puntura d'insetto

Qui si possono discutere e richiedere riferimenti del libro riguardo alla risoluzione di condizioni non ottimali di salute

Moderatore: luciano

Avatar utente
Tenzin
Più di 150 post
Più di 150 post
Messaggi: 193
Iscritto il: 29 agosto 2007, 6:00
Località: prov di Pisa

Ciao a tutti.
Chiedo aiuto al volo!!!
Sono stato punto da una vespa di quelle giganti, non conosco il nome, dalle mie parti li chiamiamo "cinghialotti".
Nelle prime ore sembrava una cosa leggera, infatti avvertivo un leggero dolore ma polso e braccio erano sgonfi.
Passata la notte, mi sono alzato questa mattina con un gran dolore fino alla spalla, la parte è divenuta rossa e molto gonfia.
Ho rifiutato l'iniezione di cortisone! Pensavo di metterci l'argilla e fasciarlo.
Datemi un consiglio. E' un dolore forte ma rifiuto di andare all'ospedale!
Grazie.


L´uomo è il prodotto del suo pensiero:
Egli diventa ciò che pensa

La Filosofia del Digiuno
Questo libro offre la visione di un Autore illuminato sul digiuno. Per maggiori ragguagli: La Filosofia del Digiuno

Avatar utente
luciano
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 13328
Iscritto il: 28 novembre 2005, 6:00
Località: Riva del Garda
Contatta:

Dove ti ha punto se c'è una vescica potresti bucarla e far uscire il liquido. Il resto dovrebbe passare pian piano in una settimana, bevi succo di limone.
Avatar utente
tistructor
Più di 150 post
Più di 150 post
Messaggi: 298
Iscritto il: 26 maggio 2009, 6:00
Località: Colico

Metti fango fresco sulla zona interessata, da solievo e sfiamma e credo dia una mano al sistema immunitario a eliminare il veleno piú velocemente.
Ciao
Avatar utente
Tenzin
Più di 150 post
Più di 150 post
Messaggi: 193
Iscritto il: 29 agosto 2007, 6:00
Località: prov di Pisa

Metto in atto i vs consigli.
Grazie.
L´uomo è il prodotto del suo pensiero:
Egli diventa ciò che pensa
Avatar utente
tistructor
Più di 150 post
Più di 150 post
Messaggi: 298
Iscritto il: 26 maggio 2009, 6:00
Località: Colico

Le vespe giganti normalmente sono Calabroni.
Non ho mai subito punture da loro anche se abbiamo mangiato frutta assieme piú di una volta.
Normalmente sono talmente ubriachi dal succo zuccherino della frutta
(uva, fichi) che a malapena riescono a volare. Forse ne hai toccato uno involontariamente e questo si é difeso.
Metti in pratica i consigli che male di sicuro non fanno :D
Avatar utente
Tenzin
Più di 150 post
Più di 150 post
Messaggi: 193
Iscritto il: 29 agosto 2007, 6:00
Località: prov di Pisa

Ciao tistructor.
No i calabroni sono quelli tutti ner. Abito in campagna ho l'orto, alberi da frutto e mi passano spesso con il loro ronzio vicino. Non ho mai avuto paura. Quello che mi ha punto è simile di colore e di aspetto alla vespa solo molto più grossa. Ero da un amico e involontariamente ho toccato un nido e per difendesi mi ha punto.
Sto andando in erboristeria a prendere l'argilla.
grazie.
L´uomo è il prodotto del suo pensiero:
Egli diventa ciò che pensa
Avatar utente
tistructor
Più di 150 post
Più di 150 post
Messaggi: 298
Iscritto il: 26 maggio 2009, 6:00
Località: Colico

Ho fatto una ricerca su internet e i calabroni comuni almeno dalle mie parti assomigliano a vespe giganti ma esiste anche il tipo tutto nero che hai citato tu.
Da quello che ho letto la puntura é molto dolorosa e anche pericolosa a causa della quantitá notevole di veleno che riesce a trasmettere.

Ciao
Avatar utente
tistructor
Più di 150 post
Più di 150 post
Messaggi: 298
Iscritto il: 26 maggio 2009, 6:00
Località: Colico

Dimenticavo, anche mio figlio ieri é stato punto da un insetto ad un dito della mano gli faceva male ma con acqua fredda e poi giocando nel letto di un torrente coi sassi la sabbia e l'acqua si é disinfiammato rapidamente tanto da dimenticare l'accaduto.
Io ho un ricordo molto vivo di due punture simultanee dovute alle vespe di terra (fanno il nido nei buchi del terreno).
Sono cattivissime solo se le disturbi.
Fatto accaduto all'etá di 5, 6 anni.
Sono dolorosissime :cry:, curate con fango fresco di ruscello con ottimi risultati.

Ciao
Avatar utente
adda
Più di 150 post
Più di 150 post
Messaggi: 187
Iscritto il: 4 giugno 2010, 6:00
Località: Siena

Tenzin ha scritto:Ciao a tutti.
Chiedo aiuto al volo!!!
Sono stato punto da una vespa di quelle giganti, non conosco il nome, dalle mie parti li chiamiamo "cinghialotti".
Nelle prime ore sembrava una cosa leggera, infatti avvertivo un leggero dolore ma polso e braccio erano sgonfi.
Passata la notte, mi sono alzato questa mattina con un gran dolore fino alla spalla, la parte è divenuta rossa e molto gonfia.
Ho rifiutato l'iniezione di cortisone! Pensavo di metterci l'argilla e fasciarlo.
Datemi un consiglio. E' un dolore forte ma rifiuto di andare all'ospedale!
Grazie.
Ciao Tenzin

credo proprio che si tratti di calabrone!
se hai dell'argilla fai un impacco con dentro prezzemolo tritato fresco oppure fai un impacco con cipolla tritata per sentire meno dolore.
Se hai una lente e riesci a vedere il pungiglione levalo sentirai altrettanto sollievo
in bocca al lupo!
«Tu prova ad avere un mondo nel cuore | e non riesci ad esprimerlo con le parole. (da Un matto)»
Fabrizio De André
Avatar utente
daleo
Più di 300 post
Più di 300 post
Messaggi: 546
Iscritto il: 15 gennaio 2010, 6:00
Località: Cesena

Non so se appartengono alla famiglia dei calabroni però è come vedere una vespa ingrandita tre volte circa, fanno nidi enormi (io ne avevo uno nel pozzo) e la puntura è piuttosto pericolosa, va monitorata.
Avatar utente
adda
Più di 150 post
Più di 150 post
Messaggi: 187
Iscritto il: 4 giugno 2010, 6:00
Località: Siena

daleo ha scritto:Non so se appartengono alla famiglia dei calabroni però è come vedere una vespa ingrandita tre volte circa, fanno nidi enormi (io ne avevo uno nel pozzo) e la puntura è piuttosto pericolosa, va monitorata.


i calabroni appartengono alla famiglia delle vespe e possono arrivare anche a 5cm, sono agressivi e fanno male anche alle api
danno spesso problemi di allergia
convengo che la loro puntura vada monitorata.


Quelli neri sono bombi agreddiscono meno,e non danno noia alle arnie.
«Tu prova ad avere un mondo nel cuore | e non riesci ad esprimerlo con le parole. (da Un matto)»
Fabrizio De André
Avatar utente
Tenzin
Più di 150 post
Più di 150 post
Messaggi: 193
Iscritto il: 29 agosto 2007, 6:00
Località: prov di Pisa

Ho guardato bene, il pungiglione non c'è. Ho strizzato intorno alla puntura per far uscire liquido. Non sapevo che fossero della famiglia dei calabroni. Il nido era fatto di terra che poi questi insetti lavorano e diventa duro.
Ho fatto impacchi e continuo a farli di argilla aggiungerò gli altri ingredienti. Bevo limonate. Questa mattina ho incontrato il mio medico di famiglia, mi ha detto di fare subito una iniezione di bentolin (o bentolan) e di prendere un altro farmaco sempre antibiotico non ricordo il nome. Gli ho detto che l'avrei fatto ma sono stato un pò bugiardo. Capisco che può essere pericoloso ma penso che a volte si esagera, ah! dimenticavo mi ha pure domandato se ero "coperto" con l'antitetanica!
La puntura è sul polso e mi ha gonfiato un pò il braccio e la mano ma questo non mi impedisce di lavorare, ho dolore misto a prurito. Penso ai contadini di una volta, chissà quante volte sono stati punti e forse non prendevono cortisonici, antistaminici, antibiotici ecc. Si vede che ancora le case farmaceutiche non avevono il potere di oggi. In fondo poi l'insetto si sarà sentito minacciato.
Grazie a tutti ragazzi!
L´uomo è il prodotto del suo pensiero:
Egli diventa ciò che pensa
Avatar utente
mauropud
Veterano
Veterano
Messaggi: 2002
Iscritto il: 22 luglio 2006, 6:00
Località: Milton Keynes

Tenzin ha scritto:Ho guardato bene, il pungiglione non c'è. Ho strizzato intorno alla puntura per far uscire liquido. Non sapevo che fossero della famiglia dei calabroni. Il nido era fatto di terra che poi questi insetti lavorano e diventa duro.
Allora e' sicuramente un insetto della famiglia delle vespe, forse un tipo di calabrone, in quanto solo gli apidi perdono il pungiglione e muoiono quando pungono esseri troppo "duri". :D

Comunque credo che puoi stare tranquillo: se eri allergico saresti probabilmente schiattato in meno di mezz'ora per shock anafilattico! :D
Saluti
Mauro
"Ho avuto un´ottima istruzione. Ci sono voluti anni per liberarmene." (anonimo?)
"How can I tell that the road signed to hell doesn´t lead up to heaven?" (Peter Hammill)
Avatar utente
luciano
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 13328
Iscritto il: 28 novembre 2005, 6:00
Località: Riva del Garda
Contatta:

Mi ricordo che da bambino c'erano degli insetti simili ad api, ma con i colori più chiari come le vespe, che facevano il nido sottoterra, e l'uscita era un buco di circa 15 millimetri di diametro e ci divertivamo a cacciare dei bastoni giù per il buco.

Probabilmente avevano altre uscite perché poi ci assalivano e sono stato punto più di una volta. :lol:

Dove pungevano si gonfiava e il dolore era più acuto di quello procurato dalle vespe comuni o dalle api e durava di più. Lo zio di un mio amico che li aveva visti ci aveva detto che nel Veneto li chiamano "cagnoli".

Mentre scrivo si deve essere attivato qualche ricordo perchè mi sono sentito pungere di nuovo! :lol:

Ps: Mi ricordo che mia madre mi faceva fare impacchi con acqua tiepida e sale.
Avatar utente
tistructor
Più di 150 post
Più di 150 post
Messaggi: 298
Iscritto il: 26 maggio 2009, 6:00
Località: Colico

Luciano, sono stato punto anche io da quel tipo di insetto, due punture in contemporanea, un male allucinante.
Mia madre come rimedio mi ha messo fango fresco e ha funzionato.
Comunque non ho mai manifestato allergia alle punture varie di insetto.

Ad esempio quando mio fratello aveva le api lo aiutavo a smielare e ricordo benissimo che lui era attaccato in modo massiccio dalle api io invece no, dicono che le api sentono se l'aggressore é nervoso o agitato per tale operazione.
Le api mi vogliono bene ma non sempre perché qualche puntura l'ho presa anch'io. :wink:

La Filosofia del Digiuno
Questo libro offre la visione di un Autore illuminato sul digiuno. Per maggiori ragguagli: La Filosofia del Digiuno

Rispondi
  • Informazione