Soffritto si o no?

Qui si possono proporre ricette della Dieta Senza Muco e di Transizione

Moderatore: luciano

Rispondi
Avatar utente
Lurex
Newbie
Newbie
Messaggi: 49
Iscritto il: 2 maggio 2009, 6:00
Località: Palermo

10 maggio 2009, 16:30

Salve a tutti, sto per intraprendere la dieta di transizione, ma un dubbio mi assilla: far soffriggere le verdure è consentito o sarebbe meglio evitarlo? E quando viene consigliato di "stufarle", bisogna solo farle cuocere in poca acqua senza l'aggiunta di olio? Dalle mie parti la parola "stufare" non si usa granchè, quindi sono un pò confusa... è sinonimo di lessare o sono due pratiche di cottura diverse?
Grazie :wink:
Avatar utente
Fresys
Newbie
Newbie
Messaggi: 11
Iscritto il: 13 gennaio 2009, 6:00
Località:

10 maggio 2009, 19:37

ciao penso proprio che e meglio evitare i soffritti,,le verdure e meglio cuocerle al vapore ..cosi le sue propietà nn si disperdono piu di tanto. l'olio lo metti a crudo buon inizio :D
Avatar utente
costina
Più di 150 post
Più di 150 post
Messaggi: 175
Iscritto il: 22 aprile 2009, 6:00
Località: Padova
Contatta:

11 maggio 2009, 10:24

per cuocere le verdure a vapore basta metterle in una pentola con poca acqua (arriva subito ad ebollizione) e chiudere il coperchio. Una volta chiuso, regolare la fiamma affinché l'acqua non si consumi subito, ma pemanga comunque l'ebollizione (esce del vapore dalla pentola).

Così facendo la maggior parte delle verdure si può cuocere in 15-20 minuti, anche meno se si conta da quando l'acqua bolle.

Si può usare anche il cestello, i puristi hanno il cestello di bambù. I puristi dicono che la verdura deve essere sollevata e non toccare l'acqua, ma secondo me non è importante.

La cosa importante, secondo me, è lasciare il più possibile intera la verdura.
Cuocere per esempio, a vapore, zucchine e quant'altro senza tagliarle prima.

Altrimenti le sostanze nutritive (e il gusto) se ne vanno. Non è vero, entro certi limiti, che si fa prima, a tagliarle, soprattutto se si considera il tempo impiegato per tagliarle.

Io ho sempre fatto prestissimo comunque (per me ha un valore relativo, ma vedo che per molti il tempo è un fattore determinante).

Per esempio, in venti minuti, come descritto, ho cotto una zucca intera di media grandezza - non era grandissima, stava nella pentola, avrà avuto come diametro un palmo, per capirci - intera, con buccia e tutto.

Dopo cotta, la buccia si toglie da sé. Pensa quanto tempo risparmiato.
Avatar utente
costina
Più di 150 post
Più di 150 post
Messaggi: 175
Iscritto il: 22 aprile 2009, 6:00
Località: Padova
Contatta:

11 maggio 2009, 10:38

quanto al termine "stufare", in cucina si può intendere di stufare anche, quindi non necessariamente - dopo avere fatto un soffritto.

Ma, se si vogliono insaporire le verdure col soffritto, si può fare anche dopo che siano state già cotte a vapore, intere: così si riducono al minimo gli effetti negativi, e anche il risultato culinario è migliore.

Quando si vuole friggere, o soffriggere qualcosa, è importante che l'olio sia già caldo. Altrimenti, invece di friggere, la roba si impregna di olio. Acquista un sapore peggiore, ed è spesso pesante o sgradevole.

Per il soffritto di cipolle, quando l'olio è caldo - sarebbe appena comincia a fumare, oppure quando comincia a friggere un pezzetto-esca di cipolla buttato lì apposta - , metti le cipolle. appena cambia il colore spegni o metti quello che devi insaporire.

L'unica eccezione può essere insaporire con l'aglio. In questo caso l'aglio si butta via dopo che ha passato l'aroma all'olio. Quindi si può mettere anche a freddo - proprio perché poi si butta via.

Appena l'aglio comincia a imbrunirsi va tolto, o spento il fuoco. Considerare comunque che una volta spento, l'olio mantiene il suo calore e continua a sfrigolare per un po'. Quindi bisogna prendersi in tempo, per non bruciare tutto.

L'aglio usato così si può usare anche a spicchi interi - trovo che sia più pratico.

spero di non essere andato ot.
Avatar utente
Danny
Più di 50 post
Più di 50 post
Messaggi: 142
Iscritto il: 18 maggio 2007, 6:00
Località: Aradeo(Le)

13 maggio 2009, 8:34

[quote="costina"]
Quando si vuole friggere, o soffriggere qualcosa, è importante che l'olio sia già caldo. Altrimenti, invece di friggere, la roba si impregna di olio. Acquista un sapore peggiore, ed è spesso pesante o sgradevole.

Ciao Costina, scusa ma non mi è chiaro quanto hai sù riportato.
Io è da anni che cucino le mie verdure insaporendole (non sempre) a fine cottura con un pò di olio, tenendo la fiamma accesa per 1-2 minuti. Questo è il mio soffritto. Così amalgamo per bene il tutto (impregnandolo?) e insaporisco. Perchè pesante e sgradevole? Non è forse più pesante far scaldare l'olio?
Avatar utente
costina
Più di 150 post
Più di 150 post
Messaggi: 175
Iscritto il: 22 aprile 2009, 6:00
Località: Padova
Contatta:

13 maggio 2009, 9:25

se ti riesce bene vuol dire che funziona.
Significa che comunque non bruci l'olio, è comunque ok.
Avatar utente
Antishred
Veterano
Veterano
Messaggi: 1286
Iscritto il: 16 giugno 2008, 6:00
Località: Torino

13 maggio 2009, 21:27

Ciao!

Per ora l'importante è che le cose che cucini ti piacciano, poi si sa, la cottura migliore sarebbe al forno, ma se preferisci, un soffritto ogni tanto non è così dannoso. L'importante è che sulla tua tavola abbondino le verdure!
Meglio la direzione giusta che la velocità
Avatar utente
Antishred
Veterano
Veterano
Messaggi: 1286
Iscritto il: 16 giugno 2008, 6:00
Località: Torino

30 agosto 2009, 18:40

Ciao Palerma, grazie del consiglio, proverò!
Meglio la direzione giusta che la velocità
Rispondi
  • Informazione