Quantità cibo

Specifico sulla transizione, per chiedere suggerimenti, chiarire punti del libro a riguardo, descrivere sintomi comparsi all'inizio o durante.

Moderatore: luciano

Rispondi
xavier
Più di 300 post
Più di 300 post
Messaggi: 383
Iscritto il: 30 marzo 2008, 6:00
Località: Udine - Italia
Contatta:

Quantità cibo

Messaggio da xavier »

Ciao ancora a tutti! Rileggendo il libro, mi son soffermato in un punto che mi era sfuggito prima e che mi ha fatto pensare. Ehret dice che si dovrebbe ridurre il cibo x ottenere buoni risultati...ma poi dice che bisognerebbe mangiare solo 2 volte al giorno, anche se la quantità dei 2 pasti equivale a quella di 3 o 4....e questo non lo capisco! Voglio dire, non sarebbe esagerato mangiare un pasto che equivale come uno di 2?? Effettivamente io a pranzo e cena mangio abbastanza, mi faccio dei bei piattoni di frutta e verdura...è giusto o sbaglio? Quando Ehret dice di mangiare poco cosa intende di preciso? Grazie a chi mi saprà rispondere.
Xavier.


La Filosofia del Digiuno
Questo libro offre la visione di un Autore illuminato sul digiuno. Per maggiori ragguagli: La Filosofia del Digiuno

Avatar utente
ninjetta
Newbie
Newbie
Messaggi: 48
Iscritto il: 24 giugno 2008, 6:00
Località: Conegliano (Treviso)

Messaggio da ninjetta »

Personalmente io ti consiglierei di ascoltare il tuo corpo, ovvero di mangiare fino a quando ti senti soddisfatto (non intendo fino a quando sei strapieno eh!!!! :wink: ).
E magari di mangiare a cena meno abbondante rispetto al pranzo.

Il segreto sta nel seguire le necessità del proprio corpo, andando avanti sarà poi lui che ti comunicherà sempre meglio quando "basta così" :D

Saluti
Stefania
Avatar utente
erre
Più di 300 post
Più di 300 post
Messaggi: 466
Iscritto il: 21 gennaio 2008, 6:00
Località: Cagliari

Messaggio da erre »

Mi pare che a quel punto del libro Ehret da' enfasi più al digiuno mattutino
rivolgendosi agli onnovori divoratori. Ovvero ti dice puoi mangiare anche la quantità doppia del solito che il digiuno mattutino permette agli organi di riposare almeno dodici ore di seguito. Un vantaggio per l' onnivoro in termini di disintossicazione.
Spero abbia interpretato bene il pensiero.

La Filosofia del Digiuno
Questo libro offre la visione di un Autore illuminato sul digiuno. Per maggiori ragguagli: La Filosofia del Digiuno

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti