da subito. Ma mi serve mantenerlo per poi indicarlo a successivi eventuali nuovi utenti che arrivassero con intenti simili ai tuoi, e questo mi risparmierà un sacco di tempo nel futuro.
Grazie per questo:
Barabba ha scritto:...dopodiché non dirò più nulla, te lo assicuro

Congratulazioni per la perdita di peso e per la t[…]

Panoramica Matteo

Bene, ho tolto il 26(devitalizzato) e il 28 una se[…]

Diario di Narayani

Poi basta perché ogni volta che entravo in piscin[…]

Gli ultimi del contadino

Mai provato a essiccarli al sole? Non ho mai pr[…]

Libri di Arnold Ehret