Ripristino denti con impianti in zirconia

Un forum necessario in linea con il sistema di guarigione della dieta senza muco.

Moderatori: luciano, O.P.T

Regole del forum
Questo Forum serve per apprendere dati sulla bonifica dentale al fine di sapere poi cosa si vuole che il dentista faccia nella nostra bocca.
Non siamo un call center o un'agenzia che procura clienti ai dentisti.
La prima cosa da fare è leggere questo post, le regole del forum. E' obbligatorio leggerlo per non contravvenire le regole del forum, qualora venissero violate i tuoi post e infine il tuo account potrebbero venire cancellati. Il primo post che devi leggere è questo: Regolamento
Rispondi
Avatar utente
Sunday
Newbie
Newbie
Messaggi: 4
Iscritto il: 28 aprile 2018, 17:43
Località: Cremona

30 settembre 2019, 15:50

Buongiorno a tutti.
Ho letto moltissimo questo forum e sicuramente mi è stato di enorme utilità per seguire un percorso di bonifica della mia bocca. Quindi un grande grazie!

Ho letto alcuni post relativi al ripristino da fare dopo la bonifica e che qualcuno aveva provato l’impianto in peek dovendosi poi fermare per problemi burocratici di certificazioni. In alternativa, ma a questo punto come unica scelta metal free, ho capito che c’è solo la zirconia e ho visto che esperienze dirette sull’impianto in zirconia ancora non ce ne sono.O io non le ho trovate..
Ho però trovato, cercando su internet, riportati degli studi in cui si parla anche di non sicurezza di un materiale come la zirconia oltre per la spesso citata radioattività, anche per i vari materiali con cui viene stabilizzata. Cit. “Inoltre altri test effettuati hanno verificato che gli ambienti acidi e alcalini hanno influenzato negativamente le proprietà meccaniche della zirconia, con conseguente degrado del materiale, perdita di componente stabilizzante e trasformazione da tetragonale a monovalente”. Quindi soggetti a corrosione in ambienti acidi o alcalini .Anche più predisposti del titanio a rompersi.

Questa è quindi la mia domanda. Qualcuno ha fatto esperienza diretta con impianti in zirconia in particolar modo per sostituire i molari? Ho letto che possono esserci due tipologie di impianto, quello monolitico o a 2 pezzi. Le opinioni che ho sentito da vari dentisti sono diverse. Chi mi ha detto che quelli in zirconia possono reggere bene anche il peso che si va a scaricare sui molari e che la casistica è favorevole e chi mi ha sconsigliato suggerendomi quelli in titanio.

Io dovrei ripristinare 4 molari superiori e uno inferiore e sto valutando anche la protesi mobile anche se, avendola dovuta portare negli ultimi mesi, (non è Valplast o Deflex ma sempre nylon però)non la trovo confortevole anche per problemi di praticità. O forse perché non è granché.

Oltre al fatto, come diceva OPT in un post, che il sito deve essere privo di infezioni, mi è venuto spontaneo chiedermi se, inserendo un impianto, ci possano essere interazioni ovviamente negative, con i vari organi. In molti post si parla del rapporto denti-organi con riferimento alle varie mappe anche se si parlava di denti devitalizzati, o con amalgami o cavitazioni. Quindi mi è venuto questo dubbio, visto e considerato che andiamo a inserire corpi estranei. Cioè possono ritornare a crearsi problemi in relazioni agli organi corrispondenti o ne potrebbero sorgere di nuovi?

Mi sono un po’ dilungata ma trovo importante dopo aver bonificato capire come sia meglio ricostruire anche per tutta una serie di problemi che, facendo scelte non accorte, ne potrebbero derivare.

Grazie in anticipo per eventuali risposte
Avatar utente
flib
Veterano
Veterano
Messaggi: 756
Iscritto il: 15 marzo 2009, 5:00
Località: MISINTO MB

30 settembre 2019, 18:50

Buongiorno Sunday,
io sono uno di quelli che ha installato 2 impianti in Peek 2 anni fa (2 molari inferiori sx) e settimana scorsa ho installato 1 impianto in Zirconia (molare inferiore destro).
Su quelli in Peek ad oggi nessun problema, ad ogni modo inutile parlarne perchè, come giustamente hai scritto, ad oggi non sono più vendibili/installabili.
Sul forum però puoi anche trovare una esperienza negativa con il Peek.

Per quello in Zirconia bisogna attendere. L'installazione è andata bene, ora dovrò attendere un minimo di 4 mesi prima di caricarlo. Io ho messo l'impianto in 2 pezzi, uno affogato nell'osso e l'altro che si avvita sopra. Poi su questo si installa la corona in Zirconio.

Una cosa fondamentale per questi impianti, sia Peek che Zirconia, è la pazienza. Non bisogna avere fretta di rimettere il dente nuovo sopra e nemmeno dei provvisori. Bisogna lasciare il tempo all'impianto di osteointegrarsi perfettamente prima di caricarlo.
Se bisogna rimettere i denti in fretta credo che la soluzione sia solo il Titanio. Lo installa qualsiasi dentista, ma questo non sempre significa che vada tutto bene. Essendo oramai un impianto considerato "facile" qualche dentista potrebbe non metterci l'impegno necessario e dare per scontato che tanto andrà bene lo stesso.
Alla fine, oltre al materiale, conta anche la mano del dentista. Chi frequenta questo forum questo ultimo concetto dovrebbe averlo ben chiaro :-)

Il paziente, oltra alla pazienza, dovrebbe metterci anche un minimo di impegno per cercare di far andare le cose nel verso giusto. Ad esempio trovo fondamentale non mangiare cibi solidi nei primi giorni dopo l'intervento per evitare che qualche residuo di cibo possa in qualche modo insediarsi in prossimità dell'impianto provocando infezioni o infiammazioni che potrebbero compromettere la guarigione dell'osso.
Buon proseguimento di lettura.
Avatar utente
O.P.T
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 537
Iscritto il: 24 dicembre 2015, 16:34
Località: up

2 ottobre 2019, 10:38

Complimenti, ti sei ben informata e hai le idee chiare per quanto si possano avere le idee chiare in una complessità come quella dentale.
La prima cosa che devi considerare è il sito dove devi mettere gli impianti.
Certo ci deve essere l'osso ma quest'osso cosa aveva prima? Si era infettato ?
Se fosse cosi l'impianto di qualsiasi materiale o non attecchisce o si focalizza in maniera asintomatica che sarebbe la situazione peggiore.
Seconda cosa, gli organi che corrispondono ai meridiani delle zone di immissione come stanno?
Se sono in infiammazione o in ipofunzione potrebbero lavorar peggio con un impianto sul loro meridiano , titanio peek o zirconia che sia.
Solitamente se hai perso il dente proprio in quella zona qualche componente di organo c'è stata.

Comunque tutto questo discorso è per far capire che conta più il terreno di impianto che quello che semini.

Se invece vuoi considerare il materiale di per sè e basta devi sapere che ci sono titanio e titanio, monconi e monconi e corone e corone ,alcuni inquinati e altri no.
Dipende da dove comprano il titanio, cina russia stati uniti e dalla lavorazione.
Lo stesso vale per lo zirconio, forse leggermente meno ma anche quello può essere inquinato, anche delle ditte più blasonate.
Per il peek questo problema non c'è, forse per i prodotti che si mettono sopra per avere una osteointegrazione che però sembra non esserci affatto.

Le variabili quindi sono molte, valuta e pondera con tu cabeza.
Saluti da OPT
Avatar utente
Sunday
Newbie
Newbie
Messaggi: 4
Iscritto il: 28 aprile 2018, 17:43
Località: Cremona

2 ottobre 2019, 17:35

@Flib Grazie per la tua risposta e l’esposizione chiara.
Io ho sposato la filosofia di questo forum, quindi per me la fretta non esiste. Anche per la mia bonifica ho aspettato i tempi necessari perché spesso la fretta diventa cattiva consigliera. In realtà è stato il mio corpo a darmi i tempi giusti. Oltre ai danni pregressi cui ho, o meglio il dentista, ha dovuto mettere mano.Ed è stato fondamentale leggervi. Sono andata anche a rileggermi il tuo percorso di bonifica e mi ha chiarito ulteriori dubbi. Mi era però sfuggito un post che hai inserito da poco in cui ho visto che hai iniziato l’inserimento dell’impianto al posto del 46 con Barile. Essendo dente molare inferiore è uno di quelli che vengono sollecitati molto durante la masticazione. Quindi immagino che ci siano abbastanza “certezze” sul fatto che gli impianti in zirconio non si fratturino sotto “carichi pesanti” e sul fatto che siano o meno soggetti a corrosioni perché in ambiente acido. Immagino, come dici, che ci si debba armare di santa pazienza( e quella non mi manca!) quando si fa un impianto perchè tra inserimento moncone, osteointegrazione, preghiere perché vada tutto bene e corona ne passa di tempo. Capisco comunque che essendo stato il tuo intervento così recente, ci vorrà del tempo per capire come sta procedendo. Spero magari di trovare più avanti sul forum tuoi aggiornamenti in merito.

@OPT Grazie per le tue delucidazioni e per l’apprezzamento..
In questi ultimi tre anni ho letto tantissimo , qui e in altri siti , per comprendere come approcciarmi a una materia veramente complessa. Perchè alla fine se tutto fosse solo un problema “meccanico” non mi creerebbe grossi problemi. Ma così non è.
Come dicevo prima, leggendo il percorso di bonifica di Flib ho trovato anche alcune tue risposte inerenti le mie domande. Ho visto che il mio dubbio sul fatto di inserire perni in zone che sono state problematiche era già stato affrontato. Ho capito che ci sono molte variabili.
Seguendo il tuo ragionamento purtroppo in alcune zone il mio osso sottostante era infetto e in parte è andato perso. E, ancora purtroppo, anche gli organi corrispondenti sono ancora un pò problematici.
Anche se mi stavo chiedendo se fosse il dente a creare problema sull’ organo o viceversa.

Quello che dici sul fatto che si possa focalizzare in maniera asintomatica, cosa significa precisamente? E’ un discorso che fa riferimento anche (o soprattutto) ai meridiani? Non ho trovato molto questo argomento e anche i dentisti con cui ho affrontato l’argomento ne parlavano come se fosse una variabile imprevedibile.

Sui materiali quindi, da quello che scrivi, bisognerebbe andare “alla fonte” o fidarsi di chi ci darà maggiori garanzie di purezza. Le garanzie che vengono rilasciate sono attendibili secondo te? Io ho già due impianti in titanio messi parecchi anni fa. Certezza matematica che siano stati causa di disturbi non ce l’ho. Ma considerando che ci sono, con riferimento al problema del galvanismo orale, nel mio ragionamento (spero corretto) il titanio l’ho lasciato..in coda.
Comunque alla fine sono arrivata alla conclusione che, fatti tutti i passi del caso per evitare al massimo eventuali problematiche note, scelto un dentista serio e competente, un elemento aggiuntivo che resta però insondabile, sia anche la giusta dose di fortuna!

Come mi hai suggerito metterò in funzione la mia cabeza.. :)

Un saluto a tutti
Sunday
Avatar utente
O.P.T
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 537
Iscritto il: 24 dicembre 2015, 16:34
Località: up

2 ottobre 2019, 20:32

Ti rispondo brevemente .
Ci si può fidare delle certificazioni la risposta è assolutamente no.

mi chiedi se è il dente o l'organo che crea problemi in realtà all'inizio della vita l'organo da problemi al dente nella seconda parte quando il dentista ci mette le mani è il dente che dà fastidio all'organo , poi si crea un circuito chiuso ognuno dà fastidio alll'altro.

Focalizzata in maniera asintomatica significa che l'impianto non ti dà fastidio ma hai un altro problema magari al piede magari al rene magari alla pelle. Vai dal tuo dentista gli dici guarda che dopo l'impianto mi è venuto fuori un dolore al piede lui ti fa la radiografia ti chiede se ci mangi bene e ti dice che non c'entra niente.
Al massimo ti fa un bite,inutile.

Non credere che sia una problematica poco frequente e succede anche per i denti devitalizzati.

fondamentalmente succede questo perché tutti considerano la bocca completamente distaccata da tutto il resto del corpo.
invece è un centro importantissimo di controllo di tutto il corpo.
Avatar utente
Sunday
Newbie
Newbie
Messaggi: 4
Iscritto il: 28 aprile 2018, 17:43
Località: Cremona

3 ottobre 2019, 16:59

Capisco quindi che anche la certificazione di cui i dentisti ti parlano come se fosse una certezza, ti fornisce solo una parvenza di garanzia. E questa è sicuramente una variabile da tener ben presente.Ma fornisce anche la consapevolezza che non si potrà mai essere sicuri al 100% ma sarà necessario un compromesso, o la scelta di un mare minore, nell’eventuale scelta di un impianto.

Chiarissima la corrispondenza dente organo che hai spiegato. Si innesca quindi un circolo vizioso, dove il dente rimane vittima dell’organo e viceversa .Questo mi ha aperto un mondo su problemi di organo che ho sempre avuto e denti corrispondenti che hanno iniziato a cariarsi, con conseguente devitalizzazione, in quanto erano carie subdole. Ma all’epoca anch’io come dici tu, vedevo i denti come un’entità a parte rispetto al corpo.

Ho capito cosa intendi per focalizzato in maniera asintomatica, visto che l’impianto è tendenzialmente inerte. Ma l’eventuale disturbo può essere del tutto diverso rispetto alla zona di sostituzione di un dente? Cioè, se io sostituisco con un impianto un dente che è per esempio in corrispondenza con il mio intestino, possono manifestarsi , anche sintomatologie che non c’entrano nulla con l’intestino? Mi chiedo se una perimplantite invece non potrebbe essere la risposta dell’organo corrispondente alla “zona” dell’impianto..

Ti ringrazio ancora per la tua disponibilità e per avermi chiarito dei punti che saranno fondamentali per questa scelta che, temo, sarà dura per me. Ma l’importante è essere consapevoli.

Un saluto
Sunday
Avatar utente
O.P.T
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 537
Iscritto il: 24 dicembre 2015, 16:34
Località: up

3 ottobre 2019, 18:17

Che dirti?
Assolutamente niente !
Hai già capito tutto meglio di tanti altri per cui ti faccio i miei complimenti e sono convinto che, a parte te stessa , sei in dovere di aiutare il prossimo a capire l importanza della bocca.

Un abbraccio.
Avatar utente
Sunday
Newbie
Newbie
Messaggi: 4
Iscritto il: 28 aprile 2018, 17:43
Località: Cremona

4 ottobre 2019, 15:20

Tutto chiaro. Non mi resta che dirti ancora grazie sia per il tempo che hai voluto dedicarmi che per tutto quello che hai scritto nel forum che sicuramente mi ha aiutato a comprendere meglio e a fare le scelte più corrette per la mia salute. E’ materiale prezioso.

Condivido il tuo pensiero sul fatto di doversi prendere la responsabilità di diffondere queste cose, perché purtroppo, come me nel passato, molte persone sono ancora inconsapevoli di quanto anche i denti possano essere elemento spesso determinante per la nostra salute

Un caro saluto
Sunday
Rispondi
  • Informazione