Consigli su Peperoncino

Qui si possono proporre ricette della Dieta Senza Muco e di Transizione

Moderatore: luciano

Rispondi
Avatar utente
luca.bat
Newbie
Newbie
Messaggi: 28
Iscritto il: 1 marzo 2017, 15:28
Località: Milano

Ciao a tutti,

chiedo a chi ne fa uso se mi può dare consigli preziosi su uso e consumo del Peperoncino Sardo (quello a cornetto), premetto che non ne ho mai fatto uso e non so ne quanto ne come si mangia... (si taglia a listarelle? Si scarta la buccia e si prendono i semi? Viceversa?), sono a livello 0 per quanto riguarda il Peperoncino a cornetto, e mi farebbe piacere ricevere consigli utili per non inaugurare male questa mia nuova esperienza :)

Inoltre vorrei sapere se è controindicato in caso di infiammazione probabile all'intestino (non avverto dolori, ma ho problemi di pelle che so derivare dall'intestino) e/o in caso di forfora persistente, quando rare volte ho assunto peperoncino in polvere o altre cose piccanti ho sempre avvertito un gran prurito al cuoio capelluto, che io penso derivi dal fatto che il sangue circoli più velocemente trasportando i veleni al cuoio capelluto, ma non ne sono certo e non so se questo sia positivo o negativo nel mio caso di forfora persistente.

Infine gradirei un chiarimento sulla questione della cipolla tagliata che non va conservata per via del fatto che attirerebbe molti microbi, premetto che so che la teoria dei microbi è una cavolata, mi piacerebbe comunque avere una conferma per sapere se è possibile consumarla dopo una notte tenuta in frigo oppure no oppure sia meglio consumarla cotta e non cruda.

Vi ringrazio moltissimo per la disponibilità.

Luca
Avatar utente
mauropud
Veterano
Veterano
Messaggi: 2002
Iscritto il: 22 luglio 2006, 6:00
Località: Milton Keynes

Sui peperoncini quello che di solito si consiglia fare e' di aprirli per il lungo e rimuovere i semi e quella parte bianca dove sono attaccati i semi perche' e' molto piu' piccante della pelle/polpa.

Detto questo ci sono pero' peperoncini piuttosto blandi che senza semi non sono piccanti per nulla, quindi non escludo che chi adora il piccante ci lasci semi e tutto.

Una volta puliti li puoi tagliare a pezzetti e metterli nella pietanza crudi o durante la cottura, a seconda dei gusti.

Su eventuali reazioni al peperoncino ognuno e' diverso, quindi puoi solo provarlo e vedere se ti da' problemi: non sei certo obbligato a mangiare peperoncino!

Sulla cipolla, a parte le balle dei "microbi", non credo succeda nulla di particolare se rimane una notte tagliata in frigo. Se dovesse iniziare a marcire, cosa che comunque non credo, si vederebbe a occhio nudo.
Saluti
Mauro
"Ho avuto un´ottima istruzione. Ci sono voluti anni per liberarmene." (anonimo?)
"How can I tell that the road signed to hell doesn´t lead up to heaven?" (Peter Hammill)
Avatar utente
luciano
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 13284
Iscritto il: 28 novembre 2005, 6:00
Località: Riva del Garda
Contatta:

Grazie Mauro,
concordo anche sulla cipolla. :D
Avatar utente
luciano
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 13284
Iscritto il: 28 novembre 2005, 6:00
Località: Riva del Garda
Contatta:

Ho preso una pianta innestata di peperoni corno rosso da tenere in vaso credendo che fossero piccanti, invece poi ho scoperto che sono una varietà dolce!

Pazienza, me li mangerò in insalata quando saranno maturi. :D
peperoncini-corno-rosso.jpg
Avatar utente
Narayani
Veterano
Veterano
Messaggi: 719
Iscritto il: 10 agosto 2006, 6:00
Località:

mauropud ha scritto:Sui peperoncini quello che di solito si consiglia fare e' di aprirli per il lungo e rimuovere i semi e quella parte bianca dove sono attaccati i semi perche' e' molto piu' piccante della pelle/polpa.
Di solito io tolgo solo i semi. Non la parte interna (che nei miei peperoncini è rossa e non bianca).
Certo è più piccante ma buona lo stesso.
Rispondi
  • Informazione