acufeni e ipoacusia

Qui si possono discutere e richiedere riferimenti del libro riguardo alla risoluzione di condizioni non ottimali di salute

Moderatore: luciano

Avatar utente
helena
Newbie
Newbie
Messaggi: 2
Iscritto il: 20 novembre 2010, 6:00
Località: Verona

Ciao,
sono Elena da Verona. Sono in dieta di transizione da ottobre 2010.
E' andato tutto bene fino a febbraio poi a marzo ho avuto una bronchite con
brutta tosse. Continuavo ad espellere muco in maniera impressionante.
Poi una sera è uscito un leggero ronzio e in seguito ipoacusia (ovattamento dell'udito). Dipterata mi sono rivolta ad un ottorinolaringoiatra. Quindi insufllazioni, cortisone,ecc. Non avendo risultati mi sono rivolta all'omeopatia,agopuntura, mass. cranio-sacrale e digiuni. Ho avuto un
miglioramento, poi da una settimana il ronzio è aumentato e lo sento tutto
il giorno. Mi ritrovo intontita di giorno, la notte sono costretta a prendere
sonniferi, insomma sono disperata. Volevo sapere se c'è qualcuno che ha
avuto un'esperienza simile. Ho fatto una settimana di digiuno ad acqua e
limone ma non ho avuto miglioramenti. L'ottorino ogni tanto mi chiama per
ricordarmi che dovrei fare una settimana in ospedale con tutte le analisi
del caso e iniettandomi un mix di medicinali. Io sono terrorizzata da questo.


La Filosofia del Digiuno
Questo libro offre la visione di un Autore illuminato sul digiuno. Per maggiori ragguagli: La Filosofia del Digiuno

Avatar utente
flib
Veterano
Veterano
Messaggi: 756
Iscritto il: 15 marzo 2009, 5:00
Località: MISINTO MB

Ciao Helena,

quelli che accusi sono "semplicemente" sintomi dovuti alla disintossicazione. Non bisogna allarmarsi e non bisogna rivolgersi alla medicina ufficiale perchè loro sanno solo prescrivere dei farmaci che andrebbero ad aumentare il carico tossico da smaltire :wink:

Se i fastidi sono insopportabili basta semplicemente "tornare indietro", reintegrare un po' di cibi mucosi, magari diminuire la frutta e aumentare le verdure.
Questo interrompe e/o rallenta il lavoro di pulizia in corso ed in genere fa regredire i sintomi spiacevoli.

In queste situazioni è molto utile rileggere il libro di Ehret per capire cosa sta accadendo e non lasciarsi prendere dal panico :)
Avatar utente
Raffaele
Più di 150 post
Più di 150 post
Messaggi: 225
Iscritto il: 7 dicembre 2010, 6:00
Località: Sacrofano

Credo di poterti rispondere con qualche cognizione di causa in più (non me ne voglia nessuno), perchè tra i tanti problemi di cui soffro e che mi hanno spinto a credere in Ehret, ho un acufene bilaterale da circa 1 anno e mezzo.
Nessuna terapia medica (e ne ho fatte tante) mi è stata di ausilio. La transizione iniziata sei mesi fa circa, mi da qualche aiuto per altri tipi di problemi (colon, fegato , ecc), ma per gli acufeni, purtroppo, nulla !
Ho provato a cercare esperienze in questo forum di acufenizzati ma chi aveva scritto qualcosa non risulta più "attivo" da tempo per cui non riesco ad avere ritorni.
Il mio augurio è che, continuando con transizione e disintossicazione, possano migliorare/scomparire anche gli acufeni (che solo chi ha può capire quanto siano odiosi e ti rovinino la qualità della vita/sonno),
ma a dire il vero su questo sto perdendo le speranze poichè ho guardato su internet anche "fuori" dall'Italia e non ho avuto riscontri.
Se vuoi ti aggiornerò nel tempo anche su questa situazione.
Se vuoi contattarmi anche in privato per qualche ragguaglio in più o, dove possibile, consiglio, il mio indirizzo mail è: [email protected]
Saluti. Raffaele
PS: Vista la delicatezza e la complessità dell'argomento, prego anch'io se qualcuno nel forum può dirci qualciosa su Ehret e Acufeni ...
Avatar utente
luciano
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 13336
Iscritto il: 28 novembre 2005, 6:00
Località: Riva del Garda
Contatta:

Finora l'unica cosa che so che ha fatto lenire e anche scomparire gli acufeni è questa:
http://www.atlantotec.com/it/fondamenti ... to-atlante
Avatar utente
daleo
Più di 300 post
Più di 300 post
Messaggi: 546
Iscritto il: 15 gennaio 2010, 6:00
Località: Cesena

Anch'io soffro di acufene all'orecchio destro da 11 anni; è una forma leggera che non mi da grossi problemi a parte una lieve diminuzione dell'udito. Sono in transizione da 2,5 anni e il problema è migliorato di poco. Visti i buoni risultati ottenuti in generale sono ancora speranzoso. La medicina ufficiale non lo risolve e finiscono solo per imbottirti di farmaci.
Avatar utente
Raffaele
Più di 150 post
Più di 150 post
Messaggi: 225
Iscritto il: 7 dicembre 2010, 6:00
Località: Sacrofano

Grazie per la segnalazione Luciano.
Tuttavia quel tipo di terapia è indicata/efficace solo per gli acufeni generati da disallineamenti o problemi osteo/articolare (di fatto una percentuale bassissima tra gli acufenizzati).
Il problema reale è "tentare" di "rigenerare" cellule ciliate danneggiate o alcuni settori del nervo acustico danneggiato (spesso in presenza di acufeni c'è anche ipoacusia).
Allo stato attuale la medicina ufficiale non ha soluzioni valide (solo palliativi). Se Ehret riuscisse ... sarebbe davvero un colpo eccezionale non solo per i "poveri" acufenizzati ma per l'intera medicina.
Avatar utente
luciano
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 13336
Iscritto il: 28 novembre 2005, 6:00
Località: Riva del Garda
Contatta:

Raffaele ha scritto:Il problema reale è "tentare" di "rigenerare" cellule ciliate danneggiate o alcuni settori del nervo acustico danneggiato (spesso in presenza di acufeni c'è anche ipoacusia).
Ci credi davvero? :D

Metti la possibilità che sia tutto falso! :D

Il tuo atlante è posizionato correttamente?
Avatar utente
erre
Più di 300 post
Più di 300 post
Messaggi: 466
Iscritto il: 21 gennaio 2008, 6:00
Località: Cagliari

Di questi acufeni soffro pure io ma in modo molto leggero, li sento quando sono nel silenzio. sento pure il flusso del sangue nelle orecchie quando faccio gli sforzi o faccio sport. Credo siano collegati.
Ho provato i bagni derivativi per un' anno, ma non sono stato costante e quindi il possibile effetto non ha potuto agire.
I suoni e i rumori li sento amplificati.


A febbraio scorso mi sono annotato questo e lo volevo postare, ma....

Ho scritto:
""La notizia e' questa:

Si e' liberato l' orecchio sinistro dal muco.

Dopo tanti anni di fastidi da parte degli acufeni, domenica scorsa, quindi sei giorni fa', mentre facevo una salutare e solita camminata della sera, ho sentito nell' orecchio sinistro come uno o due gocce colare all' interno ed istantaneamente osservare che i ronzii nell' orecchio sinistro sono spariti.

Ho atteso di postare perche'

Halt, questa mattina ho risentito con le campane alle sette e mezza il disturbo solito che all'unisono fa vibrare il muco nell' orecchio sinistro. I ronzii comunque sono sempre bassi. Occorre aspettare ancora. Evidente che il muco si riforma. Alcuni cibi che mangio ne contengono.""

Questo e' quanto ho scritto quel giorno.

Quindi ci spero sempre.
Avatar utente
Raffaele
Più di 150 post
Più di 150 post
Messaggi: 225
Iscritto il: 7 dicembre 2010, 6:00
Località: Sacrofano

luciano ha scritto:
Raffaele ha scritto:Il problema reale è "tentare" di "rigenerare" cellule ciliate danneggiate o alcuni settori del nervo acustico danneggiato (spesso in presenza di acufeni c'è anche ipoacusia).
Ci credi davvero? :D

Metti la possibilità che sia tutto falso! :D

Il tuo atlante è posizionato correttamente?
Caro Luciano non parlo perchè a furia di sentire specialisti o siti specifici mi sono "autoconvinto" che sia così o che deve essere così, ma semplicemente perchè sono certo dell'origine dei miei acufeni.
In sintesi: il tutto è cominciato a capodanno (2009-2010). A causa di forti scoppi uditi mentre ero affacciato al mio balcone di casa (qui al sud ahimè si usa ancora ...), la notte seguente ho iniziato a sentire dei fruscii/scrosci all'orecchio sinistro. Non andando via il disturbo ho "peggiorato le cose"
facendo dell'aereosol insufflando nelle orecchie con forza credendo in tal modo di liberare i condotti da "muco" o "impurità" (al tempo non sapevo nemmeno chi fosse Ehret ...). Questei violenti movimenti e sbalzi di pressione qualcosa hanno provocato o danneggiato poichè da quel momento è partito un fischio/sibillio a sinistra molto acuto e intenso (stimo intorno ai 10.000 Hertz) che non è andato più via. Tutti gli otorini sentiti mi hanno "allarmato" su possibili cause ... e un fattore comune di allarme è stato "probabile neurinoma del nervo acustico" !
Per tale ragione mi sono sottoposto a due diverse risonanze magnetiche al cranio (una con contrasto) e grazie a questa cazz.. il fischio mi è venuto anche a destra (ovviamente con altra frequenza - altrimenti troppo semplice...).
Almeno il tumore non c'era ... ma a furia di bombardamenti nel tubo anche il destro ha ceduto e il tutto è ormai cronicamente bilaterale.
Questi fatti, uniti a studi su cui non mi dilungo mi danno "quasi certezza" che l'atlante non centra. Ovvero potrebbe anche non essere allineato (tanto mi manca pure quello al curriculum di problemi) ma insomma ho spiegato come mi sono arrivati ...
Avatar utente
daleo
Più di 300 post
Più di 300 post
Messaggi: 546
Iscritto il: 15 gennaio 2010, 6:00
Località: Cesena

Il mio acufene è arrivato una mattina sotto la doccia, prima avevo fatto qualche chilometro di corsa. Tutto quello che ho fatto per anni è stato inutile a parte lievi miglioramenti momentanei con le cure termali. A parte le varie diagnosi degli ottorini, da quando seguo Ehret mi sono convinto si tratti di una occlusione mucosa dei sottili vasi sanguigni. Da un anno faccio con costanza i bagni derivativi e ripeto sono fiducioso. Molto interessante il discorso dell'allineamento dell'atlante. Certo Raffaele che dalla descrizione dei tuoi acufeni deve essere terribile. Auguroni.
Avatar utente
braveheart
Veterano
Veterano
Messaggi: 800
Iscritto il: 29 aprile 2008, 6:00
Località: prov. Como
Contatta:

Anche gli acufeni e l'ipoacusia, purtroppo, potrebbero esser causati da un disallineamento cranio-mandibola; leggete gli ultimi interventi di aran in questo thread .
"Sta a ciascuno di noi scegliere se abbandonare la Terra e porre le nostre speranze in un'arca di Noe' spaziale o convertire la Terra nel paradiso terrestre che era in origine."
M. Fukuoka
Avatar utente
helena
Newbie
Newbie
Messaggi: 2
Iscritto il: 20 novembre 2010, 6:00
Località: Verona

Io sono stata operata nell'96 da una maxilofacciale per masticazione inversa (danno causato da dentisti quando ero bambina) e mi ritrovo con una postura
sbilanciata, quindi dolori alla cervicale, lombare.
Vorrei sentire qualche parere se per la postura è meglio partire dal riposizionamento dell'Atlante o dalla mandibola?
Avatar utente
aran
Più di 300 post
Più di 300 post
Messaggi: 444
Iscritto il: 24 settembre 2007, 6:00
Località: Salerno

Ciao Helena, penso che il punto di partenza sia la mandibola, anche perché lo spostamento dell'atlante è un effetto del cattivo allineamento cranio-mandibola.
Avatar utente
luciano
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 13336
Iscritto il: 28 novembre 2005, 6:00
Località: Riva del Garda
Contatta:

aran ha scritto:Ciao Helena, penso che il punto di partenza sia la mandibola, anche perché lo spostamento dell'atlante è un effetto del cattivo allineamento cranio-mandibola.
Questo non è sempre vero.

Anche un colpo di frusta può portare l'atlante fuori posto, e può avvenire anche durante la nascita quando ti prendono la testa per tirarti fuori.
Avatar utente
Raffaele
Più di 150 post
Più di 150 post
Messaggi: 225
Iscritto il: 7 dicembre 2010, 6:00
Località: Sacrofano

Credo che, come in tutti gli approcci, ci voglia sempre un minimo di diffidenza in tutte le cose. Questo perchè, le idee geniali, spesso si trasformano in puro business. Se vi va nel sito suggerito, si troveranno riscontri di gente non soddisfatta che lasciano pensare...
Chi soffre di acufeni normalmente si documenta e arriva a delle conclusioni personali più o meno sagge.
Ho frequentato per anni osteopati e omeopati di fama nazionale ... che alla fine mi hanno deluso e "estorto" centinaia di soldi ... senza risolvere.
Come dice Ehret ... non si può curare un organismo costipato se si continua ad introdurre "mondezza" ... ovvero muco.
Non si può curare una articolazione "rovinata" solo "giocando" con osteopatia o branche similari.
Il mio invito è rivolto a tutti, compreso gli Ehretisti o aspiranti tali.
Ci sono innumerevoli verità scoperte da Arnold, che appaiono illuminanti anche dopo un secolo. Ma il buon Ehret non aveva scoperto tutto e alcune cose rimangono nel limbo e sulle quali l'approccio di tutti deve essere umile e non di ostinata certezza.
Se si rompe un dente ... non ricresce (anche se ci sono teorie ... ma mai
confermate nella pratica), se ci si amputa una mano ... non si riforma, ecc. ecc. Chi ci dice che ci sono degli organi interni che, se danneggiati, rimangono tali e non si rigenerino ? Ad esempio, sono quasi certo che in caso di acufeni cronici, ci siano dei danni permanenti ... e nessuno riesce a "sistemarli" ...
Quando vedo documentari su fachiri indiani (pelle e ossa) che "quasi" si nutrono di sola aria ... scopro che hanno diversi denti rotti ma ... non si riparano !

La Filosofia del Digiuno
Questo libro offre la visione di un Autore illuminato sul digiuno. Per maggiori ragguagli: La Filosofia del Digiuno

Rispondi
  • Informazione