Arnold Ehret Italia

Per quanto la dieta di per sè, disintossicando il corpo ed eliminando il muco, alla fine risolve alla radice, lungo la strada può essere utile l'utilizzo di decotti o tisane indirizzati all'espulsione di specifiche tossine e veleni, come i metalli pesanti, tanto per fare un'esempio.

Moderatore: luciano

Avatar utente
da Yang
#89579
Ciao a tutti.
Mercoledì sera ho compiuto quello che dovrebbe essere il mio 17° (uno più uno meno) lavaggio epatico ed è uscita ancora un sacco di roba; ma veramente parecchia fra cui un calcolo che rasenta la dimensione dei 2€.
Per cui sto cominciando a chiedermi se ci fossero dei cibi che causano il riformarsi dei suddetti calcoli.
La mia dieta attuale è composta da frutta, verdura cruda e cotta, frutta a guscio ed essiccata.
Sarà un anno e mezzo che non mangio carne e latticini, 4 mesi che non mangio pesce e pseudo cereali (e prima ero già stato parecchio tempo senza consumarli).
Condisco ancora le insalate e pietanze varie con parecchio olio extravergine d'oliva e di cocco e devo ammettere che recentemente ho mangiato cioccolato fondente e frutta secca (soprattutto mandorle, ma anche noci e noci pecan) in quantità esagerate e poi mi sono fritto un paio di volte i fiori di zucca in olio di cocco, quando ho mangiato degli zucchini.
é possibile che i grassi saturi contenuti nel cioccolato nell'olio di cocco e nelle noci di macadamia (che comunque è da un po' che non consumo) abbiano fatto si che mi si siano riformati dei calcoli?
Altrimenti mi viene quasi da pensare che quei grumi di grasso/colesterolo si formino direttamente con la mega porzione d'olio che si ingerisce per il lavaggio, perché altrimenti non mi spiego tutta la roba che continuo ancora ad espellere dopo 17 lavaggi...
Avatar utente
da luciasara
#89582
Buongiorno Yang,

Non posso aiutarti a riguardo ma ero molto curiosa sulla tua esperienza con il lavaggio epatico.

Ho sentito che é molto tosto da fare, piuttosto forte. Ho appena preso il libro, ma non so se me la sentirei di farlo in questo momento con un bambino in casa (magari poi non ho più tanta forza visto lo sforzo fisico del corpo). Volevo chiederti se era effettivamente cosi tosto come ho sentito, oppure se é fattibile. Come ti sei sentito? Finito il lavaggio ti senti meglio? O scombussolato?

grazie,
Lucia
Avatar utente
da Yang
#89586
luciasara ha scritto:
15 luglio 2018, 13:41
Volevo chiederti se era effettivamente cosi tosto come ho sentito, oppure se è fattibile. Come ti sei sentito? Finito il lavaggio ti senti meglio? O scombussolato?
Ciao Lucia.
Io posso descriverti solo la mia esperienza, ed ovviamente non ho mai partorito, per cui rapporta il tutto ad il tuo stato di salute generale e magari guarda se qua sul forum trovi qualche ragazza che lo abbia eseguito nelle tue condizioni e chiedi anche a loro.
Detto questo posso dirti che personalmente il Lavaggio non mi ha mai dato problemi, fastidi o scombussolamenti rilevanti. Mi è successo di aver dormito poco e male durante la notte (con la possibile stanchezza che ne consegue per il giorno dopo) perché mi ritornava un po su l'impasto di olio e agrumi. Questo è accaduto qualche volta entro la prima decina di lavaggi, suppongo perché il mio fegato, ancora stracarico di calcoli, faticava a digerire l'impasto; negli ultimi lavaggi invece non ho avuto questo problema.
Dopo il 15 lavaggio mi sono accorto che mi si era sensibilizzato un dente: mi dava noia quando mangiavo certi tipi di frutta (soprattutto essiccata), col freddo e quando mi lavavo i denti. Allora sono andato a vedermi la mappa dei denti (https://www.arnoldehret.it/mappa-dei-de ... -meridiani) ed ho visto che il dente dolente, l'11°, era legato a fegato e dotto biliare. Mi sono immaginato quindi che il lavaggio (ne quale avevo espulso poca roba), avesse smosso qualcosa che fosse però rimasta a metà strada creando problemi. Infatti subito dopo il 16° lavaggio (nel quale ho espulso diversa robetta) il fastidio al suddetto dente è sparito completamente e non si è più ripresentato.
Personalmente come agrumi per il lavaggio utilizzo un pompelmo e poi limoni fino a raggiungere la quantità di liquido necessario. Mi sembra che farla solo di limoni sia più incisiva, e l'ho pure fatto qualche volta senza problemi, ma è più cattiva da mandare giù (anche se io adoro bere il succo di limone puro). Mentre quella di pompelmo puro è più buona e tranquilla.
Potresti iniziare con il pompelmo puro e poi eventualmente aggiungere limoni. In ogni caso non aspettarti che gli effetti del lavaggio e la tua “tolleranza” del bicchierone di olio e agrumi sia sempre la stessa.
Altra cosa: io il giorno del lavaggio sto completamente a digiuno escluso il Litro di succo di mela che consumo entro le ore 13:00. Penso che lo stomaco, essendo completamente libero, sia più facilitato ad accettare tutto il procedimento. Inoltre il giorno del lavaggio preferisco svuotare bene l'intestino con 2 o 3 enteroclismi (uno la sera del giorno prima e uno o due possibilmente non oltre mattina del giorno stesso) anche perché questo facilita molto la conta dei calcoli espulsi. Non ho trovato utilità invece nell'idrocolonterapia che mi sembra una spesa inutile.
Detto questo, posso solo consigliarti di seguire bene le regole che trovi nel libro https://www.arnoldehret.it/il-lavaggio- ... eas-moritz e prestare sempre attenzione ai messaggi che ti manda il tuo corpo.

In bocca al lupo per tutto e per qualsiasi altra cosa chiedimi pure.
Avatar utente
da Yang
#89594
Ciao Luciano e grazie per il consiglio!
Vorrei solo essere sicuro che non ti siano sfuggite le questioni poste nel primo post, per cui ti chiedo se mi sapessi dire qualcosa al riguardo. Grazie.
Avatar utente
da luciasara
#89602
Carissimo Yang,

Grazie per la bella e interessante risposta. Molto utile! Il libro l'ho comandato da qualche giorno, adesso aspetto che arriva per studiarmelo bene e capire tutto meglio cosi vedrò anche io come procedere.

Lucia
Ciao! Mi ripresento Zuyra

Sono ritornata tra voi. In realtà vi ho sem[…]

datteri & Co

Questa sera ho cenato con 2kg di Kaki (erano diec[…]

Panoramica Davide89

Tramite test kinesiologico (si scrive così?[…]

Libri di Arnold Ehret