cautela o digiuno

Discussioni su Arnold Ehret e l'Ehretismo. Possono partecipare tutti gli utenti iscritti che hanno letto il libro sulla "Dieta Senza Muco".
Non c'è posto per commenti su ideologie politiche, disinformazione, ecc, che possono trovare posto su altri siti pertinenti. Questo è il forum della dieta di Ehret.

Moderatori: luciano, Moderators

Rispondi
Avatar utente
Atavicus
Più di 50 post
Più di 50 post
Messaggi: 81
Iscritto il: 4 marzo 2008, 6:00
Località: Torino

28 aprile 2008, 15:29

Continuo a leggere con grande interesse tutto il forum col fine di comprendere meglio i meccanismi di guarigione dell'organismo... ed ho una domanda da porvi.

Sento da molte parti (arca sopra tutti) che la cautela in transizione è fondamentale. Bruciare le tappe è un grave errore poichè si rischia di dover affrontare tutto in una volta. Comprendo ed ovviamente condivido.

Sento però da altre parti (Tyler ad esempio) che in caso di crisi di disintossicazione un digiuno di qualche giorno è granmdemente benefico.

Mi chiedo: come si conciliano le due cose? il praticare digiuno al manifestarsi del sintomo di disintossicazione non è forse quanto di meno cauto possa applicarsi? Non si rischia di esacerbare ulteriormente la crisi?

Io sono in transizione da tre mesi e mezzo e mi trovo da un mese e mezzo a gestire una difficile disintossicazione e sto cercando di capirci qualcosa...
Avatar utente
Tyler
Veterano
Veterano
Messaggi: 957
Iscritto il: 11 dicembre 2006, 6:00
Località: Catania
Contatta:

29 aprile 2008, 10:53

Attenzione!! Tyler dice che la transizione è fondamentale, la penso come Arca su questo, ovvero niente fretta e procedere per gradi.
Io dico che se ti viene una crisi di vomito o diarrea è meglio digiunare uno o due giorni piuttosto che mangiare o peggio prendere farmaci.
Sono due cose distinte, non confondiamo.
Saluti...
Nessuno è più schiavo di chi è falsamente convinto di essere libero. E noi siamo tutti schiavi. Schiavi del SIGNORAGGIO.
Avatar utente
Atavicus
Più di 50 post
Più di 50 post
Messaggi: 81
Iscritto il: 4 marzo 2008, 6:00
Località: Torino

29 aprile 2008, 11:30

Il punto è questo qui: la mia crisi di disintossicazione non è vomito o diarrea, ma dermatite. La pelle è la mia valvola di sfogo. Nei momenti di disintossicazione più forti, è davvero dura resistere senza farmaci e il mio istinto è quello di mangiare di più, seppur restando nell'ambito delle regole che mi sono dato in transizione.
Ora in caso di disintossicazione è meglio:
- mangiare di più per rallentare il processo di disintossicazione quando questo diventi insostenibile?
- mangiare di meno? Ma questo non comporta un esacerbamento della disintossicazione?
Scusate sono un po' confuso. Se qualcuno ha voglia di fare un po' di ordine gli sono grato!
Avatar utente
Ecateluna
Newbie
Newbie
Messaggi: 5
Iscritto il: 24 aprile 2008, 6:00
Località:

29 aprile 2008, 12:28

Ciao Atavicus, io ho appena iniziato perciò non posso darti consigli in merito, però come te ho il problema della pelle, da quando ho cominciato la dieta senza muco ed interrotto i farmaci mi stanno ricomparendo quelle macchie che erano state attribuite all'allergia. Personalmente ti posso dire che ho deciso di sopportarle, ora come ora mi sembra solo dannoso interrompere il processo facendo un passo indietro riprendendo i medicinali.
Ovviamente io parlo per me, nel senso che ognuno deve vedere come si sente, credo che si tratti di un processo molto personale!
In ogni caso non credo che il mangiare di più in se stesso possa rallentare il processo di disintossicazione, sta in quello che mangi, non nella quantità in cui lo mangi che rappresenta la differenza.
Avatar utente
parider
Più di 300 post
Più di 300 post
Messaggi: 350
Iscritto il: 28 ottobre 2007, 5:00
Località: Provincia di Milano

29 aprile 2008, 14:42

Per rallentare la disintossicazione Ehret all'inizio consiglia di mangiare più verdura che frutta e di usare tanto anche verdure cotte.
Quindi potrebbe essere che esageri con la frutta che ha un forte potere disintossicante e questo fa venire fuori troppe tossine insieme.

Questo può essere un consiglio, poi non so quale sia la tua alimentazione...

Se è così prova a diminuire la frutta (o a toglierla del tutto per un pò se non riesci a sopportare la disintossicazione) e mangiare verdure con magari anche patate o cereali integrali (tipo pane di segale) per andare con calma :wink:
Se l'ha fatto l'uomo, non mangiarlo!
Avatar utente
Alessa08
Newbie
Newbie
Messaggi: 42
Iscritto il: 27 agosto 2007, 6:00
Località: Pianiga (VE)

30 aprile 2008, 14:17

Anch'io ho avuto problemi di dermatiti durante la transizione...
si sono risolti in un periodo di 2 mesi e in questi due mesi ho
dovuto capire che cosa mangiare e cosa no... se digiunare oppure no...
alla fine ho capito inanzi tutto che il clistere aiuta moltissimo,
il digiuno è essenziale anche a giorni alterni e poi in quel periodo
ho eliminato la farina bianca il + possibile.
Poca frutta cruda e tanta verdura e frutta cotta.
Ho notato che i prodotti a base di farina associati a cose zuccherate
mi provocavano un maggiore arrossamento e prurito per cui per un bel periodo
ho eliminato questa accoppiata
Però siamo tutti diversi e quindi bisogna provare e in ogni caso un digiuno
di 3 giorni fa miracoli :)
Ciaoo
Avatar utente
Jenny
Newbie
Newbie
Messaggi: 25
Iscritto il: 15 aprile 2008, 6:00
Località: Prov. di Catania

30 aprile 2008, 17:59

Atavicus non mollare soprattutto non ritornare a rifugiarti nei farmaci. Stringi i denti e vedrai che dopo questa fase di disintossicazione acuta, i miglioramenti non tarderanno ad arrivare. Ho visto gente guarire da malattie come ad es. la psioriasi con digiuni ciclici e soprattutto senza alcun farmaco. quando ti viene qualche dubbio rileggi Ehret e pensa che hai la soluzione a portata di mano, ci vuole pazienza e costanza e arriverai alla guarigione. Potrei testimoniarti decine di successi solo nel mio piccolo nucleo familiare. Per ora ti risparmio i dettagli ma se vorrai altri chiarimenti più specifici sarò lieta di aiutarti . Qui nessuno vuole venderti nulla anzi a differenza dei medici che con i farmaci creano malati cronici, Ehret col SDGDDSM,ci offre la possibilità di trovare da soli la propria guarigione perchè la salute è un diritto che appartiene a tutti e sta a noi ottenerla.
Bye bye Jenny. :D
Sono le azioni che contano. I nostri pensieri, per quanto buoni possano essere, sono perle false fintanto che non vengono trasformati in azioni. Sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel mondo.
Rispondi
  • Informazione