Arnold Ehret Italia

Per quanto la dieta di per sè, disintossicando il corpo ed eliminando il muco, alla fine risolve alla radice, lungo la strada può essere utile l'utilizzo di decotti o tisane indirizzati all'espulsione di specifiche tossine e veleni, come i metalli pesanti, tanto per fare un'esempio.

Moderatore: luciano

By Peterpan07
#8456
Sicuramente avere più o meno freddo è soggettivo. Tra me e mia moglie ci sono una coperta in più la notte e i calzini di lana. Nulla in confronto di quando ero ventenne o trentenne. Sembravo, talmente ero imbottito, ufo robot o se preferite, la guida michelin= 60 kg di peso e 10 chili di panni. La cosa strana è che mentre queste mie peculiarità adesso che ho 52 anni sono molto diminuite, ho mischiato :D la sensibilità al freddo a mia moglie. In effetti lei era molto calorosa e io molto freddoloso. Con il tempo abbiamo riscontrato un maggior equilibrio per entrambi, specie dopo aver consapevolizzato che non è il freddo a far ammalare, ma la paura di esso (vedi Hamer). Ho notato, comunque che stare al sole per almeno un'ora al giorno, anche d'inverno, tempo permettendo, aiuta moltissimo. Anche l'attività fisica regolare aiuta, come già è stato detto. Quando la mattina corro per almeno 30 minuti, l'intera giornata trascorre in modo diverso, oltre ad avere meno freddo, anche nelle giornate più rigide, mi sento libero anche dentro. E se non si vuole correre, bastano anche solo 30 minuti di passeggiata a ritmo moderato o sostenuto, come si vuole, ovviamente senza fermarsi a guardare i negozi.
La mattina bevo una tazza calda di te bancha addolcito con sciroppo d'acero e con cardamomo e semi di finocchio, innaffiato con una grattugiata di zenzero che è anche un ottimo disinfettante intestinale, nonché antidispepsico e antispasmodico. Davvero una radice dalle molteplici proprietà.
In ogni caso, quando ho freddo, qualsiasi sia l'origine, non ci penso 2 volte a indossare calzamaglie e un maglione in più.
Infine, mia nonna diceva che erano soprattutto i piedi a dover stare al caldo. E ha sempre funzionato. :lol:
Un abbraccio solare
Pietro :D
By Peterpan07
#8484
Facendo delle ricerche anche fra amici erboristi ho saputo che la cannella è un ottimo prodotto per riscaldarsi. Domani la compro e la provo su di me.
Pietro
Avatar utente
By arca
#8514
L'aumentata sensazione di freddo può essere causata da 1-vasocostrizione o da 2-mancanza di afflusso sanguineo.

Nel primo caso c'è proprio un problema circolatorio dovuto ad una riduzione della sezione interna dei capillari dovuti ad aterosclerosi, arterosclerosi, ecc, effetto diretto di uno stato di intossicazione del corpo.

Nel secondo caso parliamo prevalentemente di stress, per il quale il sangue è utilizzato dalla parte del tronco affinché si possa "idealmente" star pronti alla difesa: è un meccanismo automatico di difesa. Questa cosa porta anche a problematiche metaboliche poiché un individuo è sempre nella cosiddetta FASE DI ALLARME (pronto a difendersi).
Durante un processo di purificazione fisica il corpo va sotto stress e quando c'è questa condizione il corpo AUTOMATICAMENTE per conseguenza naturale, si chiude in difesa e quindi in fase di allarme; il sangue "serve" da altri parti (anche se non c'è un qualcosa che "effettivamente" ci sta attaccando esternamente, seppur presente invece nella nostra mente).

Uno stress temporaneo di questo secondo tipo è la digestione; il fenomeno è dovuto al fatto che all'inizio della digestione gli organi intestinali che prima erano appena bagnati dal sangue, vengono irrorati da un bel fiume di sangue caldo, che viene appunto sottratto alla circolazione di settori "inutili" in quel momento come gambe piedi e braccia. Si tratta di uno stress momentaneo.

Spesso può bastare una breve attività fisica capace di riabilitare il catabolismo e quindi la sensazione di calore nel corpo in quanto, per mezzo dell'attività fisica, ci si libera dalle tossine attraverso la pelle.
Chiaramente se il problema è circolatorio oppure se lo stato di stress è cronico, questa asserzione non è valida nel senso che il calore sviluppato dall'attività sportiva, va via subito dopo e si è punto e accapo.
Avatar utente
By baldazar
#8848
E' vero anche la cannella è un rimedio contro il freddo, però comperatela in erboristeria se è possibile in polvere, cosi' siete sicuri di adoperare una pianta terapeutica.
Se volete comperate l'olio essenziale di cannella.
Poi prima di uscire mettetene una goccia in un cucchiaino di zucchero di canna, insalivate bene e ingoiate dopo un pò.
Potete aumentare la dose se ce la fate.
Se avete problemi di freddo alle mani e ai piedi,vi raccomando una miscela fatta con 50% di estratto fluido di peperoncino , 50% di estratto fluido di zenzero più qualche goccia di olio essenziale di cannella.
Massaggiate bene i piedi e le mani.
ATTENZIONE non toccatevi gli occhi.

Ciao a tutti Baldazar.
Avatar utente
By SuonoVuoto
#84256
Anche io soffro di mani e piedi freddi.
Ora va un pochino meglio. Lo scorso anno tremendo.

Questa sera ho provato a massaggiare le mani con olio EVO e cannella in polvere che avevo a disposizione (classica da supermarket).
C'è stata una bella sensazione di calore e la circolazione è un migliorata un po.

Mentre per quanto riguarda il freddo corporeo sto abituandomi a portare gli stessi indumenti sia che ci siano 20° che 1°, e ci dormo pure.
Un pantalone di cotone morbido di medio spessore, una canottiera, e una maglia di lana 100%lana oppure 50% o 70% misto-lana.
In natura è il corpo che deve abituarsi alle temperature, non vale la regola del "più fa freddo più mi vesto".
Ci porta verso più freddolosità.
Mi piace anche usare sandali senza calzino, ma bisogna andarci piano dato che il piede non abituato può seccarsi rapidamente e provocare ragadi al tallone! Il piede nudo alle basse temperature reagisce e si riscalda, per lo meno è questo che ho notato sui miei.
Ciao a tutti da Valerio

Ciao Valerio, benvenuto. :D Il primo passo è ac[…]

Infatti ho detto che si rischia, non che tutti lo […]

AVOGADO TOSSICO?

Quello sempre, anche se bisogna poi vedere se sia […]

Grazie OPT! :D I tuoi post sono illuminanti. Dimo[…]

Libri di Arnold Ehret